Come riservare un intervallo di porte effimere in un computer che esegue Windows Server 2003 o Windows 2000 Server

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 812873 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come riservare un intervallo di porte effimere in un computer che esegue Microsoft Windows Server 2003, Microsoft Windows XP Professional o Microsoft Windows 2000. In alcune situazioni, è possibile che si desidera riservare un intervallo di porte in modo che un programma o processo che richiede una porta casuale verrà non assegnata una porta è compreso nell'intervallo riservato. Quando si Prenota un intervallo di porte, solo un programma o processo che richiede specificamente una porta è compreso nell'intervallo riservato può utilizzare la porta.

Informazioni

Importante Questa sezione, metodo o attività contiene illustrato come modificare il Registro di sistema. Tuttavia, può causare seri problemi se si modifica il Registro di sistema in modo errato. Pertanto, assicurarsi di seguire attentamente questi passaggi. Per maggiore protezione, eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. Quindi, è possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup e ripristino del Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
322756Come eseguire il backup e ripristino del Registro di sistema in Windows
Per impegnare un intervallo di porte in modo che solo un programma o processo che richiede specificamente una porta è compreso nell'intervallo riservato può utilizzare la porta, attenersi alla procedura descritta di seguito.

Windows Server 2003 o Windows XP Professional

  1. Avviare l'editor del Registro di sistema (Regedit.exe).
  2. Individuare e selezionare la seguente sottochiave del Registro di sistema:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Tcpip\Parameters
  3. Scegliere nuovo dal menu Modifica, quindi Valore multistringa.
  4. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nuovo valore, fare clic su Rinomina, digitare ReservedPorts e quindi premere INVIO.
  5. Fare doppio clic sul valore ReservedPorts, digitare l'intervallo di porte che si desidera riservare e quindi fare clic su OK.

    Nota È necessario digitare l'intervallo di porte nel formato seguente:
    xxxx-yyyy
    Per specificare una singola porta, utilizzare lo stesso valore di x e y. Ad esempio, per specificare la porta 4000, digitare 4000-4000.

    Avviso Se si specificano le porte continue separatamente e se una porta è riservata e non utilizzata correttamente alla porta successiva non è riservata e viene utilizzato.
  6. Fare clic su OK.
  7. Chiudere l'editor del Registro di sistema.

Windows 2000

  1. Avviare l'editor del Registro di configurazione (Regedt32.exe).
  2. Individuare e fare clic sulla chiave di registro seguente:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Tcpip\Parameters
  3. Scegliere Aggiungi valore dal menu Modifica.
  4. Nella casella Nome valore digitare ReservedPorts.
  5. Nell'elenco Tipo di dati, fare clic su REG_MULTI_SZ e quindi fare clic su OK.
  6. Nella finestra di dialogo Editor multistringa, digitare l'intervallo di porte che si desidera riservare.

    Nota È necessario digitare l'intervallo di porte nel seguente formato: xxxx-yyyy. Per specificare una singola porta, utilizzare lo stesso valore di x e y. Ad esempio, per specificare la porta 4000, digitare 4000-4000.

    Avviso Se si specificano le porte continue separatamente e se una porta è riservata e non utilizzata correttamente alla porta successiva non è riservata e viene utilizzato.
  7. Fare clic su OK.
  8. Chiudere l'editor del Registro di sistema.
Nota È necessario riavviare il computer dopo aver apportato queste modifiche rendere effettive le modifiche.

Proprietà

Identificativo articolo: 812873 - Ultima modifica: mercoledì 13 gennaio 2010 - Revisione: 7.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition for Itanium-based Systems
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Standard Edition
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Premium Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows XP Professional
Chiavi: 
kbmt kbinfo KB812873 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 812873
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com