ModalitÓ di scrittura di un file LMHOSTS per la convalida del dominio e altri problemi di risoluzione dei nomi

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 180094 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo Ŕ stato precedentemente pubblicato con il codice di riferimento I180094
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

╚ possibile che si verifichino dei casi in cui si presentano problemi di risoluzione dei nomi sulla rete TCP/IP, con la conseguente necessitÓ di utilizzo di file Lmhosts per la risoluzione dei nomi NetBIOS. In questo articolo viene discusso il metodo di creazione di un file Lmhosts come aiuto nella convalida dei domini e nella risoluzione dei nomi.

Informazioni

Per la creazione di un file Lmhosts formattato correttamente Ŕ necessario eseguire i passaggi che seguono:
  1. Utilizzando un editor di testo quale Notepad.exe o Edit.com, creare un file denominato Lmhosts e salvarlo nella cartella seguente:
          Windows NT
          ----------
    
          %SystemRoot%\System32\Drivers\Etc
    
          Windows 95
          ----------
    
          C:\Windows (cartella di installazione di Windows)
    
          Windows NT e Windows 2000
          ---------------------------
    
          %SystemRoot%\System32\Drivers\Etc
    NOTA: il nome del file Ŕ Lmhosts ed Ŕ privo di estensione. Se viene utilizzato Notepad.exe Ŕ possibile che venga aggiunta automaticamente l'estensione txt. In questo caso sarÓ necessario rinominare il file dal prompt dei comandi senza utilizzare alcuna estensione.
  2. Aggiungere le voci seguenti al file Lmhosts:
          10.0.0.1   NomePDC   #PRE #DOM:Nome-dominio
          10.0.0.1   "Nome-dominio    \0x1b"   #PRE
    NOTA: in questa voce il nome del dominio fa distinzione tra maiuscole/minuscole. Immetterlo in lettere maiuscole come descritto nell'articolo Q262655 "PDC Names Entered in LMHOSTS File are case-sensitive" (gli articoli con prefisso "Q" contengono informazioni in inglese).
NOTA: Ŕ necessario seguire attentamente gli spazi in queste voci. Sostituire 10.0.0.1 con l'indirizzo IP del proprio controller di dominio primario (PDC, Primary Domain Controller), NomePDC con il nome NetBIOS del proprio PDC e Dominio con il proprio nome di dominio Windows NT. ╚ necessario che all'interno delle virgolette siano contenuti un massimo di 20 caratteri, ovvero il nome di dominio oltre al numero appropriato di spazi per contenere fino a 15 caratteri oltre alla barra rovesciata (/) e alla rappresentazione esadecimale NetBIOS del tipo di servizio.

Per consentire di determinare la posizione del carattere numero 16, copiare la riga che segue nel proprio file LMHOSTS:
      # IP Address "123456789012345*7890"
Allineare le virgolette (") aggiungendo o rimuovendo spazi dalla riga di commento e posizionando la barra rovesciata (\) sulla colonna 16 ovvero quella contrassegnata con l'asterisco. ╚ necessario utilizzare gli SPAZI dopo il nome e prima della barra rovesciata (\), non una tabulazione.

Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito (gli articoli con prefisso "Q" contengono informazioni in inglese):
163409Suffissi NetBIOS (sedicesimo carattere del nome NetBIOS)
  1. Una volta aggiunte le righe descritte, salvare il file ed uscire dall'editor.
  2. Dal prompt dei comandi digitare quanto segue e premere INVIO:
    nbtstat -R
    NOTA: la lettera -R fa distinzione tra maiuscole/minuscole ed Ŕ necessario che venga digitata in maiuscolo. Una volta digitato quanto descritto, verrÓ ricevuto il messaggio seguente:
    Eliminazione dati e precaricamento riuscito della tabella nomi cache remota NBT.
  3. Digitare il comando che segue al prompt dei comandi, quindi premere INVIO:
    nbtstat -c
    NOTA: anche la lettera -c fa distinzione tra maiuscole/minuscole ed Ŕ necessario che venga digitata in minuscolo. Una volta digitato quanto descritto, verrÓ visualizzata una schermata simile alla seguente:
          Indirizzo IP nodo: [10,00,00,5] ID ambito: []
    
                       Tabella nomi cache remota NetBIOS
    
             Nome              Tipo       Indirizzo host    Durata [sec]
          ----------------------------------------------------------
          NomePDC        <03>  UNIVOCO      10.0.0.1           -1
          NomePDC        <00>  UNIVOCO      10.0.0.1           -1
          NomePDC        <20>  UNIVOCO      10.0.0.1           -1
          Dominio        <1B>  UNIVOCO      10.0.0.1           -1
Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito (gli articoli con prefisso "Q" contengono informazioni in inglese):
180099 Troubleshooting LMHOSTS Name Resolution Issues

ProprietÓ

Identificativo articolo: 180094 - Ultima modifica: mercoledý 29 dicembre 2004 - Revisione: 3.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows XP Professional Edition
  • Microsoft Windows XP Home Edition
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 98 Standard Edition
  • Microsoft Windows 95
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
  • Microsoft Windows NT Server 3.51
Chiavi:á
kbhowto KB180094
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com