Le indicazioni di supporto per lo sviluppo di messaggistica lato client

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 266353 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

INTRODUZIONE

Questo articolo viene descritto che cosa Ŕ supportato e cosa non Ŕ supportato quando si sviluppano soluzioni personalizzate che si integrano con i prodotti di messaggistica basati su Microsoft o le tecnologie Microsoft. In questo articolo contiene inoltre la maggior parte delle chiavi informazioni da tenere presente quando si sviluppa con i prodotti Microsoft e tecnologie Microsoft. Tuttavia, in questo articolo non copre tutti gli scenari. Contattare supporto tecnico clienti Microsoft domande se una soluzione specifica Ŕ supportata.

In questo articolo vengono inoltre illustrate le tecnologie e scenari specifici che fornisce linee guida agli sviluppatori.

Informazioni

Il termine "supportato" Ŕ utilizzato per descrivere se supporto tecnico clienti Microsoft o del servizio Microsoft possono aiutarvi quando si tenta di ottenere qualcosa in modo specifico. In genere, il termine viene anche utilizzato nel contesto di se un gruppo di prodotti Microsoft potenzialmente viene risolto un problema per un determinato scenario.

Causa di una matrice di grandi dimensioni di prodotti, tecnologie e le versioni che richiedono il test, diciamo non Ŕ possibile che tutti gli scenari hanno progettati nÚ testati. Di conseguenza, Ŕ consigliabile utilizzare le procedure ottimali descritte di seguito quando si progettano di soluzioni personalizzate:
  • Utilizzare solo API sono documentati da Microsoft. Questo modo si evita il maggiore rischio la soluzione non funzionerÓ con una versione pi¨ recente di un prodotto o con un service pack per un prodotto. Ad esempio, Ŕ possibile utilizzare l'API Microsoft Win32 per modificare finestre di Microsoft Office Outlook. Tuttavia, non Ŕ supportata l'API Win32. Alcune soluzioni potrebbero essere supportate nel contesto dell'API specifica utilizzabili. Tuttavia, queste soluzioni in genere non sono supportate all'interno del contesto di un Office di applicazione e di quando si crea una soluzione personalizzata utilizzando l'applicazione. Un'eccezione Ŕ uno scenario in cui Ŕ documentato da Microsoft.
  • Evitare la combinazione di tecnologie pi¨ recenti e le tecnologie meno recenti possono in tal. Combinazione di tecnologie pi¨ recenti e meno recenti tecnologie aumenta la possibilitÓ che lo scenario non Ŕ stato testato e che lo scenario non Ŕ supportato.
  • Quando si lavora con le applicazioni di Office, Ŕ possibile sviluppare la soluzione utilizzando la versione meno recente di Office che viene eseguita la soluzione.

Integrazione con le proprietÓ di Outlook

Outlook, Microsoft Exchange Server e altro archivio di prodotti Microsoft archivi dati in MAPI, ad esempio i file delle cartelle personali (pst), Exchange archivi di cassette postali o archivi di cartelle pubbliche di Exchange. Anche se alcuni di questi dati Ŕ visibile, diversi altri dati non Ŕ visibile e viene memorizzato per altri motivi.

In alcuni casi, Ŕ una corrispondenza uno-a-uno tra desiderato in Outlook e che cosa Ŕ memorizzato nel database MAPI sottostante. Della casella oggetto del messaggio di posta elettronica Ŕ un esempio di questo, poichÚ questa casella corrisponde alla proprietÓ MAPI PR_SUBJECT . In questo caso, Ŕ possibile che questa proprietÓ predates Outlook poichÚ questa proprietÓ Ŕ stata utilizzata dai client di posta elettronica Microsoft precedente. Altre proprietÓ inoltre avere una corrispondenza uno-a-uno, ma sono specifici di Outlook. Ad esempio, indirizzo sito Web ?s un contatto si trova in un MAPI specifico proprietÓ denominato.

Nota Per ulteriori informazioni sulla proprietÓ denominate in Outlook, vedere la sezione "informazioni MAPI specifiche per le proprietÓ denominate".

In alcuni casi, Outlook potrebbe essere di utilizzare pi¨ di proprietÓ MAPI per memorizzare le informazioni per uno scopo specifico oppure Outlook memorizzano informazioni in pi¨ parti di una proprietÓ. In entrambi questi scenari, spesso non Ŕ disponibile alcuna documentazione che spiega come vengono implementate queste proprietÓ o la modalitÓ di funzionamento.

A livello di codice modificare le proprietÓ sottostante comporta alcuni rischi. Le aree principali sono i seguenti:
  • Outlook possibile che il comportamento imprevisto o si blocchi quando vengono modificate alcune proprietÓ.
  • Possono verificarsi problemi quando vengono utilizzate diverse API di modificare dinamicamente alcune proprietÓ di Outlook mentre Outlook Ŕ in esecuzione.
  • Versioni diverse di Outlook possono connettersi per la stessa MAPI vengono memorizzati. Di conseguenza, vi possono essere aggiunti complessitÓ poichÚ versioni diverse di Outlook possono interagire con le proprietÓ correlate in modi diversi.
Di conseguenza, molte proprietÓ MAPI utilizzate da Outlook non sono documentate a livello di MAPI. Lo schema MAPI che viene utilizzato Ŕ complesso e pu˛ variare con le versioni successive MAPI.

Pertanto, si consiglia di evitare di accedere direttamente i dati a basso livello e utilizzare una API di alto livello, invece, ad esempio come libreria di oggetti di Outlook. A causa di questi fattori, in genere non Ŕ supportata che spiegano come o perchÚ vengono implementate le proprietÓ sottostante.

╚ inoltre importante distinguere tra la lettura delle proprietÓ e la scrittura delle proprietÓ. ╚ supportata a livello di programmazione durante la lettura delle proprietÓ MAPI utilizzando il comando API, ad esempio MAPI estesa, nÚ WebDAV nÚ l'oggetto PropertyAccessor nella finestra di Microsoft Office Outlook 2007 il modello a oggetti. Tuttavia, la scrittura di tali proprietÓ non Ŕ per supportata a causa dei potenziali per i problemi di danneggiamento dei dati o per altri problemi che MAPI di altri client potrebbero essere quando i dati modificati.

Informazioni MAPI specifiche per le proprietÓ denominate

MAPI fornisce una funzionalitÓ per l'assegnazione di nomi di alcune proprietÓ, per il mapping questi nomi di identificatori univoci e per rendere permanente questo mapping. Outlook scrive molti campi specifici di Outlook in questi denominato proprietÓ che utilizzano gli identificatori nell'intervallo FFFE-8000. In genere, il modello di oggetto di Microsoft Outlook Ŕ il solo metodo supportato per modificare queste proprietÓ denominate. In genere, modifica di queste proprietÓ utilizzando MAPI o utilizzando CDO (Collaboration Data Object) non supportata.

ProprietÓ denominate sono identificate da un nome e da un GUID per un insieme di proprietÓ. Il nome pu˛ essere un numero o una stringa. Queste proprietÓ sono modificate mediante utilizzando la funzione IMAPIProp::GetIDsFromNames e la funzione di IMAPIProp::GetNamesFromIDs . Il GUID e il nome vengono passati alla funzione GetIDsFromNames per ottenere un ID di proprietÓ Ŕ valido per la sessione MAPI corrente. PoichÚ questo ID di proprietÓ pu˛ variare da computer a computer, il solo coerente per accedere a una proprietÓ denominata consiste nel conoscere la proprietÓ Ŕ impostata e il nome.

In genere, le proprietÓ denominate vengono utilizzate dai client di Outlook come modo per aggiungere informazioni aggiuntive a un messaggio solo utilizzato dal client. Di conseguenza, la maggior parte delle denominato proprietÓ utilizzate dai client Outlook non sono documentata. L'unico modo supportato per ottenere queste proprietÓ Ŕ tramite il modello a oggetti.

Comune denominato proprietÓ utilizzate da Outlook

Nella tabella seguente vengono descritti il comune denominato proprietÓ utilizzate da Outlook.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
tipo di elemento (classe di messaggio) Riepilogo delle possibilitÓ di supporto
Messaggi (IPM.note)I messaggi sono nativi a MAPI. In Outlook vengono conservate alcune proprietÓ denominate su tali elementi.
Elementi dei contatti (IPM.Contact)I contatti non sono nativi di MAPI. PoichÚ i contatti simile voci della Rubrica, alcuni tag della voce di indirizzo sono validi. La maggior parte delle proprietÓ di contatto sono denominate proprietÓ.
Elementi di attivitÓ (IPM.Task)AttivitÓ non sono native di MAPI. La maggior parte delle proprietÓ dell'attivitÓ sono denominate proprietÓ.
Elementi di appuntamento (IPM.Appointment)Appuntamenti non sono nativi di MAPI, ma sono nativi di CDO. La maggior parte delle proprietÓ di appuntamento sono denominate proprietÓ. Alcune proprietÓ appuntamento vengono esposti tramite l'oggetto CDO Elemento appuntamento .
Elementi del diario (IPM.Activity)Giornali di registrazione non sono nativi di MAPI. La maggior parte delle proprietÓ di giornale di registrazione sono denominate proprietÓ.
Nota gli elementi (IPM.StickyNote)Note di Sticky notes non sono nativi di MAPI. La maggior parte delle proprietÓ di nota di Sticky Notes sono denominate proprietÓ.
Oltre alle proprietÓ native di MAPI, i campi definiti dall'utente nei moduli personalizzati di Outlook sono supportati tramite MAPI, tramite CDO, tramite WebDAV e tramite il modello a oggetti. Questi campi utilizzano il PS_PUBLIC_STRINGS come proprietÓ impostare la proprietÓ identificatore e il nome del campo come il nome della proprietÓ. Per ulteriori informazioni sugli scenari di supporto per i dati basati su WebDAV e basati su MAPI di dati, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
920134Supporto disponibili per le applicazioni che utilizzano il protocollo WebDAV per accedere a Exchange 2000 Server o Exchange Server 2003
L'API di integrazione di Outlook fornisce documentazione aggiuntiva per l'integrazione con Outlook in scenari specifici. Per visualizzare tale documentazione, visitare il seguente sito Web Microsoft (informazioni in lingua inglese):
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/aa193231(office.11).aspx
Inoltre, le seguenti informazioni sono documentate per Outlook 2007 e viene pianificate da includere nell'API di integrazione di Outlook in un secondo momento. Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
919198Supporto di indicizzazione basato su notifica per provider di archivio in Outlook 2007
919199Come utilizzare l'API IAttachmentSecurity per verificare se un allegato viene considerato essere bloccati in Outlook
Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
Outlook 2007 documentazione-gli allegati bloccati
http://blogs.msdn.com/stephen_griffin/archive/2006/05/09/593585.aspx

Outlook 2007 documentazione - notifica base supporto indicizzazione
http://blogs.msdn.com/stephen_griffin/archive/2006/05/10/594641.aspx

Microsoft Office Outlook 2003 Service Pack 1 (SP1) o versioni successive

Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
912239L'utilizzo di proprietÓ MAPI dispidHeaderItem per identificare lo stato di un messaggio che viene visualizzato in Outlook 2003
912238Come utilizzare MAPI per gestire i messaggi in un file pst quando si utilizza Outlook 2003 per scaricare i messaggi da un server IMAP
912237L'utilizzo di proprietÓ denominate per voci della rubrica contatto si riferiscono ai messaggi di posta elettronica, indirizzi di posta elettronica e allegati di immagine in Outlook 2003
915314Le informazioni circa due nuovi denominata definizioni di proprietÓ che Ŕ possono controllare come un messaggio viene elaborato da Office Outlook 2003 quando gli utenti rispondono al messaggio
Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
Documentazione di Outlook nuova parte 5 - moduli unici
http://blogs.msdn.com/stephen_griffin/archive/2005/12/29/507991.aspx

API di integrazione di Outlook 2003 incluso PST documenti e di esempio
http://blogs.msdn.com/stephen_griffin/archive/2005/09/28/Outlook-2003-Integration-API-Wrapped-PST-Docs-and-Sample.aspx

API che sono supportate nel codice gestito

MAPI Ŕ stato progettato originariamente e originariamente sviluppato nei tardi anni ' 80. Di conseguenza, MAPI predates codice gestito in Microsoft .NET Framework. ╚ non forniscono i wrapper gestiti per MAPI, e si scoraggiare dall'utilizzo di wrapper di terze parti. Infatti, soluzioni sembri funzionare in un ambiente di prova, ma i problemi correlati alla gestione della memoria possono verificarsi quando un'applicazione viene distribuita in un ambiente di produzione e viene esposto a scenari di scalabilitÓ del mondo reale.

Nella tabella seguente, il criterio di supporto sono riepilogati per API di Outlook nell'ambiente di .NET Framework.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
API nome DLL Gestione criteri di supporto di codice
Modello a oggetti di OutlookNon applicabileSupportato tramite un assembly di interoperabilitÓ COM
Collaboration Data Objects (CDO) 1.2 xCDO.dllNon Ŕ supportato
MAPI (Extended MAPI o Simple MAPI)Mapi32.dll o Msmapi32.dllNon Ŕ supportato
Servizi Web di Exchange Server 2007Non applicabileSupportato
WebDAV (Exchange 2000 Server and Exchange Server 2003, obsoleto in Exchange Server 2007)Non applicabileSupportato
Per ulteriori informazioni sui criteri del supporto per altre API di messaggistica in codice gestito, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
813349Criteri di supporto per l'API di Microsoft Exchange con applicazioni .NET Framework

I controlli utente di .NET Framework

I controlli utente di .NET Framework non sono supportati in Outlook 2003 in versioni precedenti di Outlook o in aree di modulo personalizzato di Outlook 2007. Per ulteriori informazioni sul supporto per questi controlli, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
897863Descrizione del supporto del clustering di Windows Form i controlli in applicazioni non gestite

Moduli personalizzati e scenari HTTP per Outlook 2003 e versioni precedenti di Outlook

In Outlook, moduli personalizzati di Outlook non sono supportati da utilizzare con servizi di posta basato su HTTP, ad esempio Microsoft Hotmail. Outlook non impedisce l'utilizzo funzionalitÓ di modulo personalizzato, se si utilizza un servizio di posta basato su HTTP. Tuttavia, alcune funzionalitÓ non funzionano correttamente. Le funzionalitÓ non funzionano correttamente perchÚ i messaggi di posta basato su HTTP vengono memorizzati in un stato di sola lettura sul server. Pertanto, si consiglia di non utilizzare moduli personalizzati di Outlook se si utilizza un servizio di posta basato su HTTP.

Controlli Microsoft MAPI 6.0 di Visual Basic

Controlli MAPI di Visual Basic 6.0 si basano su Simple MAPI e non vengono verificati o supportata a partire da Outlook 2007. Si consiglia di utilizzare un'API pi¨ recente per soluzioni di posta elettronica.

Nota Il supporto standard per Visual Basic 6.0 Ŕ scaduto.

Chiamate di messaggistica comune

CMC (Common Messaging Calls) non Ŕ supportato dopo il rilascio della protezione della posta elettronica di Outlook viene aggiornato a giugno 2000.

Dynamic Data Exchange (DDE)

A differenza di altre applicazioni di Office, Outlook non supporta DDE (Dynamic Data Exchange) consente di comunicare a livello di programmazione con Outlook.

Microsoft Outlook Express (Microsoft Windows XP)

Per lungo tempo, l'API supportata solo per Outlook Express Ŕ Simple MAPI. Simple MAPI Ŕ un insieme di funzioni e le strutture di dati correlati che Ŕ possibile utilizzare per aggiungere funzionalitÓ di messaggistica per applicazioni personalizzate. Le funzioni di Simple MAPI sono disponibili nelle versioni C, c ++ e Visual Basic.

La documentazione relativa a Simple MAPI viene fornita nel SDK di Microsoft Exchange. Per visualizzare tale documentazione, visitare il seguente sito Web Microsoft (informazioni in lingua inglese):
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/aa142548(EXCHG.65).aspx
Outlook Express utilizza la Rubrica di Windows (WAB). Per ulteriori informazioni sulla Rubrica di Windows, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms629361.aspx

Windows Mail in Windows Vista

In Windows Vista, Windows Mail Ŕ la sostituzione per Outlook Express. Per gli sviluppatori documentazione, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://msdn.microsoft.com/en-us/library/ms709546.aspx
API disponibili per Outlook Express 6.0 sono inoltre inclusi in questa documentazione.

Windows API Live e SDK

Per ulteriori informazioni sulle API correlate alla posta elettronica e sulle opzioni di supporto per Windows Live, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://dev.live.com/
Supporto tecnico Microsoft attualmente non fornisce supporto per queste API.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sulla proprietÓ denominate, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/ms529055.aspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 266353 - Ultima modifica: venerdý 30 marzo 2007 - Revisione: 5.5
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Messaging Application Programming Interface
  • Microsoft Office Outlook 2007
  • Microsoft Office Outlook 2003
  • Microsoft Outlook 2002 Standard Edition
  • Microsoft Outlook 2000 Standard Edition
  • Microsoft Outlook 98 Standard Edition
  • Microsoft Outlook 97 Standard Edition
  • Microsoft Collaboration Data Objects 1.21
  • Microsoft Outlook Express 5.0
  • Microsoft Outlook Express 5.5
  • Microsoft Outlook Express 6.0
Chiavi:á
kbmt kbinfo kbmsg kboutlookobj KB266353 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 266353
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com