XADM: Domande frequenti sull'importazione/esportazione in massa

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 155414 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Il programma di amministrazione di Microsoft Exchange consente di importare ed esportare cassette postali, destinatari personalizzati e liste di distribuzione (DL, Distribution List). In questo articolo vengono descritti i problemi riscontrati con maggiore frequenza correlati all'importazione e all'esportazione in massa.

Informazioni

Durante l'esportazione dei dati delle cassette postali non vengono esportati tutti i campi dati
Per impostazione predefinita, con il programma di amministrazione di Microsoft Exchange non vengono esportati tutti i campi dati associati a una cassetta postale, un destinatario personalizzato o una lista di distribuzione. Se Ŕ necessario un campo particolare che non viene esportato per impostazione predefinita, Ŕ possibile utilizzare i due metodi seguenti:
  1. Creare un file di intestazione contenente tutte le intestazioni che si desidera esportare. ╚ possibile effettuare questa operazione nei due modi seguenti:

    1. Utilizzare il programma Header.exe disponibile in Microsoft Exchange Resource Kit per creare un file con i nomi dei campi dati che si desidera esportare.
    2. Creare manualmente un file con i campi dati che si desidera esportare.
  2. Per esportare tutti i campi dati associati a un oggetto, anzichÚ creare un file di intestazione con tutti i nomi dei campi dati, utilizzare uno dei file di intestazione di esempio disponibili nella directory Support\Samples\Csvs sul CD di Microsoft Exchange Server 4.0. Sono presenti sottodirectory contenenti file di intestazione per cassette postali, destinatari personalizzati e liste di distribuzione. Copiare il file con estensione CSV pertinente dal CD al disco rigido locale, rimuovere l'attributo di sola lettura del file, quindi eseguire il comando Export dal programma di amministrazione di Microsoft Exchange, specificando il file copiato dal CD. Tramite il comando Export verranno lette tutte le intestazioni contenute nel file specificato e verranno esportati i relativi attributi.
Modifica degli attributi utilizzando l'importazione in massa
╚ possibile utilizzare il programma di importazione in massa per modificare gli attributi associati a cassette postali, destinatari personalizzati e liste di distribuzione. Per modificare il valore di un attributo, esportare i dati esistenti in un file con estensione CSV, modificare il valore degli attributi nel file di dati e importare il file. Tutti gli oggetti esistenti saranno modificati con i nuovi valori.
Modifica del valore degli attributi personalizzati
Per ogni cassetta postale, destinatario personalizzato e lista di distribuzione sono disponibili 10 attributi personalizzati che l'amministratore pu˛ utilizzare per specificare dati personalizzati. Questi attributi personalizzati possono inoltre essere modificati utilizzando il programma Directory Import. Questi 10 attributi personalizzati sono denominati da "Custom Attribute 1" a "Custom Attribute 10".

Per modificare il valore di un particolare attributo personalizzato per le cassette postali, attenersi alla seguente procedura (per Custom Attribute 1):
  1. Utilizzare Header.exe per creare un file di intestazione (Cust.csv) con i campi necessari. DovrÓ essere incluso anche Custom Attribute 1.
  2. Dal programma di amministrazione di Microsoft Exchange eseguire il comando Directory Export specificando il file di intestazione creato nel passaggio 1. Il file di intestazione verrÓ popolato con i dati specificati.
  3. Apportare le modifiche desiderate al file di intestazione modificato utilizzando un foglio di calcolo, ad esempio Microsoft Excel. Modificare i valori nella colonna Custom Attribute 1.
  4. Dal programma di amministrazione di Microsoft Exchange eseguire il comando Directory Import specificando il file di intestazione modificato nel passaggio 3. Il campo Custom Attribute 1 verrÓ modificato per tutti gli oggetti esportati nel passaggio 2.
Errore durante l'importazione di dati negli attributi personalizzati
Quando si importano dati in un attributo personalizzato, viene visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
The attribute Custom Attribute 1 is unknown
╚ possibile che questo errore venga visualizzato se Custom Attribute 1 Ŕ stato rinominato.

Per determinare quali sono i nomi correnti degli attributi personalizzati, attenersi alla seguente procedura:
  1. Nel programma di amministrazione di Microsoft Exchange fare doppio clic sul contenitore Configuration.
  2. Ottenere le proprietÓ dell'oggetto DS Site Configuration.
  3. Selezionare la pagina Custom Attributes.
  4. Verranno visualizzati i nomi degli attributi personalizzati. In questa pagina Ŕ inoltre possibile modificare i nomi degli attributi.
Annullamento degli attributi dei dati utilizzando l'importazione in massa
Fare riferimento ai seguenti articoli della Microsoft Knowledge Base:

152854 XADM: Utilizzo dell'importazione in massa per rimuovere dati

152727 XADM: L'importazione di un valore vuoto non modifica il valore della cassetta postale
L'esportazione di informazioni della cassetta postale non comporta l'esportazione di indirizzi di posta elettronica secondari
Per impostazione predefinita, gli indirizzi di posta elettronica secondari (proxy) non vengono esportati. Per informazioni sull'esportazione di questi indirizzi, vedere il seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:

153028 XADM: Esportazione di pi¨ indirizzi di posta elettronica (secondari)
Importazione di pi¨ indirizzi di posta elettronica
Nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito viene descritto come associare pi¨ di un indirizzo di posta elettronica a una cassetta postale:

148339 XADM: Importazione di pi¨ indirizzi SMTP
Durante l'esportazione i destinatari personalizzati non vengono esportati
Nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito viene descritto un motivo per cui Ŕ possibile che nell'esportazione siano contenuti solo campi di intestazione:

147854 XADM: L'esportazione di directory dei destinatari personalizzati genera un file CSV solo di intestazioni
Esecuzione dell'esportazione/importazione in modalitÓ batch
L'importazione/esportazione di directory pu˛ essere eseguita dalla riga di comando e, di conseguenza, nell'ambito di un processo batch. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione dell'importazione/esportazione dalla riga di comando, vedere le pagine 479-487 della Microsoft Exchange Administrator's Guide.
Specifica del delimitatore da utilizzare
Fare riferimento al seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:

152472 XADM: Specifica di un carattere di tabulazione o di uno spazio come separatore in un file con estensione csv
La voce ExportObject nel file di opzioni non funziona
Nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito vengono fornite ulteriori informazioni sull'impostazione di ExportObject:

152300 XADM: ExportObject una sola volta nel file delle opzioni della riga di comando di Export
Esportazione dell'intero elenco indirizzi globale (GAL) utilizzando il programma della riga di comando Import
Nell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito viene descritto come eseguire Directory Export per l'elenco indirizzi globale (GAL) dalla riga di comando utilizzando il programma di amministrazione di Microsoft Exchange:

149447 XADM: Esecuzione di un'esportazione di directory dell'elenco indirizzi globale (GAL)
Problema nell'apertura di file con estensione CSV contenenti dati della lista di distribuzione di Exchange in Microsoft Excel
In Microsoft Excel esiste un limite di 255 caratteri per cella. Quando si apre un file con estensione CSV contenente dati della lista di distribuzione, Ŕ molto probabile che nel campo Members, che include i membri della lista di distribuzione, siano presenti stringhe di lunghezza superiore a 255 caratteri. Se si utilizza Microsoft Excel per modificare i dati nel file con estensione CSV, al salvataggio del file i campi con pi¨ di 255 caratteri verranno troncati. Questa limitazione pu˛ causare problemi quando i dati vengono reimportati nel sistema Microsoft Exchange tramite il comando Directory Import. ╚ possibile che nelle liste di distribuzione di grandi dimensioni non vengano mantenuti tutti i membri originali presenti al momento dell'esportazione dei dati. ╚ inoltre probabile che l'invio di messaggi di posta elettronica a queste liste di distribuzione generi errori.
Esportazione di sottocontenitori
Quando si utilizza il comando Directory Export in maniera interattiva dal programma di amministrazione di Microsoft Exchange, nella finestra di dialogo di Directory Export Ŕ presente la casella di controllo Include Subcontainers. Se questa casella di controllo Ŕ selezionata, verranno esportati i sottocontenitori del contenitore selezionato.

Quando si esegue il programma Directory Export dalla riga di comando, nel file delle opzioni di esportazione Ŕ presente una voce che Ŕ necessario impostare:
      [Export]
      Subcontainers=Yes
					
Messaggio di errore relativo all'impossibilitÓ di elaborare l'oggetto
Quando si importano dati da un file con estensione CSV, Ŕ possibile che nel registro eventi venga riportato un messaggio di errore analogo al seguente:
ID evento: 291
Origine: MSExchangeDSImp
Tipo: Errore
Categoria: Nessuno
Descrizione:
"Unable to process object TestUser because the import line must contain the same number of fields as the header line. 10 were expected, 8 were found."
Come indicato nel messaggio, questo errore viene generato se i dati specificati nel file con estensione CSV sono incompleti. In altre parole se nell'intestazione del file sono specificati 10 campi, ogni record nel file dovrÓ avere 10 campi dati, anche se sono vuoti. Questo problema pu˛ verificarsi facilmente se in una riga del file CSV mancano delle virgole. Potrebbe risultare impossibile rilevare questo problema visualizzando i dati in Microsoft Excel, in quanto in questa applicazione non vengono visualizzati i deliminatori, in questo caso le virgole. SarÓ necessario aggiornare il file CSV utilizzando un editor di testo, ad esempio il Blocco note.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 155414 - Ultima modifica: giovedý 11 maggio 2006 - Revisione: 3.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 5.0 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 5.5 Standard Edition
Chiavi:á
kbhowto kbusage KB155414
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com