INFO: Visual Studio 6.0 SP3 Readme: parte 7 - Visual J++

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 230731
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Questo file Readme contiene informazioni aggiornate per il intera suite di Microsoft Visual Studio di strumenti di sviluppo. Se Ŕ stato scaricato un Core service pack da Internet, non tutte le sezioni di questo file si applicano per la aggiornamenti ricevuti. Sono i problemi corretti appropriati per il download di Core quelli elencati nella sezione di Visual Studio e le sezioni per i prodotti aggiornato per il download di base.

Microsoft Visual Studio 6.0 File Leggimi di Service Pack 3 contiene le seguenti sezioni:

PARTE 1: Panoramica e installazione

PARTE 2: Visual Studio

PARTE 3: Visual Basic

PARTE 4: Visual C++

PARTE 5: Visual FoxPro

PARTE 6: Visual InterDev

PARTE 7: Visual J++

PARTE 8: Visual SourceSafe

PARTE 9: Versioni dei File

Per il informazioni aggiornate sul prodotto, vedere il sito Web di Visual Studio all'indirizzo:

http://msdn.microsoft.com/vstudio
Per gli ultimi aggiornamenti, vedere il supporto per Visual Studio Luci sito all'indirizzo:
http://support.microsoft.com/support/vstudio
Vedere la sezione Riferimenti per ulteriori informazioni sulle altre parti di questo file Leggimi.

Informazioni

VISUAL J++

Informazioni sull'installazione

Alcune funzionalitÓ di Visual J++ 6.0 relative al debug di Microsoft Transaction Server (MTS) richiede Windows NT 4.0 Service Pack 4 (SP4). Windows NT 4.0 SP4 Ŕ disponibile dalla pagina Web di Microsoft Windows Update .
Visual J++ applicazioni Impossibile eseguire il debug in Windows 2000 Beta 3
Un problema aggiornate pu˛ impedire l'esecuzione del debug di Visual J++ applicazioni onWindows 2000 Beta 3. Questo problema impedisce di la compilazione delle applicazioni. Per ulteriori informazioni, vedere:
Pagina di Microsoft Visual Studio Support Highlights.

Nuova macchina virtuale Microsoft

In risposta ai problemi di automazione osservato nell'automazione, il File di Microsoft virtual machine (Microsoft VM) sono stati aggiornati, a partire con Service Pack 2. ╚ la versione di Microsoft VM inclusa in questo service pack elencati nella sezione Visual J++ dell'elenco di file nella parte 9 del file Leggimi. Questa modifica verrÓ applicata sia nel computer in cui Microsoft Visual J++ Ŕ installato e anche in Visual J++ cartella ridistribuibili, cosý Visual J++ le applicazioni che vengono distribuite includerÓ anche l'automazione aggiornato file.

Per passare da una versione di debug e retail di Microsoft Classi di sistema VM, eseguire classd.exe o classr.exe.

Questo service pack contiene i file Visual J++ obbligatori necessari per conformarsi alla sentenza del preliminare rilasciato dal giudice Corte Distrettuale federale Ronald H. Whyte. Queste modifiche sono state inoltre incluse nel Service Pack 2.

Compilatore, Debugger, ActiveX e le correzioni IDE

In questa versione di service pack, i seguenti problemi in generale ambiente di programmazione sono stati risolti:
  • Il metodo onCOMRegister non Ŕ stato richiamato da una DLL Java/COM-pacchetto causando problemi nella registrazione delle DLL.
  • Errore di protezione generale che coinvolgono il PDM. dll file dopo l'esecuzione di script di dati XML trasformati.
  • Una particolare sequenza di spazi, avanzamenti di riga e ritorni a capo Restituisce che ha causati l'editor di codice Visual J++ e i debugger sono sincronizzati quando eseguendo il codice.
  • Controlli creati con Visual J++ sono stati contrassegnati come utilizzando il default-modello di threading entrambi. Questa impostazione predefinita crea numerosi problemi. Primo, utente controlli di interfaccia sono associati al thread che possiede la finestra del controllo handle, impedendo il controllo funziona correttamente in un thread multipli thread apartment. Nel service pack 3, il modello di threading predefinito per ActiveX i controlli Ŕ stato cambiato in Apartment.
  • Uscita da Internet Explorer 5 su un computer con il debugger di Visual J++ installato potrebbe terminare in modo anomalo. Questo problema dipende dal tipo di contenuto visualizzato in Internet Explorer 5 e la velocitÓ del computer. Questo problema Ŕ stato corretto in Visual Studio Service Pack 3.
  • IDE arresto anomalo quando si esegue un salvataggio a partire da un progetto di utilitÓ. Questo problema Ŕ stato risolto in questo service pack.
  • Se gli utenti aperto nella finestra di dialogo ProprietÓ punto di interruzione pi¨ volte durante il debug in modalitÓ di interruzione, Visual J++ avuto problemi durante la gestione di tali istanze multiple.
  • JVC non verrÓ compilato correttamente contro com.ms.fx.IFxLocaleFormatting.class o com.ms.fx.FxFormattedText.class.
  • Problema debug script comportamenti. Comportamenti di script di Internet Explorer 5 (htc) non erano accessibili tramite il debugger e, pertanto, non erano in grado di eseguire il debug. Questo Ŕ stato corretto in Visual Studio 6.0 Service Pack 3.
  • Errori di runtime gestiti da Visual Studio, anche se era presente Script Debugger. Errori di run-time sarebbero gestiti da Visual Studio 6.0, anche se il Script Debugger sono stati installati. Gli utenti sono in grado di scegliere Script Debugger come l'applicazione da utilizzare in questa situazione. Visual Studio o lo Script Debugger ora Ŕ in grado di gestire errori di run-time.
  • Service Pack 3 contiene un aggiornamento del debugger che consente di utente di impostare punti di interruzione di fase di progettazione nei file. js e vbs.
  • Il comportamento di un modulo includere a thread singolo Controllo ActiveX variabile, a seconda dell'ambiente in cui l'applicazione Ŕ stato eseguito. Ad esempio, se Ŕ stato creato a thread singolo controllo di modifica, incluso controllo in un form e compilato il modulo in un file eseguibile, la modifica controllo sarebbe impossibile elaborare sequenze di tasti. Tuttavia, se non Ŕ stata compilata il modulo in un file eseguibile e l'esecuzione dell'applicazione tramite JView, la modifica controllo funzionavano come previsto. Questo service pack include un aggiornamento che consente single-threaded di controlli ActiveX incorporati in un form WFC si comporti come previsto, indipendentemente dall'ambiente in cui vengono eseguiti.
  • Quando si aggiunge un controllo DHTML Edit per Internet Explorer 5, Visual J++ avviato per generare il wrapper appropriato e compilazione di che loro, ma Ŕ possibile bloccare. Questo Ŕ stato risolto in Jactivex.exe inclusi in questo service pack.
  • Durante il debug di Visual J++ 6.0 in Windows NT, il computer Debug Manager recuperato precedentemente nome file di un processo eseguendo il registro dati delle prestazioni. Questo approccio per il recupero delle informazioni di processo causato gli arresti anomali. Di conseguenza, Machine Debug Manager Ŕ stato modificato per tenta di utilizzare l'API di stato del processo per recuperare i dati di processo. Se questo tentativo non riesce, i dati sulle prestazioni di una query di Machine Debug Manager Registro di sistema.

Microsoft Windows Foundation Classes correzioni

I seguenti elementi sono stati corretti nell'1.0.0.8443 versione di Windows Foundation Classes. Questo prodotto viene installato con Microsoft VM incluso con Service Pack 3.

Correzioni di supporto ActiveX

  • 215353ActiveXHost non gestisce le licenze con alcuni controlli ActiveX. Durante l'hosting di alcuni controlli ActiveX, ad esempio DB griglia 6.0, che Ŕ necessaria una licenza in un computer diverso da quello in cui la maschera Ŕ stata sviluppato in origine, una finestra di dialogo di avviso o errore verrÓ visualizzato il licenza scade in n giorni. Questo accade anche se il computer dove l'applicazione Ŕ stata distribuita ha una copia della licenza valida. Si tratta ora fissa, e l'avviso non verrÓ visualizzato solo se il controllo Ŕ senza licenza.

Correzioni di codice sottostante-HTML

Vedere anche problemi noti.
  • 194787DhDocument.setTitle non funziona initForm. Chiamata DhDocument.setTitle(stringa titolo) avuto alcun effetto sul titolo del documento. Chiamata di setTitle in onDocumentLoad dovrebbe risolvere il problema. DhDocument.setTitle ora funziona correttamente da entrambi initForm e onDocumentLoad.
  • 195174Quando<BODY>tag non sono in maiuscolo, JDHTML possono essere aggiunti a un modello associato.</BODY>Quando questo lato server il codice HTML sottostante e la<BODY>tag nel modello HTML non erano in lettere maiuscole (<BODY>), il modulo code-behind non Ŕ correttamente associato al documento e DhElements non Ŕ possibile aggiungere alla pagina. La ricerca di<BODY>tag Ŕ ora caso senza distinzione.</BODY></BODY></BODY>
  • 195173WinIOException quando si chiamano DhDocument.dumpDHTML e DhDocument.dumpHTML.DhDocument.dumpHTML e DhDocument.dumpDHTML sono metodi non supportati. Sono state contrassegnate come @deprecatede il compilatore genererÓ un avviso in caso utilizzato.
  • 197567DhCell.resetTextAlign non imposta le celle allineamento del testo a quella della riga corrispondente contenente.DhCell.resetTextAlign Reimposta ora l'allineamento del testo nella cella corrispondono a quelle del DhRow in cui la cella Ŕ contenuta.
  • 197566Dopo la rimozione di una riga di intestazione o una riga di piŔ di pagina, verrÓ generata un'eccezione di DhTable.removeAll. In WFC rilasciato, viene generata un'eccezione di ArrayIndexOutOfBounds durante la rimozione di un'intestazione o piŔ di pagina. Si tratta di alcun pi¨ il caso.
  • 223366DhStyleBase mancante setBackgroundImage. Esisteva un modo per impostare direttamente lo stile di immagine di sfondo per Elementi derivati DhStyleBase senza programmazione tramite Internet Explorer Document Object Model. DhStyleBase Ŕ ora un nuovo metodo: setBackgroundImage(stringa imageURL) dove imageURL Ŕ il percorso dell'immagine (completamente qualificato o relativo).
  • 223370Supporto del gestore eventi per WFC.Controlli dell'interfaccia utente in caso di Code-Behind HTML. In un progetto HTML code-behind in Visual J++ 6.0, gli utenti troveranno Quando wfc.ui i controlli vengono aggiunti a una pagina HTML, non supportano eventi gestori per gli eventi onEnter e onLeave . Tuttavia, gli eventi onMouseEnter e onMouseLeave verranno comunque eseguito correttamente. Il onEnter e onLeave eseguire solo quando un controllo viene posizionato su un wfc.ui.Form.
  • OnDocumentLoad venga chiamato smette di associazione a un DhInlineFrame. Associazione di un DhInlineFrame a un tag <IFRAME>in initForm con DhDocument.setBoundElements (elements[]) DhElement verrebbe generata un'eccezione Ŕ stata gestita automaticamente mediante la Framework. OnDocumentLoad di conseguenza, non Ŕ stato mai chiamato per un documento. Ora Ŕ stato risolto il bug. Il Framework associa ora correttamente un DhInlineFrame al tag <IFRAME>, e onDocumentLoad viene chiamato come previsto. </IFRAME></IFRAME>
  • L'associazione a un elemento DIV elemento contenente testo che non Ŕ racchiuso tra tag SPAN genera un'eccezione. Associazione agli elementi che sono stati ampiamente nidificati causati talvolta un elemento non trovato di eccezione. La soluzione Ŕ stata per racchiudere raw Testo HTML nei tag <span>. Questo problema Ŕ stato risolto e la soluzione non Ŕ pi¨ necessaria. </span>
  • La chiamata e associazione di metodi nei controlli WFC in uno Scenario di Code-Behind. Gli utenti possono aggiungere controlli com.ms.wfc.ui per un elemento HTML della pagina e farli partecipare a una scenario di code-behind. Per ottenere il risultato corretto, gli utenti devono chiamare il metodo DhBaseContainer.add (com.ms.wfc.ui.Control c) o utilizzare DhComponentWrapper.Creazione di un DhComponentWrapper, impostandone la proprietÓ del controllo (o impostazione del controllo nel costruttore), e aggiungerlo a un contenitore Ŕ equivale a chiamare il metodo DhBaseContainer.add . Per ulteriori informazioni, vedere DhComponentWrapper e DhBaseContainer.
  • DhModule.doMain chiamata da un'applicazione console causa NullPointerException. Applicazioni lato server possono essere verificate da un'applicazione console creazione di un oggetto DhModule , l'impostazione della classe di codice lato server e quindi chiamando dominio.In precedenza, la chiamata di dominio in questo modo causerebbe eccezione una puntatore null. adesso funziona correttamente.
  • La modifica di una selezione della scheda causare NullPointerException. Selezione di una scheda in un controllo TabControl Ŕ ospitato in una pagina HTML in uno scenario di code-behind provocherebbe NullPointerException. Questa eccezione Ŕ non pi¨ generata.
  • Le applicazioni di codice sottostante-HTML modificate nella finestra di progettazione HTML non funzionano in Internet Explorer 5. Per le applicazioni HTML di behind codice modificato nella finestra di progettazione HTML funzione con Internet Explorer 5 installata, poichÚ il <PARAM> il tag di gli elementi <OBJECT>in modo errato vengono ignorati. Codice-behind in formato HTML le applicazioni giÓ distribuite non sono interessate. Questo Ŕ stato corretto in Visual Studio Service Pack 3.</OBJECT>
  • Gli esempi di codice sottostante-HTML da vj6sampl.exe potrebbero smettere di funzionare quando Ŕ installato Internet Explorer 5. Gli esempi di codice sottostante-HTML da vj6sampl.exe come "dhButton", "dhContainer" e "dhImage" potrebbe smettere di funzionare quando Microsoft Ŕ installato Virtual machine versione 5.0.3167. Microsoft VM versione 5.0.3167 viene fornito con Internet Explorer 5. Questo problema Ŕ stato corretto in Visual Studio Service Pack 3.
  • DhBulletedList.resetID genera un'eccezione DhElementNotFoundException. Chiamata resetID su un DhBulletedList genererÓ comunque DhElementNotFoundException, e il metodo Ŕ contrassegnato come @deprecated.Tuttavia, verrÓ generato un avviso in fase di compilazione. Inoltre, il metodo non viene visualizzato in CodeSense o nel Visualizzatore oggetti per evitare un sviluppatore da accidentalmente la chiamata.
  • DhCell.getText in cella con associazione a dati DhTable restituisce una stringa vuota. Adesso funziona correttamente.
  • DhDocument.findElement genera DhElementNotFoundException se viene chiamato dopo DhDocument.getAllElements. Chiamata DhDocument.findElement(stringa elementID) genera un DhElementNotFoundException se fosse stato chiamato per trovare un elemento dopo una chiamata a DhDocument.getAllElements.DhDocument.findElement ora funziona correttamente anche se DhDocument.getAllElements Ŕ stato chiamato per primo.
  • DhEdit.addOnClick genera un com.ms.wfc.core.WFCException per solo le caselle di testo su pi¨ righe. Aggiunta di un gestore eventi a pi¨ righe DhEdit in initForm genererebbe un WFCException che dichiara l'elemento non Ŕ un<INPUT type="text">o <TEXTAREA>. La soluzione Ŕ stata aggiunta la i gestori eventi per la proprietÓ multiline modifica il controllo in onDocumentLoad.Aggiunta di gestori eventi ora funziona come previsto in entrambi initForm e onDocumentLoad. </TEXTAREA>
  • ResetID DhElement metodo Ŕ obsoleto. Il metodo resetID della classe DhElement non riuscita. In questo service pack, il funzionamento del metodo, ma con obsoleta.
  • DhModule mai Ŕ finalizzato, causando una perdita di memoria IIS. In questa versione di service pack, DhModule a questo punto viene correttamente eliminato Dopo l'uso.
  • DhModule metodi per recuperare il valore di un oggetto PARAM. La classe DhModule supporta ora i seguenti metodi che consentono di recuperare il valore di PARAM tag un oggetto:
    • Public String getParameter (String paramName)
    • Public String [] getParameterNames()
    Il parametro paramName identifica il parametro dell'oggetto che si desidera recuperare. Se nessun parametro dell'oggetto corrisponde a quello che si richiede, in questo metodo restituisce una stringa vuota.

    Il secondo metodo, getParameterNames, recupera i nomi di tutti i valori di parametri disponibili e restituisce tali nomi in una matrice di oggetti String. Questi metodi sono supportati da utilizzare solo all'interno di Internet Explorer. Una chiamata a Questi metodi da all'interno di tutti i trigger ambiente un WFCInvalidStateException.

  • DhRadioButton e DhCheckBox non superficie Document Object Model attributi o stili impostati in formato HTML. Associazione a un pulsante di scelta HTML o la casella di controllo che aveva personalizzato proprietÓ impostate non mantiene le proprietÓ dopo che Ŕ stato associato l'oggetto in JDHTML. Queste proprietÓ univoche andrebbe perse dopo che Ŕ stato associato l'oggetto. Questo problema viene risolto ora e sono di proprietÓ personalizzate per i pulsanti di opzione e caselle di controllo disponibile da JDHTML.
  • DhRow.add accetta solo DhCell. Nella prima versione di WFC, DhRow.add richiederebbe una Oggetto derivato da DhElement. Se l'oggetto non era un derivato di DhCell, il metodo avrebbe esito negativo. In questa versione, se il DhElement non deriva da DhCell viene generata una WFCInvalidParameterException .
  • DhTable.showNextPage genera un'eccezione di puntatore null quando viene chiamato dopo getBodyCell. Questo problema viene visualizzata solo in Internet Explorer 5. Chiamare il metodo DhTable.showNextPage ora funziona correttamente anche se Ŕ giÓ stato chiamato getBodyCell .
  • DhText.setFont, DhText.getFont e DhText.resetFont non funzionano correttamente. Se Ŕ stato eseguito il rendering di testo rappresentato in un oggetto DhText con un carattere out colpiti o sottolineato, chiamata setFont su tale oggetto con un carattere non sottolineato o non di out colpito sarebbe rimuovere la sottolineatura o barrare attributi dal tipo di carattere. Questo metodo funziona ora come previsto.
  • Si ottiene un'eccezione in WFC nel codice lato server creerÓ problemi in IIS, a causa di insufficienza di memoria. DataBound DhTables mai aggiunti a un contenitore non sarebbe essere completati correttamente, causando IIS in modo da utilizzare senza mai liberare la memoria.
  • Internet Explorer 5 restituisce "Impossibile ottenere eccezioni di superficie form WFC" se il caricamento di uno scenario complesso di code-behind in rete. Sono state le impostazioni di protezione in Internet Explorer 5 impedisce che venga eseguito correttamente se controlli WFC in uno scenario di code-behind il Documento HTML Ŕ stato caricato da un sito di unitÓ o rete intranet di rete locale. Questo scenario ora funziona come previsto.
  • Problema di Internet Explorer con Mshtml. dll verrÓ chiusa la finestra del browser dopo l'avvio del timer. Il IOleClientSite per il controllo timer Ŕ stato vengano eliminati prima che l'oggetto Ŕ stato disattivato. L'oggetto Ŕ ora disattivato prima dell'eliminazione del sito.
  • Miglioramento delle prestazioni: aggiungere DhBaseContainer.removeAllSafe. DhBaseContainer Ŕ un metodo removeAllSafe che consente di rimuovere rapidamente tutti gli elementi figlio. Attualmente viene utilizzato in DhBulletedList e pu˛ essere utilizzato anche nel contenitore derivato dello sviluppatore come di seguito:
    public void setElement(DhElement e)
    {
        removeAllSafe();
        m_item = e;
        if (e != null)
           super.add(e);
    }
    					
  • Problemi di associazione di elementi a DHDocument se non gli oggetti sono stati associati innanzitutto. Si Ŕ verificato un problema con l'associazione e l'aggiunta di oggetti da un DhDocument. Se non gli oggetti sono stati aggiunti a un DhDocument prima di una chiamata a setHTMLDocument, quindi tutte le aggiunte successive, ad esempio setBoundsElement, a DhDocument non riuscirebbe. Questo comportamento Ŕ stato corretto.
  • Ha ReadyStateEvent "???" come valore di readyState. Il ReadyStateEvent era la stringa "???" come valore di readyState indipendentemente dal fatto che Qual Ŕ lo stato pronto. Lo stato pu˛ essere uno dei seguenti valori: completo, interattivo, caricato o non inizializzato.
  • Senza un punto (.) all'inizio del nome non Ŕ possibile aggiungere elementi di stili. Se un DhStyle Ŕ stato creato utilizzando il costruttore di DhStyle(string name) e il parametro name non inizia con un punto, lo stile potrebbe non essere aggiunto a un elemento. Questo costruttore ora antepone un periodo per il nome dello stile Se non Ŕ giÓ presente.
  • Ŕ stato aggiunto il metodo getPropertyBag a DhModule. Nella prima versione di WFC, era Impossibile per un Classe derivata da DhDocument in uno scenario di code-behind per ottenere in qualsiasi <PARAM> tag all'interno del relativo DhModule <OBJECT>tag. DhModule dispone di due nuovi metodi: </OBJECT>
    • Public String [] getParameterNames
      Restituisce una matrice di stringhe che rappresentano gli attributi NAME per ogni i <PARAM> tag.
    • Public String getParameter (string parameterName)
      Restituisce l'attributo VALUE per l'oggetto passato in parameterName.
  • Quando si associa a una tabella con un'intestazione esistente o la riga del piŔ di pagina, la riga di intestazione/piŔ di pagina non viene considerata come parte della tabella. Chiamata DhDocument.setBoundElements (elements[]) DhElement per associare un oggetto DhTable a un oggetto esistente<TABLE>in HTML assocerebbe Nella tabella. Tuttavia, se tale tabella contenesse un <THEAD>o <TFOOT>, non sono stati considerati come una parte della tabella. Ad esempio, myTable.removeAll , verranno eliminate tutte le righe del corpo, ma le righe di intestazione e piŔ di pagina rimarrebbe. La soluzione precedente Ŕ stato per ottenere il<TABLE>con DhDocument.findElement(id di stringa) in onDocumentLoad.Entrambi questi scenari ora funziona come previsto.</TABLE></TFOOT></THEAD></TABLE>

Altri libreria WFC e correzioni del controllo

  • 223358Creazione di pi¨ di due finestre figlio MDI nel costruttore dell'elemento padre genera un WFCException. Se un modulo creato pi¨ di due multiple-document interface elementi figlio nel relativo costruttore, verrebbe generata una Win32Exception WFC. In seguito eccezione, il modulo dovrebbe solo due elementi figlio aggiunto. ╚ ora corretta. Un un numero arbitrario di elementi figlio MDI pu˛ essere creato e aggiunto a un form nel relativo costruttore.
  • 223365: MouseEnter e MouseLeave confonda in un controllo PictureBox con per ricreare un handle. Gli eventi MouseEnter e MouseLeave Ŕ in grado di causare problemi se, in risposta a uno di essi, un controllo PictureBox dovesse essere ricreato. Ad esempio, chiamando il metodo setBorderStyle su un controllo PictureBox causerÓ una ricreazione dell'handle. Se questo metodo fosse stato chiamato in un gestore di evento MouseEnter o MouseLeave , lo stato di MouseEnter/uscita verrÓ lasciato gli eventi Enter/Leave non risolti e futuri, non verrebbero riconosciuti. Si tratta di fissa nella maggior parte dei casi, anche se Ŕ possibile perdere una o pi¨ ingresso/uscita eventi. VerrÓ sincronizzato, tuttavia, il controllo stesso e gli eventi Enter/Leave verranno attivati come previsto dopo un certo periodo di tempo.
  • 223351SetSelectedIndex nel controllo struttura a schede non venga disegnato correttamente figli. Chiamare il metodo setSelectedIndex in un controllo TabControl talvolta avrÓ esito negativo per il rendering dei controlli figlio in tale pagina correttamente. Questo problema Ŕ stato risolto.
  • 223368Metodo setChecked non funziona nel menu di scelta rapida. Menu di scelta rapida per i controlli non sono state ricevute le Messaggio WM_INITMENUPOPUP. Pertanto, qualsiasi controllo menu eseguito non erano applicato. Chiamare il metodo setChecked nel menu di scelta rapida ora funziona come previsto.
  • 223352Pulsante ridimensionamento Ŕ coerente con la progettazione di moduli e run-time. Finestre figlio MDI creati nel costruttore della loro Frame MDI avrebbe autoscaling applicato due volte, una volta dal padre e una volta da soli. Ci˛ potrebbe causare controlli sulla finestra figlio di ridimensionamento eseguire in modo diverso nel tempo e in fase di progettazione. MDI non sono pi¨ parents autoscale i relativi elementi figlio.
  • 223344Il metodo com.ms.wfc.app.RegistryKey.setValue non funziona correttamente per matrici di stringhe. Quando si chiama com.ms.wfc.app.RegistryKey.setValue (oggetto) con una matrice di stringhe che Ŕ il parametro pi¨ caratteri dell'ultimo elemento della stringa nella matrice non verrebbero scritto correttamente. Scrittura di matrici di stringhe con questo metodo Ŕ ora possibile correttamente.
  • 223367Il metodo com.ms.wfc.app.RegistryKey.setValue non tiene conto dei caratteri di terminazione di Windows NT. Quando si imposta il valore di una stringa con com.ms.wfc.app.RegistryKey.setValue in Windows NT, non Ŕ stato aggiunto ai caratteri di terminazione null correttamente. ╚ stato corretto. Viene generata un'eccezione quando si rimuove un RebarBand senza un controllo figlio A NullPointerException. Il codice seguente genera un NullPointerException:
    RebarBand Band = new RebarBand();
    rebar1.addBand(Band);
    rebar1.removeBand(Band); // throws NullPointerException
    					
    Adesso funziona correttamente e l'eccezione non Ŕ eccezione generata.

  • Impossibile avviare il controllo Rebar con pi¨ RebarBands sulla stessa riga. In fase di progettazione, Ŕ possibile creare un controllo Rebar con pi¨ RebarBands sulla stessa riga. In fase di esecuzione Tuttavia, ogni RebarBand viene visualizzato nella propria riga. Vengono ora visualizzati i RebarBands nella riga a cui appartengono.
  • Problemi di associazione dati per dateTimePicker. Il campo data nel controllo DateTimePicker ora pu˛ essere correttamente associato a un campo di dati di data in un database.
  • Form.createWindowGraphics genera un WFCInvalidArgumentExceptioN. Adesso, questo metodo funziona come previsto e viene restituita una classe utilizzabile com.ms.wfc.ui.Graphics .
  • Garbage viene visualizzato sulla barra degli strumenti dopo l'installazione di Internet Explorer 5. Quando si esegue Internet Explorer 5 in Windows 95 o Windows 98, caratteri illeggibili verrebbero visualizzato nella descrizione comandi della barra degli strumenti e sotto la barra degli strumenti immagine del pulsante. Questo problema Ŕ stato corretto in questo service pack.
  • ImageList imposta valori predefiniti a 16 colori. Il controllo ImageList ha ora una nuova proprietÓ: colorDepth.Il valore di questa proprietÓ deve essere impostato su una delle costanti Enumerazione ColorDepth. Tuttavia, durante l'esecuzione in un sistema con pi¨ di 256 colori, dove il controllo ImageList Ŕ per contenere le immagini con 256 colori, la proprietÓ colorDepth deve essere impostata su uno dei seguenti:
    • ColorDepth.COLORDEPTH_64K_COLORS
    • ColorDepth.COLORDEPTH_MILLIONS_OF_COLORS
    • ColorDepth.COLORDEPTH_TRUE_COLOR
  • ListItem.setSelected(false) e setFocused(false) non funzionano. Nel codice, Ŕ possibile ora correttamente cancellare e rimuovere lo stato attivo da Oggetti ListItem in un controllo ListView.
  • Dal menu di modifica a discesa campo dati nella pagina delle proprietÓ del DataBinder. Visual J++ 6.0 cesserÓ di rispondere quando l'utente ha tentato modificare il menu di riepilogo a discesa campo dati nella pagina delle proprietÓ di un DataBinder oggetto. RasterOp.BRUSH e RasterOp.PEN non funzionano come previsto con le immagini trasparenti. Disegno di un'immagine trasparente con un pennello o RasterOp di PENNA sarebbe disegnare le aree non trasparenti dell'immagine in nero anzichÚ il colore di il pennello o la PENNA. Questo problema Ŕ risolto per il caso di RasterOp.BRUSH. Per RasterOp.PEN, non viene disegnato.
  • Oggetto di salvataggio di un'immagine in un flusso di memoria non funziona come previsto. L'estrazione di un oggetto Image da un controllo ImageList e tentando di archiviarlo in un flusso di memoria o file avrÓ esito negativo se Ŕ stato il sottostante PICTDESC null.Una bitmap valida PICTDESC restituito e l'immagine pu˛ essere mantenuta correttamente.
  • Problemi di sistema in Windows NT 4.0 Service Pack 3. In determinate circostanze, un computer che esegue Windows NT 4.0 Quando si esegue un'applicazione WFC che ha visualizzato una finestra che blocca i Service Pack 3 non dispone di una finestra padre. Questo problema Ŕ stato risolto in Windows NT 4.0 Service Pack 4 e Visual Studio 6.0 Service Pack 3. Il WFC controlla il padre finestra correttamente.
  • Quando si estende HTMLControl, non viene mai chiamato onDocumentReady. Un controllo scritta dall'utente che ha esteso la HTMLControl mai chiamato il metodo onDocumentReady . Questo problema viene risolto ora e come viene chiamato il metodo previsto.

Altre correzioni

  • 223361Errore del valore del metodo Time.getDayOfWeek. Contiene la sezione "Osservazioni" del metodo Time.getDayOfWeek informazioni non corrette. Dovrebbe indicare il numero restituito dal getDayOfWeek metodo Ŕ sempre compreso tra 0 e 6 dove il valore 0 indica la domenica.
  • Costruttori File.File omessi dalla documentazione di riferimento WFC di overload. Le seguenti versioni di overload del costruttore sono stati omessi Nella sezione File.File :
    • pubblica File ( percorsodi String, int modalitÓ)
    • pubblica File (stringa di percorso, int, modalitÓ, int access)
    Nella prima versione, accesso ai file Ŕ impostato su ReadWrite e condivisione di file Ŕ impostato su FileShare. Nel secondo versione, condivisione file Ŕ impostato su FileShare se Ŕ impostato il parametro di accesso per FileAccess; in caso contrario, la condivisione di file Ŕ impostato su FileShare.

Problemi noti

Database di Access 2000 devono essere connessi tramite ODBC nella creazione guidata Form dati

╚ possibile ottenere un errore "formato di database non riconosciuto" quando connessione a un database di Access 2000 utilizzando la creazione guidata Form dati. Per connettersi a un Access 2000 database, specificare il tipo di database ODBC (invece di accesso, che assumerÓ un Access 98) nella schermata "Tipo di Database". Nella connessione Pagina delle informazioni, Ŕ quindi possibile specificare il file di database di Access 2000 (*. mdb) come il database e Microsoft Access Driver (*. mdb) come driver. In alternativa, Ŕ possibile impostare un DSN utilizzando la creazione guidata origine dati ODBC di Windows Pannello di controllo e specificare il DSN nella pagina delle informazioni di connessione dei dati Creazione guidata Maschera.

Supporto HTML code-behind e Windows 2000 Beta 3

Controlli WFC dal pacchetto com.ms.wfc.ui che vengono aggiunti a un DhDocument (mediante il metodo DhComponentWrapper()) non funzionano in Windows 2000 La versione Beta 3. Questo problema verrÓ risolto in una versione futura di Windows 2000.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su Visual Studio 6.0 SP3 file Readme, vedere i seguenti articoli della Microsoft Knowledge Base:

230722 Visual Studio 6.0 SP3 File Leggimi parte 1 - installazione e panoramica

230724Visual Studio 6.0 SP3 Leggimi parte 2 - Visual Studio

230726 Visual Studio 6.0 SP3 Leggimi parte 3 - Visual Base

230727 Visual Studio 6.0 SP3 File Leggimi parte 4 - Visual C++

230729Visual Studio 6.0 SP3 Leggimi parte 5 - Visual FoxPro

230730 Visual Studio 6.0 SP3 Leggimi parte 6 - Visual InterDev

230732 Visual Studio 6.0 SP3 File Leggimi parte 8 - Visual SourceSafe

230733Visual Studio 6.0 SP3 Leggimi parte 9 - il file e ulteriori informazioni

ProprietÓ

Identificativo articolo: 230731 - Ultima modifica: sabato 20 luglio 2013 - Revisione: 1.0
Chiavi:á
kbinfo kbmt KB230731 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre Ŕ perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilitÓ per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualitÓ della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 230731
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com