XGEN: Modifica l'ordine di binding RPC

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 163576 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Utilizzo di server RPC

Exchange Server utilizza chiamata di procedura remota (RPC) creato in Microsoft Windows NT per stabilire connessioni tra i processi di Exchange Server, quali le connessioni tra gli agenti di trasferimento di messaggi (MTA), server e per connettere i computer client di Exchange ed Exchange Server nella rete. Exchange Server Ŕ possibile utilizzare RPC su named pipe, TCP/IP, NetBIOS e IPX/SPX. Quando viene utilizzato RPC, Exchange Server viene eseguita tramite un elenco di questi protocolli e tenta di stabilire il binding RPC. L'ordine di preferenza dei trasporti Ŕ definito per l'associazione ordine RPC, che per impostazione predefinita Ŕ: RPC locale, TCP/IP, SPX, named pipe e quindi NetBIOS (in ordine di preferenza).

Modifica il protocollo RPC ordine di binding

L'ordine di binding del protocollo RPC predefinito viene impostato quando Ŕ installato un Client Exchange. Questa impostazione determina la sequenza di protocollo che il client utilizza per comunicare con Exchange Server. ╚ possibile modificare l'ordine di binding RPC prima o dopo l'installazione del client. ╚ possibile migliorare le prestazioni modificando l'ordine di binding RPC, se il client utilizza pi¨ protocolli o se il singolo protocollo che utilizza il client non Ŕ il primo nell'ordine di binding di RPC. Se il protocollo che utilizza il client di Exchange Ŕ l'ultimo della sequenza, il client tenta di associarsi tramite i protocolli elencati prima di tale protocollo, quando si connette al server. I protocolli sono rappresentati in ordine di associazione, utilizzando le seguenti voci. Ncacn la stringa di connessione di rete Computing Architecture fa riferimento.
   Protocol name RPC protocol string
   ----------------------------------

   Local RPC      ncalrpc
   TCP/IP         ncacn_ip_tcp
   SPX            ncacn_spx
   Named pipes    ncacn_np
   NetBIOS        netbios
   VINES IP       ncacn_vns_spp
				
, ad esempio, la seguente voce tenta di stabilire connessioni su SPX, TCP/IP e NetBIOS, in tale ordine.
   RPC_Binding_Order=ncacn_spx,ncacn_ip_tcp,netbios
				

Client che eseguono Windows 95, Windows NT Server e Windows NT Workstation

Per impostazione predefinita, il client di Exchange utilizza seguente ordine di binding RPC per Windows 95, Windows NT Server e Windows NT Workstation quando si connette a un computer Exchange Server.
  1. TCP/IP
  2. SPX
  3. Named pipe
  4. NetBIOS
  5. IP VINES (Windows NT Server e solo in Windows NT Workstation)
╚ possibile modificare l'ordine di binding RPC per i client che eseguono Windows 95, Windows NT Workstation e server di Windows prima o dopo l'installazione del client di Exchange.

Prima di eseguire l'installazione:
Nell'editor di configurazione, selezionare la pagina delle proprietÓ Ordine di associazione .
Dopo l'installazione:

Utilizzare l'editor del Registro di sistema per modificare l'ordine di binding.

importante Questa sezione, metodo o l'attivitÓ sono contenute procedure viene illustrato come modificare il Registro di sistema. Tuttavia, possono causare seri problemi se si modifica il Registro di sistema in modo errato. Pertanto, assicurarsi che questa procedura con attenzione. Per maggiore protezione, Ŕ eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. ╚ quindi possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup e ripristino del Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
322756Come eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema in Windows


Individuare e modificare la seguente chiave nel Registro di sistema:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Exchange\Exchange Provider.
Ad esempio, la seguente voce stabilisce le connessioni di SPX, TCP/IP e NetBIOS nell'ordine indicato:
Rpc_Binding_Order = ncacn_spx, ncacn_ip_tcp, netbios

Client che eseguono Windows e Windows per Workgroup

Per impostazione predefinita, il client di Exchange utilizza la seguente ordine di binding RPC per Windows per Workgroup quando si connette a un computer Exchange Server.
  1. Named pipe
  2. SPX
  3. TCP/IP
  4. NetBIOS
  5. IP VINES
╚ possibile modificare l'ordine di binding RPC per i client che eseguono Windows e Windows per Workgroup prima o dopo l'installazione del client di Exchange.

Prima di eseguire l'installazione:
Nell'editor di configurazione, selezionare la pagina delle proprietÓ Ordine di associazione .
Dopo l'installazione:
Nel file Exchng.ini nella cartella Windows, Ŕ possibile modificare la sezione [Provider Exchange]. Ad esempio, la voce seguente nel file Exchng.ini stabilisce le connessioni di SPX, TCP/IP e NetBIOS nell'ordine indicato:
   [Exchange Provider]
   RPC_Binding_Order=ncacn_spx,ncacn_ip_tcp,netbios
					

Client che eseguono MS-DOS

Per impostazione predefinita, il client di Exchange utilizza seguente ordine di binding RPC per MS-DOS quando si connette a un computer Exchange Server.
  1. RPC locale
  2. Named pipe
  3. SPX
  4. TCP/IP
  5. NetBIOS
╚ possibile modificare l'ordine di binding RPC per i client che eseguono MS-DOS dopo l'installazione di MS-DOS. Per modificare l'ordine, modificare la riga RPC_BINDING_ORDER nel file Mlsetup.ini. Questo file viene installato automaticamente sul client o in una condivisione di rete. Ad esempio, la voce seguente nel file Mlsetup.ini stabilisce RPC locale, le named pipe, TCP/IP e NetBIOS connessioni nell'ordine indicato:
   RPC_Binding_Order=ncalrpc,ncacn_np,ncacn_ip_tcp,netbios
				

Informazioni

Non Ŕ necessario riavviare il computer dopo aver modificato l'ordine di binding Exchange. Ne viene effettuata la il client di Exchange rilettura l'associazione al riavvio. Per la risoluzione dei problemi, semplicemente modificare l'ordine di binding nel Registro di sistema (assicurarsi che la chiave Ŕ stata completamente salvata nel Registro di sistema) e quindi eseguire una controlla i nomi delle proprietÓ per il servizio Server (nel Pannello di controllo, fare doppio clic su posta elettronica ). Non Ŕ anche necessario uscire dal Registro di sistema quando si tenta di diverse associazioni.

importante : ╚ necessario utilizzare virgole tra voci di ordine di binding, oppure l'associazione non Ŕ in lettura. Se, ad esempio, si utilizza "ncacn_ip_tcp; netbios" eseguire una controlla i nomi e viene visualizzato immediatamente il seguente errore:
Impossibile risolvere il nome. La Rubrica di Microsoft non Ŕ riuscita a
accedere al computer che esegue Microsoft Exchange Server. Contattare il sistema
amministratore se il problema persiste. <ok>
Se si elimina l'intera sottochiave RPC_binding_Order , il client di Exchange utilizza l'ordine di associazione predefinito. Potrebbe trattarsi di una buona rapido passaggio di risoluzione dei problemi se nell'ordine di binding sono presenti problemi di voci non corrette.

Le informazioni contenute in questo articolo vengono fornite da Exchange Server Resource Kit su TechNet e da altre origini.

Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
136516XCLN: Migliorare il tempo di avvio di Windows Client

ProprietÓ

Identificativo articolo: 163576 - Ultima modifica: sabato 28 ottobre 2006 - Revisione: 3.6
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 5.0 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 5.5 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Client 5.5
  • Microsoft Exchange Client 5.0
  • Microsoft Exchange Client 4.0
  • Microsoft Exchange Client 5.0
  • Microsoft Outlook 97 Service Pack 1áalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
  • Microsoft Outlook 97 Standard Editionáalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
  • Microsoft Outlook 97 Service Pack 1áalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
  • Microsoft Outlook 98 Standard Editionáalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
    • Microsoft Windows 95
    • Microsoft Windows NT 4.0
  • Microsoft Outlook, Exchange Server Edition
  • Microsoft Outlook 8.0 Exchange Server Edition per Macintosh
  • Microsoft Outlook 8.1 Exchange Server Edition per Macintosh
Chiavi:á
kbmt kbinfo kbsetup kbusage KB163576 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 163576
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com