Distribuzione di Microsoft Windows Preinstallation Environment da un server RIS utilizzando client abilitati a PXE

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 304992 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Nell'articolo viene descritto come distribuire Microsoft Windows Preinstallation Environment (Windows PE) da un server RIS (Remote Installation Services, Servizi di installazione remota) per l'avvio di PXE (Pre-Boot Execution Environment).

Informazioni

Esistono due metodi utilizzabili per distribuire Windows PE da un server RIS. Nel primo metodo si utilizza un dispositivo disco RAM per distribuire Windows PE dal server RIS. Nel secondo metodo si distribuisce un'immagine di Windows PE da un'immagine basata sul CD di Microsoft Windows XP o Microsoft Windows Server 2003. Con questo secondo metodo, che deve essere impiegato solo se si utilizzano versioni precedenti di Windows PE o se non si dispone di un server RIS basato su Windows Server 2003, vengono aperti molti handle di file dal server RIS. Pertanto, questo metodo riduce le prestazioni del server RIS quando si avviano pi¨ istanze di Windows PE. Si potrebbero inoltre verificare errori di timeout.

Per ulteriori informazioni sulla distribuzione di Windows PE da server RIS, vedere il file Winpe.chm pi¨ recente. Questo file Ŕ incluso nel CD di Windows PE e nel CD del kit di preinstallazione OEM.

Prima di utilizzare i metodi descritti in questo articolo, verificare che siano disponibili i seguenti elementi:
  • Immagine ISO (International Organization for Standardization) di Windows PE personalizzata, creata dal CD di Windows PE o dal CD del kit di preinstallazione OEM.
  • Server RIS in cui Ŕ in esecuzione Windows Server 2003 con Service Pack 1 (SP1).
  • CD di Windows PE o CD del kit di preinstallazione OEM.

Metodo 1: Distribuire Windows PE da un server RIS utilizzando un disco RAM

  1. Sul server RIS individuare la cartella \RemoteInstall\Setup\Lingua\Images.
  2. Creare una sottocartella per Windows PE. Al prompt dei comandi digitare ad esempio il seguente comando:
    unitÓ:\Cd \RemoteInstall\Setup\Italiano\Images md winpe
    Nota In questo passaggio unitÓ Ŕ il segnaposto che rappresenta l'unitÓ disco rigido in cui sono installati i Servizi di installazione remota. Lingua Ŕ la lingua utilizzata dall'immagine di Windows PE.
  3. Creare nella cartella \Windows PE una sottocartella denominata Piattaforma, dove Piattaforma Ŕ i386 o amd64. Al prompt dei comandi digitare ad esempio il seguente comando: md winpe\i386
  4. Copiare il file iso dell'immagine di Windows PE personalizzata creata in precedenza nella cartella Windows PE\Piattaforma, dove Piattaforma Ŕ i386 o amd64. Al prompt dei comandi digitare ad esempio il seguente comando:
    copy unitÓ:\Work\Winpex86.iso unitÓ 1:\RemoteInstall\Setup\English\Images\Winpe\i386
    Nota unitÓ Ŕ il segnaposto che rappresenta l'unitÓ disco rigido contenente l'immagine di Windows PE. Inoltre, unitÓ 1 Ŕ un segnaposto che rappresenta la partizione del disco rigido in cui sono installati i Servizi di installazione remota.
  5. Creare nella cartella \Windows PE\Piattaforma una sottocartella denominata Modelli. Al prompt dei comandi digitare ad esempio il seguente comando:
    md winpe\i386\Modelli
  6. Individuare la cartella Piattaforma dell'immagine di Windows PE e copiare i file Ntdetect.com e Startrom.com nella cartella Windows PE\Piattaforma\Modelli. Al prompt dei comandi digitare ad esempio i seguenti comandi:
    unitÓ:\ cd \winpe\i386 copy ntdetect.com
    unitÓ 1:\RemoteInstall\Setup\English\Images\winpe\i386\Modelli copy startrom.com
    unitÓ 1:\RemoteInstall\Setup\English\Images\winpe\i386\Modelli


    Nota In questo passaggio unitÓ Ŕ il segnaposto che rappresenta l'unitÓ disco rigido contenente l'immagine di Windows PE e unitÓ 1 Ŕ un segnaposto che rappresenta la partizione del disco rigido in cui sono installati i Servizi di installazione remota.
  7. Copiare il file \Piattaforma\Setupldr.exe (non Setupldr.bin) dall'immagine di Windows PE alla cartella \Windows PE\Piattaforma\Modelli, quindi rinominare Setupldr.exe in Ntldr. Al prompt dei comandi eseguire, ad esempio, il seguente comando:
    copy setupldr.exe unitÓ 1:\RemoteInstall\Setup\English\Images\winpe\i386\Modelli\ntldr


    Nota In questo passaggio unitÓ 1 Ŕ un segnaposto che rappresenta la partizione del disco rigido in cui sono installati i Servizi di installazione remota.
  8. Creare un file di testo denominato Winnt.sif nella cartella \Windows PE\Piattaforma\Modelli, utilizzando il testo seguente.
    [SetupData]
    BootDevice = "ramdisk(0)"
    BootPath = "\platform\System32\"
    OsLoadOptions = "/noguiboot /fastdetect /minint /rdexportascd /rdpath=%INSTALLPATH%\%MACHINETYPE%\<bootimage>"
    
    Architecture = "platform" 
     
    [RemoteInstall]
    Repartition = No
     
    [OSChooser]
    Description = "brief description"
    Help = "longer description"
    LaunchFile = "%INSTALLPATH%\%MACHINETYPE%\templates\startrom.com"
    ImageType = Flat
    Version = "5.2 (0)"
    
  9. Avviare un client RIS, quindi selezionare l'immagine del sistema operativo creata.
Note
  • Il metodo del disco RAM supporta solo immagini ISO di Windows PE basate su x86 e x64. Per le immagini ISO di Windows PE basate su Itanium (IA-64) utilizzare il metodo 2.
  • ╚ possibile inserire le cartelle i386 e amd64 all'interno della stessa cartella su un server RIS. Ad esempio, Ŕ possibile creare la seguente struttura di cartelle:
    \RemoteInstall\Setup\Italiano\Images\Winpe\i386 \RemoteInstall\Setup\Italiano\Images\Winpe\Amd64
  • ╚ possibile assegnare al file Winnt.sif qualsiasi nome desiderato purchÚ l'estensione del nome file sia sif.
  • La voce "Repartition = No" nel file Winnt.sif determina la mancata visualizzazione di un avviso dall'Installazione guidata client (OSChooser) relativo alla cancellazione del disco.
  • Il testo delle voci "Description" e "Help" pu˛ essere costituito da qualsiasi informazione si desideri includere.
  • Le voci "LaunchFile" e "ImageType" non devono essere modificate.
  • Riavviare il client, quindi passare all'avvio di PXE. Dopo l'accesso, selezionare l'opzione relativa alla manutenzione e alla risoluzione dei problemi dal menu principale. Viene visualizzato come opzione "Windows PE su disco RAM" o qualsiasi altra descrizione presente nel file sif. Selezionare questa opzione e premere INVIO.

    L'avvio di Windows PE avviene utilizzando il disco RAM.

Metodo 2: Distribuire Windows PE dal server RIS nel metodo flat legacy

  1. Sul server RIS digitare il seguente comando al prompt dei comandi:
    RISetup.exe ?add
    Quando viene richiesta un'origine, scegliere RISetup sul CD del sistema operativo Windows che si desidera utilizzare. La scelta del sistema operativo Windows dipende dalla versione di Windows PE aggiunta al server RIS. Per Windows PE 2004, utilizzare Windows XP Professional Service Pack 2. Per Windows PE 2005, utilizzare Windows Server 2003 Standard Edition Service Pack 1.
  2. Passare al percorso in cui l'immagine Ŕ stata installata da RISetup. Il percorso, ad esempio, potrebbe essere analogo al seguente:
    \\Nome_server\Nome_condivisione\REMINST\Setup\Lingua\Images
    Nota In questo passaggio il segnaposto Nome_server rappresenta il nome del server RIS. Il segnaposto Nome_condivisione rappresenta il nome della cartella condivisa contenente l'immagine. Il segnaposto Lingua rappresenta la versione della lingua dell'immagine.
  3. Aprire la sottocartella Piattaforma nell'immagine creata, dove Piattaforma rappresenta i386, amd64 o IA-64.
  4. Aprire la cartella Piattaforma sul CD o nella condivisione di rete contenente i file di Windows PE, dove Piattaforma rappresenta i386, amd64 o IA-64.
  5. Copiare il contenuto della cartella Piattaforma nella cartella Piattaforma dell'immagine aperta.
  6. Quando viene richiesto se sovrascrivere i file scegliere Sý tutti.
  7. Aprire la cartella Modelli nella cartella Piattaforma in cui Ŕ stato copiato il contenuto di Piattaforma di Windows PE.
  8. Aprire il file RIStndrd.sif in un editor di testo. Aggiungere l'opzione /minint alla riga che inizia con OSLoadOptions.
  9. Copiare i driver (*.inf e *.sys) relativi alla scheda di rete nella cartella Piattaforma creata da RISetup.
  10. Interrompere e avviare il servizio BinlSvc sul server RIS. Digitare, ad esempio, i seguenti comandi al prompt dei comandi:
    net stop binlsvc
    net start binlsvc
  11. Avviare un client RIS, quindi selezionare l'immagine del sistema operativo creata nel passaggio 1.
Note
  • Se non si copiano i driver di rete nella cartella Piattaforma, Ŕ possibile che venga visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
    L'immagine di sistema operativo selezionata non contiene i driver necessari per la scheda di rete. Provare a selezionare un'immagine di sistema operativo diversa. Se il problema persiste, rivolgersi all'amministratore di sistema. Impossibile continuare l'installazione. Premere un tasto qualsiasi per uscire.
  • Se si utilizzano immagini di Windows PE abilitate per Strumentazione gestione Windows (WMI), verificare che la condivisione contenente l'immagine di Windows PE sia contrassegnata come di sola lettura. In caso contrario, Tester di Strumentazione gestione Windows (WBEMTest) potrebbe segnalare l'errore 0x80041014. In questo modo sarÓ possibile assicurarsi che negli altri client che si connettono non si verificheranno errori durante il tentativo di abilitare WMI.
  • Da un server RIS Ŕ possibile eseguire un massimo di 75 installazioni simultanee.
  • ╚ consigliabile disabilitare la registrazione Setupapi quando si utilizza questo metodo. Per ulteriori informazioni su come disabilitare la registrazione Setupapi, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
    822570 Tempi di avvio lunghi quando si avvia WinPE per mezzo di un server di Servizi di installazione remota

Aggiungere Windows PE agli strumenti di manutenzione e risoluzione dei problemi RIS

╚ possibile aggiungere Windows PE all'elenco di strumenti disponibili nella sezione relativa alla manutenzione e alla risoluzione dei problemi dell'Installazione guidata client. Quando si aggiunge Windows PE all'elenco di strumenti RIS, si specifica che Windows PE viene utilizzato per le attivitÓ di installazione, manutenzione e risoluzione dei problemi invece che come sistema operativo desktop.

Per aggiungere Windows PE all'elenco di strumenti RIS, attenersi alla seguente procedura:
  1. Nella cartella Modelli dell'immagine di Windows PE, individuare il file RIStndrd.sif.
  2. Aprire il file RIStndrd.sif in un editor di testo.
  3. Nella sezione [OSChooser] modificare la voce ImageType = "Flat" in ImageType = "winpe".
  4. Spostare il file Winbom.ini dalla cartella Piattaforma dell'immagine di Windows PE alla cartella radice dell'immagine.

    Nota Se non si esegue questo passaggio, ma si esegue il comando factory.exe con l'opzione -minint o -winpe, in Windows PE viene visualizzata una finestra di dialogo che richiede di riavviare Windows PE dopo l'avvio.
  5. Aprire la console Gestione Criteri di gruppo, fare clic con il pulsante destro del mouse sul dominio o sull'unitÓ organizzativa che si desidera utilizzare, quindi fare clic sull'opzione per creare e collegare un oggetto Criteri di Gruppo in questa posizione.
  6. Nella finestra di dialogo Nuovo oggetto Criteri di Gruppo specificare il nome da assegnare all'oggetto Criteri di gruppo, quindi scegliere OK.
  7. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'oggetto Criteri di gruppo, quindi scegliere Edit.
  8. Nell'Editor oggetti Criteri di gruppo individuare ed espandere il seguente contenitore:
    Configurazione utente\Impostazioni di Windows\Servizi di installazione remota
  9. Nel riquadro di destra fare doppio clic su Opzioni di scelta.
  10. Nella finestra di dialogo relativa alle proprietÓ delle opzioni di scelta, in Strumenti fare clic su Abilitati, quindi scegliere OK.
  11. Chiudere l'Editor oggetti Criteri di gruppo.
  12. Nella console Gestione Criteri di gruppo fare clic sul dominio o sull'unitÓ organizzativa a cui Ŕ collegato l'oggetto Criteri di gruppo creato in precedenza.
  13. Nel riquadro di destra fare clic sull'oggetto Criteri di gruppo creato, quindi su Sposta collegamento verso l'alto finchÚ l'ordine collegamenti per l'oggetto Criteri di gruppo Ŕ inferiore a qualsiasi oggetto Criteri di gruppo con impostazioni in conflitto.

    L'oggetto Criteri di gruppo con l'ordine collegamenti pi¨ basso ha la precedenza sugli oggetti Criteri di gruppo con ordini collegamenti superiori.
Note
  • Questa procedura Ŕ supportata solo dai server RIS basati su Windows Server 2003.
  • Sebbene l'immagine di Windows PE venga visualizzata nella sezione relativa alla manutenzione e alla risoluzione dei problemi dell'Installazione guidata client, non viene visualizzata nella scheda Strumenti della finestra di dialogo relativa alle proprietÓ dei Servizi di installazione remota sul server RIS.
  • Le impostazioni predefinite dell'oggetto Criterio dominio predefinito su un dominio basato su Windows Server 2003 disabilitano tutte le opzioni tranne Installazione automatica nella finestra di dialogo relativa alle proprietÓ delle opzioni di scelta. Per ignorare le impostazioni predefinite, verificare che l'ordine collegamenti dell'oggetto Criteri di gruppo creato sia inferiore a quello dell'oggetto Criterio dominio predefinito.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 304992 - Ultima modifica: venerdý 23 marzo 2007 - Revisione: 10.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
Chiavi:á
kbhowto kbenv kbsetup KB304992
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com