Parametri del Registro di sistema dei Server Microsoft DNS, parte 2 di 3

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 198409 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Importante: Questo articolo contiene informazioni di modifica del Registro di sistema. Prima di modificare il Registro di sistema, assicurarsi tuttavia di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per informazioni su come eseguire questa operazione, vedere l'argomento della Guida relativo al ripristino del Registro di sistema in Regedit.exe oppure l'argomento relativo al ripristino di una chiave del Registro di sistema in Regedt32.exe.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo costituito da tre parti e descritte impostazioni per il server di Microsoft Domain Name Service (DNS). ╚ possibile modificare la maggior parte delle impostazioni mediante lo strumento DNSADMIN, sebbene alcune impostazioni possono essere modificati solo utilizzando l'editor del Registro di sistema.

Per ulteriori informazioni, vedere i seguenti articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:

198408Parametri del Registro di sistema dei Server Microsoft DNS, parte 1 di 3

198410Parametri del Registro di sistema dei Server Microsoft DNS, parte 3 di 3

Informazioni

Avviso: Utilizzo non corretto scopo pu˛ causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non garantisce che i problemi derivanti dall'errato utilizzo dell'editor del registro possano essere risolti. Utilizzare Editor del Registro di sistema a proprio rischio.

Per informazioni su come modificare il Registro di sistema, vedere l'argomento della Guida "Modifica di chiavi e valori" Editor del Registro di sistema (Regedit.exe) oppure "Aggiungere ed Elimina di informazioni nel Registro di sistema" e "Modifica dei dati del Registro di sistema" nella Guida in linea di Regedt32.exe. Si raccomanda di eseguire una copia di backup del Registro di sistema prima di modificarlo.

Per modificare questi parametri, attenersi alla seguente procedura:
  1. Avviare l'editor del Registro di configurazione (Regedt32.exe).
  2. Dalla sottostruttura HKEY_LOCAL_MACHINE passare alla sottochiave seguente:
         \SYSTEM\CurrentControlSet\Services
  3. Menu Modifica, scegliere Aggiungi valore e aggiungere un valore alla chiave descritto nella voce appropriata riportata di seguito. Digitare il valore e utilizzare la casella di controllo "Tipo di dati" per impostare il tipo di valore.
  4. Fare clic su OK.
  5. Chiudere l'editor del Registro di sistema.
  6. Riavviare il server DNS per le precedenti modifiche abbiano effetto.

Parametri del server

Diversi parametri del Registro di sistema determinano il funzionamento dell'intero server. Ciascuna di esse Ŕ un valore del Registro di sistema in
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\DNS\Parameters
Nota : queste chiavi del Registro di sistema vengono lette solo all'avvio. Alcuni potrebbero essere reimpostata e, in alcuni casi, il comportamento del server modificato in modo dinamico tramite l'amministratore DNS. Ma se reimpostare manualmente, il server DNS Ŕ necessario riavviare per il prelievo di alto il nuovo valore.

Tutti i parametri DNS sono valori di registro di sistema sotto le sottochiavi di:
   HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\DNS\ 
				

SecureResponses

   Value:    SecureResponses
   Added:    SP4 (April 1998)
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey = OFF (Non-secure data is kept)
   Function: Determines whether server attempts to clean up 
             responses to avoid cache pollution.
				
Con Service Pack 4 (aprile 1998) versione, il flag SecureResponses Ŕ disattivata. Creare il valore SecureResponses e impostarlo su 1 per attivarla. Risposte da altri server DNS possono contenere record cui validitÓ aperti alla domanda.

Esempi: Server rende MX query DNS relativa domain.samples.microsoft.com a server DNS del samples.microsoft.com. Il server DNS samples.microsoft.com risponde ma include un record per A.ROOT-SERVERS.NET fornendo il proprio indirizzo. Il server DNS inaffidabile Ŕ diventato quindi stesso configurato come un server principale nella cache del server DNS. Meno dannoso, ma pi¨ comuni, sono le risposte di riferimento (o indirizzare le risposte di BIND, vedere WriteAuthorityNs discussione) che contiene i record per il DNS di un ISP: sezione di autoritÓ:
ns.new.samples.microsoft.com new.Samples.microsoft.com NS.
ns.isp.samples.microsoft.com new.Samples.microsoft.com NS.
Sezione aggiuntiva:
NS.New.Samples.microsoft.com. A 1.1.1.1
NS.ISP.Samples.microsoft.com. A 2.2.2.2
Nota : il record di indirizzo per l'ISP si old\stale. Se SecureResponses si trova in, vengono eliminati i record che non Ŕ in una sottostruttura della zona query. Ad esempio, nell'esempio precedente, il samples.microsoft.com. Server DNS Ŕ stato interrogato, in modo che tutti gli i samples.microsoft.com record siano protette, ma il ns.isp.microsoft.com. Un record non Ŕ nell'esempio. microsoft.com. sottostruttura e non viene memorizzato nella cache o restituito dal server DNS.

RecursionRetry

   Value:      RecursionRetry
   Added:    Windows NT 4.0
   Type:     DWORD
   Default:  NoKey  (Retry is three seconds)
   Function: Set the interval before retrying a recursive lookup.
				

Per risolvere le query ricorsiva dei client, il server DNS esegue una query server DNS remoti. Se nessuna risposta ritorna, il server deve riprovare (per lo stesso e/o altri server DNS). Questa chiave consente l'override di timeout tentativi predefinito. Se la chiave di RecursionRetry non esiste o Ŕ uguale a zero, i tentativi sono dopo tre secondi. Se la chiave RecursionRetry Ŕ diverso da zero, il valore (in secondi) imposta l'intervallo tentativi. Gli utenti non devono modificare questa chiave.

RecursionTimeout

   Value:      RecursionTimeout
   Added:    Windows NT 4.0
   Type:     DWORD
   Default:  NoKey (Timeout is 15 seconds)
   Function: Set the timeout before DNS server gives up recursive query.
				

Per risolvere le query ricorsiva dei client, il server DNS esegue una query server DNS remoti. Quando nessuna risposta, il server da qualsiasi server remoto contattato, il server DNS deve rinunciare sulla query e report per il client che Ŕ impossibile rispondere alla fine (codice di risposta Ŕ SERVER_FAILURE). Questa chiave consente l'override di timeout tentativi predefinito. Se la chiave RecursionTimeout non esiste o Ŕ uguale a zero, il DNS fornisce dopo 15 secondi. Se la chiave RecursionTimeout Ŕ diverso da zero, il valore (in secondi) imposta il timeout tentativi. In generale il timeout di 15 secondi consente qualsiasi risposta in sospeso da un punto qualsiasi per tornare al server DNS. Gli utenti sono sconsigliati dalla modifica di questa chiave.

RoundRobin

   Value:      RoundRobin
   Added:    SP4
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey (Round robin A records)
   Function: Determine whether server round robins multiple A records.
				

Per impostazione predefinita, il server di Microsoft DNS round robin record quando pi¨ record di un nome esistente. Si tratta di un meccanismo bilanciamento del carico primitivi.

Se la chiave di RoundRobin non esiste o Ŕ diverso da zero, il server DNS round robin A record. Se la chiave RoundRobin Ŕ zero, il server DNS restituisce A Registra fissa ordine (file load).

LocalNetPriority

   Value:      LocalNetPriority
   Added:    SP4
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey (Give local net records priority)
   Function: Determine the priority of multiple A records given in
             response.
				

Per impostazione predefinita, la prioritÓ di fornisce Microsoft DNS server per la "pi¨ vicina" A registrare all'indirizzo IP del client quando esistono pi¨ record A un nome. Tale metodo Ŕ stato progettato in modo che l'applicazione client tenterÓ di connettersi a IP disponibile pi¨ vicino (e pi¨ veloce).

Esempio: www.samples.microsoft.com Ŕ tre record: 198.27.1.1 20.23.25.1 e 131.21.31.7. Client in 131.21.198.25 esegue query server DNS per www.samples.microsoft.com. Invece di restituire in ordine di database o le funzioni circolari, il server DNS rileva che l'indirizzo del client 131.21 corrisponda la parte di rete (classe B) il 131.21.31.7 indirizzo. Il server DNS riordina quindi elenco gli indirizzi la risposta:
   131.21.31.7
   198.27.1.1
   20.23.25.1
				

Se la query client provenga da 12.123.248.12, quindi nessuno degli indirizzi corrisponde in parte la rete dell'indirizzo e NO riordinamento di prioritÓ di rete locale viene eseguita.

Se pi¨ di un indirizzo corrisponde a nella parte di rete, gli indirizzi corrispondenti vengono ordinati con la corrispondenza pi¨ vicina prima in modo che il risultato sia pi¨ probabile che siano corrette indipendentemente qualsiasi subnet.

Esempio: www.samples.microsoft.com Ŕ quattro record: 198.27.1.1, 20.23.25.1, 131.21.31.7 e 131.21.196.8. Client in 131.21.198.25 esegue query server DNS per www.samples.microsoft.com. A questo punto vengono restituiti entrambi gli 131.21 indirizzi nella parte superiore, ma il 131.21.196 indirizzo Ŕ prima perchÚ l'indirizzo IP del client corrisponde a tramite il 131.21.192 subnet (, Ŕ necessario che corrisponda anche se il subnetting a un 255.255.248 mask). In modo che la risposta viene ordinata:
   131.21.196.8
   131.21.31.7
   198.27.1.1
   20.23.25.1
				

Nota: Con LocalNetPriority sostituisce round robining. Tuttavia, se RoundRobin si trova in, i record continuano a essere round robined e vengono restituiti in ordine il round robin corrente apportato alcuna corrispondenza LocalNetPriority.

AddressAnswerLimit

   Value:      AddressAnswerLimit
   Added:    SP3
   Type:     DWORD
   Default:  NoKey (No limit)
   Function: Limits number of A records put in answer to query.
				

La chiave del Registro di sistema di AddressAnswerLimit inserisce il numero di record effettivamente scritte per la sezione di risposta in una risposta a una query di record A un limite. Questo offre due vantaggi:

  1. Consente ai client Windows 95 funzionare correttamente, anche quando un nome DNS Ŕ configurato con pi¨ di 28 A record.
  2. Mantiene il server DNS remoti risolvere un nome da riprovare con TCP quando ricevono una risposta troncata. (In genere, i resolver del client non tenterÓ con TCP, se il bit di troncamento Ŕ impostato o non.)
Se la chiave del Registro di sistema di AddressAnswerLimit Ŕ diverso da zero, specifica un limite al numero di record scritti in una risposta per un nome. Il limite di se stesso Ŕ limitata 5 < x < 28. In che modo AddressAnswerLimit un valore maggiore di 28, verrÓ generato un limite di 28 e un valore 0 < x < 5, verrÓ generato un limite di cinque. (Il limite di nella parte inferiore di 5 Ŕ presente in modo che, se pi¨ indirizzi sono disponibili, almeno sufficiente viene assegnato nuovamente pertanto tale computer Ŕ probabilmente possibile trovare.) Inoltre, quando AddressAnswerLimit Ŕ impostata, il troncamento bit non Ŕ impostato su una risposta, anche se lo spazio del pacchetto viene esaurito prima viene raggiunto il limite per la scrittura di un record (vedere vantaggio 2 sopra descritto).

Nota: Queste restrizioni sono solo per il semplice una query di record per il nome. Non incidono sui altri tipi di query.

Se la chiave del Registro di sistema di AddressAnswerLimit non esiste o Ŕ uguale a zero, significa che le risposte di un record non sono limitate. Il pacchetto vengono scritti tutti i record per un nome. Se tutti i record non possono essere contenute in un pacchetto UDP DNS, il troncamento bit Ŕ impostato.

LooseWildcarding

   Value:      LooseWildcarding
   Added:    SP4
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey  (prior to SP4 loose; after SP4 RFC wildcarding)
   Function: Set server to do wildcarding loosely.
				

Esempio:
   Zone sample.microsoft.com.
				
Frammento di file di zona:
      *.sample.microsoft.com.    MX   10 mailserver1.sample.microsoft.com.
      sample.microsoft.com.      MX   10 mailserver2.sample.microsoft.com.
      host.sample.microsoft.com.   A   1.1.1.1
				
Query:
      Host.sample.microsoft.com, type MX
				

In base alla RFC, la query host.samples.microsoft.com.com viene ricercata e nessun record MX si trova host.samples.microsoft.com, ma esiste un record. Di conseguenza, non viene eseguita nessuna corrispondenza con caratteri jolly. La query risponde con una risposta autorevole vuota (Nessun errore e nessun record). Programmi di posta elettronica smart sarebbero quindi requery per un record A per host.samples.microsoft.com e utilizzano il record per inviare posta elettronica direttamente a host.samples.microsoft.com.

Prima di Service Pack 4 (SP4), il server Microsoft DNS consente di trovare alcun record MX host.samples.microsoft.com, le note che MX Ŕ un tipo di carattere jolly e le note che samples.microsoft.com Ŕ il padre di un nome con caratteri jolly. Controlla nome jolly *. samples.microsoft.com per MX record, trova una corrispondenza e lo restituisce. Il programma di posta elettronica per mailserver1.samples.microsoft.com quindi dovrebbe inviare la posta.

I vantaggi di ciascun approccio dovrebbero essere evidenti. L'approccio RFC Ŕ pi¨ semplice se gli host sono in grado di ricevere posta elettronica direttamente. Tuttavia, se si annuncia host che non sono server di posta elettronica, Ŕ inoltre necessario aggiungere esplicitamente un record MX in ogni host. L'approccio di Microsoft DNS consente di impostare solo due record MX e query di copertina per l'intera zona. Tuttavia, se hai singoli host che devono ricevere sono proprietari della posta, Ŕ necessario inserire i record MX a ciascuno di questi host.

Se la chiave LooseWildcarding non esiste o Ŕ uguale a zero, il server (dopo SP4) seguirÓ la richiesta specificata il comportamento dei caratteri jolly. L'amministratore Ŕ consigliabile inserire record MX per tutti gli host che non sono in grado di ricevere posta elettronica.

Se la chiave LooseWildcarding Ŕ diverso da zero, il server di ricerca automaticamente uscita il nodo con caratteri jolly pi¨ vicino (equivalente al comportamento di Windows NT 4.0 spedizione). L'amministratore di inserire i record MX nella zona principale e in un nodo con caratteri jolly (*) direttamente sotto la radice della zona. L'amministratore deve anche inserire record MX referente di self sugli host che devono ricevere la propria posta elettronica.

BindSecondaries

   Value:      BindSecondaries
   Added:    Windows NT 4.0
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey (Send uncompressed transfers to non-MS secondaries)
   In Admin: No.
   Function: Determine AXFR message format when sending to non-MS DNS
             secondary.
				

BIND non viene implementata la richiesta specificata del protocollo di trasferimento di zona. In particolare, BIND invia un record di zona in ogni messaggio DNS. Aggiunge l'overhead inutile di un'intestazione di messaggio con tutti i record, elimina anche le possibilitÓ di compressione di nome. Server BIND prima 4.9.4 rifiuterÓ trasferimento di zona i messaggi correttamente buffer pi¨ record in ogni messaggio DNS e alcune implementazioni potrebbero fault. Le versioni BIND pi¨ recenti (4.9.4 e versioni successive) verranno accettare e inviare rapidamente compresso formato, ma possono essere configurati con un elenco di server che devono ricevere il vecchio formato.

Il server Microsoft DNS pu˛ inviare e ricevere i messaggi in un formato. Per consentire i trasferimenti di Microsoft per Microsoft a utilizzare il formato pi¨ veloce, un Microsoft DNS secondario aggiunge il pacchetto di richiesta AXFR due caratteri (MS). Quando un master di Microsoft riceve una richiesta con questo segnale, invia quindi il trasferimento utilizzando il formato compresso veloce. Se la richiesta non contiene questo segnale, il trasferimento viene inviato a utilizzando il pi¨ lento un record per il formato di messaggio, per evitare la causa problemi se secondario Ŕ un'implementazione BIND precedente.

Se la chiave del Registro di sistema di BindSecondaries non esiste o Ŕ diverso da zero, il server utilizza il paradigma descritto in precedenza e invierÓ sempre i trasferimenti a effettua il DNS non Microsoft dei secondari fase nel formato compatibile con BIND non compresso. Se la chiave del Registro di sistema di BindSecondaries Ŕ zero, il server invierÓ tutti i trasferimenti nel formato veloce. Si noti che il comportamento predefinito Ŕ adeguato trasferire tutti i server DNS. L'unico motivo per utilizzare il tasto BindSecondaries Ŕ quando si dispone di nuovo binding server (o server non di BIND, non Microsoft) che si effettua il dei secondari fase a un server DNS Microsoft e si desidera ottenere le prestazioni di trasferimento possibili pi¨ veloce.

Come i server BIND fissi sostituisce le versioni precedenti, le impostazioni predefinite per questa chiave possono risultare modificate in modo che il trasferimento efficiente sia il valore predefinito anche per server non Microsoft.

WriteAuthorityNs

   Value:      WriteAuthorityNs
   Added:    SP3
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey (Do not write unnecessary NS records)
   Function: Write NS records to authority section on successful response.
				

Per impostazione predefinita Microsoft DNS server utilizza la sezione di autoritÓ solo come indicato da RFC1034:

  • Per i record NS durante la creazione di un riferimento.
  • Per un record SOA consentire una risposta NAME_ERROR nella cache. (In conformitÓ con dnsind chiarire bozza).
Se la chiave del Registro di sistema di WriteAuthorityNs Ŕ diverso da zero, il server scriverÓ record NS per la zona nella sezione autoritÓ, durante la creazione di una risposta autorevole positiva. Se la chiave del Registro di sistema di WriteAuthorityNs non esiste o Ŕ zero, il server utilizzare il funzionamento compatibile con RFC di predefinito e scrivere solo alla sezione autoritÓ in due casi sopra.

Nota: Questa chiave esiste solo per coloro che devono autoritÓ dati per qualche motivo a livello di programmazione.

WriteAuthoritySoa

   Value:      WriteAuthoritySoa
   Added:    SP3
   Removed:  SP4
   Type:     DWORD (Boolean)
   Default:  NoKey (Do not write unnecessary SOA record)
   Function: Write NS records to authority section on successful response.
				

L'utilizzo di questa chiave Ŕ obsoleto. Volendo rispecchia di BIND autoritÓ sezione comportamento, utilizzare WriteAuthorityNs (vedere sopra).

ListenAddresses

   Value:      ListenAddresses
   Added:    Windows NT 4.0
   Type:     BINARY
   Default:  NoKey  (Use all IP interfaces)
   Function: Determines IP addresses bound to DNS server.
				

Alcuni resolver DNS (inclusi Windows 95) richiedono che l'indirizzo di origine IP di una risposta DNS essere identico all'indirizzo IP che inviato la query, o si rifiuta la risposta. Gestione di questi sistemi di risoluzione indica che il server DNS deve esplicitamente Binding socket agli indirizzi IP del computer.

La chiave ListenAddresses Ŕ un elenco di indirizzi IP per il server DNS per l'ascolto su. L'elenco non Ŕ stringhe IP separato da punti, ma una matrice di conteggiata degli indirizzi non elaborati nell'ordine dei byte netto. Deve essere configurato tramite la finestra di dialogo interfacce nello strumento Amministrazione il proprietÓ server. Modifica la chiave del Registro di sistema Ŕ sconsigliato. Se la chiave ListenAddresses non esiste, il server DNS tenta di associarsi a ogni indirizzo IP del computer. Si tratta, in generale, di comportamento auspicabile.

Tuttavia, esistono pochi motivo perchÚ potrebbe essere consigliabile utilizzando la chiave indirizzi di ascolto:

  • Per ragioni amministrative, non si desidera utilizzare alcune interfacce.
  • Computer contiene numerose interfacce IP, associazione a tutte Ŕ costosa.
  • Se Ŕ maggiore di 35 le interfacce IP, il server DNS verrÓ non rilevare e associare tutte le interfacce IP correttamente. A causa delle limitazioni del Winsock GetAddressByName(), solo le prime 35 interfacce vengono restituite il DNS server. Se il servizio DNS deve essere associato a qualsiasi indirizzo oltre il primo 35, se Ŕ necessaria per ottenere il corretto tutti gli indirizzi del computer o un sottoinsieme, ListenAddresses associazione.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 198409 - Ultima modifica: martedý 31 ottobre 2006 - Revisione: 1.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
Chiavi:á
kbmt kbinfo KB198409 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 198409
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com