Descrizione del Service Pack 4 per SQL Server 7.0 e Microsoft Data Engine (MSDE) 1.0

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 889543 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

questa versione di Microsoft SQL Server 7.0 e Microsoft Data Engine (MSDE) 1.0 Service Pack 4 (SP4) fornisce gli aggiornamenti per i componenti di database di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0 installazione. Questo articolo vengono presentati le seguenti informazioni relative a SP4:
  • versioni dei Service Pack e la rimozione di Service Pack 4
  • download e per estrarre il Service Pack 4
  • come installare il Service Pack 4
  • come ridistribuire i componenti di database e i componenti di client Service Pack 4
  • vengono illustrati i problemi di esecuzione che influiscono sulle installazioni di Service Pack 4

Contenuto

Informazioni

Introduzione

Questa versione di SQL Server 7.0 Service Pack 4 (SP4) e Microsoft Data Engine (MSDE) 1.0 SP4 Aggiorna i componenti di database di un'installazione di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0. Questi includono i seguenti componenti:
  • Motore dei dati
  • Utilità client per database come SQL Server Enterprise Manager e osql (solo SQL Server 7.0)
  • Componenti per la connettività dei client al database, ad esempio il provider OLE DB, il driver ODBC e le librerie in rete client di SQL Server
SQL Server 7.0 SP4 è possibile applicare ai computer che eseguono il motore dei dati SQL Server 7.0 o MSDE 1.0. L'installazione del 4 Service Pack programma rileva automaticamente l'edizione di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0 sul computer e aggiorna solo i componenti nella relativa edizione. Il programma di installazione non tenta l'aggiornamento dei componenti in SQL Server 7.0 Enterprise Edition a meno che il programma di installazione rileva la presenza della Enterprise Edition. Quando il service pack viene applicato a un computer che esegue MSDE 1.0, non tenta l'aggiornamento dei componenti solo incluso in SQL Server 7.0. Quando il service pack viene applicato a un computer che viene solo eseguito il database componenti client, non tenta aggiornare i componenti server di database.

Poiché SQL Server database componente service pack sono cumulativi, SP4 comprende le correzioni contenute nei service pack precedenti per SQL Server 7.0. Di conseguenza, SP4 possono essere applicati a un'installazione originale di SQL Server versione 7.0 o MSDE 1.0, oppure su qualsiasi installazione di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0 a cui un service pack sono stati applicati in precedenza.

SQL Server 7.0 SP4 non supporta i computer basati su chip della CPU Alpha. SQL Server 7.0 Service Pacl 3 (SP3) è l'ultimo SQL Server 7.0 service pack che supporta computer con processori Alpha.

Per ulteriori informazioni sulle correzioni contenute in SQL Server 7.0 Service Pack 4, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
313980Elenco dei bug corretti dai service pack di SQL Server 7.0
Per ulteriori informazioni sui dati di SQL Server 7.0 Service Pack 4 è incluso in questo articolo, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
313986Aggiunte Readme.htm di SQL Server 7.0 Service Pack 4

Versioni dei service pack

Se non si è che il service pack è installato in un'istanza del motore di database di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0, verificare la versione eseguendo un comando SELECT @@ VERSION da osql , da SQL Query Analyzer o da isql . Nella tabella riportata di seguito mostra la relazione fra la stringa di versione indicato dal comando @@ VERSION e il service pack di SQL Server 7.0 e MSDE 1.0:
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
@@ VERSIONEVersione di SQL Server
7.00.623Versione originale di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0
7.00.699Database Components Service Pack 1 (SP1)
7.00.842Database Components Service Pack 2 (SP2)
7.000,961Componenti di database di SP3
7.00.1063SP4 di componenti di database
Se non si è certi dell'edizione di SQL Server 7.0 in esecuzione o se si è connessi a MSDE 1.0, l'ultima riga dell'output restituito dal comando @@ VERSION riporta l'edizione a cui è connessi. Ad esempio, l'output potrebbe essere analogo al seguente:
MSDE on Windows NT 4.0 (Build 1381: Service Pack 4)
Desktop Edition on Windows NT 4.0 (Build 1381: Service Pack 4)
Developer Edition on Windows NT 4.0 (Build 1381: Service Pack 4)
Standard Edition on Windows NT 4.0 (Build 1381: Service Pack 4)
Enterprise Edition on Windows NT 4.0 (Build 1381: Service Pack 4)
gli aggiornamenti rapidi recenti

Se hai ricevuto un aggiornamento rapido (hotfix) dopo 20 febbraio 2002, l'hotfix non è probabilmente essere inclusi in tale Service Pack. Contattare il provider di servizio di supporto sull'aggiornamento di un aggiornamento rapido (hotfix) per SP4.

Rimozione di SP4

È Impossibile rimuovere facilmente SP4 a causa di modifiche di tabella di sistema che il service pack richiede per la manutenzione. Per ripristinare una generazione da precedenti a SP4 è stato installato, è necessario rimuovere e reinstallare SQL Server 7.0 o MSDE 1.0. Quindi, se sia obbligatorio, è necessario applicare il service pack (SP1, SP2 o SP3) in esecuzione prima dell'installazione di SP4. Prima di reinstallare SQL Server 7.0 o MSDE 1.0, disconnettere i database in SP4. Quindi riconnetterli dopo avere reinstallato SQL Server 7.0 o MSDE 1.0 e a SP1, SP2 o SP3. Per informazioni sull'utilizzo di procedure sp_attach_db e sp_detach_db , vedere documentazione di SQL Server 7.0. Come con qualsiasi nuova installazione, è necessario ricreare gli accessi necessari. È inoltre necessario ricreare le operazioni pianificate che dipendono da informazioni contenute nel database msdb , oltre a eventuali modifiche apportate nel database model . Se si utilizza la replica, è necessario riconfigurare la replica.

Download e l'estrazione di SP4

Questo service pack viene distribuito nei due seguenti formati:
  • Nel CD di SP4
  • In un file autoestraente denominato Sql70sp4.exe che possono essere scaricati da Internet
Utilizzare il file autoestraente Sql70sp4.exe per creare un insieme di cartelle e file nel computer sono le stesse cartelle e file presenti sul CD di SP4. Quindi, il processo di installazione è quello sia il CD di SP4 ed estratti i file del Service.

Se si sceglie di scaricare SP4, è necessario estrarre i file per creare le cartelle di service pack prima di poter eseguire l'installazione di programma.

Nota Molti dei file che sono in service pack sono file di sistema. Assicurarsi che l'opzione Mostra tutti i file sia impostato in Gestione risorse o di Windows Explorer quando si lavora con i service pack. Per attivare questa opzione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Avviare Esplora risorse o Gestione risorse.
  2. Scegliere Opzioni dal menu Visualizza .
  3. Nella scheda Visualizza fare clic per selezionare tutti i file .

Requisiti di spazio su disco per SP4

È necessario disporre 231 MB di spazio su disco per decomprimere SP4 se si scarica il file eseguibile autoestraente all'unità C del computer e quindi è possibile eseguire l'estrazione non esiste.

Se si dispone di spazio su disco insufficiente per scaricare SP4 all'unità C del computer, è possibile salvare spazio su disco scaricando il file ZIP di SP4 su un'unità secondaria. Quindi, in cui è possibile estrarre il file ZIP sull'unità c. Questo metodo richiede 188 MB sull'unità C e 43 MB sull'unità secondaria.

Estrazione SP4 di componenti di database

Per estrarre SP4 di componenti di database, copiare il file autoestraente in una cartella nel computer che esegue SQL Server 7.0 o MSDE 1.0. Eseguire quindi il file. Il programma di estrazione automatica richiederà il nome della cartella in cui si desidera inserire i file del service pack. Ad esempio, se si esegue SQL Server o se MSDE e sono state create una cartella denominata C:\70sp4, copiare il file Sql70sp4.exe al computer, eseguire il file e quindi fornisce il nome della cartella C:\70sp4 quando viene richiesto.

Verranno i file del service pack e quindi copiare i due file di Microsoft Systems Management Server nella cartella C:\70sp4. Il resto dei file pack servizio verrà inserito in una sottocartella \X86.

È possibile rinominare la cartella di installazione del database dopo che è estrarre i componenti. Tuttavia, accertarsi che il nome della cartella non contiene spazi ("").

Installazione dei service pack

Per installare SP4, è necessario seguire le istruzioni di installazione. Non tutti i passaggi sono necessari, pack configurazioni che si sta applicando il servizio di base su cui SQL Server 7.0 riportato di seguito:
  • configurazione del server database: Si applica a un computer che esegue il motore di dati e il software correlati da qualsiasi edizione di SQL Server 7.0 o MSDE 1.0. Questi computer contengano anche i componenti di client di database.
  • configurazione solo client di database: Viene applicato un computer che esegue le seguenti operazioni:
    • Database componenti di connettività di client quali il provider OLE DB per SQL Server, il driver ODBC di SQL Server e il client di librerie di rete (da SQL Server 7.0 o MSDE 1.0).
    • Utilità client per database quali SQL Server Enterprise Manager e bcp (solo SQL Server 7.0).
  • configurazione cluster di Failover: Si applica a un computer che esegue SQL Server 7.0 è configurata in un cluster di failover.
  • configurazione del server di replica: Si applica a un computer che esegue SQL Server 7.0 in cui almeno un database fa parte di una topologia di replica.
Per ogni passaggio dell'installazione, sono elencati i componenti applicabili.

Nota Il service pack è specifico del linguaggio. Applicare il service pack con la stessa lingua come componente di SQL Server che si sta aggiornando.

Nota Prima di installare SP4 nella versione francese di Windows NT 4.0, attenersi alle istruzioni riportate nel seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
259484Le funzioni di CryptEncrypt e CryptDecrypt sono supportate con le impostazioni internazionali francese in Windows 2000
Prima di avviare un'installazione
Di seguito si applica a tutte le installazioni componente.

Il programma di installazione SP4 non aggiorna il database utente tranne per i database utente regolarmente coinvolti in topologie di replica. Database che non sono coinvolti in topologie di replica non dispone delle dipendenze in SP4. Ad esempio:
  • È possibile ripristinare un backup del database utente da un'istanza di SQL Server 7.0 o SQL Server 7.0 SP1, SP2 o SP3 a un'istanza di SQL Server 7.0 SP4.
  • È possibile ripristinare un backup del database utente da un'istanza di SQL Server 7.0 SP4 a un'istanza di SQL Server 7.0 o SQL Server 7.0 SP1, SP2 o SP3.
  • È possibile scollegare un database utente da un'istanza di SQL Server 7.0 o SQL Server 7.0 SP1, SP2 o SP3 e quindi collegarlo a un'istanza di SQL Server 7.0 SP4.
  • È possibile scollegare un database utente da un'istanza di SQL Server 7.0 SP4 e quindi collegarlo a un'istanza di SQL Server 7.0 o SQL Server 7.0 SP1, SP2 o SP3.
L'installazione di SP4 comporta l'aggiornamento dei database utente che sono membri di una topologia di replica. Prima di installare SP4, assicurarsi che i database di replica e i gruppi di file siano scrivibili e che l'account di utente che esegue il programma di installazione disponga dell'autorizzazione per accedere ai database. Per ulteriori informazioni su come applicare SP4 ai database che sono coinvolti in topologie di replica, vedere Installing on replicated servers.
Preparazione per Systems Management Server di installazione distribuita
È inoltre possibile utilizzare Microsoft Systems Management Server per installare automaticamente di SP4 su più computer che eseguono Windows NT Server. Il file di Smssql.sms è un file di definizione del pacchetto che automatizza la creazione di un pacchetto di SQL Server in Systems Management Server. Quindi, il pacchetto SQL Server può essere distribuito e installato nei computer che eseguono SMS. Il file di Unattspsms.bat è un file batch che rileva il sistema operativo del computer e quindi esegue la versione corretta dell'installazione di programma.

Il backup dei database SQL Server

Di seguito si applica a tutte le configurazioni ad eccezione di configurazione solo client di database.

Come precauzione, è consigliabile creare una copia di backup SQL tutti i database di server. Include i database master , model e msdb . L'installazione del service pack non modifica il database utente, ad eccezione del database degli utenti coinvolti nella replica, ma comporta la modifica del database master e msdb . L'installazione del service pack consente di modificare i database master , msdb e model . Questo li rende incompatibile con le versioni precedenti a SP4 di SQL Server 7.0. Queste copie di backup sono necessari se si decide di reinstallare SQL Server 7.0 senza SP4.

È anche prudente il backup dei database utente, sebbene SP4 eseguirà gli aggiornamenti solo nei database utente che sono membri di topologie di replica.

Assicurarsi che i database di sistema abbiano spazio sufficiente

Di seguito si applica a tutte le configurazioni ad eccezione di configurazione solo client di database.

È possibile saltare questo passaggio se le seguenti condizioni sono vere:
  • L'opzione di aumento automatico delle dimensioni è attivata per i database sia il master e msdb nel sistema SQL Server o MSDE a cui si applica SP4.
  • L'unità di disco che contiene questi database disponga di almeno 500 KB di spazio libero disponibile per ogni database di aumento automatico delle dimensioni.
In SQL Server 7.0, è possibile verificare che i database di sistema dispongano di spazio libero sufficiente. Per effettuare questa operazione, è possibile connettersi a SQL Server da SQL Server Enterprise Manager, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona del database e scegliere Proprietà . Verificare che sia selezionata la casella di controllo aumento automatico dimensioni del file . Per effettuare questa verifica in MSDE, eseguire le seguenti istruzioni SQL:
  • sp_helpdb master
  • sp_helpdb msdb
Nell'output di queste istruzioni verificare che nella colonna <b>Growth</b> non sia presente il valore 0.

Se l'opzione di aumento automatico delle dimensioni non è di per il master o il database msdb , i database non di aumento automatico delle dimensioni devono avere almeno 500 KB di spazio libero. Per verificare ciò, è necessario eseguire la procedura sp_spaceused stored procedure di sistema nel contesto dei database master e msdb . Se la quantità di spazio non allocato in entrambi i database è inferiore a 500 KB, aumentarne le dimensioni. Per effettuare questa operazione, seguire le istruzioni nell'argomento "Expanding the Database" nella documentazione in linea di SQL Server per SQL Server 7.0.

Preparazione di configurazioni di cluster

Di seguito valida solo per il failover di configurazione di clustering.

Prima di si installa SQL Server 7.0 Enterprise Edition SP4 di componenti di database in un ambiente cluster, assicurarsi che il gruppo contenente Microsoft Distributed Transaction Coordinator (MSDTC) viene utilizzato dal nodo su cui è stato originariamente installato MSDTC.

Se non appartiene al gruppo di questo nodo, il programma di installazione del Service Pack 4, viene visualizzato un MSDTC errore in cui si chiede di risolvere il problema di installazione e quindi ripetere l'installazione di programma. Per risolvere il problema spostando il gruppo al nodo su cui è stato originariamente installato MSDTC. Se SQL Server Enterprise Edition è in esecuzione in una configurazione cluster, deve essere non cluster prima di applicare SP4 di componenti di database. Prima di rimuovere il server SQL dal cluster, è possibile utilizzare Amministrazione Cluster per assicurarsi che non altre risorse cluster dipendono da una delle seguenti risorse di cluster di SQL Server cinque:
  • Nome di rete SQL
  • Indirizzo IP di SQL
  • SQL Server
  • Agente SQL Server
  • VServer SQL
Registrare eventuali dipendenze rimosse in modo da poterle ripristinare dopo è installato il service pack. Se un risorsa Accodamento messaggi Microsoft dispone di una dipendenza sul nome di rete SQL, è necessario disconnettere la risorsa Accodamento messaggi. Trasferire quindi sua dipendenza a un altro nome di rete nello stesso gruppo. Se sono presenti altri nomi di rete nel gruppo, è possibile creare un nome di rete temporanea. Trasferire quindi la dipendenza a tale nome di rete. Dopo l'installazione di SP4, è possibile eliminare il nome di rete temporanea.

Per rimuovere il server SQL dal cluster, attenersi alla seguente procedura:
  1. Scegliere Failover Cluster Wizard nel gruppo di programmi SQL Server 7.0 .
  2. Quando richiesto, inserire il CD originale di SQL Server Enterprise Edition e quindi seguire le istruzioni visualizzate dalla procedura guidata.
Attenersi alla seguente procedura su tutti i nodi del cluster di Windows NT o Windows 2000 in cui SQL Server è in stato di cluster. Verificare che Failover Cluster Wizard rimuove tutte le nomi delle risorse SQL Server e tipi.

Tutte le istanze di SQL Server 7.0 che operano in un cluster devono essere aggiornate a SP4, prima che di nuovo configurate a cluster di bollettini.

Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di SQL Server in un ambiente cluster, vedere il SQL Server clustering white paper.

Arresto delle applicazioni prima di eseguire il programma di installazione SP4

Di seguito si applica a tutte le configurazioni ad eccezione di configurazione solo client di database.

Prima di eseguire il programma di installazione SP4 applicare SP4 di componenti di database, arrestare i seguenti servizi e applicazioni:
  • I servizi Microsoft Search, MSDTC, MSSQLServer, MSSQLServerOLAPService e SQLServerAgent
  • Microsoft Transaction Server, Accodamento messaggi e il Microsoft COM Transaction Integrator (COMTI)
  • Tutte le applicazioni. Questo include il Pannello di controllo
Se si sta installando SP4 in un cluster di Windows NT, assicurarsi che che le applicazioni e i servizi vengono arrestati in tutti i nodi del cluster.

Arrestare anche SQL Server Service Manager, se in esecuzione. Per effettuare questa operazione, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona Gestione servizi SQL Server nella barra delle applicazioni e quindi fare clic su Esci .

Installazione di SP4 componenti di database

Di seguito si applica a tutte le configurazioni.

Eseguire il file batch Setup.bat da una delle seguenti posizioni:
  • La cartella che contiene i file del estratti service pack da Sql70sp4.exe
  • La cartella di pack di servizio sul CD SQL Server 7.0 SP4
Nota Non eseguire il file Setup.bat batch utilizzando il client di Servizi Terminal Microsoft. Installazione remota di SP4 mediante Servizi Terminal Client non è supportato.

Quando si esegue il file batch Setup.bat, viene visualizzata una finestra di dialogo InstallShield richiede le informazioni, ad esempio se utilizzare l'autenticazione di SQL Server o Windows NT. Se si sceglie l'autenticazione di SQL Server, specificare il programma di installazione con la password per account di accesso sa . Se si sceglie l'autenticazione di Windows NT, è necessario eseguire il programma di installazione, mentre si è connessi a Windows computer mediante un account di accesso Windows che è membro del ruolo server fisso sysadmin dell'istanza di SQL Server o MSDE che si sta aggiornando.

Quindi, il programma di installazione sostituisce l'esistente di SQL Server o MSDE file con il servizio nei file compressi. Il programma di installazione esegue inoltre vari file di script di SQL per aggiornare la stored procedure di sistema.

Il Programma di installazione MSDTC installa una nuova versione di MSDTC nel sistema. In ambienti a cluster, questa operazione viene effettuata su tutti i nodi del cluster di Windows NT.

Quando il programma di installazione si connette a SQL Server 7.0 o MSDE 1.0 per l'esecuzione di SQL, script di aggiornamento stored procedure di sistema, viene visualizzata una finestra di dialogo Autenticazione se viene rilevata l'installazione utilizzata modalità mista con una password vuota per l'accesso sa . Questo offre agli utenti la possibilità per risolvere il potenziale problema di protezione dell'esecuzione di un sistema con una password vuota per l'accesso sa . Lasciando vuota la password di accesso sa fornisce utenti non autorizzati con accesso amministrativo semplice a SQL Server o MSDE. Per proteggere i sistemi, è necessario richiedere una password sa o utilizzare l'autenticazione di Windows NT. Per impostazione predefinita, la finestra di dialogo Di autenticazione non utilizza le impostazioni correnti per l'installazione. La finestra di dialogo utilizza le seguenti impostazioni predefinite:
  • Per impostazione predefinita, in computer in cui sono in esecuzione Microsoft Windows 95, Microsoft Windows 98 e Windows Millennium Edition, la finestra di dialogo Autenticazione utilizza modalità mista. Modalità mista è la modalità di solo autenticazione supportata su questi sistemi operativi. Quindi, nella finestra di dialogo richiesto di specificare una password per account di accesso sa . Se si specifica una password, il programma di installazione modifica la password di accesso di sa . Se si lascia la password vuota, l'installazione di programma si connette senza modificare la password.
  • Per impostazione predefinita, in computer in cui sono in esecuzione Windows NT 4.0 o Microsoft Windows 2000, il programma di installazione utilizza l'autenticazione di Windows NT. È possibile utilizzare la finestra di dialogo per accettare l'impostazione predefinita autenticazione di Windows o per passare la modalità di autenticazione a modalità mista con una password di accesso sa non è vuota.
Prima di si modifica la modalità di autenticazione o la password per l'account di accesso sa , assicurarsi che questa non comprometta le applicazioni esistenti. Ad esempio, se si sta eseguendo SQL Server in un computer basato su Windows 2000 e passare dalla modalità mista alla modalità di autenticazione Windows, le applicazioni esistenti che utilizza l'autenticazione di SQL Server non possono connettersi fino a quando non sono configurati per utilizzare l'autenticazione di Windows NT. Inoltre, se si modifica la password di accesso sa , applicazioni o processi amministrativi che utilizzano la vecchia password non possono connettersi fino a quando non sono configurati per utilizzare la nuova password.

Il programma di installazione registra le azioni che viene eseguita nel file Sqlsp.log nella cartella Temp del computer su cui viene eseguito.

Riavviare i servizi

Di seguito si applica a tutte le configurazioni ad eccezione di configurazione solo client di database.

Al termine il programma di installazione, potrebbe essere necessario riavviare il sistema. Dopo il riavvio del sistema o al termine il programma di installazione senza richiedere un riavvio, è possibile utilizzare lo strumento Servizi nel Pannello di controllo per assicurarsi che i seguenti servizi siano in esecuzione:
  • Microsoft Search
  • MSDTC
  • MSSQLServer
  • MSSQLServerOLAPService
  • SQLServerAgent
Backup del database master e msdb aggiornati.

Ripristino di una configurazione cluster

Di seguito valida solo per il failover di configurazione di clustering.

Se è stato applicato SP4 in una configurazione cluster di Windows NT, ripristinare a cluster per SQL Server. È necessario applicare SP4 a tutte le istanze di SQL Server 7.0 che vengono incluse nel cluster prima di procedere al ripristino della configurazione a.

importante Questa sezione, metodo o l'attività sono contenute procedure viene illustrato come modificare il Registro di sistema. Tuttavia, possono causare seri problemi se si modifica il Registro di sistema in modo errato. Pertanto, assicurarsi che questa procedura con attenzione. Per maggiore protezione, è eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. È quindi possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup e ripristino del Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
322756Come eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema in Windows


Se è rimosso dipendenze di Accodamento messaggi in SQL Server, eseguire l'editor del Registro di sistema per modificare la seguente chiave del Registro di sistema:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\MSMQ\Parameters\MachineCache\MQS
Se la chiave contiene il valore 2 (per BSC), 4 (per PSC) o 8 (per PEC), registrare il valore corrente e cambiarlo in 1. Altrimenti lasciare invariato il valore della chiave.

Per riattivarli, attenersi alla seguente procedura:
  1. Scegliere Failover Cluster Wizard nel gruppo di programmi SQL Server 7.0 .
  2. Quando viene richiesto dalla procedura guidata, inserire il CD originale di SQL Server Enterprise Edition nell'unità CD-ROM e quindi seguire le istruzioni nella procedura guidata viene visualizzata.
Attenersi alla seguente procedura su tutti i nodi del cluster di Windows NT che contengono istanze di SQL Server che si desidera includere nel cluster.

La chiave del Registro di sistema di accodamento è
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\MSMQ\Parameters\MachineCache\MQS
. Se si modifica il valore originale di questa chiave prima di utilizzare Failover Cluster Wizard, eseguire l'editor del Registro di sistema per ripristinare il valore originale della chiave del Registro di sistema. Se state rimosse le dipendenze i tipi di risorse, come descritto nella sezione Prepare cluster configurations e di risorse di SQL Server, è possibile utilizzare Amministrazione Cluster per ripristinare le dipendenze. Se una risorsa Accodamento disponeva di dipendenze in SQL Server e il nome di rete SQL, è possibile utilizzare Amministrazione Cluster per ripristinare le dipendenze. Rimuovere le dipendenze altri nomi di rete stabilite nella sezione Prepare cluster configurations. Se le risorse indirizzo IP e un nome di rete temporanea è stato creato nella sezione Prepare cluster configurations, eliminarli. Portare la risorsa in linea di Accodamento.

Riavviare le applicazioni

Di seguito si applica a tutte le configurazioni.

Riavviare le applicazioni che è chiusa prima dell'esecuzione dell'installazione di SP4 programma.

L'installazione in server replicati

Di seguito valida solo per la configurazione del server di replica.

Si consiglia di applicare questo service pack a tutti i partecipanti SQL Server 7.0 riportato di seguito nella topologia di replica:
  • Server di pubblicazione
  • Server di distribuzione
  • Server di sottoscrizione
Si consiglia di utilizzare la sequenza riportata di seguito per distribuire SP4 attraverso la topologia di replica:
  1. Server di distribuzione se è distinto dal server di pubblicazione
  2. Server di pubblicazione
  3. Server di sottoscrizione
Nota In genere, soprattutto nella replica di tipo merge, il server di distribuzione e l'editore si trovano sullo stesso server e vengono aggiornati contemporaneamente.

Nella replica di tipo merge, il database distribution è utilizzato solo per la memorizzazione della cronologia dell'agente. In genere, il database di distribuzione nella topologia di replica di tipo unione risiede nello stesso computer del database di pubblicazione. Tuttavia, inoltre è possibile un database per la replica di tipo merge la distribuzione remota di siti che consente di centralizzare l'accesso alla cronologia agente.

Potresti non essere possibile aggiornare immediatamente tutti i server di una topologia di replica. Pertanto, operazioni di replica sono in genere tra server che eseguono la versione originale di SQL Server 7.0 o precedenti service pack e SP4 partecipanti. Le eccezioni vengono trattate nelle sezioni seguenti:
L'installazione di SP4 in un server che fornisce un database remoto di distribuzione per pubblicazioni di tipo merge
Se si aggiorna un server a SP4 e il server contiene un database di distribuzione remota di pubblicazioni di tipo merge, è inoltre necessario aggiornare ogni server di pubblicazione che utilizza il database di distribuzione al Service Pack 4 per la replica unione. Questo requisito assicura che vi sia ottimale di distribuzione di modifiche ai dati dalla replica di tipo unione associati server di pubblicazione da parte di qualsiasi agente di unione (propagazione) in esecuzione sul server di distribuzione.

L'aggiornamento di un'unione di Publisher che riceve le nuove sottoscrizioni di SP4 dalla versione originale di SQL Server 7.0
Per consentire nuovi replica sottoscrittori di tipo unione dai server con la versione originale di SQL Server 7.0 installato, è necessario aggiungere il -70Subscribers parametro facoltativo per ogni processo Snapshot Agent.

Quando si esegue questa operazione, la sincronizzazione iniziale di qualsiasi nuovo SQL Server 7.0 unire server di sottoscrizione per il servizio non sono stati applicati Pack termine.

Se un server di sottoscrizione che esegue la versione originale di SQL Server ha già ricevuto la sincronizzazione iniziale, questo server di sottoscrizione continua a essere in grado di unire i dati anche senza questo parametro. Tuttavia, se la sottoscrizione viene eliminata e poi ricreata, o se la sottoscrizione deve essere reinizializzata, il parametro è obbligatorio. La soluzione migliore consiste nell'aggiornare il server di sottoscrizione a SP4 anziché utilizzare il parametro. Se si desidera verificare, è possibile aggiungere il parametro finché si è certi che tutti i sottoscrittori vengono aggiornati a SP4.

L'installazione di SP4 in una replica server di sottoscrizione di tipo merge
Se si aggiorna una replica di unione di SQL Server sottoscrittore a SP4, sarà necessario anche aggiornare della replica di tipo unione associati server di pubblicazione a SP4. Consente di ottimizzare il recapito di modifiche ai dati dalla replica di tipo unione associati server di pubblicazione da parte di qualsiasi agente di unione (pull) in esecuzione sul server di sottoscrizione. Questo migliore è necessario utilizzare la sequenza di distribuzione-Sottoscrittore descritto Installing on replicated servers sezione.

Replica a esecuzione SP4 con le versioni precedenti di SQL Server
Non esistono differenze note nel modo in cui SP4 funziona con SQL Server 6.0 o SQL Server 6.5 editori e sottoscrittori confrontato con il modo in cui la versione originale di SQL Server 7.0 funziona con queste versioni precedenti.

L'aggiornamento di replica di tipo merge nei server di sottoscrizione Access 2000 (Jet 4.0)
Per avvalersi dei miglioramenti contenuti in tale Service Pack del server di sottoscrizione unione di Microsoft basati su Jet di Microsoft Access 2000, è necessario copiare i seguenti file SP4 di componenti di database per le workstation che eseguono Access 2000:
  • X86\Binn\Replres.dll
  • X86\Binn\Replrec.dll
  • X86\Binn\Replprov.dll
  • X86\Jet\Msrpjt40.dll
Copiare ogni file nella seguente cartella sull'unità di sistema della workstation:
\Programmi\File comuni\Microsoft Shared\Database Replication
Nota Non si dispone eseguire questa procedura se è MSDE 1.0 a fungere dall'unione di Access 2000 Server di sottoscrizione. In questo caso, applicare i componenti database SP4.

Ridistribuzione dei componenti client SP4 di componenti di database

SP4 per SQL Server 7.0 e MSDE 1.0 comprende un file autoestraente, Sqlredis.exe e una versione di file Mdacredist.txt. Per impostazione predefinita, quando si esegue Sqlredis.exe, esegue le seguenti operazioni:
  1. Sqlredis.exe esegue il file Mdac_typ.exe da Microsoft Data Access Components (MDAC) 2.1 SP2. Vengono così installati componenti di base i MDAC 2.1 di SP2 e le versioni dei SQL Server e MSDE client componenti di connettività rilasciate con SP1 per SQL Server 7.0 e MSDE 1.0.
  2. Sqlredis.exe vengono sostituiti i componenti di connettività client di SQL Server e MSDE con versioni incluse nei nuovi di finestra di SP4 di componenti di database.
  3. Sqlredis.exe sostituisce i file Mswstr10.dll, Mswdat10.dll, Oleaut32.dll, Olepro32.dll e Stdole2.tlb.
Se si desidera installare solo i componenti di connettività client SP4 di componenti di database, digitare il seguente comando al prompt dei comandi:
sqlredis.exe /C:"setupre.exe MDAC = 0 -s - SMS"
È possibile ridistribuire il file Sqlredis.exe secondo gli stessi termini e condizioni elencati nel file Mdacredist.txt che accompagna questo service pack.

Note relative alla documentazione

In questa sezione affrontati problemi che influiscono sulle installazioni di SP4 non sono causati da correzioni contenute nel service pack.

Le modifiche di funzionamento introdotte dalle correzioni sono documentate nell'articolo della Microsoft Knowledge Base per ciascuna correzione. Per ulteriori informazioni sulle correzioni contenute in SQL Server 7.0 Service Pack 4, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
313980Elenco dei bug corretti dai service pack di SQL Server 7.0

Aggiornamento dei computer solo client dopo l'installazione di SP4

In alcuni casi, gli utenti prima installano solo i componenti client di SQL Server in un computer. In un secondo momento, aggiungere standard, Enterprise o Desktop Edition del server di database, del computer eseguendo il programma di installazione dal CD di SQL Server. Se i componenti client del computer sono già aggiornati a SP4, l'installazione di SQL Server non riesce e viene visualizzato il seguente messaggio di errore:
Non è possibile installare una versione precedente (7.00.623) rispetto alla versione sul computer (7.00.1063). Disinstallare la versione precedente.
Per aggiungere un computer client che esegue i componenti client di SP4 un standard, Enterprise o Desktop Edition del server di database, attenersi alla seguente procedura:
  1. Copiare il file bcp.exe dal CD originale di SQL Server 7.0 sul computer client. Ciò sovrascrive la versione SP4 del file bcp.exe nella directory C:\Mssql7\Binn.
  2. Eseguire il programma di installazione dal CD di SQL Server 7.0 per installare i componenti server.
  3. Eseguire il programma di installazione del Database Components Service Pack 4 per aggiornare tutti i componenti di database di SQL Server nel computer al Service Pack 4.
Nota Per aggiornare un client alla standard o Enterprise Edition del server, è necessario acquistare una licenza server appropriata. È possibile installare un server Desktop Edition in computer client che sono coperti da standard o CAL (Client Access License) Enterprise SQL Server.

L'aggiornamento di server di database giapponese a Windows 2000 dopo l'installazione di SP4

Si può installare SP4 di componenti di database in un computer che esegue Windows NT, Windows 95 o Windows 98 e in seguito l'aggiornamento a Windows 2000. Quando si verifica questo comportamento, l'aggiornamento di Windows 2000 sostituiti alcuni file di sistema interessati l'ordinamento dei caratteri giapponesi con versioni di file precedenti a quelle necessarie per SP4. Se si utilizzano caratteri giapponesi in database di SQL Server, rieseguire la versione di Sqlredis.exe fornita con SP4 dopo l'aggiornamento a Windows 2000. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di Sqlredis.exe, vedere i Redistributing Database Components SP4 client components di sezione.

Questo vale solo per i server in cui sono presenti database contenenti caratteri giapponesi. Non è necessario riapplicare Sqlredis.exe su computer client o server che non dispongono di database contenenti caratteri giapponesi.

Applicazione di SP4 a una versione successiva

Se si tenta di aggiornare un'installazione di SQL Server con file eseguibili motore di database che sono la stessa versione o una versione più recente rispetto a quelli forniti con SP4 di componenti di database, venga chiuso il programma di installazione 4 del Service Pack ed è possibile che venga visualizzato il seguente messaggio di errore:
È stata rilevata componenti di SQL Server più recenti rispetto a quelle disponibili nel Service Pack. Programma di installazione non proseguirà.
In genere, questo messaggio di errore indica che SP4 o versione successiva è già stata applicata all'istanza di SQL Server che si trova sul server e che un aggiornamento non è necessario.

Tuttavia potrebbe non applicare ai clienti che hanno ricevuto una generazione speciale di SQL Server più recente rispetto a quella di SP4 dai fornitori di supporto di SQL Server e utenti che hanno applicata a un sistema che non è stato aggiornato al Service Pack 4 con la prima. Costoro devono rivolgersi al proprio fornitore di supporto per richiedere informazioni sulla procedura di aggiornamento.

Installazione di SP4 su Windows NT 4.0, Terminal Server Edition

La versione originale di SQL Server 7.0 non è supportata nel sistema operativo Windows NT 4.0 Terminal Server Edition. SQL Server 7.0 SP1 è stato introdotto il supporto per l'esecuzione in Windows NT 4.0, Terminal Server Edition di SQL Server. SQL Server 7.0 SP2, SP3 e SP4 continuare supportare Windows NT 4.0, Terminal Server Edition.

Nota Eseguire la procedura solo se si sta preparando installare SQL Server 7.0 per la prima volta in un computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition. Se in precedenza è stato aggiunto il supporto con SQL Server 7.0 SP2 o SP3, non è necessario ripetere la procedura quando si esegue l'aggiornamento a SP4.

SQL Server SP4 richiede l'applicazione Windows NT Server 4.0, Terminal Server Edition SP4 in un computer che esegue Terminal Server Edition, prima di installare SQL Server. Questo service pack è specifico per Terminal Server Edition ed è diverso da Windows NT Server 4.0 SP4. Per ulteriori informazioni sui service pack per Terminal Server Edition, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
152734Come ottenere il service pack più recente per Windows NT 4.0
Per installare SQL Server 7.0 e SQL Server SP4 in un computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition, attenersi alla seguente procedura:
  1. Assicurarsi che sia stato applicato Windows NT 4.0, Terminal Server Edition SP4.
  2. Utilizzare lo strumento Servizi nel Pannello di controllo per arrestare il servizio Gestione licenze di Terminal Server.
  3. Copiare i file ODBC di SQL Server il System32, la cartella del computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition.
  4. Inserire il CD di SQL Server 7.0 nel computer e quindi copiare i file dalla cartella X86\ODBC su CD per il C:\Winnt\System32 cartella sul server.
  5. Utilizzare lo strumento Servizi nel Pannello di controllo per riavviare il servizio di gestione licenze di Terminal Server.
  6. Installare SQL Server 7.0 utilizzando il CD di SQL Server 7.0. È Impossibile installare SQL Server utilizzando un thin client. È necessario installare SQL Server utilizzando la console sul computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition. Non è possibile utilizzare la finestra del programma di installazione esecuzione automatica visualizzata quando si inserisce il CD di SQL Server per installare SQL Server in un computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition. Invece, attenersi alla seguente procedura:
    1. Chiudere la finestra Autorun .
    2. Nel Pannello di controllo aprire Installazione applicazioni.
    3. Fare clic su Installa e quindi seguire le istruzioni visualizzate. Eseguire il programma di installazione direttamente dal CD di SQL Server 7.0 nella seguente cartella:
      X86\Setup\Setupsql.exe
    Seguire le istruzioni del programma di installazione di SQL Server. Se si desidera installare un database direttamente sul computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition, è necessario eseguire un'installazione completa di SQL Server per installare i componenti di comunicazione client e il motore di database. Se si desidera solo offrono la possibilità di connettersi ai database di SQL Server su altri server per le applicazioni in esecuzione sullo stesso computer con Windows NT 4.0, Terminal Server Edition, installare solo i componenti di connettività client. Per ulteriori informazioni su come eseguire un'installazione server completo o solo connettività client, vedere "Esecuzione di SQL Server Setup" nella documentazione in linea di SQL Server per SQL Server 7.0.
  7. Applicare SQL Server SP4 seguendo le istruzioni riportate in questo articolo. È necessario installare SP4 dalla console del computer che esegue Windows NT 4.0, Terminal Server Edition. Inoltre, è necessario eseguire il Service Pack 4 il programma di installazione (Setup.bat) dallo strumento Installazione applicazioni nel Pannello di controllo.

Nuova Guida di risoluzione dei problemi

Componenti di database di SP2 viene introdotta una nuova versione della sezione "Troubleshooting Guide" dalla documentazione in linea per SQL Server 7.0. Database componenti SP4 installa anche questa nuova versione della Guida. La nuova Guida espande le informazioni è originale server documentazione in linea di SQL per SQL Server 7.0 con le seguenti nuove informazioni dai team di supporto di SQL Server:
  • Serie ampliata di domande frequenti
  • Ulteriori informazioni e suggerimenti da ingegneri di supporto di prodotti che possono aiutare i clienti diventano esperto con SQL Server 7.0
Database componenti SP4 viene installato un nuovo file denominato Tblshsp2.chm, nella cartella \Mssql7\Books sul computer. La Troubleshooting Guide di SP2 non sostituisce fisicamente la Guida alla risoluzione dei problemi nella versione originale della documentazione in linea di. È Impossibile individuare la Troubleshooting Guide di SP2 dalla documentazione in linea. È necessario eseguire la Guida separatamente utilizzando uno dei metodi descritti di seguito:
  • Fare doppio clic sul file Tblshsp2.chm.
  • Aggiungere un collegamento sul desktop. Fare quindi doppio clic sul collegamento. Quando si aggiunge il collegamento, scegliere il file \Mssql7\Books\Tblshsp2.chm.
Per poter utilizzare la Troubleshooting Guide di SP2 è necessario avere installato nel computer la documentazione in linea di SQL Server 7.0.

Miglioramenti di replica

Miglioramenti di replica in SP4 includono:
  • Ottimizzazione della sincronizzazione di replica
  • Miglioramenti delle prestazioni per gli snapshot di replica di unione
  • Miglioramenti per la pulitura dei metadati di replica di tipo merge
Ottimizzazione della sincronizzazione replica
introdotte in Service Pack 2

Ottimizzazione della sincronizzazione durante la replica di tipo merge consente di memorizzare più informazioni nel server di pubblicazione anziché trasferire tali informazioni attraverso la rete al server di sottoscrizione. Quando questa opzione può causare un database nel server di pubblicazione di dimensioni maggiori, su un collegamento lento può migliorare le prestazioni di sincronizzazione. Tuttavia, informazioni viene memorizzate nel server di pubblicazione ed è necessario ulteriore spazio di archiviazione.

Memorizzando informazioni aggiuntive nel server di pubblicazione, è possibile che SQL Server determinare rapidamente i dati filtrati da inviare a un particolare server di sottoscrizione. Quando la sincronizzazione è ottimizzata, SQL Server crea tabelle immagine che contengono informazioni quali schema, le informazioni relative alle partizioni e informazioni di generazione per determinare se le modifiche devono essere propagate agli altri server di sottoscrizione nel server di pubblicazione precedente. Queste tabelle immagine precedente consentono di determinare come partizionare i dati e determinare che server di sottoscrizione richiedono nuove generazioni di dati di SQL Server.

Ad esempio, una società partiziona e distribuisce i dati in base alle aree di vendita. Se la pubblicazione è attivata per ottimizzare la sincronizzazione, le informazioni come dati vengono partizionati sono memorizzate tabelle immagine server di pubblicazione precedente. Se spostare aree di vendita e devono essere suddiviso in partizioni dati in più server di sottoscrizione, i dati viene aggiornati e ridistribuire più rapidamente perché le informazioni come dati attualmente sono partizionati sono già nel server di pubblicazione.

Nota Per ridurre la quantità di dati inviati sulla rete, eseguita il sp_addmergepublication sistema stored procedure e impostare il @ keep_partition_changes parametro su true .

Miglioramenti delle prestazioni per l'elaborazione di unione dello snapshot iniziale
introdotte in Service Pack 2

La procedura di generazione dello snapshot iniziale è stata migliorata per le pubblicazioni di tipo unione con filtri statici o di unione.

Durante la generazione di snapshot, l'agente snapshot crea un file di copia di massa per la tabella MSmerge_contents . SQL Server 7.0 SP4 fornisce prestazioni più veloci quando statico o filtri di join vengono utilizzati in quanto copia solo le righe che sono correlate alle tabelle della pubblicazione basati sui filtri che vengono utilizzati.

Nelle versioni precedenti a SP2, l'agente snapshot generato un file di copia di massa per la tabella MSmerge_contents e il file incluso tutte le righe da MSmerge_contents per una tabella pubblicata indipendentemente dai criteri di filtro che è stato utilizzato. Volumi elevati di attività di aggiornamento nella tabella di pubblicazione causato della tabella MSmerge_contents . Questo comportamento rallentate le prestazioni durante la generazione dello snapshot iniziale.

Con SP2 o versioni successive, il file di bcp che viene generato è inferiore. Il file è inferiore, in quanto righe vengono copiate solo se la partizione di dati pubblicati si riferiscono. Di conseguenza, dell'agente di merge quando si applica lo snapshot ai server di sottoscrizione anche prestazioni migliorate.

Questa modifica si applica solo alle pubblicazioni con static di tipo merge o filtri di join perché non è di massa della tabella MSmerge_contents copiati quando vengono generati snapshot per pubblicazioni di unione con filtri dinamici.

Ad esempio, una pubblicazione di tipo merge sono incluse colonne clienti, ordini e dettagli ordini e la pubblicazione viene filtrata in modo per pubblicare solo i clienti nell'area Nord-Ovest. Quando viene generato lo snapshot, solo le righe della tabella MSmerge_contents che sono rilevanti per i dati nella partizione di dati in fase di pubblicazione filtrata sono copiati. Nelle versioni precedenti a SP2, tutte le righe dalla tabella MSMerge_contents sono copiati.

Pulitura dei metadati di unione
introdotte in Service Pack 2

La stored procedure sp_mergecleanupmetadata stored sistema procedura consente agli amministratori di pulire la metadati in tabelle di sistema MSmerge_contents e MSmerge_tombstone . Sebbene queste tabelle possono espandere per un periodo di tempo indefinito, pulitura dei metadati migliorare le prestazioni unione. Questa procedura possibile risparmiare spazio, riducendo la dimensione delle tabelle nel server di pubblicazione e server di sottoscrizione.

attenzione Dopo aver eseguito la procedura sp_mergecleanupmetadata memorizzati nel server di pubblicazione, gli eventi seguenti si verificano per tutte le sottoscrizioni denominate nei server di sottoscrizione che dispongono di metadati archiviato nel server di pubblicazione nelle tabelle di MSmerge_contents e MSmerge_tombstone :
  • Le sottoscrizioni vengono contrassegnate per la reinizializzazione.
  • Le modifiche apportate nel server di sottoscrizione vengono perse.
  • Lo snapshot corrente è contrassegnato come obsoleto.
SQL Server 7.0 non supporta la reinizializzazione di sottoscrizioni anonime dall'editore.

La reinizializzazione deve essere iniziata dal sottoscrittore. Prima di eseguire questa stored procedure, unire tutti i dati dai server di sottoscrizione con il server di pubblicazione per caricare le modifiche del dati server di sottoscrizione che è necessario salvare. I file di snapshot per tutte le pubblicazioni interessati a tutti i livelli di tipo merge devono essere rigenerati dopo l'esecuzione di questa stored procedure. Se si tenta di effettuare l'unione senza eseguire prima lo snapshot, verrà richiesto di eseguire lo snapshot.

La reinizializzazione non propaga automaticamente la topologia di tipo merge. L'amministratore reinizializzare manualmente tutte le sottoscrizioni in ogni server di ripubblicazione.

Per impostazione predefinita, il @ reinitialize_subscriber parametro della procedura sp_mergecleanupmetadata memorizzato è impostato su true e tutte le sottoscrizioni vengono contrassegnate per la reinizializzazione. Se si imposta il @ reinitialize_subscriber parametro su false , le sottoscrizioni non vengono contrassegnate per la reinizializzazione. Tuttavia, impostare il parametro su false con cautela, quanto, se si sceglie di non reinizializzare le sottoscrizioni, è necessario accertarsi che i dati dell'editore e dei sottoscrittori siano sincronizzati.

Se si desidera eseguire la procedura sp_mergecleanupmetadata memorizzato senza contrassegnare le sottoscrizioni per la reinizializzazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Sincronizzare tutti i sottoscrittori.
  2. Interrompere tutti gli aggiornamenti ai database di pubblicazione e sottoscrizione.
  3. Eseguire un'unione per convalidare i dati del server di sottoscrizione con server di pubblicazione a fronte, eseguendo l'agente di unione con l'opzione della riga di comando - Validate in ogni server di sottoscrizione.
  4. Eseguire la stored procedure sp_mergecleanupmetadata stored procedure di sistema. Dopo l'esecuzione della stored procedure, è possibile consentire agli utenti di aggiornare nuovamente i database di pubblicazione e sottoscrizione.
Per utilizzare questa stored procedure, il server di pubblicazione e tutti i server di sottoscrizione necessario eseguire SQL Server 7.0 SP4. Solo i membri del gruppo sysadmin possono utilizzare questa stored procedure. Per pulire i metadati di unione, eseguire la stored procedure sp_mergecleanupmetadata stored procedure di sistema. Questa stored procedure elimina tutti i metadati di unione nelle tabelle di sistema MSmerge_contents e MSmerge_tombstone .

Nota Nessun @ tablename parametro esiste che limita pulitura a una tabella specificata. Questo documentato in modo non corretto per Service Pack 2 e 3.

Novità per i componenti di database

SQL Server 7.0 SP4 vengono introdotte numerose modifiche per i componenti di database.
Nuova opzione di database
introdotte in Service Pack 2

SQL Server 7.0 SP2 viene introdotta una nuova in attesa di aggiornamento database opzione per supportare la funzionalità che verranno presentate in una versione futura di SQL Server. È possibile utilizzare questa funzionalità in alcuni scenari di migrazione durante l'aggiornamento da SQL Server 7.0 SP2 o versione successiva a SQL Server 2000 o versione successiva. Le istruzioni complete per l'utilizzo questa opzione verranno incluso nella documentazione della versione futura di SQL Server.

Quando l'opzione in sospeso l'aggiornamento è impostata su TRUE, gli utenti non è possibile creare indici o statistiche nel database. Un utente che tenta di creare indici o statistiche verrà visualizzato il seguente messaggio nuovo:
Creare l'indice/Creazione statistiche non sono consentita quando il database è in attesa di aggiornamento abilitato.
Creazione dell'indice, tuttavia, ha esito positivo se l'opzione in sospeso l'aggiornamento è impostato su TRUE durante la creazione di un indice cluster e se non esistono indici non cluster.

Creazione di un indice potrebbe non riuscire, eseguire il rollback dell'intera operazione, se le seguenti condizioni sono true:
  • Gli indici non cluster esistono quando viene avviata la creazione di un indice cluster.
  • L'opzione in sospeso l'aggiornamento è impostata su TRUE durante la creazione dell'indice.
The pending upgrade option should always be set to FALSE, as shown in the following line of code, for any SQL Server 7.0 system that is not interoperating with the future version of SQL Server:
sp_dboption 'database_name', 'pending upgrade', 'FALSE'
The sp_dboption system stored procedure reports the status of the pending upgrade option if the stored procedure is called without parameters or with only the database_name parameter, for example:
sp_dboption 'Northwind'
The DATABASEPROPERTY function supports a new IsPendingUpgrade property that is used to report the status of the pending upgrade database option, for example:
DATABASEPROPERTY(Northwind, IsPendingUpgrade)
The IsPendingUpgrade property returns 0 if the pending upgrade option is FALSE, and returns 1 if the pending upgrade option is TRUE.

Nuova opzione di avvio sqlservr
introdotte in Service Pack 2

SQL Server 7.0 SP2 viene introdotta una nuova opzione della riga di comando ?g per l'utilità sqlservr . Ad esempio, è possibile utilizzare la seguente opzione:
-g memory_to_reserve
questa opzione specifica il numero di MB di memoria che resterà disponibile per le allocazioni di memoria in un processo di SQL Server ma all'esterno di al pool di memoria di SQL Server. Il numero è specificare deve essere un valore integer. Il pool di memoria è l'area che SQL Server utilizza per caricare gli elementi, ad esempio estesa memorizzati file DLL di routine, il provider OLE DB a cui fa riferimento query distribuite e oggetti di automazione che viene fatto riferimento in istruzioni Transact-SQL. Per ulteriori informazioni sulla gestione della memoria SQL Server, vedere "Architettura di memoria" nella documentazione in linea di SQL Server per SQL Server 7.0.

Per impostazione predefinita, il valore per questa opzione è 128 MB. Questo valore è adatto a molti ambienti di runtime. Utilizzando questa opzione può semplificare l'ottimizzazione allocazione della memoria, ma solo quando la memoria fisica sul server supera i seguenti valori:
  • Per SQL Server Desktop Edition o SQL Server Standard: 2 GB
  • Per SQL Server Enterprise Edition: 3 GB
Configurazioni con meno memoria fisica non trarre vantaggio dall'utilizzo di questa opzione.

È possibile che si desidera utilizzare questa opzione per le configurazioni di memoria di grandi dimensioni, in cui i requisiti di memoria di SQL Server sono atipico e in cui viene utilizzata la memoria spazio di indirizzi virtuali del processo di SQL Server. L'utilizzo non corretto di questa opzione potrebbe causare condizioni in cui SQL Server potrebbe non avviarsi o potrebbero verificarsi errori in fase di esecuzione.

È necessario utilizzare il valore predefinito per il -g della riga di comando passare a meno che non è visualizzato il seguente messaggio di errore di avviso nel log degli errori SQL Server:
Avviso: Eliminazione cache delle procedure per liberare memoria contigua.
Questo messaggio di errore indica che SQL Server potrebbe essere tentativo di liberare parti di SQL Server memoria di pool per trovare lo spazio per gli elementi, ad esempio estesa memorizzati in file DLL procedure o gli oggetti di automazione. In questo caso, valutare l'opportunità aumento della quantità di memoria che è riservato per il -g opzione della riga di comando. Utilizzando un valore ridotto da quella predefinita, la quantità di memoria disponibile per il pool di buffer e il thread viene impilata aumenta. Questo può fornire un miglioramento delle prestazioni per carichi di lavoro intensivo della memoria nei sistemi che non utilizzano molti estesa stored procedure, le query distribuite o oggetti di automazione.

Modificare nel funzionamento del cursore
introdotte in Service Pack 1

Nelle versioni originale di SQL Server 7.0 e MSDE 1.0, un rollback chiude tutti i cursori, tranne che soddisfano tutte le seguenti condizioni:
  • CURSOR_CLOSE_ON_COMMIT è OFF.
  • Il cursore è statico.
  • Il cursore ha terminato di compilare la tabella di lavoro.
Per aumentare la compatibilità con le versioni precedenti di SQL Server, Database Components SP1 modificare questo comportamento in modo che i cursori vengono chiusi dal rollback solo se una delle seguenti condizioni è vera:
  • CURSOR_CLOSE_ON_COMMIT attivato.
  • Un cursore compilato in modo asincrono è correntemente in fase di compilazione.
Il comportamento introdotto in Database Components SP1 viene conservato anche nei service pack successivi.

Novità di SQL Profiler
La colonna di dati id di connessione in SQL Profiler non sarà più supportata in una versione futura di SQL Server. Si consiglia invece di utilizzare la colonna di dati SPID .

White paper clustering di SQL Server

Il white paper "How to Install SQL Server 7.0, Enterprise Edition on Microsoft Cluster Server: istruzioni di Step by Step" integra i clustering a quelle fornite nella documentazione in linea di SQL Server per SQL Server 7.0. Per ulteriori informazioni su questo white paper, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://support.microsoft.com/kb/842192

Data Transformation Services

Questa sezione vengono descritte le modifiche introdotte in Data Transformation Services (DTS) con service pack.
L'esportazione in database Oracle
introdotte in Service Pack 1

Quando si utilizza DTS Export Wizard per esportare in Oracle, se si utilizza DTS per creare le tabelle di destinazione, in DTS vengono create tabelle con distinzione tra maiuscole e minuscole utilizzando virgolette per racchiudere i nomi del proprietario e della tabella. Questo comportamento deve verificarsi per supportare proprietario o nomi di tabella, che sono parole chiave o che contengono spazi, caratteri (""). Se i nomi utilizzati non sono parole chiave e che non contengono spazi caratteri e se si desidera rimuovere le virgolette, eliminarle nella finestra di dialogo DTS Copy Tables .

Utilizzando la funzionalità di DTS
introdotte in Service Pack 1

La funzionalità di verifica dei DTS è stata migliorata e ora supporta variabili e ricerche globali. L'interfaccia utente DTS dispone di un'opzione di test in finestre di due dialogo seguenti:
  • Nella finestra Proprietà attività Trasforma dati finestra di dialogo scegliere la scheda trasformazioni . Quindi, fare clic con il pulsante destro del mouse su una delle righe corrispondenti delle trasformazioni di colonna. Il menu visualizzato contiene una voce di menu test.
  • Fare doppio clic su nella finestra di dialogo ActiveX Script Task proprietà e quindi fare clic su test .
Le verifiche ora supportano variabili e ricerche globali. Le verifiche non sono supportate su colonne di derivazione dei dati.

Modifiche della finestra di dialogo esecuzione pacchetto
introdotte in Service Pack 1

Quando si esegue un pacchetto DTS in DTS Import Wizard, DTS Export Wizard o Progettazione DTS, le colonne aggiuntive vengono aggiunte nella finestra di dialogo Esegui pacchetto per visualizzare l'ora di inizio, ora di fine e durata. Queste nuove colonne non sono disponibili se si esegue il pacchetto con una password utente.

Inoltre, informazioni di notifica di trasferimento vengono fornite durante l'esecuzione del pacchetto.

Messaggi di errore DTS dati
introdotte in Service Pack 1

I messaggi di errore DTS sono stati migliorati. in modo da fornire informazioni specifiche sui provider OLE DB, oltre a informazioni sull'operazione non riuscita.

La parola chiave set negli script di Microsoft Visual Basic
introdotte in Service Pack 1

Assegnazione di Microsoft ActiveX di riferimenti a oggetti di DTS variabili globali in script Microsoft Visual Basic, Scripting Edition (VBScript) segue ora normale sintassi utilizzata set in Visual Basic in ogni caso.

Utilizzare la parola chiave set quando si desidera assegnare un riferimento a un oggetto. In caso contrario, verrà assegnato il valore predefinito dell'oggetto.

Se una variabile globale contiene un riferimento a un oggetto, utilizzare sia la parola chiave set sia la parola chiave .Value per riassegnare il riferimento all'oggetto. Ad esempio:
  • La seguente istruzione assegna un riferimento all'oggetto Connection il codice di variabile globale x:
    Set DTSGlobalVariables("x").Value =
                       CreateObject("ADO.Connection")
    
  • L'istruzione che segue imposta la variabile o a un riferimento all'oggetto Connection :
    Set o = DTSGlobalVariables("x")
  • L'istruzione che segue imposta la variabile o a un riferimento a una variabile globale che contiene un riferimento all'oggetto Connection :
    Set o = DTSGlobalVariables("x")
Modifiche in pacchetti DTS
introdotte in Service Pack 2 e Service Pack 3

SQL Server 7.0 SP2, SQL Server 7.0 SP3 e SQL Server 2000 sono state introdotte modifiche al formato interno utilizzato dai DTS per salvare i pacchetti. Quando un pacchetto viene salvato in un file o SQL Server senza dover specificare una password, i seguenti formati sono supportati per le versioni dei diversi service pack.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
in lingua inglese (Stati Uniti)LettureOperazioni di scrittura
SQL Server 7.0 SP1SQL Server 7.0
SQL Server 7.0 SP1
SQL Server 7.0
SQL Server 7.0 SP1
SQL Server 7.0 SP2SQL Server 7.0 SQL
Server 7.0 SP1
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP3SQL Server 7.0
SQL Server 7.0 SP1
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP3
SQL Server 7.0 SP4
SQL Server 2000
SQL Server 2000 SP1
SQL Server 2000 SP2
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP3
SQL Server 7.0 SP4
SQL Server 2000
SQL Server 2000 SP1
SQL Server 2000 SP2
SQL Server 7.0 SP4SQL Server 7.0
SQL Server 7.0 SP1
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP3
SQL Server 7.0 SP4
SQL Server 2000
SQL Server 2000 SP1
SQL Server 2000 SP2
SQL Server 7.0 SP2
SQL Server 7.0 SP3
SQL Server 7.0 SP4
SQL Server 2000
SQL Server 2000 SP1
SQL Server 2000 SP2
Miglioramenti di account proxy di Agente SQL Server
introdotte in Service Pack 4

Nelle versioni di SQL Server precedenti a SQL Server 7.0 SP4, i pacchetti DTS archiviati sul server Impossibile eseguire con le credenziali dell'account SQL Server Agent Proxy, a meno che l'account proxy disponeva di accesso nella cartella TEMP dell'utente per l'account in cui era in esecuzione il server o l'agente. Il server verrà eseguite per processi di eseguire la stored procedure estesa xp_cmdshell . L'agente verrà eseguite per i processi di agente.

Di conseguenza, gli utenti spesso dovevano modificare la variabile di ambiente TEMP per l'account di avvio di SQL Server o Agente SQL puntare a una cartella di avvio sia accessibile e gli account proxy. Ad esempio, C:\Temp. Per SP4, DTS è stato migliorato per utilizzare la cartella TEMP del sistema se la cartella TEMP di utente non è disponibile. Questa modifica riduce notevolmente la necessità di queste modifiche.

SQL Server 7.0 ed Exchange 5.5

Se si esegue sia SQL Server 7.0 e Microsoft Exchange Server versione 5.5 sullo stesso computer, è necessario configurare in modo esplicito l'utilizzo della memoria in SQL Server. SQL Server non funzionerà correttamente se si lascia il server SQL minima impostazione di memoria dinamica il valore predefinito pari a 0.

Per risolvere un problema di memoria noto che si verifica quando i due prodotti vengono eseguiti nello stesso momento, è necessario impostare la memoria dinamica minima SQL Server 7.0, oppure l'opzione sp_configure min server memory , la quantità di memoria che è necessario per supportare il massimo carico di SQL Server di elaborazione. In questo ambiente, SQL Server non acquisirà memoria sufficiente per raggiungere l'impostazione di massima della memoria dinamica o l'opzione sp_configure max server memory . Al contrario, SQL Server in genere verrà eseguito con la quantità di memoria specificato nell'opzione della memoria dinamica minima. Di conseguenza, l'impostazione di memoria dinamica minima deve essere sufficiente per eseguire SQL Server quando sta funzionando ad alta capacità.

Per determinare la quantità di memoria che richiede di SQL Server, è necessario monitorare la quantità di memoria che SQL Server utilizza quando sono vere le seguenti condizioni:
  • Se il database è in esecuzione in produzione, controllare l'utilizzo della memoria da parte di SQL Server quando il sistema sta funzionando ad alta capacità.
  • Se le applicazioni SQL Server sono state sviluppate internamente, è necessario eseguire test di stress mentre si sta monitorando la memoria utilizzata da SQL Server.
  • Se le applicazioni SQL Server sono state sviluppate da terze parti, potrebbe essere necessario vedere la documentazione dell'applicazione o il fornitore per determinare l'effetto dell'applicazione in utilizzo della memoria da parte di SQL Server.
Per ulteriori informazioni sul monitoraggio di memoria o sulle impostazioni opzioni di memoria di SQL Server, vedere gli argomenti "Monitoring Memory Usage" e "Server Memory Options" nella documentazione in linea di SQL Server per SQL Server 7.0.

La versione francese di documentazione in linea di SQL Server

introdotte in Service Pack 1

Il sommario della versione in lingua francese originale della documentazione in linea di SQL Server era errato. La versione in lingua francese di SQL Server 7.0 SP4 comprende un file autoestraente che contiene un nuovo file della documentazione in linea di SQL Server in lingua francese con un sommario corretto.

Per installare la versione in lingua francese corretta della documentazione in linea di, attenersi alla seguente procedura:
  1. Consente di copiare il file Sqlbolfr.exe dalla cartella service pack in una cartella vuota del computer.
  2. Eseguire Sqlbolfr.exe per estrarre il file Sqlbol.chm.
  3. Copiare il nuovo file Sqlbol.chm il C:\Mssql7\Books directory. La versione errata del file verrà sovrascritta.

Modifiche di repository

introdotte in Service Pack 2

In questa sezione documenta le modifiche introdotte dal service pack nel repository.
L'importazione da database DB2 e Informix
introdotte in Service Pack 2

Quando utilizza OLE DB scanner per importare da database DB2 o Informix, in Microsoft Repository viene ora crea tabelle per informazioni di schema e tipo. Questa funzionalità si applica ai database che utilizzano il Driver Microsoft ODBC per DB2 e il driver di Intersolv Informix ODBC, il driver OLE DB di Intersolv per ODBC e il provider OLE DB di Intersolv per Informix.

Recupero migliorata di oggetti con versioni
introdotte in Service Pack 2

È ora possibile recuperare la versione dell'oggetto più recente in ogni caso, anche quando la sequenza di versione include una versione eliminata. In precedenza, se si eliminato una versione dell'oggetto e viene quindi creata una nuova versione di oggetto, si ricevono un messaggio di errore quando si è tentato di recuperare la versione più recente.

Proprietà

Identificativo articolo: 889543 - Ultima modifica: mercoledì 17 gennaio 2007 - Revisione: 1.5
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft SQL Server 7.0 Service Pack 4
  • Microsoft Data Engine 1.0
Chiavi: 
kbmt kbpubtypekc kbservicepack kbhowto kbinfo KB889543 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 889543
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com