Come implementare una funzione di callback di SQL Server 2000 Desktop Engine e di esempio

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 315463 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo č stato archiviato. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosė come č? e non verrā pių aggiornato.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come implementare una funzione di richiamata durante l'installazione di SQL Server 2000 Desktop Engine (MSDE 2000) e vengono inoltre illustrate tutte le condizioni che devono essere soddisfatti per assicurarsi che la funzione di callback viene eseguito correttamente.

SQL Server 2000 Desktop Engine (MSDE 2000) č una versione ridistribuibile del motore di relazionali del database di Microsoft SQL Server 2000. Consente a un'applicazione che utilizza il motore di database relazionale di SQL Server per installare il modulo di gestione come parte del processo di installazione dell'applicazione.

Pacchetto di installazione di MSDE 2000 consente di utilizzare una funzione di callback per tenere traccia dello stato di avanzamento o per eseguire azioni personalizzate durante l'installazione.

Condizioni per l'utilizzo della funzione di callback

Per la funzione callback a funzionare normalmente, č necessario soddisfare le seguenti condizioni:
  • Č necessario implementare la funzione di callback come un Windows Installer Custom azione tipo 1 collegato libreria dinamico (DLL). Ad esempio, č possibile utilizzare guidata di Microsoft Visual c ++ Extended Stored Procedure per creare un DLL di callback.

    Per ulteriori informazioni sui tipi di libreria di Windows Installer, visitare il seguente sito Web MSDN (informazioni in lingua inglese):
    http://msdn.microsoft.com/library/en-us/msi/cact_6a05.asp?frame=true
  • La funzione di callback deve risiedere in una qualsiasi delle seguenti cartelle:
    • La cartella che viene restituita dalla chiamata GetTempPath Win32.
    • La cartella {Product code} presente nella cartella che viene restituita dalla chiamata GetTempPath Win32.

      Nota {Product code} č un segnaposto per il codice di prodotto dell'istanza di MSDE 2000 installata nel computer.
    In genere, la cartella che viene restituita da Win32 GetTempPath chiamata č la variabile di ambiente % TMP % . Se la variabile di ambiente % TMP % non č disponibile, č la variabile di ambiente % TEMP % .

    Per ulteriori informazioni sulla funzione Win32 GetTempPath , visitare il seguente sito Web MSDN (informazioni in lingua inglese):
    http://msdn.microsoft.com/library/en-us/fileio/base/gettemppath.asp

  • La funzione di callback di Desktop Engine deve richiedere un parametro aggiuntivo UINT che contiene il codice di uscita di Desktop Engine oppure codice di ritorno. La definizione di una funzione di callback č simile a
    UINT __stdcall MyCallbackFunction(MSIHANDLE hinstall, UINT uExitCode)
    						
    dove uExitCode contiene l'installazione di Desktop Engine codice di uscita o restituire il codice.

Istruzioni di esempio e codice per implementare una funzione di callback

Di seguito viene descritta l'implementazione di una funzione di callback di esempio utilizzando Microsoft Visual Studio 6.0.

  1. Nell'IDE di Microsoft Visual c ++ 6.0, fare clic su file e quindi fare clic sul pulsante Nuovo . Nella scheda progetti , fare clic su procedura guidata stored procedure estesa.
  2. Specificare un nome di progetto. Ad esempio, MyCallback . Č inoltre possibile specificare il percorso in cui si desidera creare il progetto. Fare clic su OK .
  3. Specificare un nome per la funzione di callback. Ad esempio, MyCallbackFunction . Si noti che l'esempio utilizza la creazione guidata stored procedure estesa per creare un DLL di callback. La procedura guidata si consiglia che č specificare il nome inizia con "XP_". Tuttavia, č possibile ignorare la raccomandazione e specificare il nome della funzione callback di propria scelta. Fare clic su Fine .
  4. Verrā creato le classi e i file cpp necessari. Area di lavoro per il progetto verrā visualizzato nel riquadro area di lavoro. Selezionare la visualizzazione delle classi e quindi espandere la cartella Globals nella struttura della MyCallback classi . Non esiste verrā visualizzata la definizione della funzione MyCallbackFunction .

    Il codice di esempio per la funzione di richiamata č nell'intestazione del Codice di esempio riportato di seguito. Č possibile verificare il progetto copiando il codice riportato di seguito nella funzione MyCallbackFunction .

    Codice di esempio

    #include <stdafx.h>
    
    #define XP_NOERROR 0
    #define XP_ERROR 1
    #define MAXCOLNAME 25
    #define MAXNAME 25
    #define MAXTEXT 255
    
    #ifdef __cplusplus
    extern "C" {
    #endif
    
    UINT __declspec(dllexport) MyCallbackFunction(HANDLE hinstall, UINT uExitCode);
    
    #ifdef __cplusplus
    }
    #endif
    
    UINT __declspec(dllexport) MyCallbackFunction(HANDLE hinstall, UINT uExitCode)
    {
    
         TCHAR buffer[1024];
    
         wsprintf(buffer, TEXT("**Callback** Return code is %d"), uExitCode);
    
         MessageBox(NULL, buffer, TEXT("MyCallbackFunction Dialog"), MB_OK);
    
         return 0;
    }
    					
    Questo esempio di funzione di callback visualizzato un messaggio con il testo a ogni chiamata:
    **Callback** Return code is 0
    					
  5. Generare il file di MyCallback.dll utilizzando il menu Genera . La DLL viene generata e salvata in una sottocartella denominata debug , nella stessa posizione specificata nel passaggio 2.
  6. Dopo che la DLL č stata generata, č necessario copiare la DLL in una posizione dipende dalla versione di MSDE 2000 installata nel computer.
    • Se si utilizza SQL Server 2000 Desktop Engine SP2, č necessario copiare la DLL nel percorso č definito da uno dei seguenti variabili di ambiente:
      • % TMP %
      • % TEMP % .
      Per ottenere l'ambiente per i valori delle variabili su un computer specifico per l'utente attualmente connesso, digitare il seguente comando al prompt dei comandi di:
      SET
      Questo comando Visualizza tutte le variabili di ambiente, inclusi TMP e TEMP .
    • Se si utilizza SQL Server 2000 Desktop Engine SP3a, č necessario copiare la DLL a uno dei seguenti percorsi:
      • %TMP%\ {Product code}
      • %TEMP%\ {Product code}
      Nota {Product code} č un segnaposto per il codice di prodotto dell'istanza di MSDE 2000 installata nel computer.

      Ad esempio, se l'istanza di MSDE 2000 dispone di un codice di prodotto di E09B48B5-E141-427A-AB0C-D3605127224A, č necessario copiare la DLL di % TMP%\{E09B48B5-E141-427A-AB0C-D3605127224A} o % TEMP%\{E09B48B5-E141-427A-AB0C-D3605127224A} cartella.
  7. Utilizzare l'opzione di Windows Installer CALLBACK di Desktop Engine per richiamare la funzione di richiamata durante l'installazione. Ad esempio:
    CALLBACK=Dllname!CallbackFunctionName
    per questo esempio la sintassi č:
    setup.exe /L*v c:\msde_setup.log CALLBACK=MyCallback!MyCallbackFunction
    					

Riferimenti

Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
299795Come creare pacchetti di installazione di MSDE 2000 con Microsoft Visual Studio Installer 1.1


Windows Installer SDK fa parte di Microsoft Platform Software Development Kit (SDK). Per ulteriori informazioni su Platform SDK, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://www.microsoft.com/msdownload/platformsdk/sdkupdate/
Documentazione in linea di SQL Server 2000; gli argomenti: "Building SQL Server Applications"; "Distribuzione di SQL Server Applications"; "Distribuzione SQL Server con Applications", "Desktop Engine Windows Installer codici di ritorno"; "Desktop Engine Windows Installer funzioni di callback"

Proprietā

Identificativo articolo: 315463 - Ultima modifica: venerdė 14 febbraio 2014 - Revisione: 3.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 2000 Desktop Engine (MSDE) SP3a
  • Microsoft SQL Server 2000 Desktop Engine (Windows)
Chiavi: 
kbnosurvey kbarchive kbmt kbhowtomaster KB315463 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo č stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non č sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pių o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non č la sua. Microsoft non č responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 315463
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com