Le latenze client si verificano quando Exchange 2000 converte posta elettronica da MAPI formato

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 317722 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
importante Vengono fornite informazioni su come modificare il Registro di sistema. Assicurarsi di backup del Registro di sistema prima di modificarlo. Verificare che come ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
256986Descrizione del Registro di sistema di Microsoft Windows
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

I messaggi di posta elettronica Internet in genere sono strutturati in MIME formato. In alcuni casi, Microsoft Exchange Server deve convertire i messaggi MIME MAPI formato.

Per un Post Office Protocol versione 3 (POP3) o Internet Message Access Protocol versione 4rev1 (IMAP4) ai client di accedere di posta elettronica, il contenuto formattato da MAPI devono essere riconvertiti in formato MIME prima che il client possa accedere. Questa conversione consente la dimensione esatta dei messaggi deve essere calcolata, sebbene il contenuto di conversione MIME non viene mantenuto nel database. Se il file Ŕ maggiore di 4 kilobyte (KB), la posta non pu˛ convertire in memoria. Di conseguenza, Microsoft Exchange 2000 Server scrive un file temporaneo nella cartella TMP di Windows.

Posta elettronica viene convertita in MAPI durante le operazioni seguenti:
  • Una procedura di spostamento delle cassette postali
  • Replica delle cartelle pubbliche
Ci˛ potrebbe causare un client POP3 e IMAP4 lunghi ritardi durante l'accesso. In alcuni casi, senza un'appropriata pianificazione o le risorse server disponibili, la conversione a MAPI anche pu˛ causare latenze del sistema.

Se il timeout si verificano durante la conversione, il seguente ID evento nel registro eventi applicazione sono registrati messaggi:

Tipo evento: Errore
Origine evento: ESE
ID evento: 623
Computer: EXCHANGE
Archivio informazioni di descrizione: (2048) l'archivio versione, ad esempio 0 ("c49a179d-ac1f-4894-8211-0c2917d34500") Ŕ in ha di raggiunto la dimensione massima di 108 MB. ╚ probabile che una transazione a esecuzione prolungata Ŕ impedendo la pulitura dell'archivio versione e causandone generare le dimensioni. Gli aggiornamenti verranno essere rifiutati fino alla transazione a esecuzione prolungata Ŕ stato eseguito il commit o rollback completamente. Possibile transazione a esecuzione prolungata: ID sessione: 0x1B6525A0 contesto di sessione: 0 x 00000000 ThreadId del contesto di sessione: 0x00000AF8

Tipo evento: errore
Origine evento: Archivio cassette postali MSExchangeIS
Categoria evento: accessi
ID evento: 1022
Computer: EXCHANGE
Descrizione: Errore di accesso sul database "First Storage Group\Mailbox archivio (EXCHANGE)" - account di Windows NT dominio\utente, cassetta postale/o = org/ou = GA/cn = Recipients/cn = utente.

Informazioni

Condizioni in cui si verificano latenze del client

Se tutti gli utenti su un server di Exchange 2000 utilizza i client POP3 o IMAP4, un numero elevato di messaggi delle cassette postali spesso Ŕ archiviato in formato MIME. Se vengono spostate le cassette postali, Exchange 2000 tutti questi messaggi converte MAPI.

Le latenze del client possono verificarsi nello scenario riportato di seguito:
  1. Un numero elevato di queste cassette postali Ŕ stato spostato.
  2. Posta elettronica Ŕ stato convertito.
  3. Agli utenti di accedere e di utilizzare i client POP3 (utilizzando comandi RETR ) o di un client IMAP4 (utilizzando i comandi FETCH ) per accedere alla posta elettronica.
In questo scenario, Exchange 2000 deve convertire i messaggi MAPI di MIME. La cartella TMP di Windows in genere non un disco contenente un gran numero di assi. Il disco non pu˛ gestire il gran numero di richieste di input/output (I/O) causato da una conversione di tanti messaggi. Di conseguenza, un utente rilevino notevoli ritardi (fino a diversi minuti) quando si esegue un'operazione semplice come passare i messaggi sul client. Questo comportamento si verifica perchÚ il disco che la cartella TMP si trova in non Ŕ in grado di soddisfare con l'attivitÓ del disco generata da Exchange 2000 per convertire i messaggi.

Le latenze del client possono verificarsi anche nel seguente scenario:
  1. Un archivio di cartelle pubbliche contiene i messaggi MIME formato.
  2. I dati vengono replicati in un altro server. Il MIME i messaggi nelle cartelle pubbliche del nuovo server vengono convertiti MAPI.
  3. Gli utenti utilizzano IMAP4 per ottenere l'accesso ai messaggi nel nuovo server.
In questo scenario, Exchange 2000 deve convertire i messaggi MIME, che spesso comporta problemi del disco simile al.

Come evitare latenze del client

Non Ŕ possibile impedire Exchange 2000 conversione dei messaggi MAPI quando le cassette postali vengono spostate o quando i dati di cartelle pubbliche vengono replicati. Non Ŕ inoltre possibile impostare la cartella che Exchange 2000 viene utilizzato per convertire i messaggi in Exchange 2000. Exchange 2000 Ŕ necessario utilizzare la cartella la variabile di sistema Microsoft Windows TMP o la variabile utente TMP Windows specifica.

La variabile di sistema TMP viene utilizzata in server autonomi di Exchange 2000. Variabile utente TMP di cluster service account utente viene utilizzato su server cluster. Per evitare gli effetti negativi di questo comportamento, Ŕ possibile modificare la variabile di cartella TMP viene utilizzato in una posizione rappresentata da un'unitÓ dotata di un controller di memorizzazione nella cache a elevate prestazioni connessi e sufficiente assi per gestire le conversioni.

Si noti che in un cluster, quando spostare la cartella TMP in un'unitÓ cluster condivisa, potrebbero verificarsi problemi durante il failover. Questi problemi si verificano perchÚ la proprietÓ del disco viene trasferita a un nodo funzionante durante il failover. Si consiglia pertanto di non vengono spostate nella cartella in un'unitÓ condivisa del cluster. Se possibile, spostare la cartella di TMP all'archiviazione collegata localmente.

Se il server di Exchange 2000 dispone sia di archiviazione molto limitato sul disco locale o di spazio di archiviazione disco locale e tutti i componenti esterni di archiviazione viene allocata come risorse cluster condivise, potrebbe risultare impossibile spostare la cartella TMP archiviazione collegata localmente. Come ultima risorsa, Ŕ possibile riallocare parte dell'archiviazione condivisa come una risorsa non cluster oppure aggiungere archiviazione di rete (SAN) del area di archiviazione aggiuntivo che non Ŕ condiviso tra i nodi, in modo che vi sia un percorso che Ŕ possibile spostare la cartella TMP.

Per consentire agli utenti di accedere pi¨ rapidamente, Ŕ possibile impostare le seguenti chiavi di registro di sistema per disattivare il calcolo esatto di dimensione dei messaggi. Una delle chiavi Ŕ per i client POP3 e l'altra Ŕ per i client IMAP4.

avviso Pu˛ causare seri problemi se si modifica il Registro di sistema in modo errato mediante l'editor del Registro di sistema o utilizzando un altro metodo. Questi problemi potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non garantisce che sia possono risolvere questi problemi. La modifica del Registro di sistema Ŕ a rischio e pericolo dell'utente.

Client POP3

  • chiave del Registro di sistema :
    HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Services\Pop3svc\Parameters
  • parametro : compatibilitÓ (REG_DWORD)
  • impostazione predefinita : non presente
  • Quando modificare : modificare questa impostazione se si desidera che l'archivio da utilizzare calcoli approssimativi di dimensione dei messaggi. Si noti che se si modifica questa impostazione, alcuni client di posta elettronica meno recenti potrebbero non funzionare correttamente. Questa chiave potrebbe interrompere la richiesta per verificarne la conformitÓ Comments (RFC).
  • impostazione consigliata : 0xfffffffe

Client IMAP4

Attivare il recupero rapido dei messaggi per gli utenti IMAP4. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Aprire le proprietÓ del server virtuale IMAP4.
  2. Nella scheda Generale fare clic per selezionare la casella di controllo Attiva il recupero rapido dei messaggi e scegliere OK .
Nota Dopo aver modificato queste chiavi del Registro di sistema, riavviare il servizio di amministrazione di Microsoft Internet Information Services (IIS) e Microsoft Exchange servizi Archivio informazioni. Se si esegue un server virtuale di Exchange e si utilizzano i servizi cluster, disconnettere il server virtuale prima di riavviare questi servizi.

Come determinare se l'accesso alla cartella TMP Ŕ causare latenze del client

Per determinare se l'accesso alla cartella TMP nel server di Exchange 2000 Ŕ causato da latenze del client, utilizzare Monitor di sistema per monitorare l'attivitÓ I/O del disco sul disco in cui si trova la cartella TMP. Sul disco in cui il TMP cartella si trova, Ŕ possibile notare i seguenti comportamenti:
  • Lunghezza coda disco lungo
  • AttivitÓ di I/O disco
Se la cartella TMP si trova su un disco logico invece di un disco fisico dedicato, Ŕ importante l'attivitÓ di I/O del disco logico. Di conseguenza, Ŕ necessario installare i contatori Disco logico in Monitor di sistema. Per eseguire questa operazione:
  1. Fare clic su Start , scegliere Esegui , digitare cmd e quindi premere INVIO.
  2. Digitare diskperf - yv e quindi premere INVIO per attivare i contatori di prestazioni del disco per le unitÓ logiche o volumi di archiviazione.
  3. Riavviare il computer per caricare i contatori Disco logico .
Per ulteriori informazioni su come creare e utilizzare i registri contatori in cui monitorare le prestazioni del server, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
248345Creazione di un registro utilizzando Monitor di sistema in Windows 2000

Come determinare quanti testine Ŕ necessario

Se la dimensione media dei messaggi Ŕ 45 KB, il server non di circa 3 TMP scrive per ogni RETR (POP3) o FETCH (IMAP4) il server converte da MAPI a MIME. ╚ possibile utilizzare questo valore per determinare il numero di testine sono necessari in qualsiasi computer.

Si supponga ad esempio, che un server Ŕ 1.000 utenti. Ogni utente dispone di un posta in arrivo che contiene i messaggi di 500, e tutte le cassette postali solo sono state spostate. Dopo lo spostamento, quando gli utenti accedono ed RETR o FETCH la posta a una velocitÓ di 42 messaggi al secondo, il server esegue circa 126 scritture al secondo per l'unitÓ TMP (3 scritture per RETR moltiplicato 42 comandi RETR al secondo). Un asse Ŕ possibile gestire circa 100 scritture al secondo. Di conseguenza, due assi Raid0 sono necessario, o quattro Raid0 + 1 assi. In questo esempio Ŕ stato testato su un server di Exchange 2000 di 4 x 450 megahertz (MHz) con 4 gigabyte (GB) di RAM.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 317722 - Ultima modifica: venerdý 25 maggio 2007 - Revisione: 5.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange 2000 Server Standard Edition
Chiavi:á
kbmt kbpopimapnntp kbinfo KB317722 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 317722
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com