I client SQL Server possono modificare i protocolli quando i computer client tentano di connettersi a un'istanza di SQL Server

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 328383 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Computer client con Microsoft Data Access Components (MDAC) versione 2.6 o versione successiva, Ŕ possibile provare pi¨ protocolli o meccanismi di Interprocess Communication (IPC) per stabilire connessioni a SQL Server.

Informazioni

Un miglioramento Ŕ stato apportato alla libreria di rete sul lato client, Dbnetlib.dll per MDAC versione 2.6 e versioni successive. Con MDAC versione 2.6 e versioni successive, se pi¨ protocolli disponibili e un tentativo di connessione con il primo protocollo non riesce, l'applicazione client immediatamente tenta di utilizzare uno degli altri protocolli.

Per impostazione predefinita, i client dispongono di TCP e named pipe come protocolli disponibili. ╚ possibile modificare il protocollo di ordinamento utilizzando l'utilitÓ client di SQL Server. L'applicazione client utilizza i protocolli nell'ordine specificato nel computer client. L'ordine di protocollo Ŕ memorizzato nella seguente posizione chiave di registro di sistema nel valore ProtocolOrder :
HKLM\Software\Microsoft\MSSQLServer\Client\SuperSocketNetLib

Se si utilizza SQL Server 2005, l'ordine di protocollo Ŕ memorizzato nella voce del Registro di sistema ProtocolOrder nella seguente sottochiave del Registro di sistema:

HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MSSQLServer\Client\SNI9.0


Ad esempio, se dispone di un computer client sia TCP e named pipe disponibili e l'ordine Ŕ:
  • TCP
  • Named pipe
Quando il computer client tenta di stabilire una connessione TCP al server e il tentativo di connessione restituisce un codice restituito diverso da zero, il client tenta una connessione in modo trasparente con il protocollo successivo nell'elenco, ovvero named pipe. In questo scenario, il client non Ŕ in grado di effettuare una connessione TCP, tuttavia, il client esegue correttamente una connessione named pipe.

Nota Il client non riceve un errore che indica il primo protocollo non Ŕ riuscito.

Se l'applicazione client viene utilizzato il protocollo di secondo, e viene inoltre restituito un errore, viene restituito un errore al client.

Se si apportano un alias utilizzando uno dei metodi descritti di seguito, l'applicazione di client utilizza le informazioni di alias per stabilire una connessione al server e non utilizza altri protocolli.
  • Mediante l'utilitÓ di rete client di SQL Server
  • Utilizzando SQL Server Configuration Manager (SQL Server 2005)
  • Quando creare il un nome di origine di dati (DSN) ODBC
Se si desidera controllare il protocollo utilizzato un'applicazione client per ogni tentativo di connessione e non consentono al client eseguire pi¨ protocolli, procedere in uno dei seguenti:
  • ╚ possibile utilizzare l'utilitÓ di rete client di SQL o la gestione configurazione SQL Server per creare un alias, specificando il protocollo desiderato.
  • Specificare il protocollo nella stringa di connessione. Ad esempio:
    "DSN=DSNName;SERVER=servername;DATABASE=YourDataBaseName;Network=DBMSSOCN;Address=IP_Address,1433;UID=YourUID;PWD=YourPassword;"
    in questo esempio, Ŕ necessario specificare il protocollo di rete come "DBMSSOCN", significa che si desidera utilizzare il protocollo TCP/IP. Se si specifica il protocollo all'interno della stringa di connessione, utilizza il protocollo specificato solo Dbnetlib e non tenta di qualsiasi altro protocollo. Allo stesso modo, per consentire solo il protocollo Named Pipes, utilizzare una stringa di connessione simile al seguente:
    "DSN=DSNName;SERVER=servername;DATABASE=YourDataBaseName;Network=DBNMPNTW;Address=\\.\pipe\sql\query;UID=YourUID;PWD=YourPassword;"
  • Utilizzare l'utilitÓ di rete client per rimuovere altri protocolli.

RIFERIMENTI

Documentazione in linea di SQL Server; argomento: "UtilitÓ di rete client SQL Server"

ProprietÓ

Identificativo articolo: 328383 - Ultima modifica: venerdý 30 dicembre 2005 - Revisione: 4.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 2000 Standard Edition
  • Microsoft Data Access Components 2.6
  • Microsoft Data Access Components 2.7
  • Microsoft SQL Server 2005 Standard Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Developer Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Enterprise Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Express Edition
  • Microsoft SQL Server 2005 Workgroup Edition
Chiavi:á
kbmt kbinfo KB328383 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 328383
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com