Come impostare e come utilizzare la funzione DATITEMPOREALE in Excel

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 289150 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo si descrive la funzionalitÓ che fornisce la funzione RealTimeData (RTD). Microsoft Office Excel fornisce una funzione di foglio RealTimeData (RTD). Questa funzione consente di denominare un server di automazione COM per recuperare i dati nel tempo reale.

Quando si deve creare una cartella di lavoro incluso il dato che si aggiorna nel tempo reale dati finanziari o dati scientifici ad esempio, Ŕ possibile ora utilizzare la funzione di foglio DATITEMPOREALE. Per questo stesso scopo nelle versioni precedenti di Excel veniva utilizzato Dynamic Data Exchange (DDE) La funzione DATITEMPOREALE viene basata sulla tecnologia COM e offre i vantaggi nell'affidabilitÓ, nell'affidabilitÓ e nella comoditÓ. RTD dipende dalla disponibilitÓ di un server RTD per rendere disponibili i dati nel tempo reale a Excel. Per ulteriori informazioni a proposito di come creare un server RTD, vedere la sezione "Riferimenti".

La funzione DATITEMPOREALE recupera i dati da un server RTD per l'utilizzo del lavoro. Il risultato di funzione si aggiorna ogniqualvolta diventa disponibile il nuovo dato dal server e la cartella di lavoro lo pu˛ accettare. Il server attende che Excel Ŕ inattivo per aggiornarsi. Ci˛ alleggerisce allo sviluppatore di dovere determinare se Excel Ŕ disponibile per accettare gli aggiornamenti. In questo senso la funzione DATITEMPOREALE Ŕ diversa da altre funzioni, perchÚ l'aggiornamento di altre funzioni avviene solo al momento di ricalcolare il foglio di lavoro

Anche se la funzione DATITEMPOREALE fornisce un collegamento ai dati presenti su un server, non utilizza lo stesso tipo di collegamento dei riferimenti alle celle in altri fogli o cartelle di lavoro Ad esempio, se si utilizza la funzione DATITEMPOREALE in una cartella di lavoro, non si visualizza il messaggio di avvio di collegamenti quando la cartella di lavoro non si apre nÚ impossibile gestire lo stato di una funzione DATITEMPOREALE tramite la finestra di dialogo Modifica collegamenti.

Sintassi

La funzione DATITEMPOREALE utilizza la seguente sintass
=RTD(IDProgrServerTempoReale,NomeServer,Argomento1,[Argomento2], ...)
Dove gli argomenti della funzione sono i seguenti
  • IDProgrServerTempoReale

    ╚ una stringa che rappresenta l'ID programma del server RTD installato nel sistema locale Ci˛ Ŕ in genere un componente aggiuntivo COM registrato da una procedura di installazione o utilizzare RegSvr32. IDProgrServerTempoReale Ŕ un argomento obbligatorio
  • NomeServer

    ╚ una stringa che rappresenta il nome del server su cui verrÓ eseguito il server RTD Se il server RTD si esegue localmente, il ServerName dovrebbe essere un () di stringa vuota "") o ha omesso.
  • Argomento1, [Argomento2],

    Le stringhe che determinano i dati che recuperano. ╚ possibile utilizzare da uno a 28 argomenti anche se l'argomento solo Ŕ necessario.

Utilizzo di DATITEMPOREAL

Come esempio della funzione DATITEMPOREALE si consideri di recuperare informazioni da un server che fornisce continuamente dati sui concorrenti di varie competizioni Si supponga che il server sia fornito sotto forma di libreria di collegamento dinamico (DLL), con nome RapportoGare.dll, installata nel computer dell'utente e che sia registrata come componente aggiuntivo COM dal suo stesso processo di installazione Il formato generale della funzione DATITEMPOREALE utilizzata per questo server potrebbe essere la seguent
=RTD("IDProdServerTempoReame","Server","NumGara","IDConcorrente","TipoStat")
dove gli argomenti RaceNum, RunnerID e StatType determinano rispettivamente la competizione di interesse, della gara cui dato Ŕ necessario e del tipo di dati per un utilizzo particolare della funzione.

In questo caso l'utente pu˛ selezionare una cella e digitare la seguente formul
=RTD("ExcelRTD.RaceReport","","2","16","Time")
Per visualizzare il tempo trascorso per il concorrente numero 16 nella gara numero 2 Il numero di argomenti e la natura dei dati associati sono determinati dallo sviluppatore del server COM Ad esempio, il server che fornisce il rapporto della gara pu˛ generare dati diversi se si utilizza la seguente funzione DATITEMPOREALE
=RTD("ExcelRTD.RaceReport","","3","25","Position")
In questo caso, i dati restituiti indicano la posizione attuale del concorrente numero 25 nella gara numero 3

╚ possibile che in questo modo, la stessa funzione si utilizzi la cartella di lavoro in modo diverso per recuperare diversi dati dallo stesso server tutto che che si aggiorna automaticamente.

Wrapper per semplificare l'us

La funzione DATITEMPOREALE pu˛ essere utilizzata all'interno delle funzioni (UDF) definite dall'utente in Microsoft Visual Basic. Quindi diventa i ci˛ wrapper per la funzione DATITEMPOREALE. Questo approccio pu˛ essere utile in schermare gli utenti dai dettagli del nome RTD di server e di ProgID e nell'attivazione di esse all'attivo solo sul dato che si Ŕ importante a esse.

Ad esempio, nello scenario precedente, due funzioni GetTime(RunnerID) e GetPosition(RunnerID) potrebbero fornire all'utente. Queste funzioni presuppongono che l'utente sempre si occupa con lo stesso numero di server e competizione. L'utente pertanto solo deve specificare l'ID di una gara per ricevere rispettivamente i dati correnti sul Tempo trascorso della gara e sulla posizione della gara.

Calcolo

PoichÚ la funzione DATITEMPOREALE aggiorna i dati quando l'applicazione Ŕ inattiva, se in Excel Ŕ attivata la modalitÓ di calcolo manuale continua a ricevere informazioni In questo caso i nuovi dati vengono memorizzati nella cache e i valori correnti vengono utilizzati quando si esegue un calcolo manuale

Protezione

I server RTD dovrebbero venire firmati il digitalmente. Se non viene firmato un server RTD il digitalmente, il server non pu˛ caricare e un #N/A si visualizzerÓ nella cella che fa riferimento al server RTD.

Per Microsoft Office Excel 2007, Ŕ possibile esaminare le impostazioni di protezione utilizzando l'Attendibile Centro. ╚ possibile accedersi a ci˛ by dalla scheda Trust Center nella finestra di dialogo Opzioni di Excel.

╚ possibile che per Excel 2003 di Microsoft Office e in Microsoft Excel 2002, il comportamento di caricamento si modifichi regolando le impostazioni in Excel di protezione per le macro.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sulla protezione RTD ed Excel, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
286259 Impostazioni di protezione e i server RealTimeData Excel
Per ulteriori informazioni sulla creazione di un server RTD, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
285339 Come creare un server RealTimeData per Excel

ProprietÓ

Identificativo articolo: 289150 - Ultima modifica: mercoledý 21 marzo 2007 - Revisione: 2.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Office Excel 2007
  • Microsoft Office Excel 2003
  • Microsoft Excel 2002 Standard Edition
Chiavi:á
kbfunctions kbformula kbexpertisebeginner kbhowtomaster KB289150 KbMtit kbmt
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica. Nel caso in cui si riscontrino degli errori e si desideri inviare dei suggerimenti, Ŕ possibile completare il questionario riportato alla fine del presente articolo.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 289150
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com