BUG: Impossibile connettersi a un'istanza di denominata cluster attraverso un firewall

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 318432 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
BUG #: 356696 (RIFERIMENTO)
Espandi tutto | Chiudi tutto

Sintomi

Se si tenta di connettersi un'istanza cluster denominata di SQL Server attraverso un firewall e si utilizza solo il nome dell'istanza (ad esempio, SQL_Virtual_Name\Instance_Name) nella stringa di connessione, la connessione non riesce ed Ŕ possibile che venga visualizzato uno dei seguenti messaggi di errore:
Messaggio di errore 1
Impossibile trovare il server SQL specificato.
Messaggio di errore 2
Server SQL inesistente o accesso negato.
Se si esegue una traccia di rete su server, Ŕ possibile vedere che il server riceve effettivamente la query dal computer client sulla porta UDP 1434 per l'indirizzo IP di server virtuale e, tuttavia, la risposta viene inviata con l'indirizzo IP fisica del nodo del cluster Ŕ in esecuzione SQL Server.

Cause

Quando un computer client si connette a un computer che esegue un'istanza cluster di SQL Server, se la stringa di connessione non specifica la porta TCP di destinazione, la libreria client interroga il server sulla porta UDP 1434 per raccogliere informazioni relative all'istanza.

Quando il server restituisce le informazioni, il frame di rete contiene l'indirizzo IP del nodo fisico anzichÚ l'indirizzo IP del server virtuale. In base alla configurazione di firewall, questo pacchetto di rete pu˛ essere eliminato e il client non pu˛ ricevere qualsiasi risposta.

Workaround

Per aggirare questo problema Ŕ possibile:
  • Consente di specificare il numero di porta TCP nella stringa di connessione. Ad esempio, se Ŕ in ascolto su TCP/IP porta 2433 e il server virtuale di SQL Server Ŕ denominato VSERVER1, la stringa di connessione conterrÓ i seguenti attributi.
    Data Source=VSERVER1\instancename,2433;Network Library=dbmssocn
    -or-

  • Per creare un alias SQL Server su ciascun client, utilizzare l'utilitÓ Configurazione di rete client. Nell'alias, Ŕ necessario specificare la libreria di rete da utilizzare (TCP/IP) e il numero di porta. Utilizzare l'alias nella stringa di connessione e non viene specificato l'attributo di libreria di rete nella stringa di connessione.

    ╚ inoltre possibile automatizzare la creazione dell'alias SQL Server su ciascun client utilizzando un oggetto Criteri di gruppo (GPO) per il controller di dominio. Si supponga che l'istanza virtuale di SQL Server Ŕ denominato VSERVER1\MyInstance. L'istanza virtuale di SQL Server Ŕ in attesa su TCP/IP porta 2433. Il nome dell'alias SQL Server che si desidera creare Ŕ MyAlias. Per automatizzare la creazione dell'alias SQL Server, attenersi alla seguente procedura:
    1. Sul controller di dominio, creare un file reg contiene la voce del Registro di sistema per l'alias SQL Server.

      Ad esempio, creare un file Myreg.reg che contiene le seguenti informazioni.
      Windows Registry Editor Version 5.00
      
      [HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSSQLServer\Client\ConnectTo]
      "DSQUERY"="DBNETLIB"
      "MyAlias"="DBMSSOCN,VSERVER1\MyInstance,2433"
    2. Per creare un'unitÓ organizzativa (OU), attenersi alla seguente procedura:
      1. Aprire utenti e computer , fare clic con il pulsante destro del mouse su DomainName, scegliere Nuovo , quindi UnitÓ organizzativa .
      2. Nella finestra di dialogo New Object - Organizational Unit , immettere un nome per l'unitÓ ORGANIZZATIVA e scegliere OK .
    3. Aggiungere gli utenti e i computer a cui si desidera applicare il GPO all'unitÓ ORGANIZZATIVA. Per effettuare questa operazione, trascinare gli utenti e i computer all'unitÓ organizzativa creata al passaggio 2.
    4. Aggiungere un oggetto Criteri di gruppo dell'unitÓ ORGANIZZATIVA. L'oggetto si applica uno script di accesso utente o uno script di avvio del computer per importare il file reg. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
      1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sull'unitÓ ORGANIZZATIVA creata al passaggio 2 e quindi fare clic su ProprietÓ .
      2. Nella finestra di dialogo ProprietÓ fare clic sulla scheda Criteri di gruppo .
      3. Nella scheda Criteri di gruppo , fare clic su Nuovo e scegliere Modifica per aprire la finestra Editor oggetti Criteri di gruppo .
      4. Valide questo GPO per gli utenti o ai gruppi, attenersi alla seguente questo passaggio:
        • Espandere Configurazione utente , espandere Impostazioni di Windows , fare clic su script (accesso/fine sessione) e quindi fare doppio clic su accesso .
        Per applicare l'oggetto Criteri di gruppo ai computer, attenersi alla seguente questo passaggio:
        • Espandere Configurazione Computer espandere Impostazioni di Windows , fare clic su script (avvio/arresto) e quindi fare doppio clic su avvio .
      5. Nella finestra di dialogo ProprietÓ , Ŕ necessario scegliere Mostra file per aprire la cartella che contiene i file di script.

        Nota Un percorso UNC (Universal Naming CONVENTION) verrÓ visualizzato sulla barra indirizzo della finestra della cartella.
      6. Inserire il file di Myreg.reg nella cartella aperta al passaggio 4e.
      7. Nella stessa cartella, Ŕ possibile creare un file bat contiene le seguenti informazioni. Si supponga che il nome del file sia Mybat.bat.
        Regedit /s <Path>\Myreg.reg
        note
        • <Path>rappresenta il percorso UNC della cartella.
        • L'opzione /s specifica di importare il file reg in modalitÓ non interattiva.
      8. Nella finestra di dialogo ProprietÓ , fare clic su Aggiungi .
      9. Nella finestra della finestra di dialogo Aggiunta Script , fare clic su Sfoglia .
      10. Nella finestra di dialogo Sfoglia individuare il file Mybat.bat e quindi fare clic su Apri .
      11. Nella finestra di dialogo Aggiunta Script , fare clic su OK .
      12. Nella finestra di dialogo ProprietÓ , fare clic su OK .
    5. Assicurarsi che disporre di utenti e il computer aggiunto nel passaggio 3 l'autorizzazione di lettura e l'autorizzazione Applica criteri di gruppo al GPO. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
      1. In Active Directory Users and Computers , fare clic con il pulsante destro del mouse sull'unitÓ ORGANIZZATIVA creata al passaggio 2 e quindi fare clic su ProprietÓ .
      2. Nella finestra di dialogo ProprietÓ fare clic sulla scheda Criteri di gruppo .
      3. Nella scheda Criteri di gruppo scegliere l'oggetto Criteri di gruppo creato nel passaggio 4c, quindi ProprietÓ .
      4. Nella finestra di dialogo ProprietÓ fare clic sulla scheda protezione .
      5. Nella scheda protezione , assicurarsi che gli utenti e i computer a cui viene applicato l'oggetto Criteri di gruppo siano elencati in utenti e gruppi .
      6. Assicurarsi che l'autorizzazione di lettura e l'autorizzazione Applica criteri di gruppo sono specificati relativi gli utenti e ai computer.

Status

Microsoft ha confermato che questo problema riguarda i prodotti sono elencati nella sezione "Si applica a".

Questo problema Ŕ stato risolto nei seguenti casi:
  • Microsoft SQL Server 2008 su Windows Server 2008
  • Microsoft SQL Server 2005 che coesiste con Microsoft SQL Server 2008 su Windows Server 2008
Questo problema si verifica in Microsoft SQL Server 2008 in Windows Server 2003.

Informazioni

Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
944390FIX: Messaggio di errore quando ci si connette a un'istanza denominata di SQL Server in un computer client che esegue Windows Vista o Windows Server 2008: "Specificato non trovato in SQL server" o "Errore di individuazione server / dell'istanza specificata"
936302Elenco dei problemi noti quando si installa SQL Server 2005 in Windows Server 2008

ProprietÓ

Identificativo articolo: 318432 - Ultima modifica: martedý 5 maggio 2009 - Revisione: 3.0
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 2000 Enterprise Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Standard Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Enterprise Edition
Chiavi:á
kbmt kbbug kbpending KB318432 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 318432
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com