Aumento del numero di indirizzi IP su una subnet in un server DHCP

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 255999 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

Si tenta di estendere l'ambito in un server DHCP, ma quando si modifica l'ambito nella finestra di dialogo proprietÓ dell'ambito, viene visualizzato il seguente errore:
"L'intervallo IP Ŕ stato modificato, ma non ancora salvato. Continuare, verranno annullate le modifiche. Continuare?"
Non selezionare "Sý" o "" a questo messaggio fa sý che nessuna modifica all'ambito esistente.

Risoluzione

Questo articolo vengono descritti metodi che Ŕ possibile utilizzare per modificare il numero di IP host sulla subnet qualsiasi particolare. Sono illustrati tre metodi seguenti:
  • Estensione dell'ambito
  • Resubnetting
  • Superscoping

Estensione dell'ambito

Se si dispone giÓ di un ambito DHCP e l'indirizzo di inizio e di un indirizzo finale non Ŕ attualmente fra tutti gli indirizzi per la subnet specificata, Ŕ possibile aumentare il numero di indirizzi nell'ambito estendendo l'indirizzo di avvio o l'indirizzo finale nelle proprietÓ dell'ambito.

Nell'esempio riportato di seguito viene illustrato una rete di classe C con le seguenti impostazioni:
Indirizzo di subnet: 192.168.1.0
Subnet mask: 255.255.255.0
In questo esempio produce una rete di 254 host che occupano l'intervallo di indirizzi da 192.168.1.1 192.168.1.254.

L'ambito che Ŕ stato creato include le proprietÓ seguenti:
Indirizzo iniziale: 192.168.1.50
Indirizzo finale: 192.168.1.150
Subnet mask: 255.255.255.0
Per aumentare il numero di indirizzi disponibili per i client, Ŕ possibile modificare l'indirizzo di avvio oppure indirizzo finale quanto 1 e 254, rispettivamente.

Nota Nelle versioni precedenti di Dynamic Host Configuration Protocol (DHCP), Ŕ necessario estendere lo indirizzo avvio o di un indirizzo finale in incrementi di 32. Questo non Ŕ il caso se si esegue Microsoft Windows NT 4.0 Service Pack 6 o versione successiva.

Se l'ambito giÓ copre l'intero intervallo e viene utilizzata la completamente, Ŕ sufficiente altre due opzioni: superscoping o resubnetting. Entrambe queste opzioni necessario apportare modifiche all'architettura della rete.

La semplice modifica i parametri di ambito DHCP non fornisce pi¨ lease. DHCP interagisce con l'architettura di subnet di rete e pu˛ invece gli indirizzi tuttavia si desidera. Considerare sempre la necessitÓ di espandere gli intervalli di indirizzi come un esercizio di architettura subnet prima e tutto. Dopo aver stabilito quale architettura utilizzare, Ŕ possibile configurare DHCP in base alla struttura della rete.

Resubnetting

Resubnetting Ŕ la procedura consigliata per aumentare un DHCP quando l'ambito corrente Ŕ interamente utilizzata la versione corrente di subnet mask di ambito. Tuttavia, questo metodo richiede la modifica tutti gli host della subnet e gateway. Se si dispone di un intervallo di indirizzi ha esaurito gli indirizzi di host disponibili, Ŕ possibile modificare la subnet mask per includere una condivisione di dimensioni maggiore di indirizzi host. Tuttavia, semplicemente modifica la subnet mask richiede che essere riconfigurato tutti i router e gli altri computer assegnato in modo statico e tutti i client DHCP dispongono di rinnovare il lease di ottenere i nuovi parametri.

Inoltre, il DHCP intero ambito gli ambiti devono essere prima eliminati e poi ricreato utilizzando la nuova subnet mask. La possibilitÓ di indirizzi duplicati Ŕ presente durante questo periodo se non si accettano procedura per impedire il lease di indirizzi che potrebbero utilizzare altri client. Nonostante tutte le avvertenze citati in precedenza, resubnetting Ŕ ancora la procedura consigliata. La configurazione resubnetting non crea generato alcun overhead aggiuntivo sul gateway o router di subnet e mantiene tutti gli host sullo stesso indirizzo broadcast.

Nell'esempio riportato di seguito viene illustrato una Scarica subnet con le seguenti impostazioni:
Indirizzo di subnet: 192.168.1.0
Subnet mask: 255.255.255.0
Questo produce una rete di 254 host con indirizzi da 192.168.1.1 a 1921.68.1.254.

Nel riportato di seguito viene illustrato il risultato se Ŕ possibile utilizzare l'opzione resubnetting:
Indirizzo di subnet: 192.168.1.0
Subnet mask: 255.255.254.0
Ora Ŕ una rete di 510 host con gli indirizzi da 192.168.0.1 a 192.168.1.254 (per ambito 192.168.0.0) o 256 indirizzi DHCP appena disponibili.
Prima di:
---------192.168.1.0/24-------R-------192.168.5.0/24---------

Dopo:
---------192.168.0.0/23-------R-------192.168.5.0/24---------

Superscoping

Superscoping (noto anche come multinetting) pu˛ soddisfare i requisiti. Se non si desidera modificare la subnet di una rete esistente, Ŕ possibile aggiungere ulteriori reti logiche per la stessa rete fisica. In questo modo un carico aggiuntivo sul router o gateway configurato con pi¨ subnet logiche in esecuzione su una singola porta fisica. Prestazioni di rete ridotto pu˛ causare il carico aggiuntivo. Host su una subnet logica deve essere instradato attraverso il gateway per comunicare con host su altre subnet logica, nonostante la condivisione della stessa rete fisica.

Nell'esempio riportato di seguito viene illustrato una Scarica subnet con le seguenti impostazioni:
Indirizzo di subnet: 192.168.1.0
Subnet mask: 255.255.255.0
Nel riportato di seguito viene illustrato i risultati se Ŕ possibile utilizzare l'opzione superscoping:
Indirizzo di subnet: 192.168.1.0 e 192.168.2.0
Subnet mask: 255.255.255.0
Ora Ŕ due reti di 254 host (totale 508 host) con gli indirizzi da 192.168.1.1 192.168.1.254 e 192.168.2.1 per 192.168.2.254 o 254 indirizzi DHCP appena disponibili.
Prima di:
-----192.168.1.0/24------R-----192.168.5.0/24--------

Dopo:
-----192.168.1.0/24 e 192.168.2.0/24-----R-----192.168.5.0/24------
Dopo aver stabilito quale opzione che si desidera utilizzare, Ŕ possibile scegliere la configurazione DHCP corrispondente.

Se si utilizza l'opzione di resubnetting, Ŕ necessario eliminare e ricreare l'ambito DHCP con la nuova subnet mask (non Ŕ possibile modificare solo la maschera per un ambito specifico). Se si sono servire i client esistenti di una parte di questo intervallo, Ŕ necessario attivare il rilevamento dei conflitti fino a quando non tutti i client vengono migrati nel nuovo ambito. Questa azione Ŕ necessario effettuare le seguenti operazioni:
  1. Configurare l'interfaccia di ogni router connesso e modificare l'indirizzo IP per l'interfaccia di connessa, l'indirizzo di subnet e la subnet mask.
  2. Eliminare l'ambito DHCP corrente.
  3. Consente di creare un nuovo ambito DHCP con la nuova subnet mask.
  4. Attivare l'opzione tentativi conflitti sul server DHCP (impostato su 1 o 2).
  5. Forzare i client DHCP per rinnovare i DHCP concede in lease.
  6. Modificare l'indirizzo IP, subnet mask e/o gateway predefinito su ogni host statically-configured.
Quando si utilizza l'opzione superscoping, Ŕ necessario ambito esteso un numero di ambiti insieme. Creare singolarmente ciascun ambito e quindi creare un ambito esteso per incorporare singoli ambiti. Questa azione Ŕ necessario effettuare le seguenti operazioni:
  1. Aggiungere indirizzi IP secondari le interfacce di router corrente.
  2. Consente di creare un nuovo ambito DHCP per la nuova subnet logica.
  3. Creare un ambito esteso e aggiungere gli ambiti DHCP vecchi e nuovi come elementi figlio.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 255999 - Ultima modifica: martedý 31 ottobre 2006 - Revisione: 2.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
Chiavi:á
kbmt kbinfo kbnetwork KB255999 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 255999
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com