Messaggio di errore quando si tenta di avviare Exchange Management Shell (EMS) o Exchange Management Console (EMC): "HTTP Errore stato del server (500)"

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 2027063 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sintomi

Quando si tenta di avviare Exchange Management Shell (EMS) o Exchange Management Console (EMC) in un computer che esegue Microsoft Exchange Server 2010, viene visualizzato il seguente messaggio di errore:

Connessione al server remoto non riuscita con il seguente messaggio di errore: il client ha ricevuto lo stato di errore server HTTP (500), ma il servizio remoto non include tutte le altre informazioni sulla causa dell'errore. Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento della Guida about_Remote_Troubleshooting. Questo è stato eseguito il comando ' Discover-ExchangeServer - UseWIA $true - SuppressError $true'.

Inoltre, si può vedere il seguente evento di avviso registrato nel Registro di sistema:

Origine: Microsoft-Windows-WinRM
EventID: 10113
Livello: avviso
Descrizione: elaborazione della richiesta non riuscita perché il servizio Gestione remota Windows: Impossibile caricare l'origine dati o eventi: DLL="%ExchangeInstallPath%Bin\Microsoft.Exchange.AuthorizationPlugin.dll"

Cause

Questo problema si verifica perché una delle seguenti condizioni è vera:

  • La variabile ExchangeInstallPath è manca.
  • È stato modificato il percorso della directory virtuale di PowerShell.

Risoluzione

Per risolvere questo problema, utilizzare uno dei metodi descritti di seguito:

  • Assicurarsi che il valore di ExchangeInstallPath sia impostato correttamente. A tale scopo, aprire sistema nel Pannello di controllo, fare clic su impostazioni di sistema avanzatee quindi fare clic su variabili di ambiente nella scheda Avanzate . Nella casella variabili di sistema , individuare la variabile ExchangeInstallPath .Il valore corrispondente per questa variabile deve essere C:\Program Files\Microsoft\Exchange Server\V14\.
  • In Gestione IIS, individuare la voce per la directory virtuale di PowerShell in sito Web predefinito. Quindi, assicurarsi che la voce fa riferimento alla cartella \Program Files\Microsoft\Exchange Server\v14\ClientAccess\PowerShell.

Proprietà

Identificativo articolo: 2027063 - Ultima modifica: sabato 8 febbraio 2014 - Revisione: 3.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Server 2010 Enterprise
  • Microsoft Exchange Server 2010 Service Pack 1
  • Microsoft Exchange Server 2010 Standard
Chiavi: 
kbmt KB2027063 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 2027063
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com