Come aggregare un oggetto COM con ATL

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 173823 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Nota Microsoft Visual c ++ .NET (2002) supporta sia il modello di codice gestito fornito da Microsoft .NET Framework che il modello di codice non gestito nativo di Microsoft Windows. Le informazioni contenute in questo articolo si applicano solo al codice Visual C++ non gestito.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

I passaggi seguenti illustrano come aggregare una COM oggetto in un progetto ATL:
  1. Aggiungere un puntatore IUnknown all'oggetto di classe e inizializzarla su NULL nel costruttore.
  2. Aggiungere la macro DECLARE_PROTECT_FINAL_CONSTRUCT impedisce che l'oggetto eliminata se (durante FinalConstruct) l'oggetto aggregato interno viene incrementato il conteggio dei riferimenti quindi decrementa il conteggio su 0.

    Nota : se si utilizza Visual c ++ .NET questo aggiunge per è la creazione guidata.
  3. Utilizzare il puntatore IUnknown che è definito come secondo parametro per le macro COM_INTERFACE_ENTRY_AGGREGATE. Il primo parametro è l'IID dell'interfaccia dell'oggetto interno che si desidera esporre.
  4. Eseguire l'override FinalConstruct() per creare la funzione di aggregazione.
  5. Eseguire l'override FinalRelease() per rilasciare l'IUnknown puntatore.

Informazioni

Se si utilizza e si rilascia un'interfaccia dalla funzione di aggregazione durante FinalConstruct, è necessario aggiungere la macro DECLARE_PROTECT_FINAL_CONSTRUCT alla definizione di un oggetto di classe.

Di seguito è un esempio con tutte e quattro le operazioni eseguite nella definizione della classe. Questo è un oggetto semplice, COutObj che aggrega un altro oggetto semplice, CInnObj.

Codice di esempio

   class ATL_NO_VTABLE COutObj :
         public CComObjectRootEx<CComSingleThreadModel>,
         public CComCoClass<COutObj, &CLSID_OutObj>,
         public IDispatchImpl<IOutObj, &IID_IOutObj, &LIBID_OUTEROBJLib>
   {
   public:
      COutObj() : m_pInnerUnk(NULL) // Step 1
      {
      }
      DECLARE_GET_CONTROLLING_UNKNOWN()
      DECLARE_REGISTRY_RESOURCEID(IDR_OUTOBJ)
      DECLARE_PROTECT_FINAL_CONSTRUCT() // Step 2

      BEGIN_COM_MAP(COutObj)
         COM_INTERFACE_ENTRY(IOutObj)
         COM_INTERFACE_ENTRY(IDispatch)
         COM_INTERFACE_ENTRY_AGGREGATE(IID_IInnObj, m_pInnerUnk) // Step 3
      END_COM_MAP()

      // Start of step 4
      HRESULT FinalConstruct()
      {
         HRESULT hr;
         CLSID   clsidInner;

         hr = CLSIDFromProgID(L"InnObj.InnObj.1", &clsidInner);
         if (hr == S_OK)
            hr = CoCreateInstance(clsidInner, GetControllingUnknown(),
                                  CLSCTX_INPROC_SERVER, IID_IUnknown,
                                  (void**)&m_pInnerUnk);
         return hr;
      } // End of step 4

      void FinalRelease(){m_pInnerUnk->Release();} // Step 5

      // IOutObj
   public:
      STDMETHOD(Test)();
   private:
      LPUNKNOWN m_pInnerUnk; // Step 1
   };
				
Se l'oggetto interno si è nello stesso server ATL, allora è possibile utilizzare il codice riportato di seguito per creare l'oggetto interno senza CoCreateInstance:
   HRESULT FinalConstruct()
      {
         return  CInnObj::_CreatorClass::CreateInstance(
             GetControllingUnknown(), IID_IUnknown,
             (void**)&m_pInnerUnk);

      }
				

Riferimenti

Documentazione di Visual c ++, linguaggio C/C ++ e libreria c ++, Visual c ++ documentazione in linea: Active Template Library articoli Introduction to COM e ATL; Introduzione a COM; aggregazione

Documentazione di Visual c ++, linguaggio C/C ++ e libreria c ++, Visual c ++ documentazione in linea: Active Template Library articoli Fundamentals di oggetti COM ATL; creazione di un aggregato

Proprietà

Identificativo articolo: 173823 - Ultima modifica: martedì 29 giugno 2004 - Revisione: 3.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft ActiveX Template Library 3.0 alle seguenti piattaforme
    • Microsoft Visual C++ 5.0 Enterprise Edition
    • Microsoft Visual C++ 6.0 Enterprise Edition
    • Microsoft Visual C++ 5.0 Professional Edition
    • Microsoft Visual C++ 6.0 Professional Edition
    • Microsoft Visual C++, 32-bit Learning Edition 6.0
    • Microsoft Visual C++ .NET 2002 Standard Edition
    • Microsoft Visual C++ .NET 2003 Standard Edition
  • Microsoft ActiveX Template Library 2.1 alle seguenti piattaforme
    • Microsoft Visual C++ 5.0 Enterprise Edition
    • Microsoft Visual C++ 6.0 Enterprise Edition
    • Microsoft Visual C++ 5.0 Professional Edition
    • Microsoft Visual C++ 6.0 Professional Edition
    • Microsoft Visual C++, 32-bit Learning Edition 6.0
    • Microsoft Visual C++ .NET 2002 Standard Edition
    • Microsoft Visual C++ .NET 2003 Standard Edition
Chiavi: 
kbmt kbarchitecture kbhowto KB173823 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 173823
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com