Consigliate per l'utilizzo dischi dinamici nei computer basati su Windows 2000

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 329707 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo vengono descritte le procedure ottimali per l'utilizzo dischi dinamici in computer basati su Windows 2000 su.

Informazioni

I dischi dinamici offrono vantaggi su dischi di base, utilizzano MS DOS stile master boot record (MBR) partizione tabelle originali per memorizzare disco primario e logico alle informazioni di partizione. I dischi dinamici utilizzano una regione privata del disco per gestire un database di gestione dischi LOGICI, che contiene tipi di volumi, offset, appartenenze e lettere di unitÓ di ciascun volume. Il database LDM inoltre viene replicato, in modo che ciascun disco dinamico a conoscenza di tutte le altre configurazioni di disco dinamico. Questa funzionalitÓ rende i dischi dinamici pi¨ affidabili e recuperabili da dischi di base.

I seguenti articoli contengono informazioni che Ŕ necessario comprendere le informazioni contenute in questo articolo. Per ulteriori informazioni sui dischi dinamici, le limitazioni dell'hardware e la terminologia utilizzata in questo articolo, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
175761Dinamico e archiviazione di base in Windows 2000
254105Limitazioni di hardware del disco dinamico

Procedure consigliate e limitazioni di utilizzo di dischi dinamici

Prima di utilizzare i dischi dinamici, Ŕ necessario considerare che quanto consigliato le procedure consigliate e limitazioni di utilizzo di dischi dinamici.

Le correzioni pi¨ recente

Altamente Microsoft consiglia di installare Windows 2000 Service Pack 3 (SP3) o versione successiva se si esegue Windows 2000 e si dispone di dischi dinamici o si prevede di aggiornare uno dei dischi di base in dischi dinamici per la attualmente. SP3 contiene numerose correzioni importanti per le conversioni di disco di base a disco dinamico e per estendere i volumi RAID hardware se il disco Ŕ dinamico.

Per ulteriori informazioni sulle correzioni contenente SP3, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
294244Estensione array RAID hardware potrebbe errore illeggibile/non in linea dinamica
Microsoft consiglia inoltre di installare una correzione supportata che Ŕ ora disponibile che corregge un problema che si verifica quando si avvia lo snap-in Gestione disco. Questo aggiornamento rapido (hotfix) non Ŕ incluso in Windows 2000 SP3. Per ulteriori informazioni su questo aggiornamento rapido (hotfix), fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
327020Errore si verifica quando si avvia Gestione disco dopo l'estensione di una matrice di hardware

Dischi dinamici e dischi di base

Prima di convertire dischi di base in dischi dinamici, Ŕ necessario determinare se si richiedono funzionalitÓ che forniscono solo i dischi dinamici. Se non Ŕ necessario che i volumi con spanning, volumi con striping, volumi con mirroring o set RAID-5, si consiglia di utilizzare i dischi di base.

Nota Windows 2000 supporta dimensioni di disco fisico fino a 2 TB di dimensioni. Se il fornitore dell'hardware consente di aumentare la dimensione di un numero di unitÓ logica disco RAID-5 (LUN) dell'hardware esistente fino al limite di 2 TB, non Ŕ necessario estendere il volume su pi¨ dischi fisici, LUN. Al contrario, si consiglia di continuare a utilizzare i dischi di base e utilizzare l'utilitÓ DiskPart.exe per estendere il volume NTFS dopo aver aggiunto l'hardware RAID LUN nuova capacitÓ di archiviazione fisica. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
325590L'utilizzo di DiskPart.exe per estendere un volume di dati
Se Ŕ necessario estendere un volume NTFS su pi¨ dischi rigidi (LUN) per creare un volume con spanning, Ŕ possibile utilizzare i dischi dinamici. Solo per Windows 2000, il volume NTFS occorre aver stato originariamente creato su un disco dinamico pu˛ essere con spanning. Non Ŕ possibile estendere o estendere un volume Ŕ stato creato su un disco di base e quindi convertito in un disco dinamico. Questa restrizione non si applica a Windows XP e versioni successive. Per ulteriori informazioni su questa limitazione di Windows 2000, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
225551Restrizioni per estensione o estensione di volumi semplici dischi dinamici

Periferiche di archiviazione

Se si decide di utilizzare i dischi dinamici e si dispone sia archiviazione collegata localmente (Small Computer System Interface [SCSI] o basate su IDE archiviazione-memorizzazione) e archiviazione che si trova su una rete di area di archiviazione (SAN, che in genere Ŕ connesso per mezzo di basate su canale a fibra ottica), eseguire una delle seguenti, a seconda della situazione:
  • Utilizzare i dischi dinamici solo le unitÓ di archiviazione SAN e mantenere l'archiviazione collegata localmente come dischi di base.

    - oppure -
  • Utilizzare dischi di base sulle unitÓ di archiviazione SAN e configurare l'archiviazione collegata localmente come dischi dinamici.
Questa indicazione si basa sulla modalitÓ di gestione dischi LOGICI tiene traccia dei dischi dinamici e Sincronizza i database. Se questa raccomandazione e si verifica un'interruzione non pianificata (ad esempio, un'interruzione dell'alimentazione o problemi di infrastruttura) e perdere l'accesso all'archiviazione SAN che contiene i dischi dinamici, tutti i dischi dinamici eliminerÓ in modalitÓ non in linea dal sistema di Windows 2000 nello stesso momento. PoichÚ non si dispone di alcun dischi dinamici collegati localmente, non esistono Nessun database LDM problemi di sincronizzazione a che fare con quando i dischi SAN eventualmente riportare in linea. Se hai anche un disco dinamico nell'archivio collegata localmente, si corre il rischio dei database LDM in non corrispondenti e potrebbe essere difficoltÓ a spostare uno o pi¨ dischi dinamici SAN eseguire il backup in linea.

Per contrastare questo problema, se Ŕ necessario disporre i dischi dinamici in una configurazione mista di archiviazione collegata localmente e archiviazione collegata alla rete SAN, Ŕ consigliabile impedire interruzioni dell'alimentazione utilizzando continuitÓ (UPS) su tutti i dispositivi di connessione a tutti gli hub fiber, router, switch, contenitori SAN e il server.

note
  • In una configurazione mista disco dinamico, se Ŕ necessario eseguire l'archiviazione SAN in modalitÓ non in linea per manutenzione, Ŕ consigliabile arrestare il server prima di disconnettere l'unitÓ di archiviazione SAN e assicurarsi che tutte le periferiche SAN siano disponibili nuovamente quando si riattiva il server in linea.
  • Windows non supporta il montaggio di un volume del disco su pi¨ host allo stesso tempo. Questa restrizione si applica ai volumi che si trovano in un disco di base o un disco dinamico. Danneggiamento del volume pu˛ verificarsi se vengono apportate modifiche il volume da entrambi gli host. Windows inoltre non supporta l'esposizione e quindi importare i dischi dinamici su pi¨ di host (nodi) contemporaneamente. Questa procedura pu˛ anche provocare una perdita di dati o danneggiamento del database LDM.

Cluster di server

I dischi dinamici non sono supportati per l'utilizzo con il servizio cluster di Windows. Windows 2000 Advanced Server e Windows Datacenter Server e che le versioni non OEM non supportano i dischi dinamici in un'infrastruttura cluster di server.

Questa limitazione non impedisce si estende un volume NTFS Ŕ contenuto in un disco condiviso del cluster (un disco che viene condiviso tra i computer del cluster) che Ŕ di base. Per ulteriori informazioni su come estendere un volume NTFS in un disco condiviso del cluster, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
304736Come estendere la partizione di un disco condiviso del cluster
╚ possibile utilizzare il software del componente aggiuntivo di terze parti Veritas Volume Manager per Windows 2000 per aggiungere le funzionalitÓ di disco dinamico a un'infrastruttura di cluster di server. Se si installa Veritas Volume Manager e si configurare le risorse del gruppo di dischi Volume Manager, contattare il supporto di Veritas per i problemi di cluster di server correlati a tali risorse. Per ulteriori informazioni su Veritas Volume Manager, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
237853Configurazione dinamica del disco non disponibile per dischi di cluster di server
I prodotti di terze parti citati in questo articolo sono forniti da produttori indipendenti. Microsoft non rilascia alcuna garanzia, implicita o di altra natura, relativa alle prestazioni o all'affidabilitÓ di questi prodotti.

Spostamento di dischi dinamici

Se si spostano dischi dinamici tra sistemi, potresti non essere in grado di spostare i dischi dinamici l'host originale. Se Ŕ necessario spostare i dischi dinamici, spostare contemporaneamente tutti i dischi dinamici da un computer e assicurarsi che siano tutti in linea e in esecuzione il sistema di destinazione prima di tentare di importarli di nuovo host. Questo ordine Ŕ importante, in modo che il nome di gruppo del disco e l'ID del gruppo disco primario del sistema host venga conservata sempre (se un disco dinamico Ŕ presente). Ci˛ che rende la differenza Ŕ se almeno un disco dinamico del sistema di destinazione o non. Uno scenario di problema si verifica quando non Ŕ stato dinamici di alcun disco del sistema di destinazione (in modo che tale computer termina con lo stesso nome gruppo di disco del computer di origine quando vengono spostati il disco) e quindi si desidera spostare nuovamente i dischi del computer di origine. ╚ possibile che venga visualizzato un problema se dischi esterni che si sta reimportato contiene lo stesso nome gruppo disco del computer locale.

Per ulteriori informazioni sullo spostamento di dischi dinamici, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
222189Descrizione di gruppi di dischi in Gestione disco di Windows
260113Messaggio di errore "Errore interno - gruppo di dischi esiste e viene importato" durante l'Importazione dischi esterni

La guidata disco scrittura firma e aggiornamento

Quando si avvia lo snap-in Gestione disco, enumera tutti i dischi del sistema per verificare se i dischi sono state modificate o se tutti i nuovi dischi sono stati collegati al sistema. Se Gestione disco rileva che i dischi che sono sconosciuti, che non sono inizializzate o che non si disponga una firma del disco in un record di avvio principale, Gestione disco inizia la scrittura firma e aggiornamento guidati disco.

La procedura guidata chiesto prima di selezionare i dischi che si desidera scrivere una firma del disco per; per impostazione predefinita, che nessun disco selezionato. Per selezionare i dischi, selezionare le caselle di controllo accanto ai numeri di disco.

Quindi chiesto di selezionare i dischi che si desiderano eseguire l'aggiornamento a dischi dinamici. Ciascun disco selezionato nella prima pagina viene automaticamente selezionato qui. Se si continua senza cancellare le caselle di controllo del disco, LDM scrive una firma del disco e aggiorna tutti i dischi selezionati automaticamente per i dischi dinamici.

Nota Questa procedura guidata Ŕ stata modificata in Windows XP e versioni successive. Seleziona non automaticamente i dischi per l'aggiornamento a dinamico.

Se il MBR di un disco dinamico venga azzerata (ad esempio, a causa di un problema di hardware), quando si avvia Gestione disco, la firma di scrittura e lo avvierÓ aggiornamento guidati disco. Se si consente il disco per essere riconvertito in dinamico, il database LDM originale verrÓ sovrascritto dal database LDM appena inizializzato. Gestione disco viene illustrato tale disco integro e Mostra solo spazio libero non allocato. Se si dispone di un altro disco dinamico integro nel sistema al momento della conversione, il database LDM viene quindi replicato il disco dinamico appena convertito e un disco di "mancante", che rappresenta il disco dinamico originale, viene visualizzato anche in Gestione disco.

Di conseguenza, Ŕ consigliabile che si disabilita la firma di scrittura e l'aggiornamento guidati disco in Windows 2000, o di attenzione gli utenti sul comportamento predefinito della procedura guidata e fare attenzione a non accidentalmente riconvertire un disco che Ŕ stato in precedenza dinamico.

Per disattivare manualmente la procedura guidata, attenersi alla seguente procedura.

Nota Selezionando in precedenza la casella di controllo non visualizzare nuovamente questa procedura guidata nella procedura guidata, non Ŕ necessario utilizzare questa procedura perchÚ la chiave e il valore giÓ esiste e sono impostati su 0 x 1 (disattivato).

importante Questa sezione, metodo o l'attivitÓ sono contenute procedure viene illustrato come modificare il Registro di sistema. Tuttavia, possono causare seri problemi se si modifica il Registro di sistema in modo errato. Pertanto, assicurarsi che questa procedura con attenzione. Per maggiore protezione, Ŕ eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. ╚ quindi possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup e ripristino del Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
322756Come eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema in Windows

  1. Avviare l'editor del Registro di sistema.
  2. Individuare e fare clic sulla chiave di registro seguente:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft
  3. Dal menu Modifica , scegliere Aggiungi chiave digitare Gestione dischi logici per il nome chiave e quindi fare clic su OK .
  4. Selezionare la chiave Gestione dischi logici appena creata.
  5. Dal menu Modifica , scegliere Aggiungi valore digitare InitWizard Mostra non per il nome del valore, fare clic su REG_DWORD per il tipo di dati e quindi fare clic su OK . Digitare 1 per il valore dei dati.

    Per riattivare la procedura guidata in futuro, modificare il valore di dati su 0.
Nota Dopo avere disattivato la procedura guidata, se Ŕ necessario scrivere una firma del disco su un nuovo disco, fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco fisico numero in Gestione disco e quindi fare clic su Firma di scrittura .

"Mancante" dischi dinamici

Se Gestione disco Ŕ illustrato un disco dinamico "Mancante", significa che Ŕ Impossibile individuare un disco dinamico Ŕ stato collegato al sistema. PoichÚ ogni disco dinamico nel sistema Ŕ a conoscenza ogni altro disco dinamico, questo disco "mancante" viene visualizzato in Gestione disco. NON la eliminare volumi del disco mancante o il selezionare l'opzione Rimuovi il disco in Gestione disco, in a meno che il disco fisico intenzionalmente rimossi dal sistema e non si intende ricollegare mai. Questo suggerimento Ŕ importante, poichÚ dopo aver eliminato i record di dischi e volumi dal database LDM del disco dinamico rimanenti, potrebbe non essere in grado di importare il disco mancante e portare nuovamente in linea sullo stesso sistema dopo che ricollegare.

Console di programma di installazione e il ripristino in modalitÓ testo

Non eliminare o creare una partizione su un disco dinamico durante l'installazione Windows 2000 o Windows XP in modalitÓ testo o quando si avvia il computer utilizzando la console di ripristino. In questo modo potrebbe causare la perdita di dati permanenti. Per ulteriori informazioni su questa raccomandazione, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
227364Volumi dinamici non vengono visualizzati correttamente nella console di programma di installazione o il ripristino in modalitÓ testo
236086Disco di sistema o di avvio elencato come dinamici illeggibili in Gestione disco

L'unitÓ con mirroring

Non interrompere mai un disco di sistema integro o volume con mirroring dinamico di avvio e prevede unitÓ con mirroring per sostituire l'unitÓ primaria originale, in caso di esito negativo. La lettera di unitÓ viene assegnata all'unitÓ con mirroring interrotta manualmente viene assegnata la successiva lettera di unitÓ disponibili e un record permanente nel database LDM. Ci˛ significa che, indipendentemente da cosa posizionare tale unitÓ, accetta il processo di avvio, viene assegnato la lettera di unitÓ nuova (e non corretto), in modo che il sistema operativo non pu˛ funzionare correttamente.

Per ulteriori informazioni sui sintomi comuni che riguardano la lettera di unitÓ della partizione avvio non corretto, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
249321Impossibile accedere se la lettera di unitÓ della partizione avvio Ŕ stato modificato
258062Messaggio di errore "Impossibile avviare servizio directory" all'avvio del controller di dominio basati su Windows o basata su SBS

Nota Il mirroring del software di Windows Ŕ una soluzione a tolleranza d ' errore garantisce che Ŕ possibile gestire accesso ai dati in presenza di un errore del disco hardware. Il mirroring del software non Ŕ destinato a essere utilizzato come meccanismo di backup non in linea.

Il mirroring hardware

Se si utilizzano dischi dinamici con mirroring hardware, Ŕ molto importante che non espongano BOTH metÓ delle unitÓ con mirroring hardware al sistema operativo stesso nello stesso momento. Per effettuare questa operazione, interrompere il mirroring di hardware mediante l'utilitÓ di configurazione RAID OEM e quindi configurare entrambi i dischi come unitÓ autonome, che sono accessibili al sistema operativo. I database LDM sarÓ esattamente la stessa (poichÚ Ŕ con mirroring hardware i), mentre ciascun disco dinamico in un sistema deve contengono un DiskID univoco nell'intestazione LDM, in modo che LDM pu˛ consentire di distinguere un disco dinamico da un altro.

Lo stesso vale se si utilizza software disco imaging prodotti che consente di duplicare i dischi rigidi settore per settore. Possono verificarsi risultati imprevisti e risultati indesiderati, pi¨ probabile che se due dischi dinamici che sono esattamente gli stessi sono esposti al sistema operativo nello stesso momento.

Dimensioni massime in un volume con file system NTFS

Prima si formatta un volume NTFS, valutare i tipi di file da memorizzare sul volume in modo che Ŕ possibile determinare se utilizzare la dimensione del cluster. Durante la formattazione di volumi NTFS, Ŕ possibile specificare una dimensione di cluster di 64 kilobyte (KB) utilizzando clic lo snap-in Gestione disco. Se si formatta un volume, ma non si specifica una dimensione di cluster, vengono utilizzati valori predefiniti. Se si desidera modificare le dimensioni di cluster dopo il volume Ŕ formattato, sarÓ necessario riformattare il volume. Prima di selezionare una dimensione di cluster diverso da quello predefinito, tenere presente le limitazioni importanti seguenti:
  • Per Microsoft Windows NT, Windows 2000, Windows XP e Windows Server 2003, le dimensioni dei cluster dei volumi FAT16 compresi tra 2 gigabyte (GB) e 4 GB sono di 64 KB. Questo possibile creare problemi di compatibilitÓ con alcune applicazioni. Ad esempio, programmi di installazione non calcolare spazio libero correttamente su un volume con cluster di 64 KB e viene percepito che lo spazio libero insufficiente sia Impossibile eseguire. Di conseguenza, Ŕ possibile utilizzare NTFS o FAT32 in formato volumi superiori a 2 GB.
  • PoichÚ la compressione dei file non Ŕ supportata su cluster di dimensioni maggiori di 4 KB, la dimensione predefinita dei cluster NTFS per Windows Server 2003 non supera mai 4 KB. In teoria, la dimensione del volume NTFS massima Ŕ di 2 ^ 64 cluster meno 1 del cluster. Tuttavia, la massima NTFS volume dimensione come Ŕ implementato in Windows Server 2003 Ŕ 2 ^ 32 cluster meno 1 del cluster. Ad esempio, la dimensione massima del volume NTFS utilizzano cluster di 64 KB, Ŕ 256 TB meno 64 KB. Utilizzando la dimensione di cluster predefinita di 4 KB, la dimensione massima del volume NTFS Ŕ di 16 TB meno 4 KB. Per ulteriori informazioni su questo argomento, visitare il seguente sito Web:
    http://technet2.microsoft.com/windowsserver/en/library/8cc5891d-bf8e-4164-862d-dac5418c59481033.mspx

Conclusione

Utilizzando i dischi dinamici, Ŕ possibile creare volumi a tolleranza d ' errore (volumi con mirroring e set RAID-5) e volumi di grandi dimensioni a pi¨ dischi (LUN) utilizzando i volumi con striping e con spanning. Queste funzionalitÓ sono disponibili solo su dischi dinamici. I dischi dinamici sono pi¨ affidabili e tolleranza d'errore nel modo in cui archiviare e replicare informazioni di configurazione di dischi e volumi. Dischi dinamici sono progettati principalmente da "online" tutto il tempo e perchÚ non sono disponibili su un supporto rimovibile. Se si utilizzano i consigli forniti in questo articolo, i dati devono rimanere in linea e accessibile in varie circostanze pu˛ essere controllate e non controllabile.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 329707 - Ultima modifica: giovedý 1 febbraio 2007 - Revisione: 11.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows 2000 Professional SP1
  • Microsoft Windows 2000 Professional SP2
  • Microsoft Windows 2000 Service Pack 3
  • Microsoft Windows 2000 Server SP1
  • Microsoft Windows 2000 Service Pack 3
  • Microsoft Windows 2000 Server SP2
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server SP1
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server SP2
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server SP3
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server SP2
  • Microsoft Windows 2000 Service Pack 3
  • Microsoft Small Business Server 2000 Standard Edition
  • Microsoft BackOffice Small Business Server 2000 Service Pack 1
Chiavi:á
kbmt kbenv kbinfo KB329707 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 329707
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com