Una vecchia password continua a funzionare dopo la modifica in Outlook Web Access

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 267568 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Importante In questo articolo contiene informazioni su come modificare il Registro di sistema. Assicurarsi di eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. Assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
articolo 322756 Come eseguire il backup e ripristinare il Registro di sistema in Windows
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sommario

Si supponga che un utente modifica la password in Outlook Web Access (OWA) in una delle seguenti versioni di Microsoft Exchange Server:
  • Microsoft Exchange Server 2010
  • Microsoft Exchange Server 2007
  • Microsoft Exchange Server 2003
  • Microsoft Exchange 2000 Server
In questo caso, è possibile notare un periodo di 15 minuti durante il quale l'utente può accedere alle cassette postali con la vecchia password o la nuova password. Tuttavia, se l'utente utilizza un client MAPI (ad esempio Microsoft Outlook) per accedere alla cassetta postale o se l'utente tenta di accedere ad altri file e risorse, l'utente è autenticato solo se si utilizza la nuova password.

Informazioni

La latenza esiste in base alla progettazione per migliorare le prestazioni di Internet Information Services (IIS) e viene controllata dall'impostazione del Registro di sistema riportata di seguito.

Messaggio di avviso L'utilizzo non corretto dell'Editor del Registro di sistema potrebbe causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non garantisce che sia possibile risolvere i problemi derivanti dall'utilizzo non corretto dell'Editor del Registro di sistema. Utilizzare l'Editor del Registro di sistema a proprio rischio.
  1. Avviare l'Editor del Registro di sistema (Regedt32. exe) sul server che esegue IIS e attraverso il quale l'utente potrà accedere a OWA.
  2. Individuare la seguente chiave del Registro di sistema:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\InetInfo\Parameters
  3. Nel Modifica menu, fare clic su Aggiungere valore, quindi aggiungere il seguente valore del Registro di sistema:
    Nome del valore: UserTokenTTL (NotaÈ tra maiuscole e minuscole!)
    Tipo di dati: REG_DWORD
    Intervallo di valori: 0 - 0x7FFFFFFF (Nota Questa unità è espresso in secondi.)
  4. Uscire dall'Editor del Registro di sistema e riavviare IIS.
Quando viene effettuata una richiesta al server utilizzando l'autenticazione di base, le credenziali di protezione per la richiesta vengono utilizzate per creare un token dell'utente sul server. Quest'ultimo rappresenta il token dell'utente quando si accede a un file o altre risorse di sistema (vedere anche "CacheSecurityDescriptor" nella Guida in linea di IIS). Il token viene memorizzato nella cache in modo che l'accesso a Windows si verifica solo la prima volta che l'utente accede al sistema o dopo il token dell'utente viene rimosso dalla cache. I token di autenticazione integrati di Windows non vengono memorizzate nella cache.

Per migliorare le prestazioni di IIS, l'impostazione predefinita è 15 minuti. Assicurarsi di valutare attentamente le implicazioni di sicurezza e le implicazioni sulle prestazioni.Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
152526Modificare l'intervallo predefinito per i token degli utenti in IIS
NotaSe un utente è ancora connesso quando l'impostazione di questa chiave del Registro di sistema, corrente dell'utente al token Live (TTL) per la password rimane invariata com'era prima la chiave del Registro di sistema è stata modificata. L'utente non viene influenzato fino a chiudere tutte le istanze del browser, accedere nuovamente e modificare nuovamente la password. Tale nuova password avrà il valore TTL della chiave del Registro di sistema che è stato specificato.

Proprietà

Identificativo articolo: 267568 - Ultima modifica: giovedì 26 maggio 2011 - Revisione: 2.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Server 2010 Standard
  • Microsoft Exchange Server 2007 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 2003 Standard Edition
  • Microsoft Exchange 2000 Server Standard Edition
  • Microsoft Internet Information Services 7.0
  • Microsoft Internet Information Services 6.0
  • Microsoft Internet Information Services 5.0
Chiavi: 
kbhowto kbmt KB267568 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 267568
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com