Gli strumenti DCDiag e NetDiag di Windows 2000 semplificano l'aggiunta di domini e la creazione di controller di dominio

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 265706 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo vengono descritte le funzionalitÓ che sono state aggiunte alle versioni degli strumenti Domain Controller Diagnostics (Dcdiag.exe) e Network Diagnostics (Netdiag.exe) incluse in Windows 2000. Per ulteriori informazioni su come ottenere il service pack pi¨ aggiornato per Windows 2000, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
260910 Acquisizione della versione pi¨ recente del service pack di Windows 2000

Informazioni

Le nuove funzionalitÓ aggiunte a Dcdiag.exe e Netdiag.exe consentono di verificare se l'infrastruttura DNS (Domain Name Service) Ŕ sufficiente per distribuire il servizio Active Directory di Windows 2000. Con gli strumenti Dcdiag.exe e Netdiag.exe di Windows 2000 aggiornati Ŕ possibile verificare l'infrastruttura DNS al fine di appurare le seguenti possibilitÓ:
  1. Verificare se Active Directory pu˛ essere supportato nell'infrastruttura.
  2. Determinare se Ŕ possibile creare un insieme di strutture di Active Directory.
  3. Verificare se Ŕ possibile aggiungere altri controller di dominio.
  4. Determinare se Ŕ possibile aggiungere un computer con Windows 2000 a un dominio.
Per visualizzare le funzionalitÓ relative a questi strumenti, al prompt dei comandi digitare:
nome file /h
oppure
nome file /?
dove nome file corrisponde a dcdiag.exe o netdiag.exe

Aggiornamenti di Dcdiag.exe

Installazione guidata Active Directory

Tramite l'Installazione guidata Active Directory Ŕ possibile verificare se l'infrastruttura DNS esistente pu˛ essere innalzata di livello al ruolo di controller di dominio. Se l'infrastruttura Ŕ sufficiente, Ŕ possibile innalzare di livello il computer al ruolo di controller di dominio in un dominio specificato in Nome DNS dominio Active Directory. La procedura guidata segnala inoltre se sono necessarie modifiche all'infrastruttura DNS esistente.
  Argomento richiesto:
  /DnsDomain:<Nome_DNS_dominio_Active_Directory>

  ╚ necessario uno degli argomenti seguenti: 
    /NewForest 
    /NewTree 
    /ChildDomain 
    /ReplicaDC

    Se viene specificato NewTree, l'argomento ForestRoot Ŕ 
    necessario: 
    /ForestRoot:<Nome_DNS_dominio_principale_insieme_strutture>


RegisterInDNS

RegisterInDNS verifica se il controller di dominio Ŕ in grado di registrare i record DNS del servizio di individuazione dei controller di dominio. La presenza di tali record in DNS Ŕ necessaria per l'individuazione del controller di dominio relativo al dominio Nome DNS dominio Active Directory da parte degli altri computer. Inoltre, segnala se sono necessarie modifiche all'infrastruttura DNS esistente.
Argomento richiesto: DnsDomain: <Nome_DNS_dominio_Active_Directory>

Aggiornamenti di Dcdiag.exe

DsGetDc


DsGetDc Ŕ il test di rilevamento del controller di dominio. Si tratta di un comando giÓ esistente nella versione precedente, al quale sono state tuttavia aggiunte nuove funzionalitÓ che consentono di visualizzare la Guida per risolvere eventuali problemi di configurazione DNS.

Negli esempi riportati di seguito sono citati gli argomenti della riga di comando per l'esecuzione di tutti i nuovi test e dell'output di esempio.
Creazione del primo controller di dominio in un nuovo insieme di strutture di Active Directory
L'esempio riportato di seguito rappresenta una query DNS inviata per individuare i server e le zone DNS autorevoli per i record DNS che devono essere registrati da questo controller di dominio, seguita da una richiesta di tipo "solo prerequisito" per eseguire un aggiornamento dinamico che analizza la capacitÓ di elaborazione degli aggiornamenti dinamici da parte dei server e delle zone DNS autorevoli.
dcdiag /test:dcpromo /dnsdomain:example.microsoft.com /newforest

Test iniziale: DcPromo

   I messaggi registrati sotto questa riga indicano se il controller di 
   dominio Ŕ in grado di registrare dinamicamente i record DNS necessari 
   perchÚ possa essere individuato da altre periferiche della rete. Se 
   vengono riscontrati errori di configurazione, potrebbe venire bloccata 
   la registrazione DNS dinamica, ma non il completamento 
   dell'Installazione guidata Active Directory. Si consiglia tuttavia di 
   correggere subito i problemi segnalati, a meno che non si intenda 
   aggiornare manualmente il database DNS.

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire al controller di dominio di 
   registrare dinamicamente in DNS i record dell'individuatore di 
   controller di dominio.

   ......................... RANDYMC1 ha superato il test DcPromo
Aggiunta di una nuova struttura di dominio a un insieme di strutture di Active Directory esistente
Nell'esempio riportato di seguito viene inviata una query DNS relativa a record SRV dei controller di dominio nel dominio principale dell'insieme di strutture. Viene quindi inviata una query alla ricerca dei record Host di ogni controller di dominio. Viene inviata una query DNS per individuare i server e le zone DNS autorevoli per i record DNS che devono essere registrati da questo controller di dominio, seguita da una richiesta di tipo "solo prerequisito" per eseguire un aggiornamento dinamico che analizza la capacitÓ di elaborazione degli aggiornamenti dinamici da parte dei server e delle zone DNS autorevoli.
dcdiag /test:dcpromo /dnsdomain:test.example.microsoft.com /newtree /forestroot:example.microsoft.com

Test iniziale: DcPromo 

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire l'innalzamento di livello 
   di questo computer al ruolo di primo controller di dominio nel dominio 
   Active Directory test.example.microsoft.com.

   I messaggi registrati sotto questa riga indicano se il controller di 
   dominio Ŕ in grado di registrare dinamicamente i record DNS necessari 
   perchÚ possa essere individuato da altre periferiche della rete. Se 
   vengono riscontrati errori di configurazione, potrebbe venire bloccata 
   la registrazione DNS dinamica, ma non il completamento 
   dell'Installazione guidata Active Directory. Si consiglia tuttavia di 
   correggere subito i problemi segnalati, a meno che non si intenda 
   aggiornare manualmente il database DNS.

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire al controller di dominio di 
   registrare dinamicamente in DNS i record dell'individuatore di 
   controller di dominio. 
   
   ......................... RANDYMC1 ha superato il test DcPromo

Aggiunta di un dominio figlio a una struttura all'interno di un insieme di strutture di Active Directory esistente

Nell'esempio riportato di seguito viene inviata una query DNS relativa a record SRV dei controller di dominio che fungono da host al dominio Active Directory padre del nome di dominio DNS fornito. Viene quindi inviata una query alla ricerca dei record Host di ogni controller di dominio padre restituito. Viene inviata una query DNS per individuare i server e le zone DNS autorevoli per i record DNS che devono essere registrati da questo controller di dominio, seguita da una richiesta di tipo "solo prerequisito" per eseguire un aggiornamento dinamico che analizza la capacitÓ di elaborazione degli aggiornamenti dinamici da parte dei server e delle zone DNS autorevoli.
dcdiag /test:dcpromo /dnsdomain:test.example.microsoft.com /childdomain

Test iniziale: DcPromo 

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire l'innalzamento di livello 
   di questo computer al ruolo di primo controller di dominio nel dominio 
   Active Directory example.microsoft.com.

   I messaggi registrati sotto questa riga indicano se il controller di 
   dominio Ŕ in grado di registrare dinamicamente i record DNS necessari 
   perchÚ possa essere individuato da altre periferiche della rete. Se 
   vengono riscontrati errori di configurazione, potrebbe venire bloccata 
   la registrazione DNS dinamica, ma non il completamento 
   dell'Installazione guidata Active Directory. Si consiglia tuttavia di 
   correggere subito i problemi segnalati, a meno che non si intenda 
   aggiornare manualmente il database DNS.

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire al controller di dominio di 
   registrare dinamicamente in DNS i record dell'individuatore di 
   controller di dominio.

   ......................... RANDYMC1 ha superato il test DcPromo
Aggiunta di un ulteriore controller di dominio a un dominio esistente
Nell'esempio riportato di seguito viene inviata una query DNS relativa a record SRV dei controller di dominio nel dominio DNS. Viene quindi inviata una query alla ricerca dei record Host di ogni controller di dominio. Viene inviata una query DNS per individuare i server e le zone DNS autorevoli per i record DNS che devono essere registrati da questo controller di dominio, seguita da una richiesta di tipo "solo prerequisito" per eseguire un aggiornamento dinamico che analizza la capacitÓ di elaborazione degli aggiornamenti dinamici da parte dei server e delle zone DNS autorevoli.
dcdiag /test:dcpromo /dnsdomain:example.microsoft.com /replicadc

Test iniziale: DcPromo 

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire l'innalzamento di livello 
   di questo computer al ruolo di controller di dominio di replica nel 
   dominio Active Directory example.microsoft.com.

   I messaggi registrati sotto questa riga indicano se il controller di 
   dominio Ŕ in grado di registrare dinamicamente i record DNS necessari 
   perchÚ possa essere individuato da altre periferiche della rete. Se 
   vengono riscontrati errori di configurazione, potrebbe venire bloccata 
   la registrazione DNS dinamica, ma non il completamento 
   dell'Installazione guidata Active Directory. Si consiglia tuttavia di 
   correggere subito i problemi segnalati, a meno che non si intenda 
   aggiornare manualmente il database DNS.

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire al controller di dominio di 
   registrare dinamicamente in DNS i record dell'individuatore di 
   controller di dominio.

   ......................... RANDYMC1 ha superato il test DcPromo
Verifica della registrazione DNS dinamica (DDNS)
NOTA: la procedura riportata di seguito Ŕ utile per risolvere il problema segnalato dall'evento seguente, inserito nel registro eventi di sistema:

Accesso rete 5774 - La registrazione del record DNS nome record e informazioni DNS non Ŕ riuscita.

Nell'esempio di seguito riportato viene inviata una query DNS alla ricerca dei server e delle zone DNS autorevoli per i record DNS che devono essere registrati da questo controller di dominio, seguita da una richiesta di tipo "solo prerequisito" per eseguire un aggiornamento dinamico che analizza la capacitÓ di elaborazione degli aggiornamenti dinamici da parte dei server e delle zone DNS autorevoli.
dcdiag /test:registerindns /dnsdomain:example.microsoft.com

Test iniziale: RegisterInDNS 

   La configurazione DNS Ŕ tale da consentire a questo controller di 
   dominio di registrare dinamicamente in DNS i record dell'individuatore 
   di controller di dominio.

   ......................... RANDYMC1 ha superato il test RegisterInDNS

Messaggi di errore pi¨ dettagliati di Netdiag.exe durante l'utilizzo del test DSGetDC per la connettivitÓ a controller di domini

╚ stato aggiunto un ulteriore messaggio di errore a Netdiag.exe. Questo strumento verifica sempre il dominio di cui fa parte il computer e il dominio specificato mediate l'opzione /d durante l'esecuzione del test DSGetDC. Se il test viene superato da uno dei domini, il messaggio di errore non viene visualizzato. Per avere la certezza che il nuovo messaggio di errore verrÓ visualizzato, utilizzare l'opzione di debug /v (debug dettagliato).

Se durante il test DSGetDC non viene contattato alcun server DNS, verrÓ visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
netdiag /test:dsgetdc /d:c.b.a.com /v oppure netdiag /test:dsgetdc /d:c.b.a.com /debug Trova controller di dominio nel dominio 'c.b.a.com': Verificare che le connessioni di rete esistenti nel computer siano configurate con gli indirizzi IP corretti dei server DNS da utilizzare per la risoluzione dei nomi, quindi riavviare lo strumento. [ERRORE IRREVERSIBILE]Impossibile trovare controller di dominio nel dominio 'c.b.a.com'. [ERROR_NO_SUCH_DOMAIN]
Se con l'esecuzione del test /dsgetdc non Ŕ possibile individuare un controller di dominio, un controller di dominio Windows 2000 o un emulatore PDC, verrÓ visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
netdiag /test:dsgetdc /d:c.b.a.com /v
oppure
netdiag /test:dsgetdc /d:c.b.a.com /debug

Trova controller di dominio nel dominio 'c.b.a.com':

Impossibile aggiungere il computer al dominio [c.b.a.com] a causa di uno dei seguenti motivi:

1. Il record DNS SRV di [c.b.a.com] non Ŕ registrato in DNS; oppure

2. Una o pi¨ zone seguenti non includono la delega alla relativa zona figlio.

Le zone sono [c.b.a.com, b.a.com, a.com, com] e la zona principale.

Chiedere all'amministratore di rete/DNS di eseguire le operazioni seguenti: Per verificare per quale motivo il record SRV di [_ldap._tcp.dc._msdcs.c.b.a.com] non Ŕ registrato nel DNS, eseguire lo strumento della riga di comando dcdiag con il comando RegisterInDNS sul controller di dominio che non ha eseguito la registrazione.

[ERRORE IRREVERSIBILE]Impossibile trovare controller di dominio nel dominio 'c.b.a.com'. [ERROR_NO_SUCH_DOMAIN]

Procedura per la risoluzione di problemi di configurazione comuni

Per configurare il client DNS con un server DNS preferito o alternativo:
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Impostazioni, quindi Pannello di controllo.
  2. Fare doppio clic su Rete e connessioni remote.
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessione alla rete locale (LAN), quindi scegliere ProprietÓ.
  4. Fare clic su Protocollo Internet (TCP/IP), scegliere ProprietÓ, quindi selezionare la casella di controllo Utilizza i seguenti indirizzi server DNS.
  5. Nella casella Server DNS preferito specificare l'indirizzo IP del server DNS al quale si desidera inviare le query DNS. Di solito si tratta di un server DNS esistente nell'ambito dello stesso sito. Se si inviano query al server DNS in esecuzione sul computer, specificare l'indirizzo IP del computer. In alternativa, nella casella Server DNS alternativo specificare l'indirizzo IP di un altro server DNS al quale si desidera inviare le query in caso di mancata risposta da parte del server DNS preferito.
  6. Se nel computer Ŕ, o sarÓ, in esecuzione un server DNS, si consiglia vivamente di configurare il computer con un indirizzo IP statico. Per effettuare tale operazione, selezionare il pulsante di opzione Utilizza il seguente indirizzo IP e specificare l'indirizzo IP statico, la subnet mask e l'indirizzo IP del gateway predefinito nelle rispettive caselle.
  7. Scegliere OK per chiudere la finestra delle proprietÓ relativa alle impostazioni TCP/IP avanzate.
  8. Scegliere OK per accettare le modifiche alla configurazione TCP/IP.
  9. Scegliere OK per chiudere le proprietÓ della connessione locale.
Per configurare una zona DNS e consentire gli aggiornamenti dinamici:
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Programmi, Strumenti di amministrazione e infine DNS.
  2. Dalla console DNS espandere il server DNS in cui Ŕ contenuta la zona autorevole, quindi espandere la cartella Zone di ricerca diretta.
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla zona desiderata, quindi scegliere ProprietÓ.
  4. Nella scheda Generale, selezionare Consenti solo agg. protetti o Consenti aggiornamenti, quindi scegliere OK per accettare le modifiche.
Per utilizzare la console DNS per elencare i record di una zona:
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Programmi, Strumenti di amministrazione e infine DNS.
  2. Dalla console DNS espandere il server DNS in cui Ŕ contenuta la zona che si desidera visualizzare, quindi espandere la cartella Zone di ricerca diretta.
  3. Espandere la zona desiderata. Nel riquadro di destra sono visualizzati i record della zona il cui nome Ŕ il sottodominio immediato del nome della zona DNS. "Child.reskit.com", ad esempio, Ŕ il sottodominio immediato della zona reskit.com, mentre "grandchild.child.reskit.com" non lo Ŕ.
  4. Se il record ricercato non Ŕ un sottodominio immediato della zona, espandere la cartella il cui nome corrisponde all'etichetta del nome record successivo al nome della zona. Ricorrendo all'esempio precedente, il nome della cartella sarebbe "child". Continuare a espandere le cartelle corrispondenti alle etichette seguenti del nome del record fino a trovare il record o ad accertare che non esiste.
I seguenti file sono disponibili per il download dall'Area download Microsoft (l'installazione Ŕ in inglese):

Netdiag.exe

Download del file Netdiag_setup.exe

Dcdiag.exe

Download del file Dcdiag_setup.exe
Per ulteriori informazioni sul download di file di supporto Microsoft, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
119591 Come ottenere file di supporto Microsoft dai servizi online
Il file Ŕ stato controllato e non contiene virus. Microsoft ha utilizzato il software antivirus pi¨ recente disponibile al momento della data di pubblicazione del file. Il file viene salvato su server con un livello di protezione avanzata che impedisce modifiche non autorizzate. I test DCDiag e NetDiag possono essere eseguiti manualmente.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 265706 - Ultima modifica: venerdý 26 ottobre 2007 - Revisione: 6.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi:á
kbhowto kbdownload kbgraphxlinkcritical kbproductlink KB265706
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com