Come utilizzare URLScan con FrontPage 2003 o con SharePoint Designer 2007

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 825538 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo Ŕ stato archiviato. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.
Per la una versione di Microsoft FrontPage 2002 di questo articolo, vedere 318290.

Per la una versione di Microsoft FrontPage 2000 di questo articolo, vedere 309394.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Utilizzare questa Guida dettagliata per installare e configurare l'utilitÓ URLScan per Microsoft Internet Information Services (IIS). ╚ possibile scaricare a URLScan dal sito Web utilizzando la procedura descritta in questo articolo. URLScan Ŕ progettato per consentire al server Web pi¨ sicuro.

Scaricare e installare IIS Lockdown

URLScan fa ora parte di IIS Lockdown Wizard. Per ulteriori informazioni sull'installazione di IIS Lockdown Wizard, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
325864Come installare e utilizzare IIS Lockdown

Modificare il file di configurazione predefinita URLScan

La configurazione predefinita di URLScan pu˛ interferire con funzionalitÓ di Microsoft FrontPage 2003 o Microsoft SharePoint Designer 2007. Per consentire a FrontPage o SharePoint Designer il funzionamento di ancora negare l'accesso a file riservati di FrontPage o SharePoint Designer, Ŕ necessario apportare modifiche che in questa sezione vengono descritti. Questi passaggi sono solo un suggerimento. Per ulteriori informazioni sulle impostazioni di URLScan, vedere la sezione "References".
  1. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul menu Start , scegliere Esplora e quindi individuare la cartella seguente (dove %windir% Ŕ la cartella di Windows, ad esempio C:\Windows o C:\Winnt):
    %windir%\System32\Inetsrv\Urlscan
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file URLScan.ini e quindi fare clic su Copia .
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella e quindi fare clic su Incolla .

    Una copia del file Ŕ creata e denominata Copia del file URLScan.ini .
  4. Fare doppio clic sul URLScan.ini file (il file verrÓ aperto nel blocco note).
  5. Apportare le modifiche seguenti:
    1. Nella sezione [opzioni] impostare i seguenti valori:
      [options] 
      UseAllowVerbs=1          ; use the [AllowVerbs] section 
      UseAllowExtensions=0     ; use the [DenyExtensions] section 
      NormalizeUrlBeforeScan=1 ; canonicalize URL before processing 
      VerifyNormalization=1    ; canonicalize URL twice, reject on change 
      AllowHighBitCharacters=0 ; deny high bit (UTF8 or MBCS) characters 
      AllowDotInPath=0         ; deny dots in path 
      EnableLogging=1          ; log activity 
      PerDayLogging=1          ; change log files daily 
      PerProcessLogging=0      ; do not change log files by process ID 
      RemoveServerHeader=0     ; do not remove"Server" header 
      AlternateServerName= 
      UseFastPathReject=0      ; use RejectResponseUrl or log the request 
      RejectResponseUrl= 
      AllowLateScanning=1      ; allow URLScan to be loaded low priority
    2. Nella sezione [AllowVerbs], Ŕ possibile utilizzare i seguenti valori. Non includere altri valori.
      [AllowVerbs] 
      GET ; allow GET (most Web requests) 
      HEAD ; allow HEAD requests 
      OPTIONS ; allow OPTIONS (Web Folders need this) 
      POST ; allow POST (FPSE and HTML forms need this)
      
    3. Nella sezione [DenyHeaders], Ŕ possibile utilizzare i seguenti valori. Non includere altri valori.
      [DenyHeaders] 
      If:         ; deny (used with WebDAV) 
      Lock-Token: ; deny (used with WebDAV)
    4. In the [DenyExtensions] section, set the following values:
      [DenyExtensions]
       .asa     ; deny active server application definition files
       .bat     ; deny batch files
       .btr     ; deny FrontPage/SharePoint Designer dependency files
       .cer     ; deny x509 certificate files
       .cdx     ; deny dynamic channel definition files
       .cmd     ; deny batch files
       .cnf     ; deny FrontPage/SharePoint Designer metadata files
       .com     ; deny server command-line applications
       .dat     ; deny data files
       .evt     ; deny Event Viewer logs
       .exe     ; deny server command-line applications
       .htr     ; deny IIS legacy HTML admin tool
       .htw     ; deny Index Server hit-highlighting
       .ida     ; deny Index Server legacy HTML admin tool
       .idc     ; deny IIS legacy database query files
       .inc     ; deny include files
       .ini     ; deny configuration files
       .ldb     ; deny Microsoft Access Record-Locking Information files
       .log     ; deny log files
       .pol     ; deny policy files
       .printer ; deny Internet Printing Services
       .sav     ; deny backup registry files
       .shtm    ; deny IIS Server Side Includes
       .shtml   ; deny IIS Server Side Includes
       .stm     ; deny IIS Server Side Includes
       .tmp     ; deny temporary files
    5. Nella sezione [DenyUrlSequences] impostare i seguenti valori:
      [DenyUrlSequences]
       ..        ; deny directory traversals
       ./        ; deny trailing dot on a directory name
       \         ; deny backslashes in URL
       :         ; deny alternate stream access
       %         ; deny escaping after normalization
       &         ; deny multiple CGI processes to run on a single request
       /fpdb/    ; deny browse access to FrontPage/SharePoint Designer database files
       /_private ; deny FrontPage/SharePoint Designer private files (often form results)
       /_vti_pvt ; deny FrontPage/SharePoint Designer Web configuration files
       /_vti_cnf ; deny FrontPage/SharePoint Designer metadata files
       /_vti_txt ; deny FrontPage/SharePoint Designer text catalogs and indices
       /_vti_log ; deny FrontPage/SharePoint Designer authoring log files
    6. PoichÚ queste impostazioni non vengono utilizzati [DenyVerbs] e [AllowExtensions] sezioni, nessuna impostazione per queste sezioni sono incluse in questo articolo. Per ulteriori informazioni sulle seguenti sezioni del file di configurazione, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
      307608INFORMAZIONI: Using URLScan on IIS
  6. Salvare il file e chiudere il Blocco note.

Modificare la prioritÓ di URLScan (facoltativa)

La prioritÓ predefinita per lo strumento URLScan in IIS Ŕ elevata. Una prioritÓ alta pu˛ interferire con i filtri di ISAPI (Internet Server Application Programming Interface) che devono svolgere attivitÓ prima della chiamata di URLScan. Il filtro ISAPI di estensioni del server (Fpexedll.dll) Ŕ un tale filtro. Sebbene le informazioni contenute in questa sezione viene descritto come configurare URLScan per caricare dopo il filtro ISAPI Fpexedll.dll, Ŕ possibile adattare facilmente questa procedura per configurare URLScan con altri filtri ISAPI. Per ulteriori informazioni, vedere la documentazione per il filtro ISAPI che si sta utilizzando.

Nota Prima di completare la procedura seguente, Ŕ necessario impostare correttamente il "AllowLateScanning = 1" impostazione nel file URLScan.ini per caricare URLScan come filtro una prioritÓ bassa. Per effettuare questa operazione, attenersi alla procedura nel "Modify the Default URLScan Configuration File" sezione di questo articolo.
  1. Avviare Gestione servizi Internet. Per effettuare questa operazione, attenersi alla procedura appropriata per la versione di IIS:
    • In IIS 4.0:
      1. In Windows, fare clic su Start , scegliere programmi e quindi fare clic su Windows NT 4.0 Option Pack .
      2. Scegliere Microsoft Internet Information Server , quindi Gestione servizio Internet .
    • In IIS 5.0:
      1. In Windows, fare clic su Start , scegliere programmi , quindi Strumenti di amministrazione .
      2. Fare clic su Gestione servizi Internet .
    • In IIS 5.1:
      1. In Windows, fare clic su Start e quindi fare clic su Pannello di controllo .
      2. Fare doppio clic su Strumenti di amministrazione .
      3. Fare doppio clic su Internet Information Services .
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del server e quindi fare clic su ProprietÓ .
  3. Selezionare le ProprietÓ master servizio WWW di opzione e quindi fare clic su Modifica .
  4. Fare clic sulla scheda Filtri ISAPI .
  5. Fare clic su UrlScan e quindi fare clic su gi¨ per spostare UrlScan seguito Fpexedll.dll .
  6. Fare clic su OK .
  7. Fare di nuovo clic su OK .

Riavviare IIS per aggiornare URLScan

All'avvio di IIS, URLScan viene caricato in memoria e legge le impostazioni nel file URLScan.ini. Di conseguenza, Ŕ necessario riavviare IIS in modo che le nuove impostazioni di configurazione abbiano effetto. Per effettuare questa operazione, attenersi alla procedura appropriata per la versione di IIS:
  • In IIS 4.0:
    1. Al prompt dei comandi, digitare il comando riportato di seguito:
      NET STOP "amministrazione di IIS" /Y
    2. Se viene visualizzato pi¨ servizi dipendenti elencati come questi vengono interrotti, annotare i nomi in modo che Ŕ possibile riavviare questi servizi in un secondo momento.
    3. quando viene visualizzato il seguente messaggio:
      Il servizio Amministrazione di IIS Ŕ stato arrestato.
      riavviare ogni servizio IIS per nome. A tale scopo, digitare i seguenti comandi al prompt dei comandi e premere INVIO dopo ciascuna riga:
      NET START "Servizio pubblicazione sul World Wide Web"
      NET START "Simple Mail Transfer Protocol (SMTP)"
      NET START "Servizio pubblicazione FTP"
    4. Chiudere il prompt dei comandi.
  • In IIS 5.0:
    1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer e quindi fare clic su Riavvia IIS .
    2. Fare clic su Riavvia Internet Services nel Your Computer in uso .
    3. Fare clic su OK .
  • In IIS 5.1:
    1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer , scegliere tutte le attivitÓ e quindi fare clic su Riavvia IIS .
    2. Fare clic su Riavvia Internet Services nel Your Computer in uso .
    3. Fare clic su OK .
236166Utilizzo di comandi NET STOP e NET START per imporre i servizi IIS per rileggere il Registro di sistema
202013Internet Information Services 5.0 della riga di comando sintassi iisreset.exe

RISOLUZIONE DEI PROBLEMI

  • Le impostazioni sono elencate nella sezione "Modify the Default URLScan Configuration" di questo articolo di specificare il "EnableLogging = 1" impostazione nella sezione [Options] del file URLScan.ini. Questa impostazione consente di URLScan tenere un log in esecuzione di tutte le attivitÓ di URLScan. Il file di registro viene salvato nella stessa cartella come URLScan.dll il file. Se si verificano i problemi con FrontPage, SharePoint Designer o altri IIS funzionalitÓ quando URLScan Ŕ attivo, esaminare le voci pi¨ recenti nel file di registro per informazioni quali le richieste vengono rifiutate.
  • Apportare ulteriori modifiche al file URLScan.ini, creare copie di file URLScan.ini esistente e il copiato il nome file Urlscan.001, Urlscan.002 e cosý via, in modo da avere una cronologia delle modifiche apportate. Questa procedura pu˛ impedire perdere una configurazione valida quando si tenta di implementare una nuova configurazione di protezione.
  • Se le modifiche apportate a URLScan non sembrano abbiano effetto, Ŕ necessario ripetere la procedura per riavviare i servizi IIS. Se le modifiche non hanno ancora effetto, Ŕ necessario riavviare il server Web.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su come installare e configurare URLScan strumento, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
307608Using URLScan on IIS
309508Configurazioni di IISlockD e URLscan in ambiente Exchange
307976Messaggio di errore quando si utilizza FrontPage con URLScan

ProprietÓ

Identificativo articolo: 825538 - Ultima modifica: giovedý 27 febbraio 2014 - Revisione: 3.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Office SharePoint Designer 2007
  • Microsoft Office FrontPage 2003
  • Microsoft FrontPage 2002 Server Extensions
  • Microsoft SharePoint Team Services
  • Microsoft Internet Information Server 4.0
  • Microsoft Internet Information Services 5.0
  • Microsoft Internet Information Services version 5.1
Chiavi:á
kbnosurvey kbarchive kbmt kbhowtomaster KB825538 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 825538
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com