Domande frequenti sul ciclo di vita del supporto per Microsoft Online Services

Torna alla home page relativa al ciclo di vita del supporto

Microsoft Online Services per clienti business e sviluppatori

1. Che cos'Ŕ Microsoft Online Services?

Microsoft Online Services consiste in un servizio basato su cloud, ospitato in Microsoft, che potrebbe richiedere risorse informatiche locali. Gli esempi di Microsoft Online Services per clienti business e sviluppatori comprendono Office 365, Windows Azure, CRM Online e Intune. I servizi cloud di Windows Azure sono regolati da un criterio relativo al ciclo di vita di Windows Azure specifico. á

2. In Microsoft, cosa si intende con l'espressione "basato su cloud"?

Di solito, un servizio basato su cloud fa riferimento a un'infrastruttura di elaborazione situata in un datacenter principale, esterno all'ambiente dell'utente. Tale infrastruttura esegue i servizi per conto degli utenti, utilizzando risorse informatiche locali. Alcuni prodotti vengono esplicitamente concessi in licenza da Microsoft come servizi online di tipo commerciale. Per ulteriori informazioni, rivolgersi al proprio rappresentante Microsoft.

3. Che cos'Ŕ il criterio relativo al ciclo di vita del supporto per i Microsoft Online Services?

I criteri relativi al ciclo di vita dei Microsoft Online Services per clienti business e sviluppatori offrono tre caratteristiche principali:

DisponibilitÓ del supporto

  • I servizi del Supporto tecnico Microsoft saranno disponibili per tutta la durata del contratto sottoscritto con Microsoft per il servizio online.

Notifica

  • Microsoft si impegna a inviare un preavviso di almeno 12 mesi ai clienti che devono accettare modifiche ritenute "invasive". Se non alterimenti specificato, tale notifica viene fornita per tutti i servizi online.
    • Nel caso dei clienti di CRM Online, Microsoft offre un periodo di preavviso di 6 mesi, con la sola eccezione dei requisiti di sistema sottostanti. In tal caso, Microsoft si attiene al criterio di preavviso di 12 mesi. Per informazioni su tale eccezione relativa a CRM Online, consultare le domande frequenti sui criteri in linea (http://support.microsoft.com/gp/OsslFaq/it).
  • Con l'espressione "modifica invasiva" si indica una modifica che richiede l'intervento da parte del cliente o dell'amministratore al fine di evitare una riduzione significativa delle normali prestazioni del servizio online.
  • Il periodo di preavviso non si applica alle modifiche o agli aggiornamenti relativi alla sicurezza.

ContinuitÓ del servizio e migrazione

  • Microsoft invierÓ una notifica con un preavviso minimo di 12 mesi prima di terminare un servizio online per clienti business e sviluppatori.

Microsoft conserverÓ i dati dei clienti per un periodo minimo di 30 giorni per agevolare le attivitÓ di migrazione o di rinnovo prima dell'annullamento del provisioning del servizio online da parte del cliente.

4. Quali sono i dettagli relativi all'eccezione dei criteri del ciclo di vita per CRM Online?

Dall'1 gennaio 2014, verranno modificati i criteri relativi al ciclo di vita di Microsoft Dynamics CRM Online al fine di fornire ai clienti un preavviso di 6 mesi prima di accettare eventuali aggiornamenti considerati "modifiche invasive". In tale periodo di 6 mesi sono compresi 90 giorni precedenti al preavviso per consentire la pianificazione degli aggiornamenti del servizio rilasciati in autunno e in primavera. Inoltre, sono compresi 90 giorni successivi al rilascio dell'aggiornamento per consentire di accettarlo.á Nel caso di Microsoft Dynamics CRM Online, vengono fornite anche note sulla versione precedenti al rilascio dell'aggiornamento del servizio, nelle quali vengono indicati i dettagli di quest'ultimo.

Inoltre, in Microsoft Dynamics CRM Online viene inviata una notifica ai clienti 12 mesi prima di eventuali modifiche invasive correlate alla rimozione del supporto per requisiti di sistema sottostanti: ad esempio, Internet Explorer o la versione di Windows supportata.

5. Conosco i criteri del ciclo di vita del supporto Microsoft, ad esempio le fasi del supporto "Mainstream" ed "Extended". In che modo i criteri del ciclo di vita del supporto per Microsoft Online Services sono simili o differenti rispetto ai precedenti?


Anche se i criteri del ciclo di vita del supporto per Microsoft Online Services sono differenti rispetto ai criteri tradizionali, i principi di base sono analoghi. Di seguito sono riportati alcuni esempi principali:

Somiglianze

  • Entrambi i criteri utilizzano un framework relativo relativo alla coerenza e prevedibilitÓ dei pacchetti software e dei servizi online di Microsoft.
  • Come nel caso dei criteri relativi ai Service Pack applicabili ai software locali, quelli del ciclo di vita del supporto per Microsoft Online Services offrono ai clienti un periodo di 12 mesi, durante il quale possono programmare ed implementare modifiche al proprio ambiente. Se tali modifiche non vengono implementate, Ŕ possibile che si verifichi una riduzione o una interruzione del servizio.
  • Come nel caso dei software locali, gli aggiornamenti della sicurezza relativi ai servizi online vengono forniti gratuitamente. Alcuni aggiornamenti della sicurezza sono validi per i servizi online ospitati da Microsoft, mentre per altri potrebbe essere richiesto all'utente di applicare gli aggiornamenti al software client.

Differenze

  • Il supporto si basa sulla durata del contratto stipulato tra il cliente e Microsoft. Di conseguenza, non Ŕ disponibile una data di disponibilitÓ generale per l'avvio del periodo di supporto, come nel caso della fase "Mainstream". Inoltre, dal momento che un servizio online riceve supporto per l'intera durata del contratto sottoscritto con Microsoft, il concetto di supporto "Extended" non Ŕ valido.
  • Nel caso di una modifica invasiva, viene inviata una notifica sia al contatto amministrativo di Microsoft Online Services che al sito MSL. Le modalitÓ di comunicazione variano a seconda del servizio e potrebbero includere il sito Web MSL. Le date relative all'effettiva implementazione di tali modifiche variano a seconda del cliente, a causa del tempo necessario per apportare le modifiche nel datacenter.
  • Rispetto ai software locali, Ŕ possibile che per i Microsoft Online Services venga seguita una cadenza di rilascio pi¨ rapida. Si consiglia di verificare la disponibilitÓ degli aggiornamenti pi¨ recenti, anche se ci˛ pu˛ risultare difficile per alcuni clienti di tipo commerciale. Di conseguenza, gli aggiornamenti che forniscono in modo continuo funzionalitÓ compatibili con le versioni precedenti rappresentano una caratteristica di qualitÓ di tutti i servizi online. In caso di modifiche invasive, Microsoft si impegna a inviare una notifica al contatto amministrativo con almeno 12 mesi di anticipo.

6. Visito spesso il sito Web Microsoft relativo al ciclo di vita del supporto all'indirizzo support.microsoft.com/lifecycle per sapere quando il mio software locale (ad esempio Microsoft Windows) non riceverÓ pi¨ supporto. Cosa posso fare per ricevere informazioni in merito a modifiche invasive apportate ai miei Microsoft Online Services?

Si consiglia ai professionisti IT di integrare in modo proattivo gli avvisi di notifica forniti dai Microsoft Online Services nei loro processi di pianificazione e manutenzione. Tali notifiche vengono inviate al contatto amministrativo indicato quando Ŕ stato sottoscritto il contratto relativo ai servizi online.

Nota: sebbene Microsoft avvisi i clienti in merito a modifiche invasive con almeno 12 mesi di anticipo, i clienti devono intraprendere azioni per applicare tale modifica. Se il software client non viene aggiornato, potrebbero verificarsi riduzioni e interruzioni di servizio. Per ulteriori informazioni sulle modalitÓ di invio delle notifiche da parte di uno dei Microsoft Online Services, visitare il sito Web relativo a quel servizio online.

7. In base a questi criteri, gli aggiornamenti della sicurezza vengono considerati come una "modifica invasiva"?

No. In base a quanto indicato nei criteri relativi al ciclo di vita del supporto per Microsoft Online Services, le modifiche invasive si riferiscono soltanto a quelle non relative alla sicurezza per le quali Ŕ necessario che un cliente o un amministratore intraprenda delle azioni per evitare una riduzione significativa delle normali prestazioni di un servizio online.á Una distribuzione rapida degli aggiornamenti della sicurezza rappresenta un'attivitÓ per la quale i tempi sono importanti e che consente di preservare la sicurezza dell'infrastruttura IT e dei dati aziendali.

8. Quali sono alcuni esempi di "modifica invasiva"?

Descrizione delle modifiche invasive:

  • Il cliente o l'amministratore devono aggiornare Internet Explorer (o altri Web browser supportati) da una versione all'altra, sul computer client.
  • Il cliente o l'amministratore devono modificare gli strumenti o le applicazioni LOB come conseguenza di una modifica apportata alle interfacce documentate.
  • Il cliente o l'amministratore devono rispondere in caso di eliminazione di funzionalitÓ del servizio effettuata da Microsoft.
  • Il cliente o l'amministratore devono rispondere in caso di modifiche apportate ai requisiti di sistema.
  • Il cliente o l'amministratore devono rispondere in caso di modifiche significative apportate all'esperienza d'uso dell'utente, in base a quanto stabilito da Microsoft: ad esempio una modifica sostanziale dell'interfaccia utente, dell'interazione utente o del flusso di lavoro. ╚ necessario fornire agli utenti finali formazione, documentazione o altre risorse di supporto.

Descrizione delle modifiche di tipo non invasivo:

  • Microsoft applica bug o correzioni di sicurezza al servizio.
  • Microsoft rilascia aggiornamenti pubblici relativi alle applicazioni client di Office. Si consiglia di utilizzare la funzionalitÓ di installazione automatica degli aggiornamenti.
  • Microsoft aggiunge nuove funzionalitÓ al servizio. In questo caso, potrebbe verificarsi una modifica dell'esperienza utente di poco conto, per la quale non Ŕ necessario fornire di nuovo formazione agli utenti.
  • Microsoft apporta miglioramenti alle funzionalitÓ esistenti. In questo caso, potrebbe verificarsi una modifica dell'esperienza utente di poco conto, per la quale non Ŕ necessario fornire di nuovo formazione agli utenti.

9. Come faccio a sapere chi Ŕ il contatto amministrativo relativo ai miei Microsoft Online Services?

Tale informazione di contatto viene fornita al momento della sottoscrizione del contratto tra il cliente e Microsoft per i servizi online. Per ulteriore assistenza, contattare il proprio rappresentante Microsoft.

I criteri relativi al ciclo di vita del supporto Microsoft (MSL) forniscono informazioni trasparenti e affidabili relative al ciclo di vita del supporto per i prodotti Microsoft. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web di MSL all'indirizzo http://support.microsoft.com/gp/lifecycle/it.

Ultima revisione : martedý 22 ottobre 2013