Utilizzo di Microsoft Cluster Server per creare un server virtuale

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 257932 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Quando il servizio Microsoft Cluster (MSCS) sarÓ la possibilitÓ di associare pi¨ nomi di rete NetBIOS a un unico server fisico. Per effettuare questa operazione, Ŕ possibile creare una risorsa nome di rete in Amministrazione Cluster e quindi Ŕ possibile impostare una dipendenza su una risorsa indirizzo IP. La risorsa nome rete crea un server virtuale che a cui connettono gli utenti.

Per accedere a un'applicazione di rete, o una risorsa in un ambiente non cluster, i client di rete devono connettersi a un server fisico (ovvero un computer specifico della rete identificato da un nome di rete univoco e un indirizzo IP). Se si verifica un errore tale server, accedere all'applicazione o risorsa Ŕ persa.

Tramite i cluster di server, MSCS consente la creazione dei server virtuali. A differenza di un server fisico, un server virtuale non Ŕ associato a un computer specifico ed Ŕ possibile failover da un nodo a altro come un gruppo. Pu˛ inoltre essere resi disponibile, o portata in modo dinamico non in linea senza compromettere altri server virtuali e risorse che il server Ŕ rendere disponibile. Se il nodo che ospita il server virtuale non riesce, i client possono ancora accedere alle risorse utilizzando il nome del server stesso, ma verrÓ reindirizzate a un altro nodo del cluster.

Sebbene MSCS sia stato progettato per consentire un amministratore di sistema connettere pi¨ server in un cluster ad elevata disponibilitÓ, Ŕ possibile utilizzare, in un unico server per fornire pi¨ "server virtuali" all'interno di un server fisico, con una configurazione minima necessaria. Questo viene definito come "Lonewolf", o cluster di server a singolo nodo, in cui ogni server virtuale dispone di propri nome e a un indirizzo IP univoco associato. Questo pu˛ essere utile in un consolidamento dei server e che sfruttano le funzionalitÓ avanzate di clustering, come condivisioni di file dinamici per le condivisioni home directory.

Per ulteriori informazioni sulle relative limitazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
235529Supporto di Kerberos su cluster di server basati su Windows 2000

Informazioni

Per impostare un server virtuale, attenersi alla seguente procedura:
  1. Avviare Amministrazione Cluster (CluAdmin.exe), fare clic con il pulsante destro del mouse su di esso e quindi fare clic su Configurazione di applicazione .
  2. Selezionare la casella di controllo Crea un nuovo server virtuale .
  3. Selezionare la casella di controllo Crea un nuovo gruppo di risorse , oppure utilizzare un gruppo esistente.
  4. Nome del gruppo all'interno di amministrazione cluster.
  5. Immettere il nome di rete, che deve essere un nome NetBIOS univoco sulla rete. Non utilizzare lo stesso nome per pi¨ quindi una risorsa nel cluster stesso. Il client utilizzerÓ questo nome per connettersi alle risorse. ╚ importante per utilizzare il nome del cluster per le connessioni client perchÚ non viene associato allo stack di LAN Manager nello stesso modo. Per le connessioni client, creare nuovo, indipendente dal server virtuali, ad esempio:
    \\%VirtualServer%\%ShareName%
    Inoltre, immettere in un indirizzo IP in cui si dipendere il nome di rete. Questo Ŕ l'indirizzo IP verrÓ associato il nome di rete in WINS (Windows Internet Naming Service) e le registrazioni Domain Name System (DDNS) dinamiche e per gli utenti si connetteranno.

    Nota : una risorsa nome rete deve dipendere da solo una risorsa indirizzo IP, oppure che problemi di connettivitÓ possono verificarsi.
  6. Selezionare No, creer˛ una risorsa cluster per l'applicazione in un secondo momento e quindi completare la procedura guidata di configurazione dell'applicazione .
  7. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul gruppo appena creato e quindi selezionare Attiva .
  8. Verificare la connettivitÓ al server virtuale appena creata:
    1. Fare clic su Start , scegliere Esegui e digitare \\%VirtualServer% . Verificare che Ŕ possibile visualizzare le risorse disponibili.

      Nota : poichÚ Ŕ presente un solo stack di LAN Manager su un determinato server, non sarÓ possibile visualizzare tutte le risorse che altri server virtuali di pubblicazione e che appartengono a tale nodo stesso.Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
      170762Condivisioni cluster visualizzato nell'elenco di Sfoglia in altri nomi
    2. Provare a connettersi a nome del server virtuale da una postazione remota e verificare che l'indirizzo IP restituito sia quello desiderato in cui dipende la risorsa.
    3. Il failover del gruppo su un altro nodo del cluster, verificare che Ŕ in linea e verificare tutti i precedenti passaggi.
    4. Inoltre, eseguire tutti i passaggi sopra indicati da un client su una rete remota.

      Nota : quando si verifica un failover di un server virtuale, i client di connettersi alla stesso nome di rete e indirizzo IP, ma il Mac (MAC) del controllo associato l'indirizzo IP a indirizzo ora le modifiche.Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
      244331Modifiche di indirizzo MAC per il server virtuale durante un Failover

ProprietÓ

Identificativo articolo: 257932 - Ultima modifica: venerdý 26 ottobre 2007 - Revisione: 3.6
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Enterprise Edition
Chiavi:á
kbmt kbproductlink kbinfo kbnetwork kbtool KB257932 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 257932
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com