Come configurare un DFS per l'utilizzo di nomi di dominio completo nei riferimenti

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 244380 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Per impostazione predefinita, una risposta di riferimento Microsoft Distributed File System dello spazio dei nomi parte principale a una query di riferimento principale DFS Ŕ nel formato di nome NetBIOS (\ \Server>\Condivisione>). Questo Ŕ necessario in determinati ambienti si basano su NetBIOS e rende possibili per i client che supportano la risoluzione dei nomi NetBIOS solo per individuare e connettersi alle destinazioni dello spazio dei nomi DFS. Per impostazione predefinita, i client Windows funzionano correttamente con questo.

Tuttavia, alcuni client non utilizzano NetBIOS. Due esempi sono i client che non eseguono Windows e che operano in un ambiente senza WINS o che utilizzano suffissi di nomi DNS. I client non sono compatibili con il comportamento di parte predefinito.

In questi casi, il client pu˛ essere Impossibile risolvere il nome del server che viene restituito dalla query di riferimento principale. Tuttavia, questo problema pu˛ gestito facilmente, poichÚ la parte pu˛ essere configurato per operare in un ambiente solo DNS. In questo articolo viene descritto come configurare un server parte di operare in tale ambiente.

Nota. Per i server dello spazio dei nomi che contengono solo spazi dei nomi autonomi, non sono necessari alcuni passaggi descritti in questo articolo. (Tali server dello spazio dei nomi include spazi dei nomi di cluster). Per impostazione predefinita, parte client possono accedere a tali spazi dei nomi autonomi attraverso uno \ \NetBIOS del server>\Spazio dei nomi> o \ \Nome FQDN del server>\Spazio dei nomi> percorsi dello spazio dei nomi. Configurazione del server dello spazio dei nomi Ŕ necessaria anche per spazi dei nomi autonomi per fornire i riferimenti corretti.

I passaggi descritti in questo articolo si applicano a tutti i server dello spazio dei nomi DFS, indipendentemente dal fatto che i server dello spazio dei nomi anche fungono da controller di dominio Active Directory.

Informazioni

L'approccio complessivo Ŕ costituito da quattro fasi seguenti:
  1. Configurare un suffisso DNS per la risoluzione dei nomi completi sul client.
  2. Verificare i record DNS di destinazioni di file server e i record host come richiesto.
  3. Configurare il server a parte per rispondere utilizzando i riferimenti alle FQDN per destinazioni della directory principale.
  4. Se necessario, aggiornare i metadati dello spazio dei nomi per ogni destinazione cartella in modo che i riferimenti a cartelle utilizzano nomi FQDN appropriati per le destinazioni cartella.

Passaggi per la fase 3: configurare il server di parte per rispondere utilizzando i riferimenti alle FQDN per destinazioni della directory principale

Nota. Prima di continuare con i passaggi seguenti per la fase 3, si consiglia di eseguire il backup dei metadati dello spazio dei nomi per impedire che errori imprevisti o incidenti. Le operazioni di backup, insieme con le altre procedure di ripristino qualora fosse necessario, sono descritte in passaggi A e C della sezione "Procedura per la fase 4".

Nota. I cmdlet di Windows PowerShell parte menzionati in questa sezione sono disponibili solo a partire da Windows Server 2012 o in Windows 8.
  1. Ottenere l'elenco degli spazi dei nomi basato su dominio ospitati sul server. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • Get-DfsnRoot -ComputerNameá<ServerName> |Where type -NotMatch "Standalone" 
    • dfsutil.exe server <ServerName> and manually identify the domain-based namespaces
    Nota. Se non esistono Nessun nomi ospitate su questo server dello spazio dei nomi, non Ŕ necessario eseguire alcune operazioni in questo articolo.
  2. Nota. ╚ possibile ignorare il passaggio seguente per i server dello spazio dei nomi che spazi dei nomi autonomi solo di host.

    In generale, spazi dei nomi basati su dominio sono ospitati su pi¨ server dello spazio dei nomi. Pertanto, quando si rimuove lo spazio dei nomi da un server dello spazio dei nomi, come in questo passaggio, disponibilitÓ di spazio dei nomi non Ŕ interessato. Tuttavia, Ŕ necessario assicurarsi che sia in realtÓ uno o pi¨ server dello spazio dei nomi che ospita lo spazio dei nomi. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • (Get-DfsnRootTarget ?Path <Namespace>).Count 
    • dfsutil.exe root <Namespace> 
    Ad esempio, il segnaposto dello spazio dei nomi> potrebbe rappresentare le seguenti operazioni:
    \\contoso.com\DomainNamespace
    Se si conferma che non esistono pi¨ server dello spazio dei nomi ospita uno spazio dei nomi, Ŕ possibile ignorare il passaggio C che segue.
  3. Nota. ╚ possibile ignorare il passaggio seguente per i server dello spazio dei nomi che spazi dei nomi autonomi solo di host. ╚ anche possibile ignorare questo passaggio se si conferma che non esistono pi¨ server dello spazio dei nomi che ospitano lo spazio dei nomi.

    Se Ŕ presente un solo server dello spazio dei nomi per lo spazio dei nomi, Ŕ consigliabile aggiungere temporaneamente un nuovo server dello spazio dei nomi prima di rimuovere il server esistente. (Cfr. Aggiungere server dello spazio dei nomi a uno spazio dei nomi DFS basato su dominio o Cmdlet di nuovo DfsnRootTarget.) In alternativa, Ŕ necessario salvare i metadati dello spazio dei nomi per una nuova creazione in un secondo momento. (Per eseguire questa operazione, vedere i passaggi da A andC della sezione "Procedura per la fase 4"). Tuttavia, deve tenere presente che il secondo approccio causerÓ un tempo di inattivitÓ temporaneo per lo spazio dei nomi.
  4. Nota. ╚ possibile ignorare il passaggio seguente per i server dello spazio dei nomi che spazi dei nomi autonomi solo di host.

    Rimuovere ogni spazio dei nomi basato su dominio ospitato dal server. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • Remove-DfsnRootTarget ?TargetPath <NamespaceRootTarget>
    • dfsutil.exe target Remove <NamespaceRootTarget> 
      Ad esempio, il segnaposto NamespaceRootTarget> Impossibile rappresentare il seguente: \\Contoso-FS.contoso.com\AccountingSoftware
  5. Attivare la funzionalitÓ di riferimento principale FQDN DFSN. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • Set-DfsnServerConfiguration ?ComputerName <ServerName> ?UseFqdn $true 
    • Dfsutil.exe server registry dfsdnsconfig set <ServerName> 
  6. Riavviare il servizio di parte. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • Stop-Service dfs; Start-Service dfs 
    • Net stop dfs; Net start dfs 
  7. Nota. ╚ possibile ignorare il passaggio seguente per i server dello spazio dei nomi che contengono solo spazi dei nomi autonomi.

    Ripristinare ogni spazio dei nomi che in precedenza rimossi dal server dello spazio dei nomi. A tale scopo, utilizzare uno dei seguenti metodi:
    • New-DfsnRootTarget ? TargetPath <RootTarget> [-Path <Namespace>] 
    • Dfsutil target add \\<RootTarget> 
  8. A seconda di come descritto nel passaggio B, seguire questi passaggi facoltativi:
    1. Se Ŕ stata eseguita una copia di backup dei metadati dello spazio dei nomi nel passaggio B, Ŕ possibile importare i metadati nello spazio dei nomi nuovamente creato. Prima di importare i metadati, Ŕ anche possibile apportare le modifiche necessarie durante il passaggio stesso. (Vedere la sezione "Procedura per la fase 4").
    2. Se un server dello spazio dei nomi Ŕ temporaneamente aggiunto nel passaggio B, Ŕ possibile rimuovere ora.

Passaggi per la fase 4: aggiornare i metadati dello spazio dei nomi per ogni destinazione cartella in modo che i metadati utilizza nomi FQDN appropriati



Attenersi alla seguente procedura per ogni spazio dei nomi che Ŕ ospitato sul server dello spazio dei nomi:
  1. Esportare i metadati dello spazio dei nomi:

    dfsutil.exe root export \\contoso.com\<DomainNamespace1> C:\dir1\a.txt 
  2. Apportare eventuali modifiche relative al nome FQDN per destinazioni cartella. Per ogni "destinazione" XML elemento contenuto in un "collegamento" XML elemento, modificare il riferimento di NetBIOS al relativo riferimento FQDN equivalente.

    Ad esempio, prima dell'aggiornamento, l'elemento Ŕ il seguente:

    <Target State="ONLINE" >\\FileServer-NetBIOS\Share1</Target>
    Dopo l'aggiornamento, l'elemento Ŕ la seguente:

    <Target State="ONLINE" >\\FileServer-FQDN\Share1</Target>
  3. Importare i metadati dello spazio dei nomi aggiornati:

    dfsutil.exe root import set C:\dir1\a.txt \\contoso.com\<DomainNamespace1>

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sugli argomenti correlati, vedere i seguenti siti Web:

ProprietÓ

Identificativo articolo: 244380 - Ultima modifica: giovedý 17 ottobre 2013 - Revisione: 4.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Windows Server 2012 Datacenter
  • Windows Server 2012 Standard
  • Windows Server 2012 Essentials
  • Windows Server 2012 Foundation
  • Windows Server 2008 Datacenter without Hyper-V
  • Windows Server 2008 Enterprise without Hyper-V
  • Windows Server 2008 for Itanium-Based Systems
  • Windows Server 2008 Standard without Hyper-V
  • Windows Server 2008 Datacenter
  • Windows Server 2008 Enterprise
  • Windows Server 2008 Standard
  • Windows Server 2008 R2 Datacenter
  • Windows Server 2008 R2 Enterprise
  • Windows Server 2008 R2 Standard
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Windows Server 2012 R2 Datacenter
  • Windows Server 2012 R2 Essentials
  • Windows Server 2012 R2 Foundation
  • Windows Server 2012 R2 Preview
  • Windows Server 2012 R2 Standard
Chiavi:á
kbenv kbhowto kbnetwork kbmt KB244380 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre Ŕ perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilitÓ per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualitÓ della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 244380
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com