DHCP: Spanning di pi¨ subnet

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 120932 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Un server DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) pu˛ offrire indirizzi IP ai client che interessano pi¨ subnet se il router che separa tali pu˛ fungere da un agente di inoltro 1542(BOOTP) RFC. Se il router non pu˛ funzionare come agente di inoltro, ciascuna subnet con i client DHCP richiede un server DHCP.

Informazioni

Un agente di inoltro conforme a RFC 1542 inoltra pacchetti DHCP sul lato remoto anche se sono pacchetti broadcast. Prima di inoltrare un messaggio DHCP da un client DHCP, l'agente esamina il campo del (indirizzo IP del gateway) GIADDR. Se il campo ha un indirizzo IP di 0.0.0.0, l'agente proceda con indirizzo IP del router. Quando il server DHCP riceve il messaggio, esamina il campo di indirizzo IP di inoltro per verificare se dispone di un ambito DHCP, un pool di indirizzi IP, che pu˛ essere utilizzato per fornire un lease di indirizzi IP. Se il server DHCP dispone di pi¨ ambiti DHCP, l'indirizzo nel campo indirizzo di inoltro IP identifica l'ambito DHCP dal quale offrire il lease di un indirizzo IP. Questo processo consente a un server DHCP gestire ambiti diversi per subnet.

╚ possibile utilizzare un sistema di 3.5x Windows NT Server configurato come un server DHCP, con pi¨ schede di rete e IP routing abilitato, invece di un agente di inoltro per il subnetting scopi multihomed.

Quando riceve il messaggio DHCPDISCOVER, il server DHCP invia un DHCPOFFER direttamente all'agente di inoltro identificato nel campo GIADDR e l'agente inoltra il messaggio al client DHCP. Indirizzo IP del client Ŕ ancora sconosciuto, pertanto deve essere una trasmissione della subnet locale. Analogamente, un messaggio DHCPREQUEST viene inoltrato dal client al server e un messaggio DHCPACK viene inoltrato dal server al client, in base alla RFC 1542.

Quando si dispone di pi¨ server DHCP, si consiglia di collocare i server DHCP in subnet diverse da raggiungere un livello di tolleranza d ' errore, anzichÚ tutti i server DHCP in una subnet. I server non devono avere gli indirizzi IP comuni nei relativi ambiti (ciascun server deve disporre un pool di indirizzi univoco).

Se il server DHCP nella subnet locale viene interrotto, le richieste vengono inoltrate a una subnet remota ed Ŕ il server DHCP pu˛ rispondere alle richieste DHCP se conserva un ambito di indirizzi IP per la subnet richiedente. Se il server remoto non dispone di alcun ambito definito per la subnet richiedente, non pu˛ fornire indirizzi IP, anche se presenta indirizzi disponibili per altri ambiti. Se ciascun server DHCP dispone di un pool di indirizzi per ciascuna subnet, quindi pu˛ fornire gli indirizzi IP per i client remoti cui server DHCP non Ŕ attivo.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 120932 - Ultima modifica: martedý 20 febbraio 2007 - Revisione: 2.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.5
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.51
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
  • Microsoft Windows NT Server 3.5
  • Microsoft Windows NT Server 3.51
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft TCP/IP-32 per Windows per Workgroup 1.0
  • Microsoft Windows per Workgroup 3.11
Chiavi:á
kbmt kbnetwork KB120932 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 120932
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com