INF: Utilizzo analisi contrassegno 3505 comportamento checkpoint di controllo SQL Server

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 815436 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto come utilizzare il flag di traccia 3505 per controllare il comportamento dei punti di arresto.

Informazioni

SQL Server rilascia automaticamente i punti di arresto per ridurre il tempo di ripristino di SQL Server e per consentire il riutilizzo di spazio di log (troncamento). In casi estremamente rari, Ŕ necessario regolare l'intervallo di checkpoint predefinito. ╚ possibile impostare l'intervallo di checkpoint predefinito utilizzando l'impostazione della procedura sp_configure memorizzati denominato recovery interval . ╚ possibile utilizzare il flag di traccia 3505 per regolare l'intervallo, forzando l'elaborazione di checkpoint automatica da disattivare completamente.

Microsoft consiglia di mantenere l'impostazione predefinita per l'intervallo di ripristino e di lasciare il flag di traccia disattivato finchÚ non si verificare ampiamente e avviare la pianificazione del ripristino appropriato. Per i sistemi di elevata disponibilitÓ, ad esempio i cluster, Microsoft consiglia di non modificare l'intervallo di ripristino poichÚ ci˛ pu˛ influire sul garantire la protezione dei dati e la disponibilitÓ.

Se si utilizza I/O, mirroring e simili le funzionalitÓ, si consiglia di modificare l'intervallo di ripristino. Questi sistemi sono progettati per risolvere i livelli di I/O fisici. Aumentare il checkpoint riduce l'efficacia di questi schemi.

Miglioramenti

Microsoft continua a apportare miglioramenti di scalabilitÓ per il processo di checkpoint. Per ulteriori informazioni su un miglioramento scalabilitÓ che Microsoft ha intrapreso, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
815056FIX: Processo di checkpoint Ŕ ritardo attivitÓ di database SQL Server e non resa pianificazione correttamente causa errore: 17883 per visualizzati

A causa di questi miglioramenti, le rettifiche di intervallo di ripristino e l'utilizzo del flag di traccia 3505 in genere non sono necessari. Assicurarsi che hanno installato la versione pi¨ recente di SQL Server prima di apportare eventuali modifiche all'intervallo di ripristino.

Quando utilizzare il flag di traccia 3505

╚ possibile utilizzare il flag di traccia 3505 per assicurarsi che un checkpoint non si verifica contemporaneamente importanti per un'applicazione. ╚ possibile che si desidera controllare quando il checkpoint si verifica perchÚ il checkpoint potrebbe causare pi¨ carico di I/O nel sistema. I checkpoint automatici SQL Server sono progettati per velocizzare la scrittura su disco e non per aumentare l'utilizzo di I/O. Tuttavia, in alcuni casi eccezionali, il checkpoint automatici che SQL Server pu˛ influire sulle applicazione prestazioni causa del maggiore carico di I/O. Alcune applicazioni potrebbero avere requisiti di tempo risposta strict in momenti specifici e l'impatto del checkpoint Ŕ significativo. In questi casi, desidera controllare quando si verificano i punti di arresto.

Se si verificano questi effetti di quando si verificano i punti di arresto, attenersi alla seguente procedura:
  • Assicurarsi che Ŕ installato SQL Server 2000 Service Pack 3 (SP3) e gli eventuali ulteriori aggiornamenti rapidi.
  • Controllare il percorso I/O per garantire la massima velocitÓ di trasmissione.
  • Esaminare il layout del database in relazione a operazioni di I/O percorsi.

Considerazioni sull'utilizzo

L'impostazione del flag di traccia 3505 Disattiva i checkpoint automatici. L'impostazione della traccia pu˛ aumentare il flag 3505 ripristino, tempo e pu˛ impedire il riutilizzo di spazio di registro finchÚ non viene emesso il checkpoint successivo. Assicurarsi di eseguire i checkpoint manuali su tutti i database di lettura/scrittura a intervalli di tempo appropriato.

Nota L'impostazione del flag di traccia 3505 Disattiva i checkpoint automatici al server per tutti i database. Dopo aver impostato il flag di traccia 3505, Ŕ necessario emettere i comandi di checkpoint per tutti i database in cui devono verificarsi aggiornamenti. Flag di traccia 3505 non impedisce il checkpoint interno rilasciati da determinati comandi, ad esempio BACKUP .

avviso Se si aumenta l'intervallo di checkpoint, le operazioni di ripristino caricare e associati aumento del tempo. Per alcuni modelli di query, l'utente il tempo di ripristino potrebbe essere pi¨ del tempo transazione originale. Ad esempio, se si imposta l'intervallo di ripristino su 5 minuti, alcuni modelli di query possono causare tempi di ripristino sono fino a 15 minuti. Il risultato potrebbe non essere favoriscono per gli obiettivi di sistema globale.

Come tutti gli altri flag di traccia, traccia 3505 flag non Ŕ supportata in futuro si rilascia di SQL Server. Sebbene sia possibile impostare analisi flag 3505 in versioni successive di SQL Server, non potrebbe disattivare i checkpoint automatici.

Utilizzare il flag di traccia 3505

╚ possibile impostare il flag di traccia 3505 come un parametro di avvio o utilizzando l'utilitÓ della riga di comando isql , l'utilitÓ della riga di comando osql o SQL Query Analyzer:
  • Per impostare il flag di traccia come un parametro di avvio, eseguire il seguente comando al prompt dei comandi:
    sqlservr.exe ?T3505 
  • Per attivare il flag di traccia da isql , osql o SQL Query Analyzer, eseguire il codice seguente:
    DBCC TRACEON( 3505 )
  • Per disattivare il flag di traccia da isql , osql o SQL Query Analyzer, eseguire il seguente codice:
    DBCC TRACEOFF( 3505 )
Nota ╚ possibile impostare il flag di traccia 3502 per includere un messaggio nel registro all'inizio e alla fine di ogni checkpoint. Questo flag di traccia pu˛ essere utile se si utilizza il flag di traccia 3505.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sul comando CHECKPOINT in SQL Server, visitare il sito di Web di Microsoft:
CHECKPOINT

ProprietÓ

Identificativo articolo: 815436 - Ultima modifica: venerdý 3 ottobre 2003 - Revisione: 3.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 2000 Standard Edition
Chiavi:á
kbmt kbio kbcode kbinfo KB815436 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 815436
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com