Identificazione di un sito Intranet come sito Internet quando si utilizza un nome FQDN o un indirizzo IP

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 303650 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
IMPORTANTE: in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema. Prima di modificare il Registro di sistema, eseguire una copia di backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
256986 Description of the Microsoft Windows Registry
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

Quando si accede a una rete locale LAN, a una condivisione Intranet o a un sito Intranet utilizzando un indirizzo IP o un nome di dominio completo (FQDN), la condivisione o il sito Web viene identificato come area Internet anziché come area Intranet locale. Questo comportamento può verificarsi, ad esempio, quando si accede a condivisioni o a siti Web con Internet Explorer, da Esplora risorse, da un prompt dei comandi, ad esempio utilizzando il comando net use, oppure con un programma per Windows utilizzando un indirizzo in uno qualsiasi dei seguenti formati:
  • \\Computer.dominiofiglio.dominio.com\Condivisione
  • http://computer.dominiofiglio.dominio.com
  • \\157.54.100.101\condivisione
  • file://157.54.100.101/condivisione
  • http://157.54.100.101
Questo problema può verificarsi indipendentemente dalla configurazione delle impostazioni indicate di seguito:
  • In Internet Explorer è stato aggiunto il nome FQDN (o *.dominio.com) o l'indirizzo IP (o intervallo di indirizzi) nella casella Non utilizzare il server proxy per gli indirizzi che iniziano con nella sezione Eccezioni della finestra di dialogo Impostazioni proxy.

    Nota Per individuare la finestra di dialogo Impostazioni proxy, in Internet Explorer scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti, fare clic su Connessioni, quindi scegliere Impostazioni proxy.
  • È stata selezionata la casella di controllo Ignora server proxy per indirizzi locali nella finestra di dialogo Impostazioni rete locale (LAN).

    Nota Per individuare la finestra di dialogo Impostazioni rete locale (LAN), in Internet Explorer scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti, fare clic su Connessioni, quindi scegliere Impostazioni rete locale (LAN).
  • Sono state selezionate le caselle di controllo Includi tutti i siti che non utilizzano il server proxy e Includi tutti i percorsi di rete (UNC) nella finestra di dialogo Intranet locale.

    Per individuare la finestra di dialogo Intranet locale, in Internet Explorer scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti, fare clic su Protezione, quindi scegliere Intranet locale.
A causa di questo comportamento, è possibile che in Internet Explorer venga chiesto di specificare un nome utente, un nome di dominio e una password per l'accesso ai siti Web sulla rete Intranet che richiedono l'autenticazione oppure che venga visualizzato un avviso o che sia impedita l'apertura di file su un sito Web Intranet o una condivisione UNC (Universal Naming Convention) in programmi che utilizzano Microsoft Internet Explorer Security Manager per stabilire se un file si trova in un'area di protezione considerata attendibile. Ad esempio, quando si tenta di aprire un file database di Microsoft Access (MDB) su una condivisione Intranet locale o su un sito Web con Microsoft Access 2002, è possibile che venga visualizzato il seguente messaggio di errore:
Impossibile aprire il file.
Il file è disponibile in una posizione esterna alla rete Intranet o in un sito non attendibile. Il file non verrà aperto a causa di potenziali problemi di protezione.
Per aprire il file, copiarlo nel computer in uso o in una posizione di rete accessibile.

Cause

Questo comportamento può essere causato dalla presenza di punti nel nome FQDN o nell'indirizzo IP, che comporta l'identificazione del sito Web o della condivisione come area Internet.

Workaround

Per risolvere questo problema, aggiungere alla rete Intranet locale l'intervallo di indirizzi IP corretto o nomi di dominio completi (FQDN). Per effettuare questa operazione, gli amministratori possono utilizzare impostazioni sul lato client o sul lato server. Sul client gli amministratori possono utilizzare, ad esempio, suffissi TCP/IP, aggiungere *.dominio.com o l'intervallo di indirizzi IP corretto all'area Intranet locale in Internet Explorer, mentre sul server possono utilizzare script per la configurazione automatica del proxy. Il metodo descritto di seguito consente di aggiungere *.dominio.com o l'intervallo di indirizzi IP corretto all'area Intranet locale per tutti i computer client.

Utenti

Per risolvere questo problema, ciascun utente dovrà aggiungere *.dominio.com o l'intervallo di indirizzi IP corretto nella finestra di dialogo Intranet locale:
  1. In Internet Explorer, scegliere Opzioni Internet dal menu Strumenti.
  2. Nella scheda Protezione fare clic su Intranet locale, quindi scegliere Siti.
  3. Scegliere Avanzate, quindi digitare: *.dominio.com o un intervallo di indirizzi IP (ad esempio 157.54.100-200.*) nella casella Aggiungi il sito Web all'area dove dominio.com include i nomi della società e del dominio di livello superiore.
  4. Fare clic su Aggiungi, scegliere OK due volte, quindi di nuovo OK per chiudere la finestra di dialogo Opzioni Internet.
  5. Riavviare il computer.

Amministratori

AVVISO: l'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema può causare seri problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non è in grado di garantire la risoluzione di problemi causati dall'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema. L'utilizzo dell'editor del Registro di sistema è a rischio e pericolo dell'utente.
Gli amministratori possono distribuire questa impostazione apportando le seguenti modifiche nel Registro di sistema:
  1. Per ogni dominio da includere nell'area Intranet locale aggiungere una chiave dominio.com alla seguente chiave di registro in
    HKEY_CURRENT_USER
    (solo per l'utente connesso) o
    HKEY_LOCAL_MACHINE
    (per tutti gli utenti del computer locale):
    Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings\ZoneMap\Domains
    Nota Le impostazioni delle aree di protezione sono memorizzate nella chiave
    HKEY_CURRENT_US
    . Poiché questa chiave viene caricata dinamicamente per ogni utente, le impostazioni di un utente non hanno effetto su quelle di altri utenti. Le impostazioni del computer locale vengono utilizzate solo se è presente la seguente chiave e il relativo valore DWORD è impostato su 1:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings Security_HKLM_only
    Quando questa chiave è attivata, verranno utilizzate solo le impostazioni del computer invece delle impostazioni utente.

  2. Aggiungere un valore DWORD denominato * (asterisco) alla chiave dominio.com e impostarlo su1.
  3. Per ogni intervallo di indirizzi IP da includere nell'area Intranet locale aggiungere una chiave Rangex (dove x corrisponde a 1, 2, 3 e così via) alla seguente chiave di registro in
    HKEY_CURRENT_USER
    (solo per l'utente connesso) o
    HKEY_LOCAL_MACHINE
    (per tutti gli utenti del computer locale):
    Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Internet Settings\ZoneMap\Ranges
  4. Aggiungere un valore DWORD denominato * (asterisco) alla chiave Rangex e impostarlo su 1.
  5. Aggiungere un valore Stringa denominato :Range (due punti seguiti dalla parola "Range") alla chiave Rangex quindi impostarlo sull'intervallo di indirizzi IP (ad esempio, 157.54.100-200.*).
Importante Questa soluzione non è valida per un indirizzo file:// che utilizza un indirizzo IP. Ad esempio, Internet Explorer identifica \\157.54.100.101\condivisione o file://157.54.100.101/condivisione come appartenenti all'area Internet, anche se l'intervallo di indirizzi IP appropriato viene aggiunto all'elenco dei siti dell'area Intranet locale. In questo caso, è necessario utilizzare il nome NetBIOS (ad esempio, \\server\condivisione) per il sito da identificare nell'area Intranet locale.

Status

Si tratta di un comportamento legato alla progettazione del prodotto.

Proprietà

Identificativo articolo: 303650 - Ultima modifica: mercoledì 5 gennaio 2011 - Revisione: 2.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Windows 7 Enterprise
  • Windows 7 Enterprise N
  • Windows 7 Home Premium N
  • Windows 7 Professional N
  • Windows 7 Starter N
  • Windows 7 Ultimate N
  • Windows Internet Explorer 8
  • Microsoft Access 2002 Standard Edition
  • Microsoft FrontPage 2002 Standard Edition
  • Microsoft FrontPage 2000 Standard Edition
  • Microsoft Excel 2002 Standard Edition
  • Microsoft Excel 2000 Standard Edition
  • Microsoft Internet Explorer 6.0 alle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
    • Microsoft Windows XP Professional
    • Microsoft Windows Millennium Edition
    • Microsoft Windows 98 Standard Edition
  • Microsoft Outlook 2002 Standard Edition
  • Microsoft Outlook 2000 Standard Edition
  • Microsoft PowerPoint 2002 Standard Edition
  • Microsoft PowerPoint 2000 Standard Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Web Edition
  • Microsoft Windows XP Home Edition
  • Microsoft Windows XP Media Center Edition 2005 Update Rollup 2
  • Microsoft Windows XP Professional
  • Microsoft Windows XP Tablet PC Edition
  • Microsoft Windows XP Professional x64 Edition
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
  • Microsoft Word 2002 Standard Edition
  • Microsoft Word 2000 Standard Edition
Chiavi: 
kbenv kberrmsg kbprb KB303650
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com