Installazione e configurazione di IP versione 6 in Windows Server 2003 Enterprise Server

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 325449 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come installare e configurare IP versione 6 (IPv6) in un ambiente Windows Server 2003 Enterprise Edition. La versione corrente di IP, nota come IP versione 4 o IPv4, non Ŕ stata sostanzialmente modificata dal 1981, anno di pubblicazione della RFC 791. IPv4 si Ŕ rivelato solido, facilmente implementabile e interoperabile, e ha superato perfettamente la prova di scalabilitÓ da una rete interna a uno strumento di diffusione globale delle dimensioni attuali di Internet. Le caratteristiche strutturali iniziali erano ottime.

Tuttavia, le caratteristiche strutturali originarie non prevedevano le seguenti variabili:
  • La recente crescita esponenziale di Internet e la carenza di spazi di indirizzi IPv4.

    Data la crescente scarsitÓ di indirizzi IPv4, alcune organizzazioni si sono trovate costrette a utilizzare un traduttore di indirizzi di rete (NAT, Network Address Translator) per associare pi¨ indirizzi privati a un unico indirizzo IP pubblico. Per quanto i traduttori NAT favoriscano il riutilizzo dello spazio degli indirizzi privati, tuttavia non supportano la protezione dei livelli di rete basata su standard o la corretta associazione di tutti i protocolli di livello superiore. Inoltre, se utilizzati per connettere due organizzazioni che utilizzano lo spazio di indirizzi privati, possono creare problemi.

    A ci˛ si aggiunga la crescente diffusione dei dispositivi e delle apparecchiature connessi a Internet, che comporta l'inevitabile esaurimento dello spazio di indirizzi IPv4 pubblici.
  • La crescita di Internet e la capacitÓ dei router di backbone Internet di gestire tabelle di routing di elevate dimensioni.

    A causa delle passate e attuali modalitÓ di allocazione degli identificatori (ID) di rete IPv4, nelle tabelle di routing dei router di backbone Internet sono regolarmente contenute oltre 70.000 route. L'attuale infrastruttura di routing Internet basata su IPv4 Ŕ una combinazione di routing normale e routing gerarchico.
  • L'esigenza di una configurazione pi¨ semplice.

    La maggior parte delle attuali implementazioni di IPv4 deve essere configurata manualmente o tramite un protocollo di configurazione degli indirizzi con informazioni di stato quale DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol). Pi¨ elevato Ŕ il numero di computer e dispositivi che utilizzano il protocollo IP, maggiore Ŕ l'esigenza che venga sviluppata una configurazione pi¨ semplice e automatizzata degli indirizzi e di altre impostazioni non basate sull'amministrazione di un'infrastruttura DHCP.
  • I requisiti di protezione a livello di IP.

    Le comunicazioni private attraverso un mezzo pubblico quale Internet richiedono che i dati inviati siano protetti dalla visualizzazione o dalla modifica durante il transito mediante appropriati servizi di crittografia. BenchÚ adesso disponibile, lo standard per la protezione dei pacchetti IPv4, denominato IPSec (Internet Protocol Security, protezione di protocollo Internet) non Ŕ tuttavia obbligatorio e a prevalere sono le soluzioni proprietarie.
  • La necessitÓ di un supporto migliore per l'invio in tempo reale di dati, anche noto come QualitÓ del servizio (QoS, Quality of Service).

    Mentre esistono standard QoS per IPv4, il supporto per il traffico in tempo reale si basa sul campo TOS (Type of Service, tipo di servizio) di IPv4 e sull'identificazione del payload, in genere realizzata utilizzando una porta UDP (User Datagram Protocol) o TCP (Transmission Control Protocol). Sfortunatamente, il campo TOS di IPv4 ha funzionalitÓ limitate e interpretazioni differenti. Inoltre, non Ŕ possibile identificare il payload utilizzando una porta TCP e UDP quando il payload di pacchetto IPv4 Ŕ crittografato.
Per offrire una risposta a queste esigenze, IETF (Internet Engineering Task Force) ha sviluppato una suite di protocolli e di standard denominata IP versione 6 (IPv6). La nuova versione, precedentemente denominata IPng (IP-The Next Generation, IP di prossima generazione), incorpora i concetti di vari metodi proposti per l'aggiornamento del protocollo IPv4. IPv6 Ŕ espressamente progettato per produrre il minimo impatto sui protocolli di livello superiore e inferiore evitando l'aggiunta arbitraria di nuove funzionalitÓ.

Come installare IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, quindi fare doppio clic su Connessioni di rete.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una connessione alla rete locale, quindi scegliere ProprietÓ.
  3. Fare clic su Installa.
  4. Fare clic su Protocollo, quindi scegliere Aggiungi.
  5. Fare clic su Microsoft TCP/IP versione 6 e scegliere OK.
  6. Fare clic su Chiudi per salvare le modifiche alla connessione di rete.

Come rimuovere IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, quindi fare doppio clic su Connessioni di rete.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse su una connessione alla rete locale, quindi scegliere ProprietÓ.
  3. Fare clic su Microsoft TCP/IP versione 6 nell'elenco di componenti installati, quindi fare clic su Disinstalla.
  4. Scegliere , quindi fare clic su Chiudi per salvare le modifiche alla connessione di rete.

Come configurare IPv6

Configurazione di IPv6 con indirizzi manuali

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare il seguente comando e premere INVIO:
    add address [interface=]stringa [address=]indirizzo ipv6
    Il comando accetta i seguenti valori
    • [interface=]stringa: specifica il nome dell'interfaccia.
    • [address=]indirizzo ipv6: specifica l'indirizzo IPv6.
    NOTA: per questo comando sono disponibili parametri aggiuntivi. Digitare add address /? al prompt dei comandi "netsh interface ipv6" per visualizzare i parametri aggiuntivi.

Configurazione degli attributi di interfaccia

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare il seguente comando e premere INVIO:
    set interface [interface=]stringa [[forwarding=]enabled|disabled] [[advertise=]enabled|disabled] [[mtu=]intero] [[siteid=]intero] [[metric=]intero] [[firewall=]{enabled | disabled}] [[siteprefixlength=]intero] [[store=]{active|persistent]}
    Il comando accetta i seguenti valori:
    • [interface=]stringa: specifica il nome dell'interfaccia.
    • [[forwarding=]enabled|disabled]: specifica se i pacchetti in arrivo su questa interfaccia possono essere inoltrati ad altre interfacce. L'impostazione predefinita Ŕ disabled.
    • [[advertise=]enabled|disabled]: specifica l'eventuale invio di annunci router su questa interfaccia. L'impostazione predefinita Ŕ disabled.
    • [[mtu=]intero]: specifica l'unitÓ massima di trasmissione (MTU, Maximum Transmission Unit) dell'interfaccia. Se mtu non Ŕ specificato, viene utilizzato il valore MTU predefinito del collegamento.
    • [[siteid=]intero]: specifica l'identificatore di area dell'ambito del sito. L'identificatore di area viene impiegato per distinguere pi¨ interfacce che appartengono ad aree amministrative diverse che utilizzano gli indirizzi Site-Local.
    • [[metric=]intero]: specifica la metrica dell'interfaccia aggiunta per effettuare il routing della metrica di tutte le route sull'interfaccia.
    • [[firewall=]{enabled | disabled}]: specifica se operare in modalitÓ firewall.
    • [[siteprefixlength=]intero]: specifica la lunghezza predefinita del prefisso globale dell'intero sito.
    • [[store=]active|persistent]: se si specifica active, la modifica viene conservata solo fino al riavvio del computer. Se si specifica persistent, la modifica Ŕ definitiva. L'impostazione predefinita Ŕ persistent.

Come gestire le route

Visualizzazione della tabella di routing IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare show routes, quindi premere INVIO. NOTA: per visualizzare i parametri aggiuntivi disponibili per il comando, digitare show routes /?.

Aggiunta di una route IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare il comando seguente, quindi premere INVIO:
    add route [prefix=]ipv6address/integer [[interface=]stringa] [[nexthop=]indirizzo ipv6] [[siteprefixlength=]intero] [[metric=]intero] [[publish=]{no | age | yes}] [[validlifetime=]{intero | infinite}] [[preferredlifetime=]{intero | infinite}] [[store=]{active | persistent}]
    Il comando accetta i seguenti valori:
    • [prefix=]indirizzo ipv6/intero: questo parametro Ŕ obbligatorio. Specifica il prefisso per il quale aggiungere una route. Intero specifica la lunghezza del prefisso.
    • [[interface=]stringa]: specifica un nome o indice di interfaccia.
    • [[nexthop=]indirizzo ipv6]: specifica l'indirizzo del gateway se il prefisso non Ŕ on-link.
    • [[siteprefixlength=]intero]: specifica la lunghezza del prefisso per l'intero sito se il prefisso non Ŕ on-link.
    • [[metric=]intero]: specifica la metrica di route.
    • [[publish=]{no | age | yes}]: specifica se le route vengono annunciate negli Annunci route con durata sempre uguale (yes), annunciate con durata in progressiva diminuzione (age) o non vengono annunciate affatto (no) negli Annunci route. L'impostazione predefinita Ŕ no.
    • [[validlifetime=]{intero | infinite}]: specifica la durata di validitÓ della route. Il valore predefinito Ŕ infinite.
    • [[preferredlifetime=]{intero | infinite}]: specifica la durata di preferenza della route. Il valore predefinito Ŕ uguale al valore della durata di validitÓ.
    • [[store=]{active | persistent}]: specifica se la modifica viene conservata solo fino al primo riavvio (active) o se Ŕ permanente (persistent). L'impostazione predefinita Ŕ persistent.
    NOTE: tramite questi parametri viene aggiunta una route per uno specifico prefisso. Il valore di tempo pu˛ essere espresso in giorni, ore, minuti e secondi, come nell'esempio 1d2h3m4s.

    Quando publish Ŕ impostato su no o su age, la route viene eliminata al termine della durata di validitÓ. Quando publish Ŕ impostato su age, l'Annuncio route contiene la durata di validitÓ rimanente prima dell'eliminazione. Quando publish Ŕ impostato su yes, la route non verrÓ mai eliminata, indipendentemente dal valore di validlifetime, e ogni Annuncio route conterrÓ la stessa durata di validitÓ specificata.

Rimozione di una route IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare show routes per ottenere il prefisso di route e l'indice di interfaccia su cui gli indirizzi per il prefisso di route sono raggiungibili.
  5. Per eliminare una route, digitare il seguente comando e premere INVIO:
    delete route [prefix=]indirizzo ipv6/intero [interface=]stringa
    Il comando accetta i seguenti valori:
    • [prefix=]indirizzo ipv6/intero: specifica il prefisso per il quale eliminare una route. Indirizzo ipv6 Ŕ un indirizzo IPv6 e intero Ŕ la lunghezza del prefisso della route da eliminare.
    • [interface=]stringa: specifica il nome dell'interfaccia.
    NOTA: per visualizzare i parametri aggiuntivi disponibili per il comando, digitare delete routes /?.

Abilitazione dell'inoltro IPv6

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare il seguente comando e premere INVIO:
    set interface [interface=]stringa [forwarding=]enabled
    Il comando accetta i seguenti valori:
    • [interface=]stringa: specifica il nome dell'interfaccia.
    • [forwarding=]enabled: specifica se i pacchetti in arrivo su questa interfaccia possono essere inoltrati ad altre interfacce. L'impostazione predefinita Ŕ Disabled.
    NOTA: Ŕ anche possibile inviare messaggi di Annuncio route aggiungendo il parametro advertise al comando, come nell'esempio seguente:
    set interface [interface=]stringa [forwarding=]enabled [advertise=]enabled
    Per visualizzare i parametri aggiuntivi disponibili per il comando, digitare set interface /?.

Come verificare il funzionamento delle connessioni

Verifica di una configurazione IPv6 mediante il comando PING

Per ottenere la configurazione IPv6 per un computer:
  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare il seguente comando e premere INVIO:
    netsh interface ipv6 show interface
  3. Al prompt dei comandi digitare ping ::1 per individuare l'indirizzo di loopback.

    Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare che l'indirizzo ::1 sia stato assegnato all'interfaccia denominata pseudo-interfaccia di loopback.
  4. Utilizzare il seguente comando per individuare un indirizzo IPv6 Link-Local del computer:
    pingindirizzo%id_area
    In questo comando indirizzo Ŕ l'indirizzo Link-Local e id_area Ŕ l'indice di interfaccia per l'interfaccia a cui l'indirizzo Link-Local Ŕ stato assegnato. Un indirizzo Link-Local inizia per FE80.

    Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo e l'indice di interfaccia.
  5. Utilizzare il comando seguente per individuare l'indirizzo Link-Local di un altro host del collegamento, anche denominato subnet:
    pingindirizzo%id_area
    In questo comando indirizzo Ŕ l'indirizzo Link-Local di un altro host e id_area Ŕ l'indice di interfaccia per l'interfaccia da cui si intende inviare i pacchetti di ping.

    Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo Link-Local dell'altro host e l'ID di area.

Verifica della connettivitÓ IPv6 mediante il comando PING

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare il seguente comando e premere INVIO:
    netsh interface ipv6 show interface nome_interfaccia
    In questo comando nome_interfaccia Ŕ il nome di un'interfaccia del computer. Se, ad esempio, si dispone di un'interfaccia denominata Connessione LAN, digitare il comando seguente:
    netsh interface ipv6 show interface "Connessione LAN"
  3. Utilizzare uno dei comandi seguenti per cercare un altro nodo IPv6:
    • Per eseguire il ping dell'indirizzo Link-Local di un altro nodo del collegamento, anche denominato subnet, digitare pingindirizzo%id_area, dove indirizzo Ŕ l'indirizzo Link-Local dell'altro nodo e id_area Ŕ l'indice di interfaccia per l'interfaccia da cui si intende inviare pacchetti di ping. Per ottenere l'indice di interfaccia, visualizzare l'output del comando netsh interface ipv6 show interface.

      Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo Link-Local dell'altro nodo e l'ID di area.
    • Per eseguire il ping dell'indirizzo Site-Local di un altro nodo, digitare pingindirizzo%id_area, dove indirizzo Ŕ l'indirizzo Site-Local dell'altro nodo e id_area Ŕ l'identificatore di sito giÓ specificato nell'output del comando netsh interface ipv6 show interface. Se non si utilizzano identificatori di sito, non Ŕ necessario utilizzare la porzione %id_area del comando.

      Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo Site-Local dell'altro nodo e l'ID di area.
    • Per eseguire il ping dell'indirizzo globale di un altro nodo, digitare pingindirizzo, dove indirizzo Ŕ l'indirizzo globale dell'altro nodo.

      Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo globale dell'altro nodo.
    • Per eseguire il ping di un altro nodo in base al nome, digitare ping -6 nome, dove nome Ŕ il nome che pu˛ essere risolto in un indirizzo IPv6 tramite le voci contenute nel file degli host locali o i record di risorse AAAA presenti nell'infrastruttura DNS. Quando si identifica l'host di destinazione in base al nome anzichÚ in base all'indirizzo IPv6, Ŕ necessario includere il parametro -6.

      Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare che il nome possa essere risolto in un indirizzo IPv6.
    • Per eseguire il ping dell'indirizzo compatibile IPv4 di un altro nodo, digitare ping indirizzo ipv4, dove indirizzo ipv4 Ŕ l'indirizzo IPv4 pubblico dell'altro nodo.

      Se il comando ping non produce i risultati desiderati, verificare l'indirizzo IPv4 dell'altro nodo.

Analisi di un percorso mediante il comando TRACERT

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare uno dei seguenti comandi:
    • tracert -6 nome_host

      oppure
    • tracert indirizzo ipv6%id_area
    Questi comandi accettano i seguenti valori:

    • Nome_host Ŕ il nome host del computer remoto.
    • Indirizzo ipv6 Ŕ l'indirizzo IPv6 del computer remoto.
    • id_area Ŕ l'ID di area per l'indirizzo di destinazione. L'ID di area per gli indirizzi Link-Local di destinazione Ŕ l'indice di interfaccia dell'interfaccia da cui si intende inviare i pacchetti di tracert -6. L'ID di area per gli indirizzi Site-Local di destinazione Ŕ l'ID di area elencato nell'output del comando netsh interface ipv6 show interface. Non Ŕ necessario utilizzare la porzione %id_area del comando per gli indirizzi di destinazione globali.
    NOTA: Il comando tracert con il parametro -6 analizza il percorso seguito dai pacchetti IPv6 dal computer in uso a un altro computer remoto. Il comando tracert -6 utilizza i messaggi di richiesta Echo ICMPv6, analoghi al comando ping, per produrre informazioni di rapporto della riga di comando su ogni router attraversato e sul tempo di andata e ritorno (RTT, Round-Trip Time) per ogni hop.

    Se tracert non produce i risultati desiderati, Ŕ possibile utilizzare le informazioni di rapporto della riga di comando per individuare quale inoltro su un router intermedio non abbia avuto buon fine o sia rallentato.

Visualizzazione della configurazione di interfaccia

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh -c "interface ipv6" e premere INVIO.
  3. Digitare show interface [interface=]stringa e premere INVIO.

    Il comando accetta i seguenti valori:
    • [interface=]stringa: specifica il nome dell'interfaccia.
    NOTA: per questo comando sono disponibili parametri aggiuntivi.

Visualizzazione della cache del router adiacente

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare show neighbors, quindi premere INVIO. NOTA: per visualizzare i parametri aggiuntivi disponibili per il comando, digitare show neighbors /?.

Visualizzazione della cache di destinazione

  1. Fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori e infine Prompt dei comandi.
  2. Al prompt dei comandi digitare netsh e premere INVIO.
  3. Digitare interface ipv6, quindi premere INVIO.
  4. Digitare show destinationcache, quindi premere INVIO. NOTA: per visualizzare i parametri aggiuntivi disponibili per il comando, digitare show destinationcache /?.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 325449 - Ultima modifica: mercoledý 21 febbraio 2007 - Revisione: 7.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows Server 2003 64-Bit Datacenter Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Web Edition
Chiavi:á
kbhowtomaster kbnetwork KB325449
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com