Descrizione di attributi RID in Active Directory

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 305475 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Questo articolo viene descritto gli attributi relativi a RID in Active Directory.

Gli utenti, computer e gruppi, collettivamente detti "identitÓ di protezione", archiviati in Active Directory vengono assegnati Security Identifiers (SID), che sono univoche stringhe numeriche alfanumeriche corrispondenti a un singolo oggetto nel dominio. SID Ŕ costituito da un SID di dominio concatenato con un incremento monotonico identificatore relativo (RID allocata da ogni controller di dominio Windows 2000 nel dominio). Ogni controller di dominio Windows 2000 Ŕ stato assegnato un pool di RID dal proprietario RID operazioni a master singolo flessibile (FSMO) in ogni dominio di Active Directory. il FSMO RID Ŕ responsabile dell'emissione di un pool RID univoco per ogni controller di dominio nel proprio dominio.

Informazioni

RID attributi in Active Directory

  • FsmoRoleOwner
    Percorso DN: CN = RID Manager $, CN = System, DC = domain, DC = com
    Fa riferimento al percorso del nome di dominio di corrente RID master oggetto Impostazioni NTDS in base al controller di dominio che viene interrogato.
  • RidAvailablePool
    Percorso DN: CN = RID Manager $, CN = System, DC = domain, DC = com
    Spazio RID globale per un intero dominio Ŕ definito in Ridmgr.h. come numero intero grande con parti superiore e inferiore. La parte superiore definisce il numero di identitÓ di protezione che pu˛ essere allocata per dominio (0x3FFFFFFF o oltre 1 miliardo). Nella parte inferiore Ŕ il numero di RID che sono stati assegnati nel dominio. Per visualizzare entrambe le parti, Ŕ necessario utilizzare il comando di Conversione Integer grandi nel menu utilitÓ LDP.exe.

    • Valore di esempio: 4611686014132422708 (inserimento nella Calcolatrice Integer grandi nel menu utilitÓ di LDP.exe)
    • La parte bassa: 2100 (iniziale del successivo pool RID da allocare)
    • La parte alta: 1073741823 (numero totale di RIDS che possono essere creati in un dominio)
  • RidAllocationPool
    Percorso DN: CN = RID Set CN = computername, ou = controller di dominio, DC = domain, DC = COM
    Ogni controller di dominio dispone di due pool: il che sono attualmente opera su e il pool che verrÓ utilizzato successivamente. ╚ il pool di successivo, viene allocato da FSMO RID, che verrÓ utilizzato per la creazione di identitÓ di protezione nel dominio Ŕ esaurito il pool corrente. Utilizzare il comando di Conversione Integer grandi nel menu utilitÓ LDP.exe per visualizzare entrambi i pool.

    • Valore di esempio: 685485370535295 (inserimento nella Calcolatrice Integer grandi nel menu utilitÓ di LDP.exe)
    • La parte bassa: 159103 (RID iniziale nel pool di RID successivo)
    • La parte alta: 159602 (fine RID nel pool di RID successivo)
  • RidNextRid
    Percorso DN: CN = RID Set CN = computername, ou = controller di dominio, DC = domain, DC = COM
    Il RID che Ŕ stato assegnato all'ultima identitÓ di protezione creato nel controller di dominio locale. RidNextRid Ŕ un valore di non replicati in Active Directory.

    • Valore di esempio: 159345 (assegnata all'ultima identitÓ di protezione creato il RidPreviousAllocationPool RID)
  • RidPreviousAllocationPool
    Percorso DN: CN = RID Set CN = computername, ou = controller di dominio, DC = domain, DC = COM

    Il pool dal quale i RID attualmente vengono prelevati. Il valore per RidNextRid in modo implicito Ŕ un membro di questo pool. Utilizzare il comando di Conversione Integer grandi nel menu utilitÓ LDP.exe per visualizzare l'inizio e fine RIDS nel pool di corrente. RidPreviousAllocationPools Ŕ un valore di non replicati in Active Directory.

    • Valore di esempio: 687632854183795 (inserimento in Grandi Integer convertitore comando nel menu utilitÓ di LDP.exe)
    • La parte bassa: 159,603 (inizio RID in successivo pool RID)
    • La parte alta: 160,102 (fine RID in successivo pool RID)
  • RidUsedPool
    Percorso DN: CN = RID Set CN = computername, ou = controller di dominio, DC = domain, DC = COM
    Attributo non utilizzato
  • NextRid
    Percorso del nome DISTINTO: DC = domain, DC = COM
    Attributo non utilizzato

ProprietÓ

Identificativo articolo: 305475 - Ultima modifica: lunedý 5 maggio 2008 - Revisione: 3.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi:á
kbmt kbenv kbinfo KB305475 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 305475
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com