Utilizzo dei parametri della riga di comando con il comando Ntbackup in Windows Server 2003

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 814583 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Per informazioni su questo argomento relative a Microsoft Windows 2000, visitare il seguente sito Web Microsoft (informazioni in lingua inglese):
http://www.microsoft.com/technet/prodtechnol/windows2000serv/default.mspx
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

╚ possibile eseguire operazioni di backup dal prompt dei comandi o da un file batch utilizzando il comando ntbackup backup seguito da vari parametri. Dal prompt dei comandi Ŕ possibile solo accedere all'opzione backup. Per ripristinare i file, utilizzare invece Backup e ripristino guidato.

In questo articolo vengono descritti i parametri disponibili con il comando ntbackup e vengono forniti numerosi esempi su come eseguire un backup dalla riga di comando.

Il comando ntbackup utilizza la seguente sintassi:

ntbackup backup [systemstate] "@NomeFile.bks" /J {"NomeProcesso"} [/P {"NomePool"}] [/G {"NomeGUID"}] [/T { "NomeNastro"}] [/N {"NomeSupporto"}] [/F {"NomeFile"}] [/D {"DescrizioneSet"}] [/DS {"NomeServer"}] [/IS {"NomeServer"}] [/A] [/V:{yes | no}] [/R:{yes | no}] [/L:{f | s | n}] [/M {TipoBackup}] [/RS:{yes | no}] [/HC:{on | off}] [/SNAP:{on | off}]


Parametri di Ntbackup

Opzione: systemstate
Descrizione: indica che si desidera eseguire il backup dei dati dello stato del sistema. Quando si seleziona questa opzione, il tipo di backup sarÓ necessariamente normale o copia.

Opzione: @NomeFile.bks
Descrizione: indica il nome del file di selezione per il backup (bks) da utilizzare per questa operazione di backup. Il carattere @ deve essere seguito dal nome del file di selezione per il backup. Un file di selezione per il backup contiene informazioni sui file e sulle cartelle selezionate per il backup. ╚ necessario creare tale file utilizzando una versione con interfaccia utente grafica (GUI) dello strumento Backup.

Opzione: /J {"NomeProcesso"}
Descrizione: indica il nome del processo da utilizzare nel rapporto di backup. Il nome del processo descrive generalmente i file e le cartelle oggetto del processo di backup corrente.

Opzione: /P {"NomePool"}
Descrizione: indica il pool di supporti in cui si desidera utilizzare il supporto. Si tratta generalmente di un sottopool del pool di supporto Backup, quale 4mm DDS. Se viene selezionato questo parametro, non sarÓ possibile utilizzare le opzioni della riga di comando /A, /G, /F o /T.

Opzione: /G {"NomeGUID"}
Descrizione: indica se sovrascrivere o aggiungere i dati del backup al nastro. Mentre non pu˛ essere utilizzato insieme al parametro /P.

Opzione: /T {"NomeNastro"}
Descrizione: indica se sovrascrivere o aggiungere i dati del backup al nastro. Mentre non pu˛ essere utilizzato insieme al parametro /P.

Opzione: /N {"NomeSupporto"}
Descrizione: indica il nome del nuovo nastro. Questo parametro richiede l'utilizzo del parametro /A.

Opzione: /F {"NomeFile"}
Descrizione: indica il percorso del disco logico e il nome del file. Quando si utilizza questo parametro non Ŕ possibile utilizzare i parametri /P /G /T.

Opzione: /D {"DescrizioneSet"}
Descrizione: specifica un'etichetta per ciascun set di backup.

Opzione: /DS {"NomeServer"}
Descrizione: esegue il backup del file di servizio directory per il server Microsoft Exchange specificato.
Versione di Exchange: l'opzione /DS funziona solo con Microsoft Exchange Server 5.5. L'opzione /DS non funziona con Microsoft Exchange 2000 Server o Microsoft Exchange Server 2003.

Opzione: /IS {"NomeServer"}
Descrizione: esegue il backup del file dell'archivio informazioni per il server Microsoft Exchange specificato.
Versione di Exchange: l'opzione /IS funziona solo con Microsoft Exchange Server 5.5. L'opzione /IS non funziona con Microsoft Exchange 2000 Server o Microsoft Exchange Server 2003.

Opzione: /A
Descrizione: esegue un'operazione di aggiunta. Questo parametro richiede il parametro /G o /T, mentre non pu˛ essere utilizzato insieme al parametro /P.

Opzione: /V:{yes | no}
Descrizione: verifica i dati al termine del backup.

Opzione: /R:{yes | no}
Descrizione: limita l'accesso a questo nastro al proprietario o ai membri del gruppo Administrators.

Opzione: /L:{f | s | n}
Descrizione: specifica il tipo di file di registro: f=full (completo), s=summary (riepilogo), n=none (non viene creato nessun file di registro).

Opzione: /M {TipoBackup}
Descrizione: indica il tipo di backup: normale, copia, differenziale, incrementale o giornaliero.

Opzione: /RS:{yes | no}
Descrizione: esegue il backup dei file di dati migrati situati in Archiviazione remota. Non Ŕ necessario utilizzare l'opzione della riga di comando /RS per eseguire il backup del database locale Archivi rimovibili, che contiene i file segnaposto Descrizione remota: Archiviazione. Quando viene eseguito il backup della cartella %Systemroot%, viene infatti eseguito automaticamente anche quello del database Archivi rimovibili.

Opzione: /HC:{on | off}
Descrizione: utilizza la compressione hardware, se disponibile, sull'unitÓ nastro.

Opzione: /SNAP:{on | off}
Descrizione: indica se il backup deve utilizzare una copia replicata del volume.

Nota L'opzione SNAP viene ignorata in Microsoft Windows Server 2003 Service Pack 1 (SP1) e versioni successive.

Opzione: /M {TipoBackup}
Descrizione: indica il tipo di backup: normale, copia, differenziale, incrementale o giornaliero.

Opzione: /?
Descrizione: visualizza la Guida al prompt dei comandi.

Esempi

Di seguito vengono forniti esempi che illustrano come utilizzare il comando ntbackup per eseguire il backup di file e cartelle dalla riga di comando oppure utilizzando un file batch. Se non viene specificata alcuna opzione, verranno applicate le impostazioni definite nella versione grafica dello strumento Backup.

Esempio 1

ntbackup backup \\iggy-multi\c$ /m normal /j "Processo 1" /p "Backup" /n "Backup riga di comando 1" /d "FunzionalitÓ riga di comando" /v:yes /r:no /l:s /rs:no /hc:on
In questo esempio viene creato un backup normale della condivisione remota \\iggy-multi\c$ e tale copia di backup viene nominata "Processo 1". Viene utilizzato un nastro proveniente dal pool di supporto Backup, che viene denominato "Backup riga di comando 1." ╚ possibile sostituire "FunzionalitÓ riga di comando" nel comando con la descrizione effettiva del backup. Questa copia di backup verrÓ verificata al termine del processo di backup. L'accesso non Ŕ limitato al proprietario o all'amministratore e il livello di registrazione viene impostato su "solo riepilogo". Non viene eseguito il backup dei dati di Archiviazione remota e la compressione hardware Ŕ attivata.

Esempio 2

ntbackup backup d:\ /j "Processo 2" /a /t "Backup riga di comando 1" /m copy
In questo esempio viene generato un backup di tipo copia dell'unitÓ locale D:\ a cui viene assegnato nome "Processo 2". I file e le cartelle di cui viene eseguito il backup vengono aggiunti al nastro denominato "Backup riga di comando 1".

Esempio 3

ntbackup backup "@C:\Programmi\Windows NT\ntbackup\data\commandline.bks" /j "Processo 3" /t "Backup riga di comando 1" /n "Backup riga di comando 2"
In questo esempio viene generato un backup del tipo specificato nella versione grafica del programma Backup. Per specificare i file oggetto del backup in questo esempio viene utilizzato il file di selezione per il backup "Commandline.bks" situato nella cartella C:\Programmi\Windows NT\Ntbackup\Data. Il processo di backup viene denominato "Processo 3". Il nastro denominato "Backup riga di comando 1" viene sovrascritto e rinominato "Backup riga di comando 2".

Esempio 4

I tre comandi riportati di seguito eseguono un backup in un file dalla riga di comando:
ntbackup backup \\iggy-multi\d$ /j "Backup riga di comando 4" /f "D:\backup.bkf"


ntbackup backup \\iggy-multi\d$ /j "Backup riga di comando 5" /f "D:\backup.bkf" /a

ntbackup backup \\iggy-multi\d$ /j "Backup riga di comando 6" /f "D:\backup.bkf" Il primo esempio mostra come eseguire il backup \\iggy-multi\d$ nel file D:\Backup.bkf, il secondo esempio come aggiungere lo stesso backup allo stesso file e il terzo come sovrascrivere il file con lo stesso backup.
In tutti e tre gli esempi Ŕ possibile sostituire un nome UNC completo alla lettera dell'unitÓ. Ad esempio, anzichŔ d:\backup.bkf, Ŕ possibile utilizzare \\iggy-multi\d$\backup.bkf come destinazione di backup.
Tutti e tre gli esempi utilizzano i valori predefiniti del programma Backup per il tipo di backup, l'impostazione della verifica, il livello di registrazione, la compressione hardware e qualsiasi altra limitazione.

Per avviare la versione grafica del programma Backup, fare clic sul pulsante Start, scegliere Tutti i programmi, Accessori, UtilitÓ di sistema e infine Backup.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su come utilizzare il Backup e ripristino guidato, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
326216 HOW TO: Utilizzare la funzionalitÓ di backup per effettuare il recupero di dati in Windows Server 2003

ProprietÓ

Identificativo articolo: 814583 - Ultima modifica: lunedý 3 dicembre 2007 - Revisione: 10.2
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Standard Edition
  • Microsoft Windows Small Business Server 2003 Premium Edition
Chiavi:á
kbhowto kbinfo kbstoragemgmt KB814583
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com