FIX: Un aggiornamento Ŕ disponibile per consentire la personalizzazione di identificazione dei controlli per il modello di estensione codificato Test dell'interfaccia utente in Visual Studio 2010 SP1

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 2696646 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Un aggiornamento Ŕ disponibile per Microsoft Visual Studio 2010 Service Pack 1 (SP1). Questo aggiornamento aggiunge un nuovo modello di estensione per consentire la personalizzazione di identificazione del controllo quando si registra e riproduce il test di automazione utilizzando il modello di estensione codificato Test dell'interfaccia utente in Visual Studio 2010 SP1.áDopo aver applicato questo aggiornamento, l'implementazione di un nuovo plug-in per i controlli personalizzati Ŕ molto pi¨ semplice e pi¨ semplice rispetto a prima.

Il nuovo modello di estensione consente di aggiungere le seguenti classi:
  • UITechnologyElementProxy.Un esempio di come utilizzare la nuova classe, Ŕ possibile modificare ilQueryIDmetodo. Questo metodo Ŕ elencato come un insieme di condizioni sulla mappa di elementi dell'interfaccia utente (UIMap). Per aggiungere ulteriori condizioni o per modificare le condizioni esistenti, Ŕ possibile utilizzare questa nuova classe. Tali condizioni potrebbero essere attributi aggiuntivi di automazione. In alternativa, queste condizioni potrebbero essere utilizzate per aggiungere pi¨ disponibili informazioni sulla gerarchia per i file esistenti di UIMap.
  • UITechnologyManagerProxy. Per registrare il gestore di tecnologia con il gestore di tecnologia di proxy, Ŕ possibile utilizzare questa nuova classe.

Per ulteriori informazioni su come utilizzare queste nuove classi dopo aver applicato questo aggiornamento, vedere gli scenari nella sezione "Informazioni".

Informazioni

Scenari

Scenario 1

Si tenta di eseguire il test di un controllo personalizzato utilizzando aspetto codificato dell'interfaccia utente prova tutto bene, ad eccezione di uno o due anomalie minori, ad esempio le modifiche al rettangolo di delimitazione di un controllo personalizzato o l'override del metodo GetHashCode . Con il precedente modello di estensione, Ŕ possibile scrivere un plug-in per risolvere il problema e per eseguire l'override del metodo previsto. Ma allo stesso tempo, Ŕ necessario eseguire l'override di diversi altri metodi per rendere il lavoro di plug-in e potrebbe richiedere giorni da stabilizzare. Utilizzando il nuovo modello di estensione, Ŕ possibile eseguire lo stesso lavoro eseguendo l'override solo i metodi previsti.

Scenario 2

Si sviluppa un controllo personalizzato e verificare che il Test dell'interfaccia utente codificato non automatizzare le azioni del controllo personalizzato. Ad esempio, fa clic su Indietro viene riprodotto solo coordina il Test di interfaccia utente codificato. Utilizzando queste nuove classi, Ŕ possibile implementare il modello di estensione per personalizzare le proprietÓ di ricerca di un controllo per automatizzare le azioni utilizzando il Test dell'interfaccia utente codificato in nove semplici passaggi che seguono.

Microsoft fornisce esempi di programmazione solo scopo illustrativo e senza alcuna garanzia espressa o implicita. Questo include, ma non limitato a, le garanzie implicite di commerciabilitÓ o idoneitÓ per uno scopo particolare. In questo articolo presuppone la conoscenza del linguaggio di programmazione in questione e gli strumenti utilizzati per creare ed eseguire il debug di procedure. Gli esperti Microsoft possono spiegare la funzionalitÓ di una particolare procedura. Tuttavia, non verrÓ modificata in questi esempi per fornire funzionalitÓ aggiuntive o per creare procedure atte a soddisfare specifiche esigenze.
  1. Passa la proprietÓ di identificazione del controllo tramite una proprietÓ utilizzabile del tipo classe AccessibleObject, ad esempio la proprietÓ Descrizione o la Guida in linea . Analogamente, Ŕ possibile passare altri valori di proprietÓ sotto forma di stringa separato da delimitatore nella proprietÓ AccessibleObject , come illustrato nell'esempio riportato di seguito:

    public override string Description
    {
        get
        {
            return "<custom_property_value1>"+";"+"<custom_property_value2>";
        }
    }

    NotaáSi tratta di un solo metodo per il passaggio di parametri aggiuntivi per il Test dell'interfaccia utente codificato. Se si dispone di numerose proprietÓ che deve essere esposto, Ŕ inoltre possibile passare le proprietÓ personalizzate utilizzando l'approccio di iniezione di codice. Un approccio potrebbe essere l'utilizzo di un canale WCF tra il Test dell'interfaccia utente codificato e l'applicazione effettiva. Il canale pu˛ essere utilizzato per passare le proprietÓ che sono necessari per identificare i controlli o per eseguire la convalida di base dei controlli utilizzando le proprietÓ personalizzate. Un altro metodo per il passaggio di proprietÓ consiste nell'utilizzare i messaggi di Windows. ╚ possibile decidere il metodo appropriato, in base alle esigenze.

  2. Specificare il nome di tecnologia personalizzata nel UITechnologyManagerProxyclasse e manager di tecnologia di base corrispondente dei nomi in modo che il framework di estensione codificato Test dell'interfaccia utente Ŕ possibile effettuare la registrazione del proxy interno di conseguenza.

    NotaáAttualmente, plug-in di terze parti non possono utilizzare lo stesso nome di tecnologia come uno dei nomi di tecnologia core codificato Test dell'interfaccia utente. Inoltre, pi¨ nomi di plug-in terze parti non possono entrare in conflitto. Anche se il plug-in viene caricato da extension manager, non consente il responsabile di plug-in del Test di interfaccia utente codificato per la registrazione di plug-in pi¨ con nomi duplicati per la tecnologia. Controlli personalizzati devono pertanto essere registrati con un nome diverso per la tecnologia nel costruttore CustomTechnologyManager come nell'esempio riportato di seguito:
    public CustomTechnologyManager()
                : base("MSAA", "<custom_technology_name>")
            {
            }
  3. L'override del metodo GetControlSupportLevel di UITechnologyManagerProxyclasse. ╚ possibile ottenere il tipo di classe AccessibleObject dalla proprietÓ windowHandle , come illustrato nell'esempio riportato di seguito. Dopo questa operazione diventa abbastanza semplice per estrarre la proprietÓ personalizzata. ╚ quindi possibile restituire il livello di supporto appropriato da personalizzati plug-in dopo che viene convalidato rispetto al valore della proprietÓ personalizzata.
    internal enum OBJID : uint
            {
                WINDOW = 0x00000000,
                SYSMENU = 0xFFFFFFFF,
                TITLEBAR = 0xFFFFFFFE,
                MENU = 0xFFFFFFFD,
                CLIENT = 0xFFFFFFFC,
                VSCROLL = 0xFFFFFFFB,
                HSCROLL = 0xFFFFFFFA,
                SIZEGRIP = 0xFFFFFFF9,
                CARET = 0xFFFFFFF8,
                CURSOR = 0xFFFFFFF7,
                ALERT = 0xFFFFFFF6,
                SOUND = 0xFFFFFFF5,
            }
     
    internal static IAccessible AccessibleObjectFromWindow(IntPtr windowHandle)
            {
                Guid accessibleGuid = typeof(IAccessible).GUID;
                IAccessible accessible = null;
     
                if (AccessibleObjectFromWindow(windowHandle, (int)OBJID.WINDOW, ref accessibleGuid, ref accessible) != 0)
                {
                    Trace.TraceError("AccessibleObjectFromWindow failed for window handle {0}", windowHandle);
                }
     
                return accessible;
            }
     
     
           [DllImport("oleacc.dll")]
    internal static extern int AccessibleObjectFromWindow(IntPtr hWnd, int dwObjectID, ref Guid riid, ref IAccessible pAcc);
     
    public override int GetControlSupportLevel(IntPtr windowHandle)
            {
                int supportLevel = base.GetControlSupportLevel(windowHandle);
                if (supportLevel > 1)
                {
                    IAccessible accessibleObject = this.AccessibleObjectFromWindow(windowHandle);
                    if (accessibleObject!=null && accessibleObject.accDescription.Contains("custom_property_value"))
                    {
                        return (int)ControlSupport.ControlSpecificSupport;
                    }
                }
     
                return (int)ControlSupport.NoSupport;
            }
  4. Aggiungere una proprietÓ personalizzata per il metodo QueryID nel UITechnologyElementProxyclasse. ╚ possibile aggiungere una condizione aggiuntiva o rimuovere una condizione dal metodo QueryID . Tenere presente, non appena una condizione viene rimosso, visualizzare il UIMap si interrompe la condizione di proprietÓ. Dopo l'aggiunta di una condizione aggiuntiva, verranno elencato come tag aggiuntivi per le condizioni di proprietÓ nel file .uitest del codice generato se viene eseguita alcuna azione per il controllo personalizzato, come illustrato nell'esempio riportato di seguito:
    <PropertyCondition Name=" <Custom_property_name>">Custom_property_value</PropertyCondition>
     
            public override IQueryElement QueryId
            {
                get 
                {
                    if (queryElement == null)
                    {
                        queryElement = base.QueryId;
                        if(string.Equals(this.ControlTypeName, ControlType.Button.ToString(), StringComparison.OrdinalIgnoreCase))
                        {
                            Utilities.UpdateQueryId(this, queryElement, new string[] 
                            {
                                <Custom_property_name>
                        });
                        }
                    }
                    return queryElement;
                }
            }


    Di seguito Ŕ riportato un esempio di come implementare il metodo Utilities.UpdateQueryId . Questo metodo viene utilizzato nell'esempio precedente.
    internal static void UpdateQueryId(UITechnologyElement element, IQueryElement queryElement, string[] inclusionProperties)
            {
                List<IQueryCondition> conditionList = new List<IQueryCondition>(queryElement.Condition.Conditions);
                if (conditionList != null)
                {
                    bool updated = false;
                    foreach (string propertyToInclude in inclusionProperties)
                    {
                        bool exists = false;
                        foreach (IQueryCondition qCond in conditionList)
                        {
                            PropertyCondition pCond = qCond as PropertyCondition;
                            if (pCond != null &&
                                string.Equals(pCond.PropertyName, propertyToInclude, StringComparison.OrdinalIgnoreCase))
                            {
                                exists = true;
                                break;
                            }
                        }
     
                        if (!exists)
                        {
                            string propVal = element.GetPropertyValue(propertyToInclude) as string;
                            PropertyCondition newCondition = new PropertyCondition(propertyToInclude, propVal);
                            conditionList.Add(newCondition);
                            updated = true;
                        }
                    }
     
                    if (updated)
                    {
                        queryElement.Condition.Conditions = conditionList.ToArray();
                    }
                }
            }
  5. L'override del metodo GetPropertyValue di UITechnologyElementProxyla classe e quindi impostare il valore come il primo token nella stringa di descrizione. Questa implementazione variano in base al modo in cui Ŕ possibile passare le proprietÓ personalizzate. Se si utilizza l'inserimento di codice per passare le proprietÓ, si dovrebbe creare un canale e recuperare le proprietÓ dall'host, come illustrato nell'esempio riportato di seguito:
    public override object GetPropertyValue(string propertyName)
    {
        if (string.Equals(propertyName, ?<custom_property_name>?))
        {
            string accDesc = this.GetPropertyValue(<custom_property_name>) as string;
            if (accDesc != null)
            {
                string[] descriptionTokens = accDesc.Split(new char[] { ';' });
                return descriptionTokens[0];
            }
        }
        return base.GetPropertyValue(propertyName);
    }
  6. Specificare la gestione personalizzata di tecnologia nel UITechnologyElementProxyla classe e poi associarlo con il principale elemento di tecnologia IUI, come illustrato nell'esempio riportato di seguito:
    public RadGridViewTechnologyElement(CustomTechnologyManager technologyManager, IUITechnologyElement coreElement)
                : base(technologyManager, coreElement)
            {
            }
  7. Se si dispone di una classe specializzata per la generazione di codice personalizzato, e se sono state aggiunte le condizioni di proprietÓ aggiuntive nel metodo QueryID come descritto nel passaggio 4, Ŕ necessario esporre la proprietÓ personalizzata come una proprietÓ di ricerca valida per questo elemento, come illustrato nell'esempio riportato di seguito:
    protected override Dictionary<string, bool> GetValidSearchProperties()
    {
        Dictionary<string, bool> validSearchProperties = base.GetValidSearchProperties();
        if (!validSearchProperties.ContainsKey(<custom_property_name>))
        {
            validSearchProperties.Add((<custom_property_name>, true);
        }
     
        return validSearchProperties;
    }
  8. L'estensione PropertyProvider , aggiungere le condizioni per impostare il livello di supporto del controllo, come illustrato nell'esempio riportato di seguito.

    Nota Quando vengono recuperate le proprietÓ del metodo uiTestControl , si consiglia di utilizzare solo le proprietÓ che sono disponibili nella proprietÓ SearchProperties o nella proprietÓ FilterProperties di un metodo uiTestControl . Non tentare di recuperare eventuali proprietÓ aggiuntive, poichÚ il controllo live potrebbe non essere disponibile durante la generazione del codice.
    public override int GetControlSupportLevel(UITestControl uiTestControl)
            {
                if (IsSupported(uiTestControl))
                {
                    return (int)ControlSupport.ControlSpecificSupport;
                }
     
                return (int)ControlSupport.NoSupport;
            }
     
    private static bool IsSupported(UITestControl uiTestControl)
            {
                string accDescriptionValue = string.Empty;
                string objectType = string.Empty;
     
                if (uiTestControl.SearchProperties != null && uiTestControl.SearchProperties.Count > 0)
                {
                    PropertyExpression controlTypeExpression = uiTestControl.SearchProperties.Find(?<Custom_property_name>?);
                    if (controlTypeExpression != null)
                    {
                        accDescriptionValue = controlTypeExpression.PropertyValue;
                        string[] descriptionTokens = accDescriptionValue.Split(new char[] { ';' });
                        objectType = descriptionTokens[0];
                    }
                }
     
                if (string.Equals(uiTestControl.TechnologyName, ?<Custom_technology_name>?, StringComparison.OrdinalIgnoreCase)
                     && (objectType.Contains(?<Custom_property_value>?)))
                 
                {
     
                    return true;
                }
                return false;
            }
  9. Implementare il metodo UITestExtensionPackage e quindi allegare i servizi di PropertyProvider e TechnologyManager l'override del metodo GetService , come illustrato nell'esempio riportato di seguito:
    public override object GetService(Type serviceType)
    {
        Trace.WriteLine("RadGridViewExtensionPackage.GetService(" + serviceType.ToString() + ")");
        if (serviceType == typeof(UITestPropertyProvider))
            return this.PropertyProvider;
        else if (serviceType == typeof(UITechnologyManager))
            return this.TechnologyManager;
        return null;
    }

Informazioni sull'aggiornamento

Un hotfix supportato Ŕ disponibile da Microsoft. Tuttavia, questo hotfix Ŕ destinato a correggere il problema descritto in questo articolo. Applicare questo hotfix solo ai sistemi in cui si verificano il problema descritto in questo articolo. Questo hotfix vengano eseguiti ulteriori test. Se il problema non causa gravi difficoltÓ, si consiglia di attendere il prossimo aggiornamento software contenente tale hotfix.

Se l'aggiornamento rapido Ŕ disponibile per il download, Ŕ presente una sezione "Hotfix disponibile per il download" all'inizio di questo articolo della Knowledge Base. Se non viene visualizzato in questa sezione, contattare il servizio clienti Microsoft e supporto tecnico per ottenere l'hotfix.

Nota Se si verificano ulteriori problemi o se Ŕ richiesta la risoluzione dei problemi, Ŕ necessario creare una richiesta di assistenza separata. I costi di supporto consueto verranno applicati per eventuali ulteriori domande e problemi che non dovessero rientrare nello specifico hotfix. Per un elenco completo dei numeri di telefono del servizio clienti Microsoft e supporto tecnico o per creare una richiesta di assistenza separata, visitare il seguente sito Web Microsoft:
http://support.microsoft.com/contactus/?ws=support
NotaáIl modulo "Hotfix disponibile per il download" Visualizza le lingue per cui Ŕ disponibile l'aggiornamento rapido. Se non viene visualizzata la lingua, infatti un aggiornamento rapido non Ŕ disponibile per tale lingua.

Prerequisiti

Per applicare questo hotfix, Ŕ necessario disporre di Service Pack 1 (SP1) applicato a uno o pi¨ delle seguenti operazioni:
  • Microsoft Visual Studio 2010 Premium
  • Microsoft Visual Studio 2010 Ultimate
  • Microsoft Visual Studio 2010 Test Professional
  • Microsoft Visual Studio Team Foundation Server 2010
  • Microsoft Visual Studio Test Agent 2010

Per ulteriori informazioni su come ottenere Visual Studio 2010 SP1, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
983509 Descrizione di Visual Studio 2010 Service Pack 1

Informazioni sul riavvio

Potrebbe essere necessario riavviare il computer dopo aver applicato questo aggiornamento rapido. Si consiglia di chiudere tutte le istanze di Visual Studio prima di applicare questo hotfix.

Informazioni sulla sostituzione dell'hotfix

Questo hotfix non sostituisce un aggiornamento rapido precedentemente rilasciato.

Informazioni sui file

Questo aggiornamento rapido consente di installare i file con gli attributi elencati nelle tabelle seguenti. Le date e gli orari di questi file sono elencati nel tempo universale coordinato (UTC). Le date e le ore dei file sul computer locale vengono visualizzate nell'ora locale con la differenza dell'ora legale (DST). Inoltre, le date e gli orari cambiano quando si eseguono determinate operazioni sui file.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
Nome del fileVersione del fileDimensioni fileDataOraPiattaforma
Leviewer.exe10.0.40219.396118,34428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.Build.client.dll10.0.40219.396436,35227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Build.Controls.dll10.0.40219.3961,365,12828-Apr-201218: 41x86
Denominati10.0.40219.3961,595,51227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Common.dll10.0.40219.396525,43227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Common.Library.dll10.0.40219.396334,98427-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Controls.dll10.0.40219.396938,61628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.dll10.0.40219.396675,43227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Lab.Activities.dll10.0.40219.396772,74428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.Lab.client.dll10.0.40219.396153,21627-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.Lab.uiutils.dll10.0.40219.396266,88028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.Lab.workflow.Activities.dll10.0.40219.396440,47228-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.officeintegration.Common.dll10.0.40219.396375,96828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.officeintegration.Project.dll10.0.40219.396517,28028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.Sync.mapping.dll10.0.40219.39672,32028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.Sync.provisioning.dll10.0.40219.396194,19228-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.Activities.Common.dll10.0.40219.396315,05628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.Activities.dll10.0.40219.3961,512,09628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.activityruntime.dll10.0.40219.396219,81628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.client.dll10.0.40219.396685,20827-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.client.Themes.dll10.0.40219.3963,059,36828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.client.wpfcontrols.dll10.0.40219.396257,71228-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.clientpackage.dll10.0.40219.39673,89628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.Common.dll10.0.40219.39634,45627-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.controller.dll10.0.40219.396120,99228-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.Controls.dll10.0.40219.396496,28028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.testmanagement.Controls.wpfworkitemcontrols.dll10.0.40219.396100,04028-Apr-201218: 41x86
TeamFoundation10.0.40219.396706,20027-Apr-20127: 59x86
TeamFoundation10.0.40219.396233,11227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.VersionControl.Controls.dll10.0.40219.3964,439,19228-Apr-201218: 41x86
Microsoft10.0.40219.396699,03227-Apr-20127: 59x86
Microsoft.TeamFoundation.WorkItemTracking.Controls.dll10.0.40219.3961,215,13628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.TeamFoundation.WorkItemTracking.proxy.dll10.0.40219.396390,80827-Apr-20127: 59x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.agentobject.dll10.0.40219.396106,64828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.Common.dll10.0.40219.3961,355,40828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.controllerobject.dll10.0.40219.396276,12828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.datacollectionagentobject.dll10.0.40219.39637,04828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.executioncommon.dll10.0.40219.396481,44028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.Resource.dll10.0.40219.396966,80028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.testcasemanagement.dll10.0.40219.3961,280,16828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.QualityTools.TMI.dll10.0.40219.396398,47228-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.Build.dll10.0.40219.396142,48028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.dll10.0.40219.39693,82428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.TEAMEXPLORER.dll10.0.40219.396799,90428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.VersionControl.dll10.0.40219.39659,04828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.VersionControl.dll10.0.40219.39659,56028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.VersionControl.dll10.0.40219.39661,09628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.VersionControl.dll10.0.40219.39663,65628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.VersionControl.dll10.0.40219.396942,24028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamFoundation.WorkItemTracking.dll10.0.40219.396460,96828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TeamSystem.Integration.dll10.0.40219.396193,17628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.manualtest.Common.dll10.0.40219.396813,21628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.codegeneration.dll10.0.40219.396155,30428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Extension.dll10.0.40219.396193,69628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Extension.IE.dll10.0.40219.396252,06428-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Extension.MSAA.dll10.0.40219.396115,36828-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Extension.UIA.dll10.0.40219.396107,17628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Framework.dll10.0.40219.39658,01628-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.playback.dll10.0.40219.39666,20028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitest.Recorder.dll10.0.40219.396230,04028-Apr-201218: 41x86
Microsoft.VisualStudio.TestTools.uitesting.dll10.0.40219.396339,60028-Apr-201218: 41x86
Msdiff.dll10.0.40219.396485,44828-Apr-201218: 41x86
MTM.exe10.0.40219.396449,08828-Apr-201218: 41x86
QTAgent.exe10.0.40219.39621,06428-Apr-201218: 41x86
QTAgent.exe10.0.40219.39621,07228-Apr-201218: 41x86
Qtagent32.exe10.0.40219.39621,06428-Apr-201218: 41x86
Qtagent32.exe10.0.40219.39621,07228-Apr-201218: 41x86
Qtagentservice.exe10.0.40219.39699,92828-Apr-201218: 41x86
Rpfplayback.dll10.0.40219.396482,47228-Apr-201218: 41x86
Tf10.0.40219.396325,69628-Apr-201218: 41x86


Riferimenti

Per ulteriori informazioni sulla terminologia degli aggiornamenti software, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
824684 Descrizione della terminologia standard utilizzata per descrivere gli aggiornamenti software Microsoft

ProprietÓ

Identificativo articolo: 2696646 - Ultima modifica: mercoledý 23 maggio 2012 - Revisione: 1.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Visual Studio 2010 Service Pack 1áalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Visual Studio 2010 Ultimate
    • Microsoft Visual Studio 2010 Premium with MSDN
    • Microsoft Visual Studio Test Professional 2010
    • Microsoft Visual Studio Team Foundation Server 2010
    • Microsoft Visual Studio Agents 2010
Chiavi:á
kbautohotfix kbqfe kbhotfixserver kbfix kbbug kbexpertiseinter kbsurveynew kbmt KB2696646 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 2696646
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com