Identificazione di una periferica disco fisico in un messaggio di evento

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 159865 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
IMPORTANTE: in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema (Registro di configurazione in Windows NT). Prima di modificare il Registro di sistema, eseguire una copia di backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
256986 Description of the Microsoft Windows Registry
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

╚ possibile che nel registro degli eventi di Microsoft Windows vengano registrati diversi messaggi di evento relativi a problemi delle periferiche disco rigido. In tali messaggi viene utilizzata la seguente sintassi:
La periferica, \Device\Harddisk#\Partition #
Di seguito sono riportati alcuni esempi di messaggi di evento comuni registrati nel registro degli eventi:
  • Rilevato blocco danneggiato sulla periferica \Device\Harddisk0\Partition 1.
  • La periferica, \Device\HardDisk1\Partition0, Ŕ stata reimpostata.
  • Dati Delayed-Write persi.
  • Tentativo di trasferire dati dai buffer a \\device\harddisk4\partition2\mydir\myfile.txt.
    L'operazione di scrittura Ŕ fallita.
  • Errore durante il tentativo di recuperare dati dall'insieme di fault tolerance contenente \device\harddisk2\FT1.
In ciascuno degli esempi riportati sopra Ŕ necessario convertire il numero di disco fisico in un'unitÓ fisica del sistema. ╚ possibile determinare il numero del disco fisico guardando nel Registro di sistema, ma Ŕ necessario sapere se nel sistema si utilizzano unitÓ IDE, SCSI o una combinazione delle due. In Disk Administrator le unitÓ vengono visualizzate nell'ordine in cui sono enumerate su ciascun controller e nell'ordine in cui vengono caricati i driver delle periferiche. Se si utilizzano pi¨ controller, l'ordine in cui questi sono identificati si basa sulla porta di I/O e sulle assegnazioni degli indirizzi del BIOS del controller.

AVVISO: l'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema pu˛ causare gravi problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non Ŕ in grado di garantire la risoluzione di problemi causati dall'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema. L'utilizzo dell'editor del Registro di sistema Ŕ a rischio e pericolo dell'utente.

NOTA: Disk Management Ŕ stato migliorato in Windows 2000 e versioni successive. Tale utilitÓ pu˛ essere utilizzata per visualizzare queste informazioni senza ricorrere all'editor del Registro di sistema. Per visualizzare in che posizione del sistema si trovi un particolare disco rigido, attenersi alla procedura seguente:
  1. Avviare la console di Disk Management (diskmgmt.msc).
  2. Aprire la vista grafica dei dischi. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla porzione grigia del disco di base o dinamico il cui numero di disco corrisponde a quello riportato nel messaggio di errore.
  3. Scegliere ProprietÓ. Verranno visualizzate le informazioni relative al tipo di periferica, ovvero se il disco Ŕ IDE o SCSI, il nome del fornitore hardware della periferica fisica e il nome della scheda a cui Ŕ collegata.
In Windows NT, utilizzare l'editor del Registro di configurazione per estrarre le informazioni richieste, come illustrato di seguito:
  1. Eseguire l'editor del Registro di configurazione (Regedt32.exe).
  2. Individuare e fare clic sulla seguente chiave di registro (per periferiche basate su IDE):
    HKEY_LOCAL_MACHINE\Hardware\Devicemap\Atdisk
          Controller0  guardare l'indirizzo del controller e l'interrupt.
             disk0  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
             disk1  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
          Controller1  guardare l'indirizzo del controller e l'interrupt.
             disk0  guardare la stringa di identificazione per 
                   individuare produttore e numero del modello
             disk1  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
    
  3. Individuare e fare clic sulla seguente chiave di registro (per periferiche compatibili Atapi o basate su SCSI):
    HKEY_LOCAL_MACHINE\Hardware\Devicemap\SCSI
          Scsiport0  guardare il driver, l'interrupt e l'indirizzo di I/O
             Scisbus0
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid1
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid4
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
             Scsibus1
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid1
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid2
                Logical Unit Id 0
          Scsiport1  guardare il driver, l'interrupt e l'indirizzo di I/O
             Scsibus0
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
    
NOTA: quando l'ID SCSI Ŕ superiore a 9, nel Registro di sistema le unitÓ vengono elencate in ordine alfabetico, mentre il computer assegna ID fisici alle unitÓ in ordine numerico.

Utilizzando le informazioni raccolte dal Registro di sistema Ŕ possibile determinare quale unitÓ fisica corrisponde a un particolare numero di disco in Disk Administrator.
  1. Utilizzando i valori dell'identificatore e del tipo, determinare quali voci si riferiscono ai dischi e quali ad altre periferiche, quali unitÓ CD-ROM, unitÓ a nastro, scanner e cosý via.
  2. Trovare ogni voce Type:REG_SZ:DiskPeripheral in Targetid#\Logicalunitid0. Ogni voce trovata corrisponde a un'unitÓ in Disk Administrator e anche a un numero \device\harddisk.
  3. Per trovare \device\harddisk5 trovare la sesta DiskPeripheral (da zero a cinque).
  4. Prendere nota di SCSIPORT, SCSIBUS e TARGETID# e utilizzare tali informazioni per sostituire la periferica difettosa.
    SCSIPORT Ŕ un controller SCSI.
    SCSIBUS Ŕ un canale sul controller SCSI. Alcuni controller hanno due canali e dispongono pertanto di SCSIBUS0 e SCSIBUS1.
    TARGETID Ŕ l'ID SCSI della periferica configurata da utilizzare, solitamente da 0 a 6, con ID iniziatore 7 che rappresenta il controller stesso.
  5. Se si hanno dei dubbi su quale sia il controller SCSI rappresentato da SCSIPORT, osservare il driver, l'indirizzo I/O e l'interrupt della voce SCSIPORT e associarli alla configurazione hardware impostata sul controller.
  6. Per le periferiche IDE, le unitÓ sono in ordine di configurazione master/slave su ciascun controller.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 159865 - Ultima modifica: martedý 2 settembre 2003 - Revisione: 3.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
  • Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1
  • Microsoft Windows NT Server 3.5
  • Microsoft Windows NT Server 3.51
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.1
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.5
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.51
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
  • Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1
Chiavi:á
KB159865
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com