Come controllare il processo DSProxy per RPC su connessioni HTTP in Exchange Server 2003 SP1

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 872897 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
importante in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema (chiamato Registro di configurazione in Windows NT). Prima di modificare il Registro di sistema, eseguire una copia di backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
256986Descrizione del Registro di sistema di Microsoft Windows
Espandi tutto | Chiudi tutto

INTRODUZIONE

Dopo avere applicato Exchange Server 2003 Service Pack 1 (SP1), i client di Outlook che utilizzano la chiamata di procedura remota (RPC) su connessioni HTTP a un server che esegue Exchange utilizzeranno processo DSProxy per accedere alle informazioni dal server di catalogo globale. Di conseguenza, se si visualizzano le connessioni al server nella finestra di dialogo Stato connessione server di Exchange nel client di Outlook, verrà visualizzato il computer Exchange elencato nella colonna Nome Server per l'elemento in cui la colonna di tipo Elenca Directory . Queste modifiche vengono apportate intenzionalmente da Exchange 2003 SP1 in modo che i server di catalogo globale non devono essere pubblicati tramite il server proxy RPC.

Il valore del Registro di sistema è descritto nella sezione "Informazioni" consente di controllare questa funzionalità in modo che può essere disattivato se è necessario.

Informazioni

avviso Se si utilizza Editor del Registro di sistema in modo non corretto, si potrebbero provocare problemi gravi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non garantisce la che è possibile risolvere i problemi derivanti dall'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema. Utilizzare Editor del Registro di sistema a proprio rischio.

Per ignorare questo nuovo comportamento, creare e impostare il seguente valore del Registro di sistema sul server back-end che esegue Exchange 2003. Se questo valore del Registro di sistema è impostato, il comportamento del servizio RFR verrà ripristinato al metodo pre-SP1 di restituzione di un catalogo globale all'interfaccia di riferimento.

Per creare e impostare il valore del Registro di sistema, attenersi alla seguente procedura:
  1. Fare clic su Start , scegliere Esegui , digitare regedit e quindi fare clic su OK .
  2. Individuare e selezionare la seguente sottochiave:
    HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Services\MsExchangeSA\Parameters
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su parametri , fare clic su Nuovo e quindi scegliere Valore DWORD .

    nuovo valore # 1 è selezionata.
  4. Per rinominare questo valore, digitare Do non vedere HTTP a DSProxy e quindi premere INVIO.
  5. Fare doppio clic Si non vedere HTTP a DSProxy e quindi digitare un valore diverso da zero (0) nella casella valore . Ad esempio, digitare 1 nella casella valore .

Nota Se si imposta il valore di Attività non vedere HTTP a DSProxy a zero (0) oppure se questo valore non esiste, il computer di Exchange utilizza il processo di riferimento di Exchange 2003 SP1 di utilizzando il processo DSProxy.

Quando è impostato questo valore del Registro di sistema, un evento di applicazione che è simile al seguente viene registrato nel server che esegue Exchange:

Tipo evento: informazioni
Origine evento: MSExchangeSA
Categoria evento: Interfaccia RFR
ID evento: 9240
Data: 1/7/2004
Ora: 2:35:29 PM
Utente: N/d
Computer: Exchange
Descrizione: L'interfaccia di riferimento non indirizzerà i client HTTP a DSProxy in base all'impostazione HTTP non vedere System\CurrentControlSet\Services\MSExchangeSA\Parameters\Do per DsProxy del Registro di sistema.



Per ulteriori informazioni sul processo DSProxy, il seguente sito Microsoft Web:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=c976433f-f979-4745-b7a6-9d8446ef6409&DisplayLang=en

Proprietà

Identificativo articolo: 872897 - Ultima modifica: martedì 30 ottobre 2007 - Revisione: 1.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Exchange Server 2003 Service Pack 1
  • Microsoft Office Outlook 2003
Chiavi: 
kbmt kbhowto kbinfo KB872897 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 872897
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com