L'utilizzo di RDS da un server virtuale di IIS 4.0

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 184606 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
╚ vivamente consigliabile che tutti gli utenti eseguire l'aggiornamento per Microsoft Internet Information Services (IIS) 6.0 in esecuzione su Microsoft Windows Server 2003. IIS 6.0 aumenta notevolmente la protezione dell'infrastruttura Web. Per ulteriori informazioni su argomenti relativi alla protezione IIS, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://www.microsoft.com/technet/security/prodtech/IIS.mspx
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Quando si aggiunge un secondo server virtuale all'interno di Internet Information Server (IIS) versione 4.0, sarÓ presente il seguente errore:
Errore del Server Internet 8447
Altre operazioni Ŕ necessario prestare per Remote Data Service (RDS) per utilizzare un secondo server virtuale.

Informazioni

Nel seguente scenario il server principale viene chiamato myserver e si trova in questa home directory:
   C:\InetPub\wwwroot
				
il secondo server virtuale viene chiamato myserver2 e si trova in questa directory principale:
   C:\vserver2
				
la procedura seguente pu˛ essere utilizzata per rendere RDS lavorando il secondo server virtuale (myserver2).

Nota Aggiunta di una directory l'autorizzazione "Accesso di esecuzione (compresi script)" consentirÓ agli utenti eseguire script sul server Web.
  1. Mediante Esplora risorse creare una cartella MSADC C:\vserver2.
  2. Utilizzo di IIS Management Console di creare una directory virtuale che chiamata MSADC in myserver2. Scegliere la directory MSADC C:\vserver2\msadc la directory.
  3. Copiare il file Msadcs.dll C:\vserver2\msadc.
  4. La directory virtuale MSADC deve essere concessa l'autorizzazione "Accesso di esecuzione (compresi script)". A tale scopo, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla directory virtuale e fare clic su proprietÓ. Selezionare la scheda directory virtuale. In autorizzazioni, verrÓ visualizzato gli autorizzazioni diverse possibili per la directory.
Consente di utilizzare la procedura riportata di seguito per verificare se funziona RDS sul server virtuale:
  1. Copiare i Adctest.asp e Ssdatb32.cab dalla cartella C:\Program Files\Common Files\system\msadc\samples della directory virtuale principale myserver2, C:\vserver2.
  2. Modificare le proprietÓ di IIS 4.0 di myserver2 per consentire di script l'esecuzione. Per effettuare questa operazione, fare clic con il pulsante destro del mouse myserver2 il server virtuale all'interno di IIS Management Console e scegliere ProprietÓ. Selezionare la scheda Home Directory e quindi impostare "Applicazione Impostazioni autorizzazione" in uno script.
  3. Accedere al file di Adctest.asp dal browser:
          http://myserver2/adctest.asp

Riferimenti

Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
165180Come creare un server virtuale
251122Risoluzione dei problemi comuni con Remote Data Services
Documentazione relativa a Internet Information Server versione 4.0

Per ulteriori informazioni, vedere il seguente URL Web:
http://msdn.microsoft.com/dataaccess

ProprietÓ

Identificativo articolo: 184606 - Ultima modifica: sabato 10 settembre 2005 - Revisione: 4.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Remote Data Services 2.1
  • Microsoft Remote Data Services 1.5
  • Remote Data Service for ADO 2.0
  • Microsoft Remote Data Services 2.0
  • Microsoft Remote Data Services 2.1
  • Microsoft Remote Data Services 2.1
Chiavi:á
kbmt kbconfig kbhowto KB184606 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 184606
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com