Restituzione incoerente di indirizzi IP virtuali del cluster da parte di gethostbyname()

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 257577 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo è stato archiviato. L?articolo, quindi, viene offerto ?così come è? e non verrà più aggiornato.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sintomi

Se il programma utilizza la funzione gethostbyname , l'elenco restituito degli indirizzi IP potrebbe non includere gli indirizzi IP virtuali creati dal servizio cluster oppure è possibile elencare indirizzi IP che non sono attualmente utilizzati da questo nodo.

Cause

Quando il Servizio cluster aggiunge o rimuove indirizzi IP virtuali, il protocollo TCP/IP non aggiorna la cache dalla quale estrae gli indirizzi IP.

Risoluzione

Per risolvere questo problema è necessario ottenere la versione più recente del service pack per Windows 2000. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
260910Come ottenere Windows 2000 Service Pack più recente
La versione inglese di questa correzione deve essere di avere i seguenti attributi di file o versioni successive:
Nome del file: Q257577_w2k_sp2_x86_en.exe
Versione: 1.10.101.0
Nel pacchetto sono comprese le versioni aggiornate dei file seguenti:
Clusres.dll
Dnsapi.dll

Status

Microsoft ha confermato che questo problema riguarda i prodotti Microsoft elencati all'inizio di questo articolo. Questo problema è stato innanzitutto corretto in Windows 2000 Service Pack 2.

Informazioni

In Windows NT 4.0 gethostbyname (nome del nodo locale) restituiva un elenco con tutti gli indirizzi IP di cui veniva avviata un'istanza nel server, compresi gli indirizzi IP del cluster. In Windows 2000 la stessa operazione di solito restituisce solo gli indirizzi IP assegnati in modo permanente al server, anche se a volte può restituire l'elenco completo proprio come in Windows NT 4.

La modifica di comportamento è un effetto collaterale dell'implementazione del servizio del resolver DNS. Il resolver inserisce l'elenco di indirizzi IP locali nella cache al momento dell'avvio. Quando deve risolvere il nome del nodo locale, restituisce l'elenco esistente nella cache anziché consultare un server DNS. Il problema risiede nel fatto che il resolver non riceve le notifiche PNP di cambiamento degli indirizzi dallo stack TCP bensì dal client DHCP. Quando il resolver riceve una notifica di cambiamento da DHCP, aggiorna l'elenco di indirizzi IP contenuto nella cache interrogando lo stack TCP. Ne consegue che quando il servizio di cluster avvia un'istanza per un nuovo indirizzo, il resolver ne viene a conoscenza solo se o quando si verifica un successivo cambiamento di indirizzo DHCP. Si verifica la stessa cosa quando gli indirizzi cluster vengono rimossi. Dal momento che le modifiche agli indirizzi DHCP sono rare, di solito gethostbyname esclude gli indirizzi IP del cluster durante la risoluzione del nome del nodo locale.

In Windows 2000 MSMQ dipende dal nuovo comportamento relativamente alla configurazione attivo/attivo in un cluster, pertanto è svincolato dal comportamento della correzione rapida. MSMQ si serve di RPC per la comunicazione client/server. All'avvio del processo server RPC utilizza gethostbyname per determinare l'elenco di indirizzi IP da ascoltare. Nella propria configurazione attivo/attivo, un processo del server MSMQ è associato al nome del nodo locale, mentre un altro è associato a un server virtuale di cluster. Se gethostbyname restituisce l'indirizzo IP del server virtuale al processo associato al nome del nodo locale, entrambi i processi ascoltano tale indirizzo. Il risultato è che i client che tentano di connettersi al processo del server virtuale possono essere connessi per errore al processo del nodo locale. Pertanto, MSMQ dipende dal fatto che gli indirizzi IP virtuali del cluster in genere non vengono restituiti da gethostbyname durante la risoluzione del nome del nodo locale.

Proprietà

Identificativo articolo: 257577 - Ultima modifica: lunedì 10 febbraio 2014 - Revisione: 2.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi: 
kbnosurvey kbarchive kbmt kbhotfixserver kbqfe kbbug kbfix KB257577 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 257577
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com