Quando si utilizza cluster server proprietÓ private di disco avanzata risorse

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 223023 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Windows 2000 include le proprietÓ private risorsa di disco avanzata quando si utilizza cluster server. Alcuni di questi miglioramenti forniscono agli amministratori un controllo migliore su quando CHKDSK Ŕ eseguito su un disco del cluster.

Informazioni

Differenze tra Microsoft Windows NT 4.0 e Windows 2000

Quando si esegue un comando per visualizzare le proprietÓ private della risorsa denominata disco E: visualizzato in Amministrazione Cluster, si noti la differenza nell'output tra Windows NT 4.0 e Windows 2000:

Cluster di Windows NT 4.0

Comando: cluster clustername res "disco E:" /priv

Elenco delle proprietÓ private per 'Disco E:':
R Name                             Value
- -------------------------------- -----------------------
  Signature                        1415371731 (0x545cdbd3)
  DiskInfo                         <Unknown Type>
				

Cluster di Windows 2000

Comando: cluster clustername res "disco E:" /priv

Elenco delle proprietÓ private per 'Disco E:':
T  Resource             Name                           Value
-- ----------- ------------------------------ --------------------
D  Disk <?xm-deletion_mark author="meidx" time="20071204T161506+0800" data="Q"?><?xm-insertion_mark_start author="meidx" time="20071204T161506+0800"?>E<?xm-insertion_mark_end?>:     Signature                      1415371731 (0x545cdbd3)
D  Disk <?xm-deletion_mark author="meidx" time="20071204T161506+0800" data="Q"?><?xm-insertion_mark_start author="meidx" time="20071204T161506+0800"?>E<?xm-insertion_mark_end?>:     SkipChkdsk                     0 (0x0)
D  Disk <?xm-deletion_mark author="meidx" time="20071204T161506+0800" data="Q"?><?xm-insertion_mark_start author="meidx" time="20071204T161506+0800"?>E<?xm-insertion_mark_end?>:     ConditionalMount               1 (0x1)
B  Disk <?xm-deletion_mark author="meidx" time="20071204T161506+0800" data="Q"?><?xm-insertion_mark_start author="meidx" time="20071204T161506+0800"?>E<?xm-insertion_mark_end?>:     DiskInfo                       03 00 00 00 ... (264 bytes)
B  Disk <?xm-deletion_mark author="meidx" time="20071204T161506+0800" data="Q"?><?xm-insertion_mark_start author="meidx" time="20071204T161506+0800"?>E<?xm-insertion_mark_end?>:     MountVolumeInfo                D3 DB 5C 54 ... (104 bytes)
				

Nuove proprietÓ privata in Windows 2000

Le nuove proprietÓ privata per Windows 2000 sono:
  • SkipChkdsk
  • ConditionalMount
  • MountVolumeInfo
Il comportamento di CHKDSK dipende dai valori assegnati alle proprietÓ SkipChkdsk e ConditionalMount. Se viene rilevato che il disco sia danneggiato, controllando il dirty bit o in caso del quorum Ŕ inaccessibile unitÓ nella cartella MSCS, CHKDSK valutato come segue:
  • Se SkipChkdsk = 1, il cluster del servizio non eseguire Chkdsk sull'unitÓ dirty e monta il disco per l'utilizzo immediato.

    Nota SkipChkdsk = 1 override si immutate indipendentemente dal quali il ConditionalMount Ŕ impostata su comporta l'impostazione di ConditionalMount e il servizio cluster.

    Nota L'impostazione della proprietÓ privata ' Skipchkdsk = 1 ' nel quorum del disco non ha effetto, perchÚ Chkdsk non pu˛ essere eseguito per l'unitÓ quorum del cluster. L'impostazione Ŕ efficace per tutte le altre risorse disco fisico del cluster.
  • Se SkipChkdsk = 0 e ConditionalMount = 0, il servizio cluster non riesce la risorsa disco e lo lascia in modalitÓ non in linea.
  • Se SkipChkdsk = 0 e ConditionalMount = 1, il cluster viene eseguito il servizio "chkdsk/f" a fronte del volume Ŕ danneggiato e quindi montaggio. Questo Ŕ il comportamento predefinito corrente per i cluster di Windows 2000 e il comportamento solo per i cluster di Windows NT 4.0.
╚ possibile modificare queste proprietÓ private di risorse utilizzando i seguenti comandi:
  • cluster clustername res "Disco E:" /priv Skipchkdsk = 0 [1]
  • cluster clustername res "Disco E:" /priv ConditionalMount = 0 [1]
La proprietÓ MountVolumeInfo viene utilizzata per tenere traccia delle modifiche apportate in Gestione disco e contiene le stesse informazioni DiskInfo (che Ŕ utilizzata da Windows NT 4.0), ma Ŕ pi¨ semplice poichÚ i valori corretti in lunghezza.

Queste informazioni di esempio MountVolumeInfo
D3DB5C540400000000020000000000000000400600000000010000000746000000024006000
0000000FE3F060000000002000000074B00000000800C000000000000400600000000030000
00074C00000040C0120000000000C03F06000000000400000007490000
				
viene interpretato come segue:
signature: D3DB5C54
number of volumes: 04000000

 starting offset   partition length volume # type letter  fill
00020000.00000000 00004006.00000000 01000000  07   46     0000
00024006.00000000 00FE3F06.00000000 02000000  07   4B     0000
0000800C.00000000 00004006.00000000 03000000  07   4C     0000
0040C012.00000000 00C03F06.00000000 04000000  07   49     0000
				
DiskInfo viene mantenuto nelle proprietÓ della risorsa del disco per garantire la compatibilitÓ in un cluster di nodi misto in cui un nodo Ŕ in esecuzione Windows 2000 e uno basato su Windows NT 4.0.

Le informazioni nelle proprietÓ DiskInfo e MountVolumeInfo vengono aggiornate quando la risorsa disco viene portata in linea. Il servizio cluster controlla configurazione del disco fisico del sistema, quindi consente di conseguenza le correzioni di queste voci del Registro di sistema. Gli aggiornamenti apportati a questi valori relative alle lettere di unitÓ vengono eseguiti in modo dinamico quando vengono apportate modifiche tramite Gestione disco.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 223023 - Ultima modifica: mercoledý 5 dicembre 2007 - Revisione: 3.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi:á
kbmt kbenv kbinfo KB223023 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 223023
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com