Risoluzione dei messaggi di errore di sincronizzazione MMSSPP in Office 365 dedicato

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 2590119 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo sono elencati i codici di errore di sincronizzazione Microsoft Managed Services servizio Provisioning Provider (MMSSPP) con risoluzioni per gli errori che rappresentano tali codici.

Attualmente, i clienti possono individuare gli errori di sincronizzazione elencati nel rapporto di sincronizzazione MMSSPP. La relazione di sincronizzazione MMSSPP viene fornita ai clienti di Microsoft Office 365 dedicata, una volta al giorno.

Nota. Se i clienti desiderano ricevere errore di sincronizzazione segnala più frequentemente, che può inviare una richiesta di modifica tramite i Manager di erogazione del servizio. È possibile aumentare la frequenza dei report non più di una volta per ogni ciclo di sincronizzazione MMSSPP.

Tutti gli errori di sincronizzazione (vale a dire, gli errori in cui codice inizia con "SE") hanno lo stesso impatto nonostante l'errore di sincronizzazione specifica. Segue una descrizione di tale impatto. Errori di provisioning (ovvero, tali errori cui codici iniziano con "PE") non hanno tale impatto.

Impatto di errore generale di sincronizzazione

Se l'oggetto è stato sincronizzato in precedenza senza errori nella directory ospitato MSO, MMSSPP non sincronizzerà qualsiasi modifica attributo per l'oggetto all'elenco indirizzi globale ospitato MSO (GAL). Se questa è la prima volta che la sincronizzazione di questo oggetto da MMSSPP, l'oggetto non verrà sincronizzata con la directory ospitata MSO. Eventuali aggiornamenti degli attributi per l'oggetto customer, ad esempio un nuovo indirizzo di posta elettronica o l'appartenenza al gruppo nuovo o rimosso, non verranno sincronizzate con la directory ospitata MSO. Pertanto, tali aggiornamenti degli attributi non saranno visibili nell'elenco indirizzi globale ospitato MSO finché questa condizione di errore non viene risolto tramite la risoluzione è menzionata nella sezione "impatto errore sincronizzazione specifica". Le dichiarazioni di impatto sono elencate nei messaggi di errore di sincronizzazione specifiche sono tutti oltre generale impatto menzionato in questo caso. Se non esiste alcun effetto aggiuntivo, la spiegazione si legge come segue:
Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

Informazioni

Nota. È necessario utilizzare il nome distinto (DN) di origine di un oggetto durante la ricerca di errori di sincronizzazione. Se l'origine DN non funziona, è necessario utilizzare il DN di un oggetto gestito.


Nota. Per gli errori associati a gruppi e le appartenenze di gruppo, vedere la "Membro mancante nel gruppo di distribuzione"sezione.
  • TargetAddress SE1008No sull'oggetto utente

    L'oggetto utente non dispone di una cassetta postale (homeMDB) e nessun valore di targetAddress . Di conseguenza, errori di posta elettronica non recapitabili.

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Creare una cassetta postale per l'oggetto utente. In alternativa, scegliere il valore di targetAddress una cassetta postale esistente.

  • Valore dell'attributo SE1101The mail non è valido

    Il formato dell'indirizzo di posta elettronica Simple Mail Transfer Protocol (SMTP) non è corretto o contiene caratteri non supportati.

    Impatto:Se la cassetta postale del cliente è presente, non possono essere migrato nella directory ospitato MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione:L'attributo mail deve essere corretti prima di MMSSPP possibile riprendere la sincronizzazione. Per ulteriori informazioni su come correggere il formato di indirizzo SMTP, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    316061 XADM: Il connettore SMTP restituisce un messaggio di errore quando si utilizzano caratteri non validi

  • Valore dell'attributo SE1102 Mail non è presente nell'elenco di dominio SMTP gestito

    Il suffisso SMTP dell'attributo della posta non è presente nell'elenco di domini SMTP consentito per il provisioning delle cassette postali. (L'elenco è noto anche come elenco di dominio SMTP gestito).

    Impatto:Se la cassetta postale del cliente è presente, non possono essere migrato nella directory ospitato MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Contatto MSO se questo dominio SMTP deve essere aggiunto all'elenco dei domini SMTP gestito. In alternativa, è possibile correggere l'indirizzo di posta elettronica se non è valido.
    • MMSSPP prevede che tutti gli oggetti utente che dispongono di una cassetta postale (homeMDB o configurabile cassetta postale indicatore Tag [CMIT]) nel sistema di posta elettronica del cliente in un locale per avere un indirizzo di posta che dispone di un suffisso nell'elenco di dominio SMTP gestito.
    • L'unica eccezione si verifica quando un valore di targetAddress viene impostato. Ad esempio, si verifica un'eccezione quando la cassetta postale del cliente non è ospitato in locale, ma è esterna al sistema di posta elettronica del cliente.
    • AttenzioneSe l'indirizzo di posta viene modificato l'oggetto customer in modo che il suffisso non è nell'elenco di dominio SMTP gestito più e se tale utente dispone di una cassetta postale ospitata MSO, annullamento della cassetta postale ospitata MSO verrà essere provisioning degli e verrà generato un errore di sincronizzazione di SE1153. Per ulteriori informazioni sull'errore di sincronizzazione SE1153, vedere SE1153.

  • Attributo SE1103Mail è null

    Attributo mail non è impostata su un gruppo o un oggetto contatto (valore null).

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Assegnare un valore di attributo di posta per l'oggetto nell'insieme di strutture del cliente.

    Nota. MMSSPP prevede che tutti i gruppo e gli oggetti contatto dispone di un SMTP valido, definito indirizzo di posta.

  • SE1104The targetAddress non è presente

    L'attributo targetAddress non è presente su un oggetto contatto (valore null). Tutti gli oggetti contatto che dispongono di un indirizzo di posta elettronica nell'elenco di dominio SMTP gestito devono avere il valore di targetAddress che punta a un indirizzo SMTP esterno.

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Assegnare un valore valido esterno targetAddress per ogni oggetto contatto interessato.

    Nota. Di seguito è riportato un esempio di un valore valido targetAddress :
    SMTP:userA@domainX.fabrikam.com

  • SE1106 Il valore dell'attributo della posta non è univoco

    Un altro oggetto in un insieme di strutture nell'ambito della sincronizzazione MMSSPP cliente ha lo stesso indirizzo di posta elettronica.

    Impatto: Se la cassetta postale del cliente è presente, non possono essere migrato nella directory ospitato MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione:Modificare l'attributo della posta su un valore univoco. Utilizzare la seguente query Lightweight Directory Access Protocol (LDAP) per identificare gli oggetti che hanno lo stesso indirizzo di posta elettronica:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(mail=<email>))
    Ad esempio, una query per l'indirizzo di posta elettronica Kim.Akers@contoso.com analogo al seguente:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(mail=Kim.Akers@contoso.com))

  • Valore di targetAddress SE1107The non è valido

    Il formato del valore di targetAddress non è corretto o contiene caratteri non supportati.

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione: Il valore di targetAddress deve essere corretto. Per ulteriori informazioni su come correggere il formato di indirizzo SMTP, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    316061 XADM: Il connettore SMTP restituisce un messaggio di errore quando si utilizzano caratteri non validi
    • Se la cassetta postale non è ospitata in MSO, il suffisso di dominio targetaddress per gli oggetti utente abilitati alla posta elettronica non deve essere nell'elenco di dominio SMTP gestito.
    • Se la cassetta postale è ospitata in MSO, il suffisso di dominio targetaddress per gli oggetti utente abilitati alla posta elettronica deve essere nell'elenco di dominio SMTP gestito (se l'opzione Nuovo Provisioning delle cassette postali di assunzione è impostata su OFF) oppure null (se l'opzione Nuovo Provisioning delle cassette postali di assunzione è impostata su ON).
    • Di seguito è riportato un esempio di valore valido targetAddress :
      SMTP:userA@domainX.fabrikam.com
    • Assicurarsi che il valore di targetAddress non include uno spazio o un altro carattere non valido. Gli spazi vuoti finali non sono validi e sono particolarmente difficili da vedere.

  • SE1112 Il valore di attributo targetAddress è nell'elenco di dominio SMTP gestito

    Il suffisso SMTP del valore di targetAddress punta all'elenco di dominio SMTP gestito.

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Modificare il suffisso del valore di targetAddress in modo che il suffisso punta a un dominio che non è presente nell'elenco di dominio SMTP gestito e pertanto non rientra nell'ambito per il provisioning delle cassette postali. Questi oggetti dispongono di una cassetta postale ospitata su un sistema esterno (ovvero, non su un sistema di posta elettronica della sede del cliente) e verranno sincronizzate con la directory ospitata MSO come utenti abilitati alla posta.

  • Attributo mail SE1115The non corrisponde al valore di targetAddress sull'oggetto contatto

    L'attributo dell'oggetto contatto di posta non è presente nell'elenco di dominio SMTP gestito e il valore di targetAddress corrisponde all'attributo della posta. MMSSPP prevede che tutti gli oggetti contatto interni con un suffisso di dominio indirizzo di posta dall'elenco di dominio SMTP di posta e targetAddress attributi corrispondenti.

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione: Gli attributi di posta e targetAddress devono corrispondere per tutti gli oggetti contatto interni. Contatti interni sono quelli che dispongono di un suffisso di posta elettronica nell'elenco di dominio SMTP gestito.

  • Valore dell'indirizzo Proxy SE1117 non è univoco

    L'attributo proxyAddresses proxy contiene un indirizzo duplicato in un insieme di strutture nell'ambito della sincronizzazione MMSSPP cliente. Un altro oggetto ha già lo stesso indirizzo proxy nell'attributo gestiti da Microsoft e proxyAddresses . L'attributo duplicato gestito proxyAddress può provenire da uno dei seguenti attributi:
    • Un attributo di posta elettronica di origine
    • Un attributo di origine proxyAddress
    • Un attributo TargetAddress di origine

      Nota. Questo attributo passa allo schema di Active Directory gestito come un attributo secondario proxyAddress .


    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Eliminare l'indirizzo proxy duplicati dall'attributo proxyAddresses dell'oggetto appropriato che non è necessario disporre dell'indirizzo. A tale scopo, utilizzare la seguente query LDAP per identificare gli oggetti che condividono stesso indirizzo proxy:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(proxyAddresses=<address>))
    Ad esempio, una query per l'indirizzo di posta elettronica proxy Kim.Akers@contoso.com analogo al seguente:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(proxyAddresses=SMTP:kim.akers@contoso.com))
    Nota. Per mantenere la capacità di risposta legacy, alcuni indirizzi proxy gestito sono protetti da eliminazioni accidentali e non vengono cancellati automaticamente dallo schema di Active Directory gestito quando queste vengono cancellate dall'origine. Per risolvere questo problema, seguire queste istruzioni:
    • Se l'errore specifica un indirizzo proxy in un dominio gestito Routing (ad esempio @mgd.contoso.com), è necessario rimuovere l'indirizzo proxy di servizio di supporto Microsoft Online Services.
    • Gli indirizzi proxy del tipo proxy 500 x non sono stati rimossi nelle versioni pre-12.2 di MMSSPP quando queste sono state cancellate dallo schema di Active Directory di origine. Nella versione corrente, X500 indirizzi proxy vengono eliminati dall'insieme di strutture del cliente vengono eliminati immediatamente l'insieme di strutture gestito. x 500 indirizzi proxy che in precedenza sono stati rimossi dall'insieme di strutture cliente ma presenti in Active Directory gestito schema può ora essere rimossi. Per rimuovere questi x 500 indirizzi proxy, attenersi alla seguente procedura:
      1. Aggiungere indesiderati X500 indirizzi proxy nuovamente oggetto di origine.
      2. Attendere due cicli di sincronizzazione.
      3. Gli indirizzi proxy di Rimuovi X500 indesiderati dall'oggetto di origine. L'indirizzo proxy non desiderata verrà cancellato dallo schema di Active Directory gestito durante il successivo ciclo di sincronizzazione.
  • SE1118Mailnickname è null

    È vuoto sull'oggetto contatto cliente MailNickname e MMSSPP non è possibile generare un oggetto contatto del cliente utilizzando le regole di generatore attributo mailNickname . Le regole di generatore di attributi predefiniti tenterà di utilizzare gli attributi di Sn (noto anche come cognome) e il givenName (noto anche come nome) in Active Directory per generare un valore mailNicknameper un contatto che non dispone di un valore definito sull'oggetto cliente.

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione: Impostare un valore MailNickname o un givenName (noto anche come nome) e il valore dell'attributo Sn (noto anche come cognome) sull'oggetto di contatto del cliente.

  • Suffisso attribute SE1119Mail corrisponde al suffisso di indirizzo di routing gestito

    Il suffisso di attributo mail non deve corrispondere il routing suffisso gestito. Il suffisso di indirizzo di routing gestito viene utilizzato per instradare la posta da un oggetto customer a una cassetta postale ospitata MSO mentre l'ambiente di posta legacy del cliente è ancora in una fase di coesistenza con MSO. Pertanto, deve essere utilizzato solo come parte di targetAddress e SMTP secondario proxyAddresses e mai in posta elettronica o indirizzo SMTP primario di un oggetto customer. Il suffisso di indirizzo di routing gestito richiede in genere @mgd.contoso.com il formato.

    Impatto:La cassetta postale del cliente, se presente, non può essere migrata nella directory ospitato MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione:Modificare l'indirizzo di posta elettronica su un valore valido di SMTP con un suffisso non è il suffisso di indirizzo di routing gestito.

  • SE1125 Utente oggetto convalida non riuscita per il DN dell'oggetto [CN =...DC = com] nel flusso della posta esportare (posta = [user@contoso.com]; targetAddress = [SMTP:user@northwindtraders.com])

    La combinazione dell'attributo della posta e l'attributo TargetAddress non utilizza una configurazione valida.

    Impatto: Impossibile completare un'azione di provisioning uno stato non valido sull'oggetto cliente. Questo stato non valido potrebbe bloccare le azioni seguenti:
    • Annullamento dell'implementazione delle cassette postali
    • Provisioning delle cassette postali
    • Provisioning dell'utente di posta elettronica
    • Annullamento dell'implementazione di utente di posta elettronica

    Risoluzione: assicurarsi che una combinazione valida dell'attributo della posta e l'attributo targetAddress viene applicata all'oggetto di origine. Inoltre, assicurarsi che l'indirizzo di destinazione non include gli spazi vuoti finali.

    Note
    • Per gli utenti di posta elettronica: l'attributo targetAddress deve corrispondere all'attributo di posta o deve essere null. (Verificare le regole di provisioning).
    • Per le cassette postali: il suffisso targetAddress deve essere un dominio di routing gestito (ovvero, un dominio contenente @mgd) se non è abilitata la funzionalità nuova assunzione. In alternativa, il suffisso targetAddress deve essere null se è attivata la funzionalità nuova assunzione. Nell'elenco dei domini SMTP inclusi di MMSSPP deve essere il dominio di attributo della posta. L'elenco di domini SMTP inclusi di MMSSPP è personalizzato per ogni cliente.

    Per ulteriori informazioni sulla funzionalità nuova assunzione, vedere la "Ulteriori informazioni sullo scenario di nuova assunzione"sezione.
  • SE1129Ha rilevato una cassetta postale del cliente e una cassetta postale gestito per l'oggetto DN [CN =...]

    Esiste un valore di homeMDB nel cliente e gli ambienti gestiti.

    Impatto: Gli attributi del flusso dall'oggetto di origine per l'oggetto Active Directory gestito finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Se l'utente deve disporre di una cassetta postale ospitata in MSO, rimuovere homeMDB dal cliente Active Directory. Se l'utente non è una cassetta postale in MSO, temporaneamente deselezionare l' origine homeMDBe utilizzare l'attributo di deprovisioning esplicita per annullare la cassetta postale gestita. Dopo che la cassetta postale gestita è annullamento del provisioning degli, è possibile ripristinare l' origine homeMDB . Generalmente questo errore si verifica quando l'attributo homeMDB di cliente accidentalmente contrassegnato con il valore di homeMDB MSO.
  • SE1131Valore dell'indirizzo proxy è non valido

    Il formato del valore indirizzo proxy SMTP non è corretto o contiene caratteri non supportati.

    Impatto: La cassetta postale del cliente, se presente, non può essere migrata nella directory ospitato MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Il valore dell'indirizzo proxy SMTP deve essere corretto. Per impostazione predefinita, sono limitate a tre caratteri per il valore primario proxyAddresses e a cinque caratteri per il valore secondario proxyAddress suffissi di dominio di primo livello. Per ulteriori informazioni su come correggere il formato di indirizzo SMTP, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:

    316061 XADM: Il connettore SMTP restituisce un messaggio di errore quando si utilizzano caratteri non validi
  • SE1137L'oggetto con DN [CN =..., DC = COM] Specifica la extensionattribute cliente attributo [NN] = [aaaaaaaa-aaaa-aaaa-aaaa-aaaaaaaaaaaa], ma non farà parte di qualsiasi altro oggetto

    Nota. L'attributo di estensione esatta è l'attributo di riconnessione di servizio automatico (ASR) e personalizzato per ogni ambiente del cliente.

    Questo errore indica che un oggetto di origine è impostato per la connessione a una cassetta postale esistente tramite ripristino automatico di sistema. Tuttavia, l'oggetto gestito che è attualmente associato all'oggetto di origine specificato che GUID non può essere connesso. SE1139 e SE1140 le condizioni di errore verranno generato il messaggio identico e hanno la stessa risoluzione.

    Impatto:Un oggetto di origine non può essere associato a un oggetto gestito è connesso a una cassetta postale gestita. Inoltre, è Impossibile creare una nuova cassetta postale gestita.

    Risoluzione: Il valore dell'attributo estensione ripristino automatico di sistema deve essere deselezionato. Dopo l'esecuzione del successivo ciclo di sincronizzazione, MMSSPP verrà creato un nuovo oggetto gestito. Se l'utente configura la sincronizzazione in modo appropriato, MMSSPP verrà creata una nuova cassetta postale gestita vuota. Il Microsoft Online Services supporto Team (MOSSUP) verrà quindi ripristinare il contenuto della cassetta postale disconnessa vecchio a quello nuovo vuoto.

    Questo errore si verifica quando l'oggetto di origine o perdere precedente viene filtrato o spostato all'esterno dell'ambito MMSSPP prima che l'attributo di estensione di ripristino automatico di sistema è stato impostato sul nuovo oggetto. In altre parole, il processo di ripristino automatico di sistema viene avviato per il nuovo oggetto dopo che l'oggetto gestito già scaduta (OU) dell'unità organizzativa PendingDeletions. Per evitare questi errori di migrazioni tra insiemi di strutture, contrassegna il valore dell'attributo estensione ripristino automatico di sistema sul nuovo oggetto e confermare che il processo di ripristino automatico di sistema è stata completata correttamente prima di perdere il vecchio o oggetto di origine viene filtrato.
  • SE1144Impossibile trovare una singola riga in IDIS con SourceObjectGUID [{0}] e SecondaryVerification [{1}] corrispondente e PendingDeletion impostato su 1 per oggetto DN [{2}]

    Questo errore può verificarsi dopo una riconnessione a servizio automatico (ASR) non riuscito o dopo un oggetto viene estratti dall'ambito di modifica e quindi restituito all'ambito. Per il ripristino automatico di sistema o un nuovo collegamento PendingDeletions a buon fine, deve essere una corrispondenza tra l'origine e gli oggetti gestiti per la posta e la GUID dell'oggetto cliente. Quando si verifica questo errore, una di queste condizioni non è stato raggiunto.

    Impatto:Un oggetto di origine non può essere associato a un oggetto gestito è connesso a una cassetta postale gestita. Inoltre, è Impossibile creare una nuova cassetta postale gestita.

    Risoluzione: Assicurarsi che i valori di posta sono identici per il nuovo ottenere l'o oggetto e l'oggetto di origine o perdere esistente come destinazione. In uno scenario di ripristino automatico di sistema, il GUID viene indicato nell'attributo ripristino automatico di sistema deve essere il GUID dell'oggetto di origine precedente, non il GUID dell'oggetto gestito corrispondente. Se tali condizioni sono confermate, contattare supporto tecnico Microsoft per assistenza.

    Questo errore si verifica quando viene modificato l'indirizzo di posta elettronica dell'oggetto precedente (perdere o origine) prima del processo di ripristino automatico di sistema. Per evitare questi errori di migrazioni tra insiemi di strutture, contrassegna il valore dell'attributo estensione ripristino automatico di sistema sul nuovo oggetto e confermare che il processo di ripristino automatico di sistema viene completato correttamente prima che l'oggetto precedente (perdere o origine) viene modificata o filtrata.

    Se un oggetto viene rimosso dall'ambito e quindi restituito all'ambito prima dell'eliminazione dell'oggetto gestito da nella OU PendingDeletions, il valore di posta deve essere identico a quello quando originariamente è stato rimosso dall'ambito. In caso contrario, non saranno possibile riconnettersi gli oggetti e deve attendere il PendingDeletion periodo di durata per scadere.
  • SE1153 [stato incoerente]: MBU-> transizione MEU viene rilevato, ma l'oggetto con DN [CN =...DC = Net] non deimplementare in modo esplicito la cassetta postale gestita (regola DeprovisionMailboxEnabledUser = FALSE)
    Questo errore indica l'esistenza di una cassetta postale in un ambiente di Microsoft Online. Tuttavia, l'oggetto di origine viene modificato per una configurazione utente abilitato alla posta elettronica. Per evitare l'annullamento dell'implementazione accidentale delle cassette postali, il cliente deve esplicitamente timbro l'attributo deprovisioning prima che il tipo di posta elettronica per l'oggetto viene modificato. Condizioni di errore SE1151, SE1152 e SE1154 genererà il messaggio identico e hanno la stessa risoluzione.

    Impatto: Casetta postale di destinazione per l'annullamento dell'implementazione è ancora presente nell'ambiente di Microsoft Online. Nessuna modifica di attributo di origine verrà spostato l'oggetto in un oggetto gestito e la cassetta postale gestita verrà non essere annullamento del provisioning degli.

    Risoluzione:
    1. Un utente abilitato alla posta elettronica deve essere da questo oggetto?
      1. Restituire i valori di posta e targetAddress ai valori originali (targetAddress contiene @mgd) e quindi in attesa di due cicli di sincronizzazione per l'esecuzione. Questi passaggi risolvere l'errore e restituiscono l'oggetto in uno stato di cassetta postale valido. Successivamente, impostare l'attributo deprovisioning esplicita e modificare il valore di targetAddress per un suffisso non è nel dominio di routing gestito (@mgd).
      2. Assicurarsi che i valori di posta e targetAddress sono validi. Assicurarsi che vi siano spazi vuoti iniziali o finali in entrambi gli attributi.
    2. L'oggetto deve corrispondere a un utente di cassetta postale?
      1. Se la funzionalità nuova assunzione non è abilitata, il valore di targetAddress dovrà includere il suffisso @mgd. Verificare che il suffisso contiene @mgd e che il suffisso specificati che correttamente gestiti il dominio di routing.
      2. Se è attivata la funzionalità nuova assunzione, il valore di targetAddress deve essere deselezionato (null).
      3. Assicurarsi che i valori di posta e targetAddress sono validi. Assicurarsi che vi siano spazi vuoti iniziali o finali in entrambi gli attributi. Assicurarsi che il suffisso targetAddress non dispone di lettere errate. Ad esempio, non utilizzare @mdg.contoso.com anziché @mgd.contoso.com.
    Per ulteriori informazioni sulla funzionalità nuova assunzione, vedere la "Ulteriori informazioni sullo scenario di nuova assunzione"sezione.
  • Valore di indirizzo Proxy The SE1155 [{0}] nell'attributo proxyaddresses sull'oggetto {1} DN [{2}] è un indirizzo SMTP non valido per un indirizzo SMTP secondario e verrà rimossi. Correggere l'indirizzo proxy di validità.

    Questo errore indica l'esistenza di un indirizzo SMTP valido per un proxy SMTP secondario.

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:
    1. Il valore dell'indirizzo proxy SMTP deve essere corretti prima di MMSSPP possibile riprendere la sincronizzazione per questo oggetto. Assicurarsi che siano presenti spazi vuoti iniziali o finali. Per ulteriori informazioni su come correggere il formato di indirizzo SMTP, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
      316061 XADM: Il connettore SMTP restituisce un messaggio di errore quando si utilizzano caratteri non validi
    2. La regola di convalida è diversa per valori di proxyAddress di primaria e secondaria proxyAddress . Ad esempio, un indirizzo SMTP primario è limitato a un suffisso di dominio di primo livello a tre cifre (@contoso.com o contoso.net). Un indirizzo SMTP secondario ha un limite di cinque caratteri nel suffisso di dominio di livello superiore (@contoso.local). Queste regole sono configurabili su richiesta per soddisfare le diverse convenzioni di denominazione per esigenze locali.
  • SE1290 non può risolvere il riferimento DN valore dell'attributo [nome]

    Un attributo di riferimento di un gruppo tra insiemi di strutture non può essere risolto in una directory ospitato MSO. Ad esempio, questo errore si verifica quando un membro del gruppo tra insiemi di strutture non dispone di un valore dell'attributo della posta o se l'indirizzo di posta elettronica corrispondente non esiste nell'ambiente ospitato MSO.

    Impatto:L'oggetto di riferimento non è rappresentato nel nome di attributo di gruppo tra insiemi di strutture nell'ambiente ospitato MSO.

    Risoluzione: Impostare un attributo di ancoraggio (ad esempio l'attributo mail) su un valore esistente nell'ambiente ospitato MSO.
  • SE1401GUID oggetto specificato nell'attributo servizio la riconnessione automatica non è valido o non esiste

    Questo errore e altri errori relativi a Ripristino automatico di sistema (SE1404, SE1405, SE1406) indicano i seguenti problemi:
    • Il valore specificato nell'attributo ripristino automatico di sistema non è un GUID valido.
    • L'oggetto a cui fa riferimento il GUID in combinazione con l'attributo Gate secondario (mail) non esiste nell'ambito MMSSPP.
    • Il GUID di cui si fa riferimento e l'attributo Gate secondario (mail) corrisponde a più di un oggetto nell'ambito MMSSPP.

    Impatto: La cassetta postale del cliente, se presente, non può essere migrata da un insieme di strutture a altro, e la sincronizzazione dell'oggetto è sospeso.

    Risoluzione:Se il ripristino automatico di sistema è destinato a questo oggetto, specificare un GUID di un altro oggetto nell'ambito di oggetto valido in un'altra foresta. Il valore di Gate secondario (posta) deve corrispondere per entrambi gli oggetti. Se il ripristino automatico di sistema non è destinato, è necessario che questo valore sia deselezionato.
  • SE1409Oggetto nello stato eliminazione in sospeso è in conflitto con un altro oggetto nell'ambito

    Il valore dell'attributo della posta di un conflitto nell'ambito dell'oggetto con un altro oggetto che si trova nello stato eliminazione in sospeso. Questo errore viene risolto automaticamente quando in attesa di eliminazione è stata completata N giorni (per impostazione predefinita, i tre giorni) e quando viene eseguito il provisioning dell'oggetto nell'ambito.

    Impatto: Il nuovo oggetto nell'ambito non verrà provisioning o sincronizzazione fino a quando l'oggetto in conflitto che si trova nello stato eliminazione in sospeso viene eliminato fisicamente.

    Risoluzione: Specificare l'indirizzo email diverso (e l'indirizzo proxy possibili) per il nuovo oggetto. In alternativa, è possibile attendere fino a quando non scade il periodo di eliminazione in sospeso. Se questo errore è frequente, è consigliabile presentare una richiesta di clienti con Microsoft Online Services per la durata di eliminazione in sospeso abbreviata. Dopo l'implementazione iniziale di ripristino automatico di sistema, le durate consigliate sono pari a zero giorni per i contatti e un giorno per utenti e gruppi.
  • SE1514 errore chiave [extensionattribute10] non esiste. Impossibile elaborare l'errore oggetto [CN =...DC = com]

    Nota. L'attributo di estensione esatta è l'attributo di ripristino automatico di sistema e personalizzato per ogni ambiente del cliente.

    In genere questo errore si verifica quando viene impostato un valore non valido per l'attributo di estensione di ripristino automatico di sistema. L'attributo di estensione di ripristino automatico di sistema deve essere una stringa GUID valida. Se l'oggetto non è progettata per la migrazione di ripristino automatico di sistema, questo valore deve essere deselezionato.

    Impatto: L'oggetto non verrà modificato, il provisioning o annullamento del provisioning in questo stato.

    Risoluzione: Impostare una stringa GUID per l'attributo di ripristino automatico di sistema. I formati stringa approvati sono disponibili nella sezione 8.2 delle MMSSPP di Provisioning interfacce per l'uso. Controllare che non gli spazi vuoti finali esiste e che nessun altro carattere (ad esempio un punto e virgola) alla fine della stringa. L'attributo di ripristino automatico di sistema può essere utilizzato solo per un oggetto di origine di destinazione GUID. Se l'oggetto non è progettata per la migrazione di ripristino automatico di sistema, questo valore deve essere deselezionato.
  • SE1647 L'oggetto utente di origine con DN [{0}] è stato rimosso dall'ambito, ma la cassetta postale ospitata ha un'esenzione litigation imposta da [{1}] [{2}]. Oggetto gestito e la cassetta postale non verrà eliminato. Per eliminare la cassetta postale, rimuovere la sospensione di controversie legali.

    La cassetta postale gestita è configurata per controversie legali attesa. Tuttavia, l'oggetto di origine correlati viene filtrato o rimosso dall'ambito. MMSSPP non elimina l'oggetto gestito, finché non viene rimosso il blocco di controversie legali.

    Impatto: L'oggetto verrà non essere annullamento del provisioning in questo stato.

    Risoluzione: Questo comportamento è legato alla progettazione, perché l'esenzione di controversie legali è un'impostazione esplicita per mantenere l'integrità delle cassette postali. Se la cassetta postale deve essere eliminata, è necessario rimuovere la sospensione di controversie legali da parte del cliente.
  • SE1648 Una cassetta postale ospitata per l'oggetto utente di origine con DN [{0}] è stata determinata da MMSSPP essere annullamento del provisioning degli, ma la cassetta postale ospitata ha un'esenzione litigation imposta da [{1}] [{2}]. Oggetto gestito e la cassetta postale non verrà eliminato. Per annullare questa cassetta postale, rimuovere la sospensione di controversie legali.

    La cassetta postale gestita è configurata per controversie legali attesa. Tuttavia, l'oggetto di origine correlati è configurato per annullare tale cassetta postale gestito. MMSSPP non si disconnette la cassetta postale gestita fino a quando non viene rimosso il blocco di controversie legali.

    Impatto: L'oggetto non è annullamento del provisioning in questo stato.

    Risoluzione: Questo comportamento è legato alla progettazione, perché l'esenzione di controversie legali è un'impostazione esplicita per mantenere l'integrità delle cassette postali. Se la cassetta postale deve essere eliminata, è necessario rimuovere la sospensione di controversie legali da parte del cliente.
  • PE1 Errore: Impossibile abilitare la cassetta postale ospitata MSO

    Si verifica un errore quando tenta di abilitare la cassetta postale ospitata MSO in MMSSPP.

    Impatto: MMSSPP: Impossibile creare la cassetta postale ospitata MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Vedere i dettagli specifici del rapporto di errore su tale oggetto per l'indicazione delle operazioni di rilascio e di monitoraggio e aggiornamento. Se la procedura di rilascio o di monitoraggio e aggiornamento è ancora poco chiara, contattare il Liaison Microsoft.
  • PE1 Errore: il codice regione specificata (') per "CN =..., DC = privo, DC = msft, DC = net' non è valido...

    Se i centri dati in due aree geografiche (ad esempio, Europa e America del Nord) sono disponibili per uno specifico ambiente dedicato a Office 365, i valori vengono determinati per specificare la posizione di una nuova cassetta postale. Questo errore si verifica se l'attributo di provisioning delle cassette postali non contiene un valore valido. Se Microsoft Online Services è configurato per una determinata ubicazione geografica dell'azienda, utilizzando un codice di regione è obbligatorio per l'attributo di provisioning delle cassette postali.

    Impatto: La cassetta postale non verrà il provisioning fino a quando non è stato corretto l'errore.

    Risoluzione: Assicurarsi che l'area di validità è impostata per la cassetta postale provisioning attributo nel formato REG =XX, dove XX è un codice valido. Inoltre, assicurarsi che il valore di tipo o il provisioning di cassetta postale è valido.

    Esempio: extensionAttribute10: MBX =ST;REG =NA;

    Nota. L'attributo di estensione provisioning delle cassette postali è stato personalizzato per l'ambiente del cliente.
  • PE1 Errore: errore WPS [Enable-Mailbox]: il valore della proprietà non è valido. Il valore non può contenere spazi iniziali o finali. Nome della proprietà: * * * visualizzare nome * * * o * * * nome * * *

    Gli spazi iniziali o finali non sono validi per gli attributi di Active Directory: displayName e il nome.

    Impatto: L'oggetto gestito non verrà il provisioning fino a quando non è stato corretto l'errore.

    Risoluzione:
    • Se l'oggetto viene configurato utilizzando gli spazi vuoti finali nell'attributo displayName , rimuovere gli spazi vuoti. A questo punto, verrà fornito di cassette postali o di un utente abilitato alla posta elettronica.
    • Se viene eseguito il provisioning di un oggetto utilizzando uno spazio vuoto iniziale nell'attributo displayName , rimuovere gli spazi vuoti. L'oggetto gestito deve correggere un'escalation di Microsoft Online Services supporto Team (MOSSUP).
  • PE1 Errore: errore WPS [Enable-Mailbox]: l'indirizzo 'smtp:.username@contoso.com' non è valido

    L'attributo di posta elettronica specificato non è valido.

    Impatto: L'oggetto gestito non verrà fornito fino a quando non è stato corretto l'errore.

    Risoluzione: L'attributo deve essere corretto. Gli errori più comuni includono caratteri non validi, gli spazi vuoti (inclusi gli spazi vuoti finali difficile vedere), iniziali o punti finali e ripetuti periodi.

  • PE1 Errore: errore WPS [Enable-Mailbox]: l'indirizzo proxy "smtp:user.one@mgd.contoso.com" è già utilizzato da [managedDN]. Scegliere un altro indirizzo proxy. ManagedDN:...

    L'attributo proxyAddresses contiene un indirizzo duplicato in un insieme di strutture nell'ambito della sincronizzazione MMSSPP cliente. Un altro oggetto ha già lo stesso indirizzo proxy nell'attributo gestiti da Microsoft e proxyAddresses . L'attributo duplicato gestito proxyAddress può provenire da un attributo di posta elettronica di origine, attributo di origine proxyAddress o un attributo targetAddress di origine. (Questo flusso allo schema di Active Directory gestito un proxyAddress secondario).

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Impatto di errore generale di sincronizzazione"sezione accanto all'inizio di questo articolo per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione: Modificare o eliminare l'indirizzo del proxy o attributo duplicato targetAddress dell'oggetto che non deve avere. Utilizzare la seguente query LDAP per identificare gli oggetti che condividono stesso indirizzo proxy:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(proxyAddresses=<address>))
    Ad esempio, una query per l'indirizzo di posta elettronica proxy Kim.Akers@contoso.com analogo al seguente:
    (&(|(objectCategory=user)(objectCategory=contact)(objectCategory=group))(proxyAddresses=SMTP:kim.akers@contoso.com))

    Nota. Per mantenere la capacità di risposta legacy, alcuni indirizzi proxy gestito protetti da eliminazioni accidentali non vengono automaticamente cancellati dallo schema di Active Directory gestito quando queste vengono cancellate dall'origine. Per risolvere questo problema, seguire queste istruzioni:
    • Se l'errore specifica un indirizzo proxy che dispone di un dominio gestito Routing (ad esempio @mgd.contoso.com), è necessario rimuovere tale indirizzo proxy servizio di supporto Microsoft Online Services.
    • Gli indirizzi proxy del tipo proxy 500 x non sono stati rimossi nelle versioni pre-12.2 di MMSSPP quando queste vengono cancellate dall'oggetto di Active Directory di origine. Nella versione corrente, X500 indirizzi proxy vengono eliminati dall'insieme di strutture del cliente vengono eliminati immediatamente l'insieme di strutture gestito. x 500 indirizzi proxy che in precedenza sono stati rimossi dall'insieme di strutture cliente ma presenti in Active Directory gestito schema può ora essere rimossi. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
      1. Aggiungere indesiderati X500 indirizzo proxy nuovamente oggetto di origine.
      2. Attendere due cicli di sincronizzazione.
      3. Indirizzo del proxy Rimuovi X500 indesiderati dall'oggetto di origine. L'indirizzo proxy non desiderata verrà cancellato dallo schema di Active Directory gestito durante il successivo ciclo di sincronizzazione.
  • PE3 attivazione ospitate MSO cassetta postale della risorsa non riuscita

    Si verifica un errore quando tenta di abilitare la cassetta postale risorse ospitate MSO in MMSSPP.

    Impatto: MMSSPP: Impossibile creare la cassetta postale ospitata MSO risorsa finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione:Vedere i dettagli specifici del rapporto di errore su tale oggetto per l'indicazione del problema e delle operazioni di monitoraggio e aggiornamento. Se il problema o la procedura di risoluzione dei problemi è ancora poco chiara, contattare il Liaison Microsoft.
  • PE7 creazione posta ospitato MSO abilitato l'utente non riuscita

    Si verifica un errore quando tenta di MMSSPP creare un utente abilitato alla posta elettronica nella directory ospitato MSO.

    Impatto: MMSSPP: Impossibile creare l'utente abilitato alla posta elettronica ospitata MSO finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Vedere i dettagli specifici del rapporto di errore su tale oggetto per l'indicazione del problema e delle operazioni di monitoraggio e aggiornamento. Se il problema o la procedura di risoluzione dei problemi è ancora poco chiara, contattare il Liaison Microsoft.
  • PE10 Errore WPS [connettersi alle cassette postali]: cassetta postale "...MBX GUID..."non è presente nel database"...Database MBX..." ManagedDN:

    MMSSPP non verrà riconnesso automaticamente a una cassetta postale che si trova in stato di eliminazione soft. Questa condizione si verifica quando una cassetta postale è stata migrata in un ambiente diverso (ad esempio, da dedicato al server locale del cliente o a servizi di O365 O365) e quindi il cliente desidera che ristabilita la connessione alla cassetta postale originale nella O365 dedicata.

    Impatto:La cassetta postale dell'utente non può essere riconnessa.

    Risoluzione:Sottoporre il problema a Microsoft Online Support per monitoraggio e aggiornamento.



  • Le impostazioni del calendario di PE11Setting per la cassetta postale risorse ospitate MSO non riuscita

    Si verifica un errore quando tenta di MMSSPP impostare le impostazioni del calendario della cassetta postale in una cassetta postale risorse ospitate MSO.

    Impatto:MMSSPP Impossibile impostare la cassetta postale le impostazioni del calendario nella cassetta postale ospitata MSO risorsa finché non viene risolto il problema. Questo può influire sulle possibilità di utilizzo della cassetta postale della risorsa. Ad esempio, funzionalità come AutoAccept della riunione invita dalla cassetta postale della risorsa potrebbe non funzionare finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Vedere i dettagli specifici del rapporto di errore su tale oggetto per l'indicazione del problema e delle operazioni di monitoraggio e aggiornamento. Se il problema o la procedura di risoluzione dei problemi è ancora poco chiara, contattare il Liaison Microsoft.
  • PE17Creazione del ospitato MSO abilitati alla posta elettronica contatto o distribuzione gruppo non riuscito

    Questo errore si verifica quando MMSSPP tenta di creare un gruppo di distribuzione o contatto abilitato alla posta elettronica nella directory ospitato MSO.

    Impatto:MMSSPP Impossibile creare l'ospitato MSO abilitati alla posta elettronica contatto o distribuzione gruppo finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione:Su tale oggetto un'indicazione sulle procedure di risoluzione di problemi e il problema, vedere i dettagli specifici nella segnalazione errori. Se la procedura di rilascio o di monitoraggio e aggiornamento è ancora poco chiara, contattare il Liaison Microsoft.
  • Errore estensione-attributo-non-present: MailNickname è null

    Questo errore è la stesso SE1118 nelle versioni precedenti di MMSSPP. L'attributo MailNickname è vuoto sull'oggetto contatto cliente e MMSSPP non può generare un attributo MailNickname utilizzando le regole di generatore di attributo mailNickname. Le regole di generatore di attributi predefiniti tenta di utilizzare givenName (noto anche come nome) e gli attributi di Sn (noto anche come cognome) in Active Directory per generare un attributo mailNickname per un contatto che non dispone dell'attributo mailNickname definito sull'oggetto cliente.

    Impatto: Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Errore di sincronizzazione generale impattosezione"nell'intestazione di questo file della Guida per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Impostare un valore Mailnickname o un givenName (noto anche come nome) e il valore dell'attributo Sn (noto anche come cognome) sull'oggetto di contatto del cliente.
  • Errore estensione-attributo-non-present: MailNickname non è valido

    Valore MailNickname contiene caratteri non validi.

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Errore di sincronizzazione generale impattosezione"nell'intestazione di questo file della Guida per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione: Se un valore mailNickname resta null dal cliente, MMSSPP creerà automaticamente un valore mailNickname se ciò è possibile. Pertanto, è possibile cancellare il valore mailNickname . Se il cliente deve impostare il valore mailNickname , il valore deve soddisfare i criteri definiti nella RFC 821. I caratteri non validi includono spazi, trattini che vengono visualizzati come trattini validi, il simbolo di chiocciola (@) e le parentesi. Assicurarsi che non vi siano spazi vuoti iniziali o finali che sono difficili da vedere.
  • violazione del vincolo di MV

    Questo errore si verifica quando si verifica flusso di attributi di importazione diretta e il valore dell'attributo dell'origine supera i limiti della lunghezza dell'attributo metaverse .

    Impatto: MMSSPP Impossibile modifiche degli attributi del flusso o impostare i servizi finché non viene risolto il problema.

    Risoluzione: Ridurre le dimensioni del valore di attributo fino alla lunghezza massima è attivata per lo schema.
  • [WorkQueueIns] Posta non deve essere null. Siamo in grado di completare la richiesta.

    Questo errore si verifica quando la posta viene eliminata un oggetto di origine sincronizzato per la directory ospitata MSO. L'errore persiste dopo il ripristino di un valore dell'oggetto di Active Directory di origine.

    Impatto:Non esiste alcun effetto aggiuntivo. Vedere la "Errore di sincronizzazione generale impattosezione"nell'intestazione di questo file della Guida per una descrizione dell'impatto di questo errore di sincronizzazione.

    Risoluzione:Verificare che l'oggetto di origine ha un valore di posta elettronica valido e che almeno un ciclo di sincronizzazione MMSSPP è stato completato. Dopo la conferma di ciò, si dovrebbe contattare Microsoft Online Services di supporto per la risoluzione dei problemi. Assicurarsi che gli script o modifiche manuali per l'attributo mail non cancella il valore prima che venga modificato il valore.
  • Membro mancante nel gruppo di distribuzione

    Manca un membro da un gruppo di distribuzione. Questo membro mancante potrebbe essere un utente, un contatto o un altro gruppo. Se il gruppo è un gruppo tra insiemi di strutture, un SE1290 errore potrebbe essere presente. Se il gruppo non è un gruppo tra insiemi di strutture, altri errori (ad esempio messaggi di posta duplicati) potrebbero essere presente.

    Impatto:I membri del gruppo potrebbero non ricevere i messaggi inviati alla lista di distribuzione.

    Risoluzione:
    • Assicurarsi che il membro ha un valore di posta elettronica valido.
    • Assicurarsi che il membro non è un errore di active sync.
    • Assicurarsi che il membro verrà visualizzato in MSO.

    Determinare se il gruppo è un gruppo regolare o un gruppo tra insiemi di strutture. Gruppi tra insiemi di strutture sono configurati per i clienti e contengono i membri di altri insiemi di strutture. Tra gruppi sono definiti per l'ubicazione del cliente per ogni bythe cliente in una specifica unità Organizzativa o un attributo definito dall'utente. Gruppi normali contengono solo i membri dell'insieme di strutture di residenza.

    Gruppi di distribuzione regolare:
    • Assicurarsi che il membro manca verrà visualizzato in MSO e che non sono presenti errori di sincronizzazione.
    • Se l'oggetto manca è un membro di un gruppo nidificato, assicurarsi che il gruppo nidificato è disponibile e che il gruppo viene visualizzato in MSO.
    • Se il gruppo padre è un gruppo normale (vale a dire non più insiemi di strutture gruppo), assicurarsi che il gruppo nidificato è anche un gruppo tra insiemi di strutture. Gruppi tra insiemi di strutture possono contenere gruppi regolari o altri gruppi tra insiemi di strutture. Tuttavia, regolare gruppi non possono contenere gruppi tra insiemi di strutture.

    Gruppi tra insiemi di strutture:
    • Assicurarsi che il membro manca verrà visualizzato in MSO e che non sono presenti errori di sincronizzazione.
    • Se il membro del gruppo viene visualizzato in MSO ma non è presente il gruppo, verificare che il membro del gruppo tra insiemi di strutture di origine è un valore corrispondente di posta.
    • Se l'oggetto manca è un membro di un gruppo nidificato, assicurarsi che il gruppo nidificato è disponibile e che il gruppo viene visualizzato in MSO.
    • Se il membro manca è un gruppo tra insiemi di strutture, controllare se questo gruppo dispone di un elemento padre che è un gruppo normale (vale a dire non più insiemi di strutture gruppo). Gruppi tra insiemi di strutture possono contenere gruppi regolari o altri gruppi tra insiemi di strutture. Tuttavia, regolare gruppi non possono contenere gruppi tra insiemi di strutture.

Ulteriori informazioni sullo scenario nuova assunzione

Di seguito è riportato un estratto dalla sezione 5.2 del manuale di interfacce di Provisioning Microsoft gestito soluzioni servizio Provisioning Provider (MMSSPP):
Nuova assunzione Scenario:
MMSSPP verrà creato un oggetto cassetta postale utente del tipo richiesto e nell'area richiesta.
Nota.s
  1. La mancanza di un attributo targetAddress e l'attributo di proxyAddress SMTP secondario corrispondente indica che, in questo scenario, l'organizzazione del cliente ritirati tutti i suoi sistemi di posta e che pertanto non è necessario per inviare un messaggio dal sistema di posta legacy del cliente O365 ospitato le cassette postali.
  2. Il nuovo scenario di assunzione è attivato quando l'opzione Nuova cassetta postale di assunzione Provisioning è impostato su ON. (Per impostazione predefinita, questa opzione è impostata su OFF). Vedere la sezione "Nuova assunzione funzionalità delle cassette postali Provisioning" della Guida alla distribuzione del cliente MMSSPP per una panoramica della funzionalità e l'opzione di selezione della distribuzione. Aspetti tecnici di questa funzionalità sono disponibili in questo documento nella sezione "Componenti di Provisioning delle cassette postali".

Proprietà

Identificativo articolo: 2590119 - Ultima modifica: martedì 29 aprile 2014 - Revisione: 4.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Business Productivity Online Dedicated
  • Microsoft Business Productivity Online Suite Federal
  • Microsoft Exchange Online
Chiavi: 
vkbportal226 kbmt KB2590119 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 2590119
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com