Utilizzo dello strumento Poolmon.exe per la risoluzione dei problemi di perdita di memoria in modalitÓ kernel

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 177415 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
IMPORTANTE: in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema. Prima di modificare il Registro di sistema, eseguire una copia di backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
256986 Descrizione del Registro di sistema di Microsoft Windows
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come utilizzare l'utilitÓ per il monitoraggio dei pool di memoria, Poolmon.exe, per la risoluzione dei problemi e per il controllo dei tag di memoria. Poolmon visualizza i dati raccolti dal sistema operativo in merito alle allocazioni di memoria dai pool del kernel di paging e non di paging del sistema e dai pool di memoria utilizzati per le sessioni di Servizi terminal. Questi dati, raggruppati per tag di allocazione di pool, possono essere utilizzati dal Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft per identificare le perdite di memoria in modalitÓ kernel.

Una perdita di memoria Ŕ causata da un'applicazione o da un processo che alloca memoria per un dato utilizzo, senza tuttavia liberarla una volta utilizzata. Questo determina un esaurimento graduale ma completo della memoria disponibile che impedisce spesso il corretto funzionamento del sistema.

Informazioni

Nella sezione che segue viene descritto come attivare la modalitÓ di codifica dei pool per l'utilizzo dello strumento Poolmon, mentre nella seconda sezione viene illustrato come utilizzare Poolmon per raccogliere le informazioni ai fini della risoluzione dei problemi.

Attivazione della modalitÓ di codifica dei pool

Prima di eseguire Poolmon Ŕ necessario abilitare la modalitÓ di codifica dei pool e quindi riavviare il computer. La funzionalitÓ di codifica dei pool raccoglie e calcola statistiche relative alla memoria di pool ordinate per valore di tag dell'allocazione di memoria.

Nota Non Ŕ necessario attivare la codifica dei pool in Windows Server 2003, in quanto Ŕ attivata per impostazione predefinita.

Per attivare la codifica dei pool in un computer basato su Windows NT 4.0, su Windows 2000 o su Windows XP, utilizzare uno dei seguenti metodi:

Metodo 1: Modifica del Registro di sistema

AVVISO: l'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema pu˛ causare gravi problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non Ŕ in grado di garantire la risoluzione di problemi causati dall'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema. L'utilizzo dell'editor del Registro di sistema Ŕ a rischio e pericolo dell'utente.

Per modificare il valore del Registro di sistema che consente di attivare la modalitÓ di codifica per Poolmon.exe:
  1. Avviare l'editor del Registro di sistema.
  2. Individuare la seguente chiave del Registro di sistema:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Session Manager
  3. Annotare il valore di GlobalFlag oppure salvare la chiave
    Session Manager
    .
  4. Fare doppio clic sul valore di GlobalFlag nel riquadro destro.
  5. Modificare il valore in 0x00000400 (esadecimale).

    Nota Quando si aggiunge il valore di GlobalFlag 0x00000400, questo verrÓ visualizzato solo come 0x400 una volta aggiunto. ╚ importante aggiungere tutti gli zeri iniziali per evitare che alcune delle informazioni di Poolmon non vengano visualizzate nella schermata di output.
  6. Riavviare il computer.
Nota Al termine del debug, ripristinare il valore originale di GlobalFlag, di cui si Ŕ preso nota al passaggio 3.

Metodo 2: Utilizzo dell'utilitÓ Gflags.exe

╚ anche possibile utilizzare l'utilitÓ Global Flags Editor, Gflags.exe, per attivare la codifica dei pool. Gflags.exe Ŕ disponibile nel Resource Kit di Windows NT 4.0 e nella cartella \Support\Tools del CD di Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003.

Nota PoichÚ la codifica dei pool Ŕ attivata in maniera permanente in Windows Server 2003, la casella di controllo per l'attivazione della codifica dei pool nella finestra di dialogo Flag globali Ŕ disattivata e non Ŕ disponibile alcun comando per attivare e disattivare questa funzionalitÓ.

Per apportare la modifica utilizzando Gflags.exe, attenersi alla procedura seguente:
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare gflags.exe, quindi scegliere OK.
  2. Selezionare l'opzione relativa all'attivazione della codifica dei pool.
  3. Scegliere Applica, quindi OK.
  4. Riavviare il computer.
Nota Al termine del debug, ripetere la procedura per disattivare la codifica dei pool.

Utilizzo di Poolmon per la raccolta di informazioni

PoolMon visualizza informazioni relative ai tag dei pool all'interno di una finestra di comandi. Utilizzare i tasti di direzione oppure i tasti PGSU e PGGI┘ per visualizzare tutte le informazioni relative ai tag restituite dallo strumento.

Poolmon.exe Ŕ disponibile nel Resource Kit di Windows NT 4.0 e nella cartella \Support\Tools del CD di Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003.

Utilizzare la procedura descritta di seguito per copiare e archiviare le informazioni relative ai tag. Ripetere la procedura per due ore a intervalli di 15 minuti, aggiungendo ogni aggiornamento in coda al file del Blocco note.
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, Pannello di controllo, quindi fare doppio clic su Console.

    Nota In Windows 2000 Ŕ necessario attenersi alla seguente procedura:
    1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare cmd, quindi scegliere OK.
    2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla barra del titolo, quindi scegliere ProprietÓ.
  2. Fare clic sulla scheda Opzioni, scegliere ModalitÓ Modifica rapida, quindi ModalitÓ inserimento.
  3. Fare clic sulla scheda Layout, modificare il valore di Dimensioni buffer dello schermo in 99, quindi scegliere OK.
  4. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Programmi, quindi Prompt dei comandi.
  5. Trovare Poolmon.exe nella cartella Support\Debug\piattaforma del CD di Windows NT 4.0. Passare all'unitÓ e alla cartella in cui si trova Poolmon.exe. Nel CD di Windows 2000, Poolmon.exe Ŕ contenuto nel file Support.CAB, presente nella cartella \Support\Tools.
  6. Digitare Poolmon.exe.
  7. Premere P finchÚ in Poolmon non viene visualizzata la seconda colonna "tipo" e il valore paged.
  8. Premere B per ordinare le colonne per dimensione decrescente.
  9. Selezionare l'intero contenuto dello schermo e premere INVIO.
  10. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Programmi, Accessori e infine Blocco note.
  11. Scegliere Incolla dal menu Modifica.
  12. Ripetere il passaggio 7 per cercare il valore nonpaged.
  13. Ripetere i passaggi da 8 a 11 per incollare le informazioni.
Poolmon.exe dispone anche di una serie di comandi, eseguibili mediante tasti, che consentono di ordinare l'output in vario modo. Premere la lettera indicata di seguito per eseguire l'operazione. L'esecuzione di ciascun comando richiede alcuni secondi. Di seguito Ŕ riportato un elenco di alcuni di questi comandi:
P - Ordina i tag elencati per tipo: di paging, non di paging o misti. Il tasto P consente di passare in sequenza da un tipo all'altro.
B - Ordina i tag in base all'utilizzo massimo di byte.
M - Ordina i tag in base all'allocazione massima di byte.
T - Ordina i tag alfabeticamente in base al nome.
E - Visualizza i totali di paging e non di paging nella parte inferiore dello schermo. Consente di passare ai vari totali.
A - Ordina i tag in base alla dimensione di allocazione.
F - Ordina i tag in base ai rilasci.
S - Ordina i tag in base alle differenze tra allocazioni e rilasci.
E - Visualizza i totali di paging e non di paging nella parte inferiore dello schermo. Consente di passare ai vari totali.
Q - Uscita.
Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
298102 Individuazione dei tag di pool utilizzati da driver di terze parti

ProprietÓ

Identificativo articolo: 177415 - Ultima modifica: lunedý 6 giugno 2011 - Revisione: 8.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Web Edition
  • Microsoft Windows XP Professional x64 Edition
  • Microsoft Windows XP Home Edition
  • Microsoft Windows XP Professional
  • Microsoft Windows XP Media Center Edition 2005 Update Rollup 2
  • Microsoft Windows XP Tablet PC Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Premium Edition
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Standard Edition
Chiavi:á
kbhowto KB177415
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com