Creazione di un server virtuale

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 165180 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
╚ vivamente consigliabile che tutti gli utenti eseguire l'aggiornamento per Microsoft Internet Information Services (IIS) 6.0 in esecuzione su Microsoft Windows Server 2003. IIS 6.0 aumenta notevolmente la protezione dell'infrastruttura Web. Per ulteriori informazioni su argomenti relativi alla protezione IIS, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://www.microsoft.com/technet/security/prodtech/IIS.mspx
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Con Internet Information Server (IIS), Ŕ possibile creare server virtuali che consentono un singolo server vengano visualizzati come pi¨ server. Per convenzione, ogni nome di dominio (ad esempio, www.azienda.com) rappresenta un singolo computer. Tuttavia, Ŕ possibile utilizzare un singolo computer e renderlo di sembrano non solo un server primario (ad esempio, denominato www.azienda.com), ma anche i server per diversi reparti dell'azienda (ad esempio, marketing.company.com, sales.company.com, e cosý via). ╚ possibile creare server virtuali per i reparti con Microsoft Internet Information Server. Non Ŕ necessario un computer diverso per ogni nome di dominio.

Informazioni

Per creare server virtuali, Ŕ necessario ottenere indirizzi IP (Internet Protocol) dal provider di servizi Internet (ISP) per il server principale e per ogni server virtuale che si desidera creare. Ad esempio, si assegna il primo indirizzo IP (10.212.56.184) il Domain Name System (DNS) come www.azienda.com (il server primario) e assegnare C:\Wwwroot come home directory contenuto. ╚ possibile registrare il secondo indirizzo IP (10.212.56.185) nel DNS come marketing.company.com e assegnare una diversa unitÓ o directory come home directory contenuto. Pertanto, questa verrÓ visualizzata agli utenti su Internet che esistono due computer quando in realtÓ Ŕ stesso computer che esegue una copia del servizio WWW.

Nota: Se si crea una home directory senza specificare un indirizzo IP, che home directory verrÓ utilizzato per tutte le richieste contenenti indirizzi IP del server non specificati in altre directory principale.

╚ possibile assegnare questi pi¨ indirizzi IP a pi¨ schede di rete o a una singola scheda. ╚ utilizzare il Pannello di controllo, rete, per associare gli indirizzi IP aggiuntivi a scheda di rete. Nella scheda protocollo, fare clic su protocollo TCP/IP e scegliere ProprietÓ. Digitare il primo indirizzo IP, subnet mask e gateway predefinito del computer in specificare un indirizzo IP nella scheda indirizzo IP.

Fare quindi clic sulla scheda avanzata per visualizzare la finestra di dialogo Advanced IP Addressing). Per aggiungere altri indirizzi IP alla scheda di interfaccia di rete, fare clic sul pulsante Aggiungi in indirizzi IP.

Nota: Quando si assegna a pi¨ di un indirizzo IP a una scheda di rete singola, Ŕ necessario disattivare la configurazione DHCP automatica. Il server DHCP non Ŕ possibile assegnare pi¨ indirizzi IP alla scheda di interfaccia di rete stessa.

Per impostare un server virtuale

╚ possibile impostare un server virtuale utilizzando la proprietÓ di directory in Gestione servizio Internet.
  1. Per visualizzare finestre delle proprietÓ in Gestione servizio Internet, fare doppio clic sul servizio Web o il nome computer di report.
  2. Fare clic sulla scheda Directory.
  3. Fare clic sul pulsante Aggiungi.
  4. Nella casella Directory della finestra di dialogo ProprietÓ Directory, selezionare una directory, fare clic sul pulsante Sfoglia.
  5. Fare clic su Home Directory.
  6. Selezionare la casella di controllo server virtuale.
  7. Digitare l'indirizzo IP per il server virtuale.
  8. Fare clic su OK.

Specificare le directory con i server virtuali

Se Ŕ stata assegnata a pi¨ di un indirizzo IP al server quando si crea una directory virtuale, Ŕ necessario specificare l'indirizzo IP ha accesso a tale directory. Se non viene specificato Nessun indirizzo IP, Ŕ possibile che tale directory sarÓ visibile a tutti i server virtuali.

Nota: La directory predefinite create durante l'installazione non si specifica un indirizzo IP. SarÓ necessario specificare indirizzi IP per le directory predefinite quando si aggiungono i server virtuali.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 165180 - Ultima modifica: giovedý 23 giugno 2005 - Revisione: 1.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Internet Information Server 3.0
Chiavi:á
kbmt kbhowto kbinfo kbother KB165180 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 165180
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com