PRB: Impostazione della proprietÓ Sort di un oggetto Recordset di ADO provoca la visualizzazione di runtime messaggio di errore 3251

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 253248 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

Impostando la proprietÓ di ordinamento della finestra di un oggetto ADO Recordset con proprietÓ CursorLocation non Ŕ stata impostata in modo esplicito o Ŕ stata impostata su adUseServer , causa il seguente messaggio di errore da visualizzare:
Errore di Runtime '3251': l'operazione richiesta dall'applicazione non Ŕ supportato dal provider
In alternativa, in MDAC 2.6 o versione successiva, verrÓ visualizzato il seguente messaggio:
Errore di Runtime '3251': provider corrente non supporta la le interfacce necessarie per l'ordinamento o filtraggio.

Cause

Il provider in uso non espone le interfacce di OLE DB richieste dal metodo ADO ordinamento. Questi sono interfacce facoltative. La maggior parte dei provider OLE DB non supportano il metodo di ordinamento quando si utilizzano i cursori sul lato server.

Risoluzione

Il metodo di ordinamento Ŕ supportato da ADO Client Cursor Engine. Impostare la proprietÓ CursorLocation dell'oggetto ADO recordset su adUseClient prima di aprirlo.

- oppure -

Se il provider OLEDB supporta un linguaggio di query, ad esempio SQL, Ŕ possibile richiedere i record in un ordinamento. Ad esempio, i provider Microsoft Jet e OLEDB di Microsoft SQL Server supportano la clausola SQL ORDER BY . Se si desidera riordinare i dati, Ŕ necessario selezionare nuovamente, oppure utilizzare un cursore del lato client.

Status

Questo comportamento legato alla progettazione.

Informazioni

L'impostazione predefinita la proprietÓ CursorLocation dell'oggetto ADO Recordset quando non viene specificato in modo esplicito Ŕ adUseServer . Questa impostazione utilizza un cursore di fornito da driver o provider di dati per creare il recordset.

Impostazione della proprietÓ CursorLocation il recordset ADO su adUseClient utilizza un cursore sul lato client fornito dalla libreria di cursore locale per creare e popolare il recordset. ADO Client Cursor Engine supporta il metodo di ordinamento e pu˛ essere utilizzato se il provider OLDEB non.

Procedura per riprodurre il problema

Nell'esempio viene utilizzata database pubs di SQL Server 7.0. Il problema pu˛ inoltre essere riprodotto utilizzando il provider OLEDB di Microsoft Jet e un database di Access.
  1. Aprire un nuovo progetto di EXE standard in Visual Basic 5.0 o 6.0. In base all'impostazione predefinita, viene creato il progetto Form1.
  2. Scegliere riferimenti dal menu progetto . Aggiungere un riferimento alla libreria di ActiveX Data Objects.
  3. Aggiungere un pulsante di comando (Command1) al form predefinito e modificare la proprietÓ Caption per Ordina record .
  4. Aggiungere il codice riportato di seguito al form:
    Option Explicit
    
    Dim cn As ADODB.Connection
    Dim rs As ADODB.Recordset
    
    Private Sub Form_Load()
      Set cn = New ADODB.Connection
      cn.Open "Provider=SQLOLEDB.1;Data Source=MyServer;Initial   Catalog=pubs;User ID=<user name>"
    End Sub
    
    Private Sub Command1_Click()
      Set rs = New ADODB.Recordset
    '  rs.CursorLocation = adUseClient
      rs.open "Select * from Authors", cn, adOpenKeyset, adLockReadOnly, adCmdText
      rs.Sort = "au_lname desc"
      Do While Not rs.EOF
        Debug.Print rs!au_lname
        rs.MoveNext
      Loop
      rs.Close
    End Sub
    					
    Nota ╚ necessario modificare la stringa di connessione per puntare a un'origine dati validi. Assicurarsi che l'ID utente disponga di autorizzazioni appropriati eseguire questa operazione sul database.
  5. Eseguire il progetto e scegliere il pulsante di comando . Si noti che sia visualizzato l'errore indicato nella sezione "Sintomi" di questo articolo.
  6. Interrompere il progetto e rimuovere il commento la riga seguente:
    '  rs.CursorLocation = adUseClient
    					
  7. Eseguire di nuovo il progetto. Si noti che viene completata correttamente e che i record stampati in ordine decrescente in au_lname.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 253248 - Ultima modifica: giovedý 6 novembre 2003 - Revisione: 2.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.0
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.01
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.1
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.1 Service Pack 1
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.1 Service Pack 2
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.5
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.6
  • Microsoft ActiveX Data Objects 2.7
Chiavi:á
kbmt kbprb KB253248 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 253248
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Dichiarazione di non responsabilitÓ per articoli della Microsoft Knowledge Base su prodotti non pi¨ supportati
Questo articolo Ŕ stato scritto sui prodotti per cui Microsoft non offre pi¨ supporto. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com