Come verificare la creazione di record SRV per un controller di dominio

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 241515 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come verificare i record di risorsa SRV individuazione per un controller di dominio dopo l'installazione di Active Directory.

Informazioni

Per verificare il record di risorsa SRV individuazione per un controller di dominio, utilizzare il metodo appropriato.

Utilizzando DNS Manager

Dopo aver installato Active Directory su un server con il servizio Microsoft DNS, è possibile utilizzare lo snap-in Microsoft Management Console (MMC) di DNS Manager per verificare che le zone appropriate e i record di risorse vengono creati per ogni zona DNS. Active Directory, i relativi record SRV vengono creati nelle seguenti cartelle:
_Msdcs/Dc/_Sites/Nome-predefinito-primo-sito/_Tcp
_msdcs, dc/_tcp
In questi percorsi, viene visualizzato un record SRV per i seguenti servizi:
_kerberos
_ldap

Utilizzo del servizio Accesso rete

Se si utilizza Microsoft DNS server per supportare Active Directory, è possibile verificare i record di individuazione risorse SRV visualizzando il file Netlogon.DNS nella cartella % SystemRoot%\System32\Config. È possibile visualizzare il documento di servizio Accesso rete utilizzando un editor di testo. Il primo record visualizzato è il record SRV di LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) del controller di dominio nel seguente formato
_ldap._tcp. domainname
dove domainname è il nome del dominio.

Utilizzo di Nslookup

  1. Dal server DNS, un prompt dei comandi digitare nslookup .
  2. Tipo impostare tipo = all , quindi premere INVIO.
  3. Digitare _ldap._tcp.dc._msdcs. domainname (dove domainname è il nome del dominio) e quindi premere INVIO.
Nslookup restituisce uno o più record della posizione di servizio SRV nel formato seguente
hostname. indirizzo internet domainname = ipaddress
dove hostname è il nome di host di un controller di dominio, domainname è il dominio a cui appartiene il controller di dominio, e ipaddress è indirizzo IP (Internet Protocol) del controller di dominio.

Proprietà

Identificativo articolo: 241515 - Ultima modifica: mercoledì 28 febbraio 2007 - Revisione: 1.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi: 
kbmt kbhowto kbnetwork KB241515 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 241515
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com