INFORMAZIONI: Chiamata di routine di output CRT da un'applicazione GUI

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 105305 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Per utilizzare la routine di output di runtime C, ad esempio printf() da un'applicazione GUI, è necessario creare una console. Win32 application programming interface (API) AllocConsole() crea la console. Il setvbuf() routine CRT rimuove il buffer in modo che output sia visibile immediatamente.

Questo metodo funziona se l'applicazione di grafica viene eseguita dalla riga di comando o da file Manager. Tuttavia, questo metodo non funziona se l'applicazione viene avviata da Program Manager o tramite il comando "start". Nel codice riportato di seguito viene illustrato come risolvere questo problema:
   int hCrt;
   FILE *hf;

   AllocConsole();
   hCrt = _open_osfhandle(
             (long) GetStdHandle(STD_OUTPUT_HANDLE),
             _O_TEXT
          );
   hf = _fdopen( hCrt, "w" );
   *stdout = *hf;
   i = setvbuf( stdout, NULL, _IONBF, 0 );
				
il codice apre un nuovo handle CRT di basso livello all'handle di output di console corretto, associa un nuovo flusso di tale handle di basso livello e sostituisce stdout con tale nuovo flusso. Questo processo si occupa di funzioni che utilizzano stdout, quali printf(), puts() e così via. Utilizzare la stessa procedura per stdin e stderr.

Si noti che questo codice non risolve problemi con gli handle 0, 1 e 2. In effetti, a causa di altri problemi, non è possibile risolvere il problema e pertanto è necessario utilizzare il flusso I/O invece di I/O di basso livello.

Informazioni

Quando un'applicazione GUI viene avviata con il "start"comando, il sistema operativo standard tre gestisce STD_INPUT_HANDLE STD_OUTPUT_HANDLE e STD_ERROR_HANDLE sono tutti"azzerata" dalle routine di inizializzazione di console. Questi tre quadratini vengono sostituiti da valori validi quando l'applicazione di grafica chiama AllocConsole(). Di conseguenza, una volta eseguita questa operazione, chiamare GetStdHandle() restituirà sempre i valori di handle valido. Il problema è che la CRT ha già completato l'inizializzazione prima che l'applicazione ottiene la possibilità di chiamare AllocConsole(); i tre bassi I/O quadratini 0, 1 e 2 già impostati per utilizzare l'originale azzerata gli handle del sistema operativo, in modo che gli handle del sistema operativo non validi viene inviato i/O CRT e output di CRT non viene visualizzato nella console. Utilizzare la soluzione descritta in precedenza per evitare questo problema.

In caso di avvio dell'applicazione di grafica dalla riga di comando senza il comando "start", gli handle del sistema operativo standard sono non correttamente azzerati, mentre in modo non corretto sono ereditati da Cmd.exe. Quando Inizializza CRT dell'applicazione, i tre bassi I/O quadratini 0, 1 e 2 sono inizializzati a utilizzare gli tre handle numeri che l'applicazione eredita da Cmd.exe. Quando l'applicazione chiama AllocConsole(), le routine di inizializzazione console tenta di sostituire l'inizializzazione della console da ritiene da standard del sistema operativo handle valori non validi con valori di handle valido per la nuova console. Per coincidenza, dato che le routine di inizializzazione console tendono a fornire gli stessi tre valori per gli handle del sistema operativo di standard, l'inizializzazione di console sostituisce i valori di handle del sistema operativo standard con gli stessi valori che erano presenti prima--quelli ereditati da Cmd.exe. Di conseguenza, I/O CRT funziona in questo caso.

È importante tenere presente che di utilizzare la routine di CRT da un'applicazione GUI eseguire dalla riga di comando non è stato in base alla progettazione in modo che questo non funzionino nelle future versioni di Windows NT o Windows. In una versione futura, la soluzione potrebbe essere necessario non solo per le applicazioni avviate nella riga di comando con "start < nome applicazione >", ma anche per applicazioni avviate su riga di comando con "nome applicazione".

Proprietà

Identificativo articolo: 105305 - Ultima modifica: martedì 21 novembre 2006 - Revisione: 4.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Win32 Application Programming Interface alle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1
    • Microsoft Windows NT 4.0
    • Microsoft Windows NT 3.51 Service Pack 5
    • Microsoft Windows NT 4.0
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • the operating system: Microsoft Windows 2000
    • Microsoft Windows Millennium Edition
    • the operating system: Microsoft Windows XP
Chiavi: 
kbmt kbconsole kbinfo kbkernbase KB105305 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 105305
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com