Creazione di oggetti crossRef per un spazio dei nomi DNS subordinato di una foresta di Active Directory esistente

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 817872 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo è stato archiviato. L?articolo, quindi, viene offerto ?così come è? e non verrà più aggiornato.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritta la funzionalità dell'oggetto crossRef in Active Directory. Viene inoltre descritto come creare oggetti di crossRef per uno spazio dei nomi DNS (Domain Name Service) è subordinato a un insieme di strutture di Active Directory esistente.

Informazioni

Richiesta for Comments (RFC) 2251 definisce un meccanismo di riferimento che consente a un server LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) per inviare il nome distinto (DN) di un altro server LDAP in risposta a una richiesta di ricerca da un client. Quando un controller di dominio (DC) viene presentato con un DN per avviare una ricerca da, interroga prima l'elenco di oggetti crossRef nel contenitore della configurazione per trovare la migliore corrispondenza. Per un oggetto crossRef vengano considerati una corrispondenza potenziale per un nome DISTINTO, il nCName dell'oggetto crossRef necessario attributo una sottostringa esatta del nome DISTINTO. Dall'elenco di possibili corrispondenze di oggetto crossRef , l'oggetto con l'attributo nCName più lunga è selezionato come la corrispondenza migliore.

Il contenitore di configurazione contiene automaticamente i riferimenti a tutti i contesti dei nomi (contesti dei nomi) dell'insieme di strutture.
  • Se viene trovato un oggetto crossRef corrispondente ai criteri di ricerca e l'oggetto crossRef corrisponde a un contesto dei nomi nel controller di dominio, la ricerca viene eseguita localmente.
  • Se viene trovato un oggetto crossRef corrispondente ai criteri di ricerca e fa riferimento a un contesto dei nomi contenuti in un' posizione, il controller di dominio genera un riferimento basato sull'attributo dnsRoot dell'oggetto crossRef .
  • Se un oggetto crossRef corrispondente ai criteri di ricerca non viene trovato, il controller di dominio determina se un attributo superiorDNSRoot è presente per l'oggetto crossRef nel dominio principale dell'insieme di strutture. Se esiste, il controller di dominio genera un riferimento a tale posizione. Se non esiste, il controller di dominio tenta di utilizzare la convenzione di denominazione DC per generare un nome DNS per il riferimento client.
Active Directory genera automaticamente i riferimenti LDAP. Tuttavia, se uno spazio dei nomi è subordinato nella gerarchia DNS a un insieme di strutture esistente di Active Directory, controller di dominio nell'insieme di strutture superiore non generano i riferimenti a contesti dei nomi nello spazio dei nomi subordinato. Si supponga ad esempio la struttura dell'insieme di strutture riportata di seguito:
un insieme di strutture
dominio.com (principale)
figlio.dominio.com
insieme di strutture B
rootb.MyDomain.com (principale)
childb.rootb.MyDomain.com
In questo esempio, i controller di dominio in un insieme di strutture non generano i riferimenti per qualsiasi dominio nell'insieme di strutture B poiché in un controller di dominio si presume che esso sia a conoscenza completo dello spazio dei nomi sotto i contesti dei nomi che contiene. Se sono necessari i riferimenti del client è necessario creare oggetti CrossRef .

Se lo spazio dei nomi subordinata utilizza la convenzione di denominazione controller di dominio, impostare l'attributo nCName il DN del contesto dei nomi e impostare l'attributo dnsRoot al nome DNS del contesto dei nomi.

In questo esempio, il seguente oggetto crossRef viene creato nel contenitore della configurazione dell'insieme di strutture Mydomain.com:
CN = ROOTB, CN = Partitions, CN = Configuration, DC = MioDominio, DC = com
L'oggetto presenta i seguenti attributi:
nCName: DC = rootb, DC = MioDominio, DC = com
dnsRoot: rootb.mydomain.com
Se il contesto dei nomi esterno non utilizza la convenzione di denominazione controller di dominio, l' attributo dnsRoot dell'oggetto crossRef deve essere impostato sul nome di dominio completo (FQDN) di un server che ospita il contesto dei nomi.

Per creare una Cross-Reference a un dominio esterno

  1. Avviare Modifica ADSI.
  2. Espandere configurazione , CN = Configuration , quindi espandere DC = Domain, DC = com .
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su CN = Partitions , scegliere Nuovo , quindi oggetto .
  4. Nella casella Selezionare una classe , fare clic su crossRef e quindi fare clic su Avanti .
  5. Nella casella valore per attributo: cn , digitare un nome significativo e quindi fare clic su Avanti .
  6. Nella casella valore per attributo: nCName , digitare il nome DISTINTO per il dominio esterno e quindi fare clic su Avanti .
  7. Nella casella valore per attributo: dnsRoot , effettuare una delle operazioni seguenti (secondo le esigenze della situazione) e quindi fare clic su Avanti :
    • Se lo spazio dei nomi subordinata utilizza la convenzione di denominazione controller di dominio, è necessario digitare il nome DNS del dominio principale dello spazio dei nomi.
    • Se lo spazio dei nomi subordinata non utilizza la convenzione di denominazione controller di dominio, è necessario digitare il nome DNS di un server che ospita il contesto dei nomi.
  8. Fare clic su Fine .

Riferimenti

Per ulteriori informazioni sulle RFC 2251, visitare il seguente sito Web Internet Engineering Task Force (IETF):
http://www.ietf.org/rfc/rfc2251.txt?number=2251
Per ulteriori informazioni sull'oggetto crossRef e i riferimenti in Active Directory, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://msdn2.microsoft.com/en-gb/library/ms677913.aspx

Proprietà

Identificativo articolo: 817872 - Ultima modifica: giovedì 27 febbraio 2014 - Revisione: 4.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows Server 2003, 64-Bit Datacenter Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Datacenter Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
Chiavi: 
kbnosurvey kbarchive kbmt kbinfo KB817872 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 817872
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com