INF: ModalitÓ bypass (emergenze) e DUMP TRANSACTION WITH NO_LOG

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 165918 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

In situazioni poco frequenti, un database pu˛ essere contrassegnato come sospetto a causa di errore ripristino all'avvio. In genere, ci˛ impedisce chiunque di accedere ai dati. Tuttavia, Ŕ possibile impostare lo stato di un database sospetto "modalitÓ bypass" (denominata anche "modalitÓ di emergenza") e SELECT manualmente o di utilizzare BCP (Bulk Copy Program) per copiare i dati. Mentre non Ŕ possibile eseguire le modifiche di dati normali in modalitÓ di ignorare, Ŕ possibile eseguire il DUMP TRANSACTION WITH NO_LOG. Si noti che questa operazione Ignora modalitÓ non sono supportato e un'operazione potenzialmente pericolosa.

Per motivi analoghi, se ripristino avvio richiede molto tempo, si dovrebbe non interrompere, impostare il database in modalitÓ bypass e quindi eseguire DUMP TRANSACTION WITH NO_LOG.

Informazioni

Tutte le azioni intraprese da DUMP TRANSACTION in genere vengono registrate, pertanto Ŕ recuperabile e abortable. Tuttavia, lo spazio del log viene consumato tramite il comando DUMP stesso. Se il log delle transazioni Ŕ cosý completo esistenza di spazio insufficiente per eseguire un DUMP TRANSACTION registrati, Ŕ possibile che l'opzione WITH NO_LOG troncare il Registro di transazione con nessuna registrazione.

DUMP TRANSACTION WITH NO_LOG Ŕ relativamente sicuro in condizioni normali. Il server richiede misure per garantire che ripristino avrÓ esito positivo anche se il server durante l'operazione.

In alcune situazioni ripristino automatico, denominato anche ripristino di avvio, potrebbe non riuscire, contrassegnare un database come sospetto. Ripristino non riesce per un motivo specifico. ╚ molto importante notare il messaggio di log degli errori che inizialmente ha provocato ripristino ha esito negativo, perchÚ potrebbe essere utile per diagnosticare la causa.

"Ripristino" Ŕ il processo di rendere il database coerente da un ripristino o annullamento di tutte le transazioni sono avviate dopo o non salvate al momento del checkpoint ultima. Questo processo si basa sulla natura write-ahead del log delle transazioni (tutte le pagine modificate vengono scritti nel registro prima di essere scritte al database). Ripristino costituita dalla lettura ogni record di log, confrontare il timestamp per il timestamp della corrispondente pagina di database e annullare la modifica (nel caso di una transazione senza commit) o un ripristino la modifica (nel caso di una transazione di cui Ŕ stato eseguito il commit). Dopo aver notare il messaggio di log degli errori che causa il ripristino di un errore, provare a impostare lo stato del database al normale e riavviare SQL Server per verificare se la seconda volta riuscita del ripristino. ╚ possibile modificare lo stato del database per mezzo della procedura sp_resetstatus memorizzati. Questo Ŕ una stored procedure supplementare, che Ŕ possibile installare dallo script di Instsupl.sql nella directory Mssql\Install. Per ulteriori informazioni, vedere "Reimpostazione di Suspect Status" nella documentazione in linea.

Se ha Ŕ ancora esito negativo ripristino, si noti il messaggio di errore e contattare il provider del servizio di supporto. ╚ inoltre necessario verificare la disponibilitÓ dell'ultimo backup valido del database, poichÚ potrebbe essere necessario. Tuttavia la maggior parte dei dati nel database Ŕ spesso ancora disponibile, sebbene incoerente in modo transazionale (e fisicamente). Puoi accedere a questi dati impostando lo stato del database per ignorare, o modalitÓ di emergenza. Impostazione sysdatabases.status compreso tra-32768 e per un database SQL 6.5 e di 32768 per un database di SQL 7.0, ci˛ avviene dopo l'accensione "consentire gli aggiornamenti". Ad esempio, Ŕ possibile utilizzare il seguente comando per un database di SQL 6.5:
   UPDATE SYSDATABASES SET STATUS=-32768 WHERE NAME='DBNAME'
				

Dopo questa operazione, Ŕ possibile specificare il database e SELECT i dati o utilizzare BCP per ottenere il. Gli errori riscontrabili durante questa operazione, ma nella maggior parte dei casi maggior parte dei dati pu˛ essere recuperato.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 165918 - Ultima modifica: martedý 22 febbraio 2005 - Revisione: 3.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 4.21a Standard Edition
  • Microsoft SQL Server 6.0 Standard Edition
  • Microsoft SQL Server 6.5 Standard Edition
Chiavi:á
kbmt kbinfo kbusage KB165918 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 165918
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com