Miglioramenti al file Adprep.exe in Windows Server 2003 Service Pack 1 e nell'aggiornamento rapido (hotfix) 324392

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 324392 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

L'utilitÓ Active Directory Preparation Tool (Adprep.exe) in Microsoft Windows Server 2003 consente di preparare un insieme di strutture di Microsoft Windows 2000 e i relativi domini per l'installazione di controller di dominio di Windows Server 2003. In questo articolo vengono documentati i miglioramenti apportati ad Adprep.exe in Windows Server 2003 Service Pack 1 (SP1). Viene inoltre fornito un aggiornamento rapido (hotfix) che include la versione aggiornata di Adprep.exe e che Ŕ possibile applicare ad Adprep.exe anche se non si installa Windows Server 2003 SP1.

Nota Si consiglia di utilizzare sempre la versione pi¨ recente di Adprep.exe per estendere lo schema.

Informazioni

Per preparare un insieme di strutture di Windows 2000 per ospitare controller di dominio di Windows Server 2003 nuovi o aggiornati, eseguire il comando adprep /forestprep sul master operazioni schema, quindi eseguire il comando adprep /domainprep sul master operazioni infrastrutture in ogni dominio.

La versione aggiornata di Adprep.exe supporta i seguenti comandi e miglioramenti. Questi miglioramenti consentono agli amministratori di completare pi¨ facilmente l'aggiornamento a Windows Server 2003.
  • adprep /forestprep

    Il comando adprep /forestprep consente di eseguire le medesime operazioni della versione originale di Windows Server 2003. La sintassi di questo comando non Ŕ stata modificata. I miglioramenti includono una gestione pi¨ efficace dei messaggi di errore nelle configurazioni che non consentono l'esecuzione corretta del comando adprep /forestprep.
  • adprep /domainprep

    Nella versione di Windows Server 2003 senza service pack il comando adprep /domainprep consente di aggiungere descrittori di protezione pi¨ restrittivi a tutti gli oggetti Criteri di gruppo nella risorsa condivisa SYSVOL. Quando si modificano le autorizzazioni su tutti gli oggetti Criteri di gruppo nella struttura SYSVOL, Ŕ necessario che dal servizio Replica file (NTFRS) sul controller di dominio di origine tutti gli oggetti Criteri di gruppo vengano inviati a tutti gli altri controller di dominio in quel dominio. Alcune infrastrutture di rete che contengono numerosi controller di dominio o oggetti Criteri di gruppo potrebbero essere giÓ sovraccariche se sono connesse mediante collegamenti di rete lenti. Quando si utilizza il comando adprep /domainprep, l'overhead incrementale dovuto alla sincronizzazione completa degli oggetti Criteri di gruppo nella risorsa condivisa SYSVOL potrebbe causare il sovraccarico di tali reti. Per risolvere il problema, la versione aggiornata di Adprep.exe consente di separare la modifica delle autorizzazioni nella risorsa condivisa SYSVOL dalle altre operazioni eseguite dal comando adprep /domainprep.

    Nella versione di Adprep.exe inclusa in Windows Server 2003 SP1 il comando adprep /domainprep consente di eseguire le medesime operazioni della versione precedente di Adprep.exe, tuttavia il comando aggiornato non Ŕ in grado di modificare le autorizzazioni sugli oggetti Criteri di gruppo, a meno che non venga utilizzata la nuova opzione /gpprep. Dopo avere installato la versione aggiornata di Adprep.exe, quando si esegue il comando adprep /domainprep viene visualizzato un messaggio analogo al seguente:
    La nuova funzionalitÓ di pianificazione tra domini per Criteri di gruppo, modalitÓ di pianificazione Gruppo di criteri risultante (RSoP), richiede che vengano aggiornate le autorizzazioni del file system e di Active Directory per gli oggetti Criteri di gruppo esistenti. ╚ possibile attivare questa funzionalitÓ in qualsiasi momento eseguendo ?adprep.exe /domainprep /gpprep? sul controller di dominio con il ruolo di master operazioni infrastrutture.

    Con questa operazione tutti gli oggetti Criteri di gruppo che si trovano nella cartella dei criteri di SYSVOL saranno replicati una volta tra i controller di dominio in questo dominio. Microsoft consiglia di leggere l'articolo della Knowledge base 324392, soprattutto se si dispone di numerosi oggetti Criteri di gruppo.
  • adprep /domainprep /gpprep

    La funzionalitÓ del comando adprep domainprep /gpprep dipende dallo stato del dominio. Se il comando aggiornato adprep /domainprep non Ŕ stato eseguito, avrÓ la stessa funzionalitÓ del comando adprep /domainprep nella versione originale di Windows Server 2003. In questi casi il comando consente di eseguire tutte le operazioni di dominio elencate nell'articolo della Microsoft Knowledge Base 309628. Queste operazioni includono l'impostazione delle autorizzazioni per gli oggetti Criteri di gruppo in SYSVOL. Se il comando adprep /domainprep Ŕ giÓ stato eseguito, il comando adprep /domainprep /gpprep consente di aggiungere solo le voci di controllo di accesso (ACE) ereditabili sugli oggetti Criteri di gruppo nella risorsa condivisa Sysvol. Le voci di controllo di accesso (ACE) aggiuntive consentono ai controller di dominio organizzazione di disporre di autorizzazioni di accesso in lettura agli oggetti Criteri di gruppo. Queste autorizzazioni sono necessarie per supportare la funzionalitÓ Gruppo di criteri risultante (RSoP) per criteri basati sul sito.
Per ulteriori informazioni su Adprep.exe nella versione originale di Windows Server 2003, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
309628 Operazioni eseguite dall'utilitÓ Adprep.exe quando si aggiunge un controller di dominio di Windows Server 2003 a un dominio o a un insieme di strutture di Windows 2000
In considerazione di questi miglioramenti, si consiglia di utilizzare la versione aggiornata di Adprep.exe.

Informazioni sull'aggiornamento rapido (hotfix)

╚ disponibile un aggiornamento rapido (hotfix) supportato da Microsoft, che Ŕ tuttavia destinato esclusivamente alla risoluzione del problema descritto in questo articolo. Utilizzarlo solo nei sistemi in cui si verifica questo problema specifico. ╚ possibile che su questo aggiornamento rapido (hotfix) vengano eseguiti ulteriori test. Se pertanto questo problema non causa gravi difficoltÓ, si consiglia di attendere la versione successiva del service pack di Windows Server 2003 contenente tale aggiornamento rapido (hotfix).

Per risolvere immediatamente il problema, contattare il Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft per ottenere l'aggiornamento rapido (hotfix). Per un elenco completo di numeri di telefono del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft e per informazioni sui costi dell'assistenza, visitare il sito Web Microsoft:
http://support.microsoft.com/contactus/?ws=support
Nota In casi particolari, le spese normalmente addebitate per le chiamate al Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft potrebbero essere annullate qualora un addetto del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft dovesse determinare che uno specifico aggiornamento risolverÓ il problema. I normali costi del Servizio Supporto Tecnico Clienti Microsoft verranno applicati per eventuali ulteriori domande e problemi che non dovessero rientrare nello specifico aggiornamento in questione.

Prerequisiti

Non Ŕ richiesto alcun prerequisito.

Richiesta di riavvio

Dopo l'applicazione di questo aggiornamento rapido (hotfix) non Ŕ necessario riavviare il computer.

Informazioni sulla sostituzione dell'aggiornamento rapido (hotfix)

Questo aggiornamento rapido (hotfix) non sostituisce eventuali altri aggiornamenti rapidi (hotfix).

Informazioni sui file

La versione in lingua inglese di questo aggiornamento rapido (hotfix) presenta gli attributi di file elencati nella tabella seguente (o attributi successivi). Date e ore elencate di seguito sono espresse in UTC. Quando si visualizzano le informazioni sul file, l'ora viene convertita in ora locale. Per calcolare la differenza tra l'ora UTC e quella locale, utilizzare la scheda Fuso orario dello strumento Data e ora del Pannello di controllo.
Windows Server 2003, versioni a 32 bit
   Data        Ora   Versione      Dimensioni  Nome file
   ------------------------------------------------------
   23/07/2004  9.04  5.2.3790.196     397.824  Adprep.exe
Windows Server 2003, versioni a 64 bit
   Data        Ora   Versione      Dimensioni  Nome file   Piattaforma
   -------------------------------------------------------------------
   23/07/2004  09.05 5.2.3790.196   1.071.616  Adprep.exe  IA-64
Per integrare i file aggiornati forniti da questo aggiornamento rapido (hotfix) con i file sul CD di installazione della versione originale di Windows Server 2003, attenersi alla seguente procedura:
  1. Copiare il contenuto della cartella \I386 sul CD di Windows Server 2003 nel computer.
  2. Scaricare il file dell'aggiornamento rapido (hotfix) 194432_ENU_i386_zip.exe nel computer.
  3. In Esplora risorse individuare e fare doppio clic sul file dell'aggiornamento rapido (hotfix).
  4. Quando richiesto, specificare una cartella in cui memorizzare per i file estratti.
  5. Individuare e fare doppio clic sul file WindowsServer2003-KB324392-x86-enu.exe.

    Nota Questo file si trova nella cartella specificata al passaggio 4.
  6. Quando viene chiesto di specificare una cartella per i file estratti, digitare il percorso della cartella \I386 copiata dal CD di Windows Server 2003 al passaggio 1.
Al prompt dei comandi eseguire il comando adprep e i relativi argomenti della riga di comando dalla cartella \I386.

Altri miglioramenti ad Adprep.exe

Oltre a quelli descritti, la versione aggiornata di Adprep.exe include i seguenti miglioramenti:
  • Il comando adprep /forestprep introduce modifiche allo schema estese a tutto il dominio e a tutto l'insieme di strutture.

    Per abilitare il comando adprep /forestprep in modo che vengano introdotte modifiche allo schema, il controller di dominio con il ruolo di master operazioni schema deve essere operativo in rete. Inoltre Ŕ necessario che dall'ultimo riavvio di questo controller di dominio sia stata eseguita la replica in ingresso delle partizioni CN=Schema.

    Se il comando adprep /forestprep non Ŕ in grado di introdurre modifiche allo schema, verrÓ visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
    Impossibile estendere lo schema.
    [Stato/Conseguenza]
    Dal master schema non Ŕ stato completato un ciclo di replica dopo l'ultimo riavvio. Prima che lo schema possa essere esteso, Ŕ necessario che dal master schema venga completato almeno un ciclo di replica.
    [Azione utente]
    Verificare che il master schema sia connesso alla rete e che sia in grado di comunicare con altri controller di dominio. Utilizzare lo snap-in Siti e servizi per la replica tra il master operazioni schema e almeno un partner di replica. Dopo avere completato la replica, eseguire nuovamente adprep.
    Con il comando adprep /forestprep della versione originale di Windows Server 2003 non viene visualizzato questo messaggio di errore.
  • Per implementare aggiunte allo schema, dal comando adprep /forestprep viene utilizzata l'utilitÓ Schupgr.exe.

    Se nei controller di dominio di Windows 2000 sono contenute estensioni dello schema non compatibili con le estensioni dello schema di Windows Server 2003, l'utilitÓ Schupgr.exe e il comando adprep /forestprep non saranno in grado di implementare tutte le aggiunte allo schema. In questo scenario il comando adprep /forestprep consente di rilevare possibili estensioni dello schema in conflitto e di visualizzarle prima che venga aggiornato lo schema.
  • L'avviso relativo all'errore di Initsync Ŕ stato modificato.

    Per consentire al comando adprep /forestprep di effettuare modifiche allo schema nell'insieme di strutture, Ŕ necessario che il master operazioni del master schema soddisfi i requisiti di InitSync mediante l'esecuzione di una replica in ingresso della partizione dello schema da almeno un altro controller di dominio nell'insieme di strutture. Se il master schema non Ŕ in grado di eseguire questa replica in ingresso, il ruolo di master schema non sarÓ disponibile. Questo problema impedisce l'esecuzione del comando adprep /forestprep. In Windows Server 2003 senza service pack il messaggio di errore generato in questo caso non identifica correttamente questo problema di Initsync.

    Con la versione di Adprep.exe inclusa in Windows Server 2003 SP1 il problema relativo a Initsync viene invece identificato correttamente e viene generato un messaggio di errore analogo al seguente:
    Impossibile estendere lo schema.
    [Stato/Conseguenza]

    Dal master schema non Ŕ stato completato un ciclo di replica dopo l'ultimo riavvio. Prima che lo schema possa essere esteso, Ŕ necessario che dal master schema venga completato almeno un ciclo di replica.

    [Azione utente]

    Verificare che il master schema sia connesso alla rete e che sia in grado di comunicare con altri controller di dominio. Utilizzare lo snap-in Siti e servizi per la replica tra il master operazioni schema e almeno un partner di replica. Dopo avere completato la replica, eseguire nuovamente ADPREP.
  • Da Adprep viene eseguita la verifica dello schema.

    Se si esegue la versione di Adprep.exe inclusa in Windows Server 2003 senza service pack e si dispone di estensioni dello schema non valide, Ŕ possibile che il comando adprep /forestprep non venga eseguito. Tali estensioni dello schema potrebbero essere state installate da programmi di terze parti. Queste estensioni dello schema ottengono in modo non corretto identificatori di oggetto definiti da RFC o definizioni dello schema riservate Microsoft. Queste definizioni vengono quindi utilizzate dalle estensioni dello schema su oggetti con un percorso di nome distinto (DN) diverso o con un nome visualizzato LDAP diverso.

    Nella versione di Adprep.exe inclusa in Windows Server 2003 senza service pack l'attributo di Active Directory interessato non viene indicato chiaramente nel file Adprep log. ╚ quindi necessario identificare manualmente l'attributo non corretto tra tutte le possibili aggiunte effettuate da uno dei file del formato di interscambio dell'elenco in linea LDAP. Generalmente si tratta del file Sch18.ldf.

    Nella versione di Adprep.exe inclusa in Windows Server 2003 SP1 lo schema viene convalidato da Adprep prima della prosecuzione del comando adprep /forestprep. Se viene rilevata un'estensione dello schema non compatibile, l'esecuzione del comando viene interrotta. Viene quindi generato un messaggio di errore analogo al seguente e vengono registrati l'identificatore di oggetto e il nome distinto dell'oggetto che causa il problema.
    OID "2.5.4.45" definito per l'oggetto CN=UniqueID,CN=Schema,CN=Configuration,DC=ADPREP,DC=com Ŕ in conflitto con le estensioni dello schema richieste per Windows 2003.

    [Stato/Conseguenza]

    Lo schema esistente non verrÓ esteso.

    [Azione utente]

    Contattare il fornitore dell'applicazione che ha esteso lo schema con il valore OID "2.5.4.45" e risolvere questa incoerenza. Eseguire quindi di nuovo ADPREP.
    In questo caso Ŕ necessario contattare il fornitore del programma che ha causato l'aggiunta delle estensioni dello schema non valide e richiedere la correzione dell'oggetto dello schema. Il fornitore dovrÓ quindi aggiornare il programma in modo che possa funzionare con l'oggetto dello schema corretto.

    Nell'esempio riportato in questo messaggio di errore il fornitore dovrÓ modificare il nome distinto relativo UniqueID in MyUniqueID o qualsiasi altro nome.

    ╚ inoltre possibile aggiungere un nome distinto relativo e utilizzare un identificatore di oggetto valido. Ad esempio, Ŕ possibile aggiungere myinetOrg insieme all'identificatore di oggetto corretto per inetOrg. In questo esempio la soluzione consiste nel rinominare myinetOrg in inetOrg, quindi aggiungere una nuova estensione per il programma insieme a un aggiornamento del programma.
  • Viene aggiunto il rilevamento InetOrgPerson di Exchange.

    Si consideri lo scenario descritto di seguito.
    • Lo schema viene esteso utilizzando la versione di Adprep inclusa in Windows Server 2003 senza service pack.
    • Lo schema Ŕ stato esteso da Microsoft Exchange 2000 Server.
    • La correzione per InetOrgPerson non Ŕ stata applicata.
    In questa situazione non viene visualizzato alcun messaggio d'errore. Lo schema viene esteso, ma i nomi visualizzati LDAP dei seguenti tre attributi di Exchange sono danneggiati:
    • MS-Exchange-HouseIdentifier
    • MS-Exchange-Secretary
    • MS-Exchange-LabeledURI
    Di seguito Ŕ riportato un esempio di questo problema.

    Schema di Exchange 2000 senza correzione InetOrgPerson
    Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
    Tipo oggettoValore
    AttributeMS-Exchange-HouseIdentifier
    LDAPDisplayNameHouseIdentifier
    Estensione dello schema di Windows Server 2003
    Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
    Tipo oggettoValore
    AttributeHouseIdentifier
    LDAPDisplayNameHouseIdentifier
    PoichÚ nello schema di Windows Server 2003 Ŕ richiesto HouseIdentifier come tipo di oggetto LDAPDisplayName, l'aggiornamento dello schema di Windows Server 2003 danneggia l'oggetto LDAPDisplayName HouseIdentifier esistente aggiunto da Exchange 2000. Dopo l'esecuzione del comando adprep /forestprep, il tipo di oggetto LDAPDisplayName di MS-Exchange-HouseIdentifier viene visualizzato come riportato di seguito.
    Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
    Tipo oggettoValore
    AttributeHouseIdentifier
    LDAPDisplayNameDUP-houseIdentifier-354b0ca8-9b6c-4722-aae7-e66906cc9eef
    La versione aggiornata di Adprep inclusa in Windows Server 2003 SP1 consente di rilevare correttamente le estensioni dello schema di Exchange 2000. Se lo schema di Exchange 2000 non Ŕ stato aggiornato dalla correzione InetOrgPerson, in Adprep viene registrato un messaggio che indirizza l'utente all'articolo 325379. Nel messaggio viene inoltre consigliato all'utente di risolvere il conflitto relativo allo schema prima di eseguire Adprep. In questo caso viene generato un messaggio di errore analogo al seguente:
    Impossibile estendere lo schema.

    [Stato/Conseguenza]

    Conflitto di schema con Exchange 2000. Lo schema non viene aggiornato.

    [Azione utente]

    ╚ necessario risolvere il conflitto di schema prima di eseguire ADPREP. Risolvere il conflitto di schema, consentire la replica della modifica tra tutti i partner di replica, quindi eseguire ADPREP. Per informazioni sulla risoluzione del conflitto, vedere l'articolo della Microsoft Knowledge Base 325379.
Per ulteriori informazioni sulla terminologia utilizzata nel presente articolo, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
824684 Descrizione della terminologia standard utilizzata per descrivere gli aggiornamenti software Microsoft

ProprietÓ

Identificativo articolo: 324392 - Ultima modifica: venerdý 31 marzo 2006 - Revisione: 2.5
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows Server 2003 Service Pack 1áalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
    • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
    • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
    • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition for Itanium-Based Systems
    • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition for Itanium-based Systems
Chiavi:á
kbinfo kbbug kbfix kbqfe kbwinserv2003presp1fix kbhotfixserver KB324392
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com