Descrizione del Service Pack 1 per SQL Server 2000: 30 maggio 2001

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 889553
Importante In questo articolo contiene informazioni sulla modifica del Registro di sistema. Prima di modificare il Registro di sistema, assicurarsi di eseguire il backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
256986 Descrizione del Registro di sistema di Microsoft Windows
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

Microsoft SQL Server 2000 Service Pack 1 (SP1) fornisce gli aggiornamenti per i componenti di database di un'installazione di SQL Server 2000. In questo articolo sono incluse le seguenti informazioni:
  • Come identificare la versione di SQL Server e AnalysisServices installata
  • Come scaricare ed estrarre di SQL Server 2000 SP1
  • Come installare SQL Server 2000 SP1
  • Come ridistribuire i componenti client di DatabaseComponents SP1
  • Informazioni sui problemi che possono verificarsi quando si esegue thisservice pack
  • Informazioni sul miglioramento della sicurezza per Englishqueries è disponibile separatamente

Contenuto

INTRODUZIONE

Questa versione di Microsoft SQL Server 2000 Service Pack 1 (SP1) viene fornita in tre parti:
  • Componenti di database di SP1 sono disponibili aggiornamenti per la databasecomponents di un'istanza di SQL Server 2000, escluse le istanze di SQL Server 2000 Desktop Engine. Database Components SP1 include gli aggiornamenti a thefollowing:
    • Il motore dei dati
    • Gli strumenti di database client e utilità, quali SQL Server Enterprise Manager e osql
    • Componenti di connettività client di database, ad esempio il Provider Microsoft OLE DB per SQL Server 2000, il driver ODBC di SQL Server 2000 e le librerie di rete client
  • Analysis Services SP1 fornisce aggiornamenti per i componenti di SQL Server 2000 Analysis Services di un'installazione di SQL Server 2000, includingthe di seguito:
    • Analysis Services
    • Componenti client di Analysis Services, ad esempio Analysis Manager e il Provider Microsoft OLE DB per Analysis Services
    • Componenti di connettività client di database, ad esempio il Provider Microsoft OLE DB per SQL Server 2000, il driver ODBC di SQL Server 2000 e le librerie di rete client
  • Desktop Engine SP1 fornisce aggiornamenti per la databasecomponents di un'istanza di SQL Server 2000 Desktop Engine. Thesecomponents per i seguenti:
    • Il motore dei dati
    • Componenti di connettività client di database, ad esempio il Provider Microsoft OLE DB per SQL Server 2000, il driver ODBC di SQL Server 2000 e le librerie di rete client
Queste tre parti di SQL Server 2000 SP1 possono essere applicate singolarmente nei modi seguenti:
  • Utilizzare Database Components SP1 per aggiornare il databasecomponents senza aggiornare i componenti di Analysis Services o le istanze di SQL Server 2000 Desktop Engine.
  • Utilizzare Analysis Services SP1 per aggiornare il Servicescomponents di analisi senza aggiornare istanze di Desktop Engine o il databasecomponents.
  • Utilizzare Desktop Engine SP1 per aggiornare le istanze della DesktopEngine senza effettuare l'aggiornamento di Analysis Services o le istanze di altri ofSQL edizioni Server 2000. Per ulteriori informazioni sull'installazione di Desktop Engine, vedere "Installazione di SP1 di Desktop Engine"sezione più avanti in questo articolo.
Tuttavia, per aggiornare i componenti di database e di componenti di Analysis Services, è necessario applicare SP1 di componenti di Database e Analysis Services SP1.

Installazione di SP1 di componenti di database

Il programma di installazione di SP1 componenti di Database rileva automaticamente quale edizione di SQL Server 2000 è presente nell'istanza di SQL Server 2000 che si sta aggiornando. Programma di installazione aggiorna solo i componenti installati per l'istanza. Ad esempio, quando il service pack viene applicato a un computer che esegue SQL Server 2000 Standard Edition, esso non aggiornare i componenti che sono solo incluso in SQL Server 2000 Enterprise Edition.

Database Components SP1 può essere applicato a una singola istanza predefinita o un'istanza denominata di SQL Server. Se si esegue l'aggiornamento di più istanze di SQL Server 2000, è necessario applicare SP1 a ciascuna istanza. Quando si aggiorna un'istanza su un computer che dispone di uno o più istanze di SQL Server 2000, tutti gli strumenti vengono aggiornati a SP1. Non esistono copie separate degli strumenti per ogni istanza in un computer.

Rimozione di SQL Server 2000 SP1

Quando viene installato il service pack, modifica le tabelle di sistema per la manutenzione. Pertanto, SQL Server 2000 SP1 non è possibile rimuovere facilmente. Per ripristinare la compilazione in esecuzione prima di installare SP1, è necessario rimuovere e reinstallare SQL Server 2000. Prima di rimuovere SQL Server 2000, è necessario scollegare i database. Riconnetterli dopo avere reinstallato SQL Server 2000. Per informazioni sull'utilizzo di sp_attach_db e sp_detach_db, vedere la documentazione in linea di SQL Server.

Dopo avere reinstallato SQL Server 2000, attenersi alla seguente procedura:
  • Ricreare gli accessi necessari.
  • Ricreare le operazioni pianificate che dipendono dalle informazioni contenute nel database di themsdb.
  • Ripetere le modifiche apportate nel database model.
  • Se si utilizza la replica, riconfigurare la replica.
Ulteriori informazioni sulle correzioni di SQL Server 2000 SP1 Per ulteriori informazioni sulle correzioni contenute in questo service pack, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
290212 Elenco dei bug corretti in SQL Server 2000 Service Pack 1 (1 di 2)
Tutte le correzioni elencate in questo articolo sono disponibile un collegamento a un articolo della Knowledge Base che descrive la correzione risolve il problema.

Correzioni QFE

Se hai ricevuto una correzione QFE dopo l'1 maggio 2001, la correzione non è inclusa in SQL Server 2000 SP1. Contattare il supporto tecnico sulle correzioni QFE e SQL Server 2000 SP1.

Identificazione della versione corrente di SQL Server

Per identificare la versione di SQL Server 2000 installato, digitare SELECT @@VERSION in un comando prompt se è possibile utilizzare l'utilità osql o isql. Se si utilizza SQL Query Analyzer, digitare SELECT @@VERSION Nella finestra della Query. Nella tabella seguente viene illustrata la relazione tra la stringa della versione che segnala il comando SELECT @@VERSION e il numero di versione di SQL Server 2000.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
@@VERSIONVersione di SQL Server 2000
8.00.194Versione finale di SQL Server 2000
8.00.384Componenti di database di SP1
Se non si è certi di quale edizione di SQL Server 2000 è in esecuzione, visualizzare l'ultima riga dell'output restituito tramite il comando SELECT @@VERSION :
Desktop Engine on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)
Enterprise Evaluation Edition on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)
Developer Edition on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)
Personal Edition on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)
Standard Edition on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)
Enterprise Edition on Windows NT 5.0 (Build 2195: Service Pack 1)

Identificazione della versione corrente di Analysis Services

Per identificare la versione di Analysis Services è stato installato, attenersi alla seguente procedura:
  1. Fare clic su Start, scegliere programmi, SQL Server 2000,Analysis Servicese quindi fare clic su AnalysisManager.
  2. Nella struttura di Analysis Manager, destro del mouse su AnalysisServerse quindi fare clic Su Analysis Services.
Nella tabella seguente viene illustrata la versione di Analysis Services in cui si dispone.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
Informazioni della Guida sulleVersione di Analysis Services
8.0.194Versione finale di SQL Server 2000 Analysis Services
8.0.382Analysis Services SP1

Download ed estrazione di SQL Server 2000 SP1

SQL Server 2000 SP1 viene distribuito in due formati:
  • Su un CD
  • Nei tre seguenti file autoestraenti che può bedownloaded da Internet:
    • SQL2KSP1.exe: Database Components SP1
    • SQL2KASP1.exe: Analysis Services SP1
    • SQL2KDeskSP1.exe: SP1 di Desktop Engine
I file autoestraenti vengono utilizzati per costruire una serie di directory e file nel computer in uso. Questi file e directory sono gli stessi set di directory e file sul CD di SQL Server 2000 SP1. Se si scarica SQL Server 2000 SP1, è necessario estrarre i file per costruire le directory del service pack prima di eseguire il programma di installazione.

Il processo di installazione è lo stesso per il CD di SQL Server 2000 SP1 e i file estratti di SQL Server 2000 SP1.

Nota. Alcuni dei file del service pack sono file di sistema. Pertanto, non è possibile visualizzarli a meno di avere selezionata la casella di controllo Mostra tutti i file . Per selezionare la casella di controllo Mostra tutti i file , effettuare le seguenti operazioni:
  1. In Microsoft Windows Explorer, scegliere Opzionidal menu Visualizza.
  2. Fare clic sulla scheda Visualizza e quindi fare clic su toselect la casella di controllo Mostra tutti i file .
Per scaricare uno dei file elencati in precedenza in questa sezione, è necessario salvare il file autoestraente in una cartella sul computer che esegue l'istanza di SQL Server 2000 di cui si sta installando questo service pack. Da una cartella, eseguire il file. Il programma di estrazione automatica richiederà il nome della cartella in cui si desidera salvare i file del service pack.

Sull'unità disco rigido locale, è necessario spazio libero è circa tre volte la dimensione del file autoestraente. Questo spazio include spazio per memorizzare i file, spazio per archiviare i file estratti di service pack e l'area di lavoro temporaneo che richiede il programma di estrazione automatica.

È possibile rinominare la cartella in cui si estraggono i file dopo aver estratto i componenti. Tuttavia, assicurarsi che il nome della cartella non contiene spazi. È possibile utilizzare la stessa cartella di destinazione per ogni file è indicato in precedenza in questa sezione. Essi non sovrascrivere né interferire reciprocamente.

L'installazione di SQL Server 2000 SP1

Per installare SQL Server 2000 SP1, eseguire una seguenti, a seconda dei componenti da installare:
  • Per applicare il Database Components SP1 e AnalysisServices SP1, attenersi alla procedura descritta nel sectionslater riportato di seguito in questo articolo:
    • "Eseguire il backup dei database di SQL Server"
    • "Eseguire il backup del database di Analysis Services"
    • "Verificare che i database di sistema sono sufficiente spazio libero"
    • "Interrompere servizi e applicazioni prima di eseguire il programma di installazione di SQL Server 2000 SP1"
    • "Installazione componenti di Database di SP1"
    • "Installazione di Analysis Services SP1"
    • "Riavvia i servizi"
    • "Riavviare le applicazioni"
  • Per applicare solo i componenti di Database di SP1 in un computer che isrunning sia i componenti server e client, attenersi alla procedura che aredescribed nelle sezioni seguenti più avanti in questo articolo:
    • "Eseguire il backup dei database di SQL Server"
    • "Verificare che i database di sistema sono sufficiente spazio libero"
    • "Interrompere servizi e applicazioni prima di eseguire il programma di installazione di SQL Server 2000 SP1"
    • "Installazione componenti di Database di SP1"
    • "Installazione di Analysis Services SP1"
    • "Riavvia i servizi"
    • "Riavviare le applicazioni"
  • Per applicare solo i componenti di Database di SP1 in un computer che isrunning solo i componenti client database, attenersi alla procedura che aredescribed nelle sezioni seguenti più avanti in questo articolo:
    • "Installazione componenti di Database di SP1"
    • "Riavvia i servizi"
    • "Riavviare le applicazioni"
  • Per applicare solo i servizi di analisi del Service Pack 1, seguire la thatare i passaggi descritti nelle sezioni seguenti più avanti in questo articolo:
    • "Eseguire il backup del database di Analysis Services"
    • "Interrompere servizi e applicazioni prima di eseguire il programma di installazione di SQL Server 2000 SP1"
    • "Installazione di Analysis Services SP1"
    • "Riavvia i servizi"
    • "Riavviare le applicazioni"
    Utilizzare la stessa procedura per i computer che eseguono theAnalysis solo i componenti client di servizi e per i computer che sono runningboth il client di Analysis Services e componenti server.
  • Per applicare solo Desktop Engine SP1 in un computer che isrunning solo Desktop Engine, seguire i passaggi descritti nelle sezioni thefollowing più avanti in questo articolo:
    • "Interrompere servizi e applicazioni prima di eseguire il programma di installazione di SQL Server 2000 SP1"
    • "Installazione di SP1 di Desktop Engine"
  • Per applicare il service pack a un cluster di server, seguire thesteps descritto nella sezione "Installazione di SQL Server 2000 SP1 su un servercluster" più avanti in questo articolo
Nota. È possibile utilizzare il programma di installazione di SQL Server per l'installazione remota di SQL Server 2000 SP1.

Prima di installare SQL Server 2000 SP1, assicurarsi che i database e i gruppi di file sono modificabili e che l'account utente che esegue l'installazione di SQL Server disponga dell'autorizzazione per accedere ai database. Programma di installazione non riesce se non si procede in questo. La causa dell'errore viene registrata nel file Sqlsp. log per SQL Server o nel file Olapsp.log per Analysis Services. Inoltre, se i database non sono modificabili, è necessario disattivare la distribuzione dei log per applicare il service pack.

È inoltre possibile utilizzare Systems Management Server per installare SQL Server 2000 SP1 automaticamente su più computer che eseguono Windows NT Server 4.0 utilizzando un file di definizione del pacchetto (file Smssql2ksp1.pdf). File di definizione del pacchetto crea automaticamente un pacchetto di SQL Server in Systems Management Server. Quindi il pacchetto di SQL Server può essere distribuito e installato nel computer che eseguono Systems Management Server. Il file Sms2kdef.bat è un file batch che rileva il sistema operativo del computer ed esegue la versione corretta del programma di installazione.

Nota. Prima di installare SQL Server 2000 SP1 nella versione francese di Windows NT 4.0, leggere e seguire le istruzioni riportate nel seguente articolo della Microsoft Knowledge Base:
259484 Funzioni CryptEncrypt e CryptDecrypt sono supportate con le impostazioni internazionali francese in Windows 2000

Eseguire il backup dei database di SQL Server

Prima di installare il service pack, eseguire il backup il server master del database e il database msdb. Installazione del service pack viene modificato il database master e msdb. Le modifiche rendono compatibili con le versioni precedenti a SP1 di SQL Server 2000. Queste copie di backup sono necessari se si decide di reinstallare SQL Server 2000 senza SP1.

Applicazione di SQL Server 2000 SP1 non influenza altri database.

Eseguire il backup del database di Analysis Services

Prima di installare il service pack, eseguire il backup del database di Analysis Services eseguendo una copia di backup della cartella Microsoft Analysis Services\Data. Per impostazione predefinita, questa cartella è installata nella cartella C:\Program Files. Se non si è eseguita la migrazione del repository di Analysis Services a SQL Server, eseguire una copia di backup del file Msmdrep. Questo file si trova nella cartella Microsoft Analysis Services\Bin.. Per salvare le voci del Registro di sistema di Analysis Services, eseguire l'Editor del Registro di sistema e utilizzare l'elemento Esporta File del Registro di sistema dal menu Registro di sistema per esportare il
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\OLAP Server
sottochiave da un file di backup.

Assicurarsi che i database di sistema sono sufficiente spazio libero

Se non è stata selezionata l'opzione di aumento automatico delle dimensioni per il database master e msdb, i database devono disporre di almeno 500 kilobyte (KB) di spazio libero. Per verificare che essi dispongano di questo spazio, eseguire il sistema sp_spaceused stored procedure per il database master o il database msdb. Se lo spazio non allocato in dei database è inferiore a 500 KB, aumentare la dimensione del database. Per ulteriori informazioni, vedere "Espansione di un Database" nella documentazione in linea di SQL Server.

Se è stata selezionata l'opzione di aumento automatico per il database master e msdb nell'istanza di SQL Server 2000 o di Desktop Engine in cui è possibile applicare SQL Server 2000 SP1, è possibile ignorare questo passaggio.

Per verificare che in SQL Server 2000 è stata selezionata questa opzione, aprire SQL Server Enterprise Manager, pulsante destro del mouse sull'icona del database e quindi scegliere proprietà. Verificare che sia selezionata la casella di controllo aumento automatico dimensioni del file .

Per verificare che questa opzione è stata selezionata nel modulo di gestione Desktop, rilascia le seguenti istruzioni SQL:
  • sp_helpdb master
  • sp_helpdb msdb
Nell'output di queste istruzioni, verificare che la colonna di crescita non è 0.

Interrompere servizi e applicazioni prima di eseguire il programma di installazione di SQL Server 2000 SP1

È possibile applicare SQL Server 2000 SP1 senza arrestare servizi. Se non si arresta servizi, il programma di installazione riavvia il computer.

Per eseguire il programma di installazione senza riavviare il computer, è necessario arrestare i seguenti servizi e applicazioni prima di applicare il service pack:
  • Microsoft Distributed Transaction Coordinator (MS DTC) e Microsoft Search, MSSQLServer, MSSQLServerOLAPService e SQLServerAgentservices.

    Nota. È inoltre necessario arrestare questi servizi per ogni istanza denominata. Ad esempio, MSSQL$ NamedInstance.
  • Servizi componenti di Microsoft, Microsoft Message Queuing e Microsoft COM Transaction Integrator.
  • Tutte le applicazioni, compreso il pannello di controllo. Isrecommended questo passaggio, ma non obbligatoria.
È possibile arrestare i servizi in un ambiente cluster. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione "Installazione in un cluster di server" più avanti in questo articolo.

Installare i componenti di Database di SP1

Eseguire lo script Setup. bat da una delle seguenti posizioni:
  • La directory che contiene il packfiles di servizio estratti dal Sql2ksp1.exe
  • Directory del service pack sul SP1CD di SQL Server 2000
Setup. bat viene visualizzata la finestra di dialogo programma di installazione . Nella finestra di dialogo chiede informazioni, ad esempio se si desidera utilizzare l'autenticazione di SQL Server o Windows. Se si sceglie l'autenticazione di SQL Server, è necessario fornire il programma di installazione con la password per l'account di accesso sa. Se si sceglie l'autenticazione di Windows, utilizzando un account di accesso di Windows quando si esegue il programma di installazione è necessario connessi a Windows. Questo account di accesso deve appartenere del server sysadmin per l'istanza di SQL Server 2000 o di Desktop Engine che si sta aggiornando.

Il programma di installazione esegue quindi le seguenti operazioni:
  • Sostituisce l'esistente di SQL Server 2000 o il Desktop Enginefiles con i file SP1.
  • Consente di eseguire diversi file di script Transact-SQL per aggiornare le procedure di systemstored.
  • Visualizza un visualizzazioneSe della finestra di dialogo Modalità di autenticazione rileva che l'installazione utilizza l'autenticazione in modalità mista con ablank password per l'account di accesso sa. Lasciando la sa utenti blankprovides password di accesso con facile accesso amministrativo a SQL Server o Desktop Engine.You è possibile proteggere i sistemi mediante l'applicazione di una password sa o usingWindows l'autenticazione.
Nella finestra di dialogo Modalità di autenticazione di visualizzare le impostazioni correnti per l'installazione. Di seguito sono elencate le impostazioni predefinite della finestra di dialogo:
  • Nei computer che eseguono Windows 98 e Windows MillenniumEdition, nella finestra di dialogo Modalità di autenticazione è impostata su MixedMode richieste di autenticazione e di specificare una password per il logonaccount sa. Modalità di autenticazione mista è la modalità di autenticazione solo tale issupported su questi sistemi operativi. Se si specifica una password, il Setupprogram modifica la password di accesso sa. Se si lascia vuota la password, theSetup programma si connette e non modifica la password.
  • Nei computer che eseguono Windows NT 4.0 o Windows 2000, programma di theSetup è impostata su autenticazione di Windows. Utilizzare la finestra di dialogo per passare specificamente Windows l'autenticazione o mista con una password di accesso sa è notblank.
Prima di modificare la modalità di autenticazione o la password per l'account di accesso sa, assicurarsi che questa modifica non influisce sulle applicazioni esistenti. Ad esempio, se passa dalla modalità di autenticazione mista all'autenticazione Windows, le applicazioni esistenti che tentano di connettersi utilizzando l'autenticazione di SQL Server non possono connettersi fino a quando non viene modificata la modalità di autenticazione per utilizzare l'autenticazione di Windows. Inoltre, se si modifica la password di accesso sa, applicazioni o processi amministrativi che utilizzano la vecchia password non possono connettersi fino a quando non sono stati modificati per utilizzare la nuova password.

Il programma di installazione viene inserito un record di azioni eseguita nel file Sqlsp. log nella directory di Windows del computer in cui è stato eseguito.

Installazione di Analysis Services SP1

Per installare Analysis Services SP1, eseguire Setup.exe uno dei seguenti percorsi:
  • Il file di directory thatcontains di Analysis Services SP1 estratti dal SQL2KASP1.exe nella sottodirectory Msolap\Install
  • La directory Msolap\Install sul CD di SP1.
Setup.exe viene visualizzata la finestra di dialogo programma di installazione . Vengono richieste informazioni e quindi completata l'installazione.

Installazione di SP1 di Desktop Engine

Per aggiornare un'installazione esistente di Desktop Engine, eseguire Setup.exe uno dei seguenti percorsi:
  • La sottodirectory MSDE nella directory che contiene i file del service pack theextracted da Sql2kdesksp1.exe
  • La sottodirectory MSDE sul SP1CD di SQL Server 2000
È necessario applicare il file patch corretta per ogni istanza di Desktop Engine che si esegue l'aggiornamento. Un file di patch è un file con estensione msp viene utilizzato per applicare questo service pack. Se si conosce il pacchetto di installazione è stato utilizzato per l'installazione di Desktop Engine, specificare un file di patch dalla riga di comando utilizzando l'opzione /p . Se non si conosce quale pacchetto di installazione è stato utilizzato, digitare SQLRUN Dopo l'opzione /p . Con la parola chiave SQLRUN, il programma di installazione sceglie il file di correzione, se sono vere le seguenti condizioni:
  • Tutti i file con estensione msp si trovano in una cartella è namedSetup. Questa cartella si trova direttamente sotto la cartella che contiene Setup.exe.
  • Il nome dell'istanza di Desktop Engine installationis di destinazione specificato al prompt dei comandi se non è l'istanza predefinita.
Nell'esempio seguente viene eseguito il programma di installazione come un'installazione di patch in un'istanza denominata viene chiamata MyInstance:
Setup.exe /p SQLRUN INSTANCENAME=MyInstance
Nota. Non utilizzare le virgolette di apertura e di chiusura intorno il nome dell'istanza.

Il nome dell'istanza può anche essere specificato in un file Setup. ini o in un altro file di impostazioni. Per ulteriori informazioni, vedere "SQL Server 2000 Desktop Engine Setup" nella documentazione in linea di SQL Server.

Impossibile trovare il file di correzione, riceverai un messaggio di errore.

L'installazione di nuove istanze di Desktop Engine dopo l'applicazione di SQL Server 2000 SP1

Attenersi alla seguente procedura per installare una nuova istanza di Desktop Engine, dopo l'applicazione di SQL Server 2000 SP1.
  1. Per l'estensione del nome file con estensione rdl nella directory \Programmi\Microsoft SQLServer\80\Tools\Binn\Resources\1033, modificare l'estensione di file seguenti:
    • semnt.RLL
    • sqlsvc.RLL
  2. All'estensione del nome del file .dld nella directory \Programmi\Microsoft SQLServer\80\Tools\Binn, modificare l'estensione di file seguenti:
    • Semnt.dll
    • Sqlsvc.dll
    • Sqlresld.dll
  3. Installare il modulo di gestione Desktop senza SP1.
  4. Modificare le estensioni dei file nella directory \Programmi\Microsoft SQLServer\80\Tools\Binn\Resources\1033 andSqlsvc.rdl Semnt.rdl .rll.
  5. Modificare l'estensione del Semnt.dld,Sqlsvc.dld, Sqlresld.dld file nella directory \Programmi\Microsoft SQLServer\80\Tools\Binn. dll.
L'istanza di Desktop Engine installato di recente sarà SP1.

Riavviare i servizi

Al termine del programma di installazione, potrebbe essere richiesto di riavviare il sistema. Dopo il riavvio del sistema o al termine del programma di installazione senza richiedere il riavvio, utilizzare l'applicazione Servizi nel Pannello di controllo per assicurarsi che i servizi MS DTC e Microsoft Search, MSSQLServer, MSSQLServerOLAPService e SQLServerAgent siano in esecuzione. Eseguire il backup del database aggiornato di master e il database msdb e riattivare la distribuzione dei log.

Riavviare le applicazioni

Riavviare le applicazioni che è stato chiuso prima dell'esecuzione del programma di installazione di SQL Server 2000 SP1.

Installare SQL Server 2000 SP1 in un cluster di server

Per installare SQL Server 2000 SP1 in un cluster di server:
  • Eseguire SQL Server 2000 SP1 dal nodo che possiede che la groupthat contiene il server virtuale che si desidera aggiornare. Questo willinstall il service pack i file su tutti i nodi del cluster.
  • Nella finestra di dialogo, immettere il nome del server virtuale che si sta aggiornando.
  • Mantenere tutti i nodi del cluster in linea durante l'installazione. Thisguarantees che l'aggiornamento viene applicato a ciascun nodo del cluster.
Installazione provoca il riavvio del cluster.

Installare SQL Server 2000 SP1 su server replicati

Questo service pack si applicano a tutti i partecipanti di SQL Server 2000 nella topologia di replica questi partecipanti includono editore, distributore e sottoscrittori. Distribuire SQL Server 2000 SP1 su server replicati nella sequenza seguente:
  • Server di distribuzione, se separato dall'editore
  • Server di pubblicazione
  • Server di sottoscrizione
Nota. La maggior parte dei casi, il server di distribuzione e il server di pubblicazione sono sullo stesso server. Ciò vale soprattutto nella replica di tipo merge. Il server di distribuzione e il server di pubblicazione vengono aggiornati contemporaneamente.

Nella replica di tipo merge, il database di distribuzione viene utilizzato solo per memorizzare la cronologia dell'agente. In genere, il database di distribuzione risiede nello stesso computer in cui risiede il database pubblicato. Tuttavia, è necessario anche un database remoto di distribuzione per la replica di tipo merge nei siti che si desidera centralizzare l'accesso alla cronologia agente.

Potrebbe non essere in grado di aggiornare immediatamente tutti i server in una topologia di replica. Tuttavia, le operazioni di replica vengono in genere influenzate tra server che eseguono istanze di SQL Server 2000 e questo service pack. Le eccezioni sono descritte in "un nuovo MaxCmdsInTran - parametro per l'agente di lettura Log" più avanti in questo articolo.

Disinstallazione di SQL Server 2000 SP1

Per ripristinare la versione pre-SP1 di SQL Server o Analysis Services, è necessario eseguire le operazioni seguenti:
  • Rimuovere SQL Server 2000 SP1.
  • Installare SQL Server 2000.
  • Ripristinare il database master, il database msdb e anyuser database.
Attenersi alla seguente procedura per ripristinare la versione pre-SP1 di SQL Server o Analysis Services:
  1. Eseguire il backup di tutti i database utente.
  2. Nel Pannello di controllo fare doppio clic su Add/RemovePrograms, fare clic sull'istanza di SQL Server che si desidera rimuovere e quindi fare clic su Rimuovi.
  3. Installare SQL Server 2000 dal CD o costantemente il percorso è stato installato SQL Server da.
  4. Ripristinare il database master e il database msdb da thelast backup creato prima dell'applicazione di SQL Server 2000 SP1.
  5. Ripristinare i database utente.

Installazioni automatiche

Database Components SP1 può essere applicato a un'istanza di SQL Server 2000 in esecuzione su un computer è in modalità automatica. CD di SP1 di componenti di Database contiene i file iss che possono essere utilizzati per eseguire installazioni automatiche di SP1. Questi file si trovano nella directory principale del CD. I file consente di eseguire diversi tipi di installazioni, come segue:
  • Utilizzare Sql2kdef.iss per applicare Database Components SP1 a adefault istanza di SQL Server 2000 in esecuzione su Windows 2000 o Windows NT 4.0 operativo sistema. Il corrispondente file batch da utilizzare isSql2kdef.bat.
  • Utilizzare Sql2knm.iss per applicare SP1 di componenti di Database a un namedinstance di SQL Server 2000 in esecuzione su Windows 2000 o il sistema operativo Windows NT 4.0. È necessario modificare il nome dell'istanza di toidentify di file l'istanza è in corso l'aggiornamento di ISS.
  • Utilizzare Sql2ktls.iss per applicare Database Components SP1 all'installazione solo atools. Questo file può essere utilizzato per l'installazione senza anymodifications.
  • Per applicare Database Components SP1 a acomputer che esegue Windows Millennium Edition o Windows 98operating system, utilizzare Sql2k9x.iss. È necessario modificare l'istanza del nome per identificare il instancethat in corso di aggiornamento.
  • Utilizzare Sql2kcli.iss per applicare Database Components SP1 all'installazione di componenti di un client Telnet in un computer che esegue il sistema di 95operating di Windows.

Ridistribuzione dei componenti client di Database Components SP1

Questo service pack include un file autoestraente denominato Sqlredis.exe e una versione di Redist. txt. Questi file sono in Database Components SP1. Per impostazione predefinita, quando viene eseguito Sqlredis.exe, effettuate le seguenti operazioni:
  • Esegue il Mdac_typ.exe da Microsoft Data Access Components (MDAC) 2.61. Consente di installare i componenti di base di MDAC 2.61. Theversions di SQL Server e Desktop Engine client connectivity componenti thatare inclusi in questo service pack viene installato anche.
  • Installa connectivitycomponents e i driver ODBC di Microsoft Jet.
È possibile ridistribuire il file Sqlredis.exe con gli stessi termini e condizioni sono indicate nel file Redist. txt incluso in questo service pack.

Note sulla documentazione

In questa sezione vengono descritti i problemi che possono verificarsi quando si esegue questo service pack. Questi problemi si verificano in esecuzione il service pack per l'aggiornamento a SQL Server 2000. Non risultano dalle correzioni contenente questo service pack.

Utilizzo di caratteri cinese, giapponese o coreano con Database Components SP1

Se si installa componenti di Database di SP1 su un server che esegue il sistema operativo Windows NT 4.0 o Windows 98 e l'aggiornamento a Windows 2000, l'aggiornamento a Windows 2000 sostituisce alcuni file di sistema. Questi file di sistema sono necessari per l'ordinamento dei caratteri del cinese, giapponese o coreano. Se si utilizzano caratteri cinesi, giapponesi o coreani nei database di SQL Server, eseguire di nuovo la versione di Sqlredis.exe fornito con SQL Server 2000 SP1 dopo avere completato l'aggiornamento a Windows 2000. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione di Sqlredis.exe, vedere la "Ridistribuzione dei componenti client di Database Components SP1" .

Nota. Non è necessario eseguire di nuovo Sqlredis.exe nei computer client o server che si servono di database che contengono caratteri di cinese, giapponese o coreano.

Visualizzatore metadati consente di esportare i metadati in Unicode

Avviso. L'utilizzo non corretto dell'Editor del Registro di sistema si possono provocare problemi gravi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non garantisce che sia possibile risolvere i problemi derivanti dall'errato utilizzo dell'Editor del Registro di sistema. Utilizzare l'Editor del Registro di sistema a proprio rischio.

Visualizzatore metadati ora consente di esportare metadati basato su XML in formato Unicode. Prima di SQL Server 2000 SP1, il browser esportati codice ANSI. Codice ANSI, tuttavia, non supporta i caratteri non inglesi. Questa modifica funzionale è trasparente all'utente. Da questa versione di SQL Server 2000 SP1, i dati esportati viene sempre espresso come Unicode.

È comunque possibile esportare in codice ANSI impostando il valore della seguente sottochiave del Registro di sistema a zero:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Repository\Engine\XMLExport
Di seguito sono elencati i valori che è possibile impostare per questa sottochiave del Registro di sistema:
  • NOOBJID = 1
  • NOHEADER = 2
  • RIENTRO = 4
  • UNICODE = 8
  • LOGUNMAPPEDTAGS = 16
  • EXPORTBASE = 32
Per ulteriori informazioni su ogni flag, vedere "IExport::Export Method" nella documentazione in linea di SQL Server.

Partizioni remote

Quando viene creata una partizione remota su un server locale con SQL Server 2000 SP1 installato, il server remoto deve utilizzare un account utente che dispone delle autorizzazioni di accesso completo al cubo padre nel server locale. Tutti gli account utente membro del gruppo OLAP Administrators nel server locale dispone di autorizzazioni di accesso completo.

Inoltre, se il server locale dispone di SQL Server 2000 SP1 installato, il server remoto anche necessario SQL Server 2000 installato SP1 per creare o amministrare le partizioni remote.

Gruppi di hash rimossi

In questo service pack, sono stati rimossi i gruppi di hash. A causa di alcuni miglioramenti a SQL Server 2000, i team di hash producono non più le prestazioni che sono disponibili in SQL Server 7.0. Inoltre, la rimozione di gruppi di hash rende SQL Server 2000 più stabile. Di conseguenza, query optimizer genera non è più piani di query utilizzando i team di hash.

In alcuni casi, la rimozione di gruppi di hash può causare la query venga elaborata più lentamente. Analizzare questo tipo di query per vedere se la creazione di indici più appropriati le prestazioni delle query restituito il livello precedente.

Opzioni di maschera di affinità aggiunti

A questo service pack sono state aggiunte due opzioni di maschera di affinità.

Switch i/o della maschera di affinità

Con questo service pack, è possibile specificare le CPU sono utilizzate per eseguire thread per le operazioni dei / o disco. È necessario utilizzare questa opzione con l'opzione affinity mask . Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
298402 Informazioni su come impostare l'opzione di affinità dei / o di SQL Server
Opzione di connessione maschera di affinità

Con questo service pack, è possibile configurare i sistemi abilitati per architettura VIA (Virtual Interface) per associare le connessioni di SQL Server da determinate schede di rete a un processore o a un insieme di processori. Questa opzione deve essere utilizzata con l'opzione affinity mask . Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
299641 Capire come configurare una maschera di affinità di connessione a SQL Server

Miglioramenti di Analysis Services

In SQL Server 2000 SP1 sono inclusi i seguenti miglioramenti di Analysis Services:
  • Un aggiornato clientsetup ridistribuibile di Analysis Services
  • Si attiva il supporto per algorithmproviders di data mining di tipo di dati di terze parti
  • Analysis Services può essere installato su computer che i file client di haveupdated

Aggiornamenti di installazione di Analysis Services client redistributable


Analysis Services SP1 include versioni aggiornate dei seguenti programmi di installazione ridistribuibile client:
  • PTSLite.exe
  • PTSFull.exe
Utilizzare queste impostazioni client aggiornato nelle applicazioni per prevenire o risolvere problemi di installazione di client che possono verificarsi quando si utilizza Analysis Services e Microsoft Office XP.

Si attiva il supporto per i provider di algoritmi di data mining di terze parti


Analysis Services SP1 include ora il supporto per l'aggiunta di dati di altri provider di algoritmi di data mining. Per ulteriori informazioni sullo sviluppo di un provider di algoritmi di data mining, vedere OLE DB per dati Mining Resource Kit. Il kit include il codice per un provider di algoritmi di data mining campione. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web Microsoft:
http://www.microsoft.com/data
Installazione di Analysis Services in un computer con i file di client aggiornato


Se si installa SQL Server 2000 Analysis Services in un computer che contiene i file di client aggiornato, ad esempio SQL Server 2000 SP1 o Office XP, è necessario applicare Analysis Services SP1 per assicurarsi che il client funzioni correttamente e che è possibile esplorare i cubi.

Miglioramenti apportati alla replica

In SQL Server 2000 SP1 sono inclusi i seguenti miglioramenti di replica:
  • Replica transazionale in una stored procedure personalizzata UPDATE
  • Aggiornamenti della replica transazionale in uniquecolumns
  • Restrizioni rimozione dall'elaborazione degli snapshot concorrenti
  • La replica transazionale script customprocedures
  • Pulitura basata sulla memorizzazione dei metadati di replica di unione
  • Ripristino dei database replicati da versionsof diverse di SQL Server
  • Nuovo parametro - MaxCmdsInTran per l'agente di lettura Log

AGGIORNAMENTO per la replica transazionale in stored procedure personalizzata


Durante l'installazione della replica transazionale, stored procedure personalizzate per insert, delete e azioni di aggiornamento vengono create nel database di sottoscrizione. Indipendentemente da quante colonne sono interessate da un'istruzione UPDATE , l' aggiornamento stored procedure Aggiorna tutte le colonne nella tabella delle sottoscrizioni. Questo aggiornamento imposta tutte le colonne che non sono stato modificato a se stesso. In genere, questa azione non causa problemi. Tuttavia, se uno qualsiasi di queste colonne è indicizzato, reimpostando le colonne può essere costoso.

Se le condizioni seguenti sono true, l'overhead di manutenzione indice potrebbe diventare un fattore limitante quando le modifiche vengono applicate nel server di sottoscrizione:
  • Si utilizza la replica transazionale.
  • Si dispone di più indici sul subscriptiontable.
  • Poiché cambiano solo alcuni valori di colonna ofupdates.
Ad esempio, un database di sottoscrizione che viene utilizzato per la creazione di report potrebbe essere più numerosi indici di database di pubblicazione. Creazione in modo dinamico l'istruzione UPDATE in fase di esecuzione per migliorare le prestazioni. L'aggiornamento include solo le colonne che sono stati modificati. Pertanto, consente di creare una stringa UPDATE ottimale.

Questo service pack include una nuova stored procedure, sp_scriptdynamicupdproc. Questa stored procedure genera una stored procedure personalizzata, che è possibile utilizzare nel server di sottoscrizione per creare dinamicamente l'istruzione update in fase di esecuzione. Tuttavia, un'ulteriore elaborazione si incorrerà in fase di esecuzione per l'istruzione di aggiornamento dinamico per la compilazione.
sp_scriptdynamicupdproc

Genera l'istruzione CREATE PROCEDURE che crea una procedura di aggiornamento dinamico memorizzato. L'istruzione UPDATE all'interno della stored procedure personalizzata viene creato dinamicamente basato sulla sintassi MCALL che indica le colonne da modificare. Utilizzare questa stored procedure, se è in crescita il numero di indici della tabella di sottoscrizione e il numero di colonne da modificare è ridotto. Questa stored procedure viene eseguita nel server di pubblicazione nel database di pubblicazione.

Sintassi

sp_scriptdynamicupdproc [ @artid =] artid

Argomenti

[@artid =] artid È l'ID di articolo. artid è intsenza un valore predefinito.

Set di risultati

Restituisce un set di risultati che è costituito da una colonna nvarchar (4000) singolo. Il set di risultati l'istruzione CREATE PROCEDURE completa che consente di creare la stored procedure personalizzata.

Note

La procedura sp_scriptdynamicupdproc memorizzata viene utilizzata in repliche transazionali. La logica di script MCALL predefinita include tutte le colonne all'interno dell'istruzione UPDATE . La logica viene utilizzata una bitmap per determinare le colonne che sono stati modificati. Se una colonna non è stata modificata, la colonna viene reimpostata a se stesso. Questo processo in genere non causa problemi. Se la colonna è indicizzata, si verifica un'ulteriore elaborazione. L'approccio dinamico include solo le colonne che sono stati modificati. Includere solo le colonne che sono stati modificati fornisce una stringa UPDATE ottimale. Tuttavia, un'ulteriore elaborazione si verifica in fase di esecuzione quando viene compilata l'istruzione di aggiornamento dinamico. Si consiglia di testare i metodi statici e dinamici e di scegliere la soluzione ottimale.

Autorizzazioni

I membri del ruolo public possono eseguire la routine di sp_scriptdynamicupdproc archiviati.

Esempi

Questo esempio viene creato un articolo (con artid impostato su 1) della tabella authors del database pubs. L'esempio specifica che l'istruzione UPDATE è la routine personalizzata da eseguire:
'MCALL sp_mupd_authors'
Genera le stored procedure personalizzate da eseguire tramite l'agente di distribuzione nel server di sottoscrizione eseguendo la seguente stored procedure nel server di pubblicazione:
EXEC sp_scriptdynamicupdproc @artid = '1'
The statement returns:

create procedure [sp_mupd_authors] 
  @c1 varchar(11),@c2 varchar(40),@c3 varchar(20),@c4 char(12),@c5 varchar(40),@c6 varchar(20),
  @c7 char(2),@c8 char(5),@c9 bit,@pkc1 varchar(11),@bitmap binary(2)
as

declare @stmt nvarchar(4000), @spacer nvarchar(1)
select @spacer =N''
select @stmt = N'update [authors] set '

if substring(@bitmap,1,1) & 2 = 2
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[au_lname]' + N'=@2'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 4 = 4
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[au_fname]' + N'=@3'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 8 = 8
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[phone]' + N'=@4'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 16 = 16
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[address]' + N'=@5'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 32 = 32
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[city]' + N'=@6'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 64 = 64
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[state]' + N'=@7'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,1,1) & 128 = 128
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[zip]' + N'=@8'
  select @spacer = N','
end
if substring(@bitmap,2,1) & 1 = 1
begin
  select @stmt = @stmt + @spacer + N'[contract]' + N'=@9'
  select @spacer = N','
end
select @stmt = @stmt + N' where [au_id] = @1'
exec sp_executesql @stmt, N' @1 varchar(11),@2 varchar(40),@3 varchar(20),@4 char(12),@5 varchar(40),
                             @6 varchar(20),@7 char(2),@8 char(5),@9 bit',@pkc1,@c2,@c3,@c4,@c5,@c6,@c7,@c8,@c9

if @@rowcount = 0
   if @@microsoftversion>0x07320000
      exec sp_MSreplraiserror 20598

Dopo aver eseguito la stored procedure, è possibile utilizzare lo script per creare manualmente la stored procedure nei server di sottoscrizione.
Istruzioni UPDATE di replica transazionale su colonne univoche


Nella replica transazionale, le istruzioni UPDATE in genere vengono replicate come gli aggiornamenti. Ma se l'aggiornamento per la modifica di qualsiasi colonna che fa parte di un indice univoco, di un indice cluster, o di un'espressione che viene utilizzata come un vincolo univoco, l'aggiornamento viene eseguito come un'istruzione DELETE seguita da un'istruzione INSERT nel server di sottoscrizione. Ciò avviene perché questo tipo di aggiornamento può influenzare più righe e una violazione dell'univocità può verificarsi se gli aggiornamenti sono stati recapitati riga per riga.

Tuttavia, se l'aggiornamento influisce solo una riga, una violazione dell'univocità non avrà luogo. Di conseguenza, il flag di traccia 8207 è stato aggiunto a questo service pack per consentire aggiornamenti a qualsiasi colonna univoca che interessano solo una riga per essere replicate come istruzioni di aggiornamento . Questa ottimizzazione è stata aggiunta specificamente per le applicazioni che è necessario installare trigger di aggiornamento definiti dall'utente nel server di sottoscrizione e che richiedono questi trigger da attivare per gli aggiornamenti che interessano solo una riga in una colonna univoca.

Per utilizzare il flag di traccia 8207, accenderlo al prompt dei comandi digitando sqlservr.exe-T8207, o solo in fase di esecuzione utilizzando DBCC TRACEON(8207,-1) prima dell'avvio dell'agente di lettura Log.

Importante In genere, i flag di traccia 8207 viene utilizzato con la replica transazionale di sola lettura. Non utilizzare questo flag di traccia con sottoscrizioni aggiornabili se la chiave primaria di aggiornamento si verifica nel server di sottoscrizione.

Restrizioni rimozione dall'elaborazione degli snapshot concorrenti


In SQL Server 2000, elaborazione degli snapshot concorrenti non era consigliato se la tabella di pubblicazione ha un indice univoco che non è stata la chiave primaria o la chiave di clustering. Se sono state apportate modifiche ai dati per la chiave di clustering durante la generazione di un concorrente di snapshot, replica potrebbe non riuscire con un errore di chiave duplicato quando lo snapshot concorrente è stato applicato a un server di sottoscrizione. In questo service pack, non sono più le restrizioni sull'utilizzo di elaborazione degli snapshot concorrenti.

Replica transazionale procedure personalizzate per la creazione di script


Quando si impostano le sottoscrizioni non sincronizzate, è necessario creare manualmente le procedure personalizzate per istruzioni INSERT, UPDATEe DELETE . Le sottoscrizioni nosync sono sottoscrizioni che non ricevono lo snapshot iniziale. In genere, queste istruzioni vengono create nel server di sottoscrizione quando viene recapitato lo snapshot iniziale. È stata aggiunta una nuova stored procedure, sp_scriptpublicationcustomprocs, per generare script per le stored procedure personalizzate a livello di pubblicazione. Questa nuova funzionalità potrebbe rendono più semplice impostare le sottoscrizioni nosync.

sp_scriptpublicationcustomprocs

Script le procedure personalizzate per INSERT, UPDATE e DELETE per tutte della tabella articoli in una pubblicazione che include l'opzione schema procedura personalizzata di generazione automatica. La procedura sp_scriptpublicationcustomprocs memorizzato è particolarmente utile per impostare le sottoscrizioni con snapshot applicato manualmente.

Sintassi

sp_scriptpublicationcustomprocs [@publication] = publication_name

Argomenti

[@publication] = publication_name
È il nome della pubblicazione. publication_name è di tipo sysname senza un valore predefinito.

Return Code Values


0 (esito positivo) o 1 (errore)

Set di risultati

Restituisce un set di risultati che è costituito da una colonna nvarchar (4000) singolo. Il set di risultati completo istruzione CREATE PROCEDURE necessarie per creare la stored procedure personalizzata.

Note

Procedure personalizzate non vengono inseriti nello script per gli articoli senza l'opzione schema procedura personalizzata (0x2) genera automaticamente.

Autorizzazioni

Esecuzione di autorizzazione viene concessa al pubblico. Viene eseguito un controllo di protezione procedurali all'interno di questa stored procedure per limitare l'accesso ai membri del ruolo server sysadmin e db_owner prefissato del database corrente.

Esempio

In questo esempio viene generato uno script delle stored procedure personalizzate in una pubblicazione denominata Northwind.
exec Northwind.dbo.sp_scriptpublicationcustomprocs 
@publication = N'Northwind'

Pulitura basata sulla memorizzazione dei metadati di replica di unione

In alcuni casi, la pulitura dei metadati è stato creato in tabelle di sistema durante l'elaborazione della replica di tipo merge migliora le prestazioni di replica di tipo merge. Per la pulitura dei metadati nelle tabelle di sistema in SQL Server 2000, la topologia di replica doveva essere inattivi e dati dovevano essere inattivo.

Tuttavia, SQL Server 2000 SP1 include pulitura dei metadati basata sulla memorizzazione. Di conseguenza, i metadati possono essere eliminati più facilmente dalle tabelle di sistema seguente:
  • MSmerge_contents
  • MSmerge_tombstone
  • MSmerge_genhistory
Quando è attivata l'opzione di ottimizzazione di sincronizzazione @keep_partition_changes per la pubblicazione, pulitura dei metadati basata sulla memorizzazione Elimina metadati dalle tabelle immagini precedente.

Rimozione dei metadati basata sul criterio di conservazione si verifica come segue:
  • Se il parametro di agente di Merge ?MetadataRetentionCleanup è impostato su 1, l'agente di Merge pulizia theSubscriber e il server di pubblicazione che sono coinvolti nella stampa unione. Per impostazione predefinita, il parametro di agente di Merge ?MetadataRetentionCleanup è impostato su 1.
Nota. Il parametro MetadataRetentionCleanup 1 fa parte di tutti i profili agente di Merge inclusi in questo service pack.
  • Se il parametro MetadataRetentionCleanup è impostato su 0, non si verifica il processo di pulitura automatica. Inthis caso di avviare manualmente i metadati basati su memorizzazione pulitura eseguendo il sp_mergemetadataretentioncleanup stored procedure. Questa procedura è un nuovo sistema stored procedurethat è incluso in questo service pack. Il server di sottoscrizione e il server di pubblicazione, è necessario eseguire questo atboth di stored procedure.
Il periodo di memorizzazione predefinito per le pubblicazioni è 14 giorni. Se un articolo fa parte di più pubblicazioni, è possibile siano periodi di memorizzazione differenti. In questo caso, il periodo di conservazione più lungo viene utilizzato per determinare che il primo possibile tempo pulitura che può verificarsi.

Prevenire i conflitti false

Pulitura dei metadati basata sulla memorizzazione impedisce nonconvergence e silent sovrascrive le modifiche in altri nodi. Tuttavia, false conflitti si verificano le seguenti condizioni:
  • Il pulizia dei metadati a un nodo e non a anothernode nella topologia.
  • Si verifica un aggiornamento successivo al nodo di pulizia su un rowwhose dei metadati è stato eliminato.
Ad esempio, se la pulizia dei metadati nel server di pubblicazione ma non nel server di sottoscrizione e viene eseguito un aggiornamento nel server di pubblicazione, si verifica un conflitto anche se i dati vengono visualizzati da sincronizzare. Per evitare questo conflitto, assicurarsi che i metadati viene puliti in nodi correlati allo stesso momento. Se viene utilizzato il parametro MetadataRetentionCleanup 1, il server di pubblicazione e server di sottoscrizione vengono puliti automaticamente prima dell'avvio dell'unione. Questo processo garantisce che i nodi vengono eliminati contemporaneamente. Per risolvere il conflitto, utilizzare un sistema di risoluzione di conflitti di replica di tipo merge. Gestire il conflitto, allo stesso modo di gestire eventuali altri conflitti di replica di tipo merge.

Se un articolo appartiene a più pubblicazioni o se un articolo è in scenari di ripubblicazione, i periodi di memorizzazione per una riga specifica dell'editore e sottoscrittore potrebbero essere diversi. Per ridurre la possibilità di pulitura dei metadati su un lato, ma non su altro lato, è consigliabile che tali pubblicazioni diverse presentano periodi di conservazione simili.

Nota. Se è necessario eseguire la pulizia grandi quantità di metadati nelle tabelle di sistema, il processo di unione può richiedere tempo di esecuzione. La pulizia dei metadati regolarmente per evitare questo problema.

Problemi di backup e ripristino per la replica di tipo merge


Un database di pubblicazione ripristinato da un backup prima deve essere sincronizzato con un database di sottoscrizione che dispone di una sottoscrizione globale per garantire la convergenza corretto comportamento. Una sottoscrizione globale ha un valore di priorità assegnato. Sincronizzazione garantisce che le modifiche sono andate perse al database di pubblicazione per l'operazione di ripristino vengono riapplicate in modo accurato.

Non sincronizzare il database di pubblicazione con un database di sottoscrizione che dispone di una sottoscrizione anonima. Poiché le sottoscrizioni anonime non dispongono di sufficienti metadati per applicare le modifiche al database di pubblicazione. Sincronizzazione con un database che dispone di una sottoscrizione anonima potrebbe causare la non convergenza dei dati.

Quando si prevede di eseguire il backup e ripristino le operazioni di replica di tipo merge, è necessario considerare i seguenti problemi aggiuntivi:
  • Ripristinare i database di sottoscrizione da copie di backup che non vengono oltre il periodo di memorizzazione.
Ripristinare un database di sottoscrizione da un backup solo se il backup non sia precedente rispetto al periodo di conservazione più breve di tutte le pubblicazioni che il server di sottoscrizione sottoscrive. Ad esempio, se un server di sottoscrizione sottoscrive tre pubblicazioni con periodi di memorizzazione di 10, 20 e 30 giorni, rispettivamente, il backup consente di ripristinare il database non deve essere più di 10 giorni.
  • Sincronizzare prima di generare una copia di backup.
Si consiglia di sincronizzare un server di sottoscrizione al server di pubblicazione prima di eseguire un backup. In caso contrario, il sistema potrebbe non convergono correttamente se il server di sottoscrizione viene ripristinato dal backup. Anche se il file di backup potrebbe essere del tutto nuovo, l'ultima sincronizzazione con un server di pubblicazione potrebbe essere vecchia quasi come il periodo di memorizzazione. Ad esempio, si supponga che una pubblicazione ha un periodo di conservazione di 10 giorni. L'ultima sincronizzazione è stata 8 giorni fa, quando viene eseguito il backup. Se il backup viene applicato successivamente 4 giorni, dell'ultima sincronizzazione 12 giorni fa. Oltre il periodo di conservazione è stata eseguita la sincronizzazione. Se il server di sottoscrizione è stato sincronizzato prima il backup, il database di sottoscrizione sarebbe entro il periodo di memorizzazione.
  • Se si modifica il valore di publicationretention di reinizializzare il server di sottoscrizione.
Se è necessario modificare il valore di memorizzazione della pubblicazione, reinizializzare manualmente il server di sottoscrizione per evitare la convergenza non di dati. La funzionalità di pulitura dei metadati basata sulla memorizzazione Elimina metadati non aggiornato dalle tabelle di sistema di stampa unione quando viene raggiunto il periodo di memorizzazione della pubblicazione.

Il valore di memorizzazione della pubblicazione viene utilizzato per determinare quando devono scadere sottoscrizioni non sono state sincronizzate entro il periodo di memorizzazione. Se le seguenti condizioni sono vere, la sottoscrizione non scadrà a causa del valore maggiore di conservazione:
  • Il periodo di memorizzazione della pubblicazione viene incrementato dopo acleanup
  • Una sottoscrizione tenta di unire con il server di pubblicazione e thePublisher è già eliminato i metadati.
Inoltre, l'editore non dispone di sufficienti metadati per scaricare le modifiche al server di sottoscrizione. Questa situazione porta a nonconvergence.
  • Utilizzare gli stessi valori di conservazione di pubblicazione per allPublishers e i loro partner di sincronizzazione alternativo. Utilizzo differentvalues può rendere non convergenza.

Ripristino dei database replicati da versioni diverse di SQL Server


Ripristino del backup nello stesso server e database mantiene le impostazioni di replica. Se si desidera ripristinare un database replicato a una versione di SQL Server diversa da quella utilizzata per il backup del database, considerare quanto segue:
  • Se si desidera ripristinare il database in SQL Server 2000 SP1from un backup creato con SQL Server 2000 e si desidera preservereplication impostazioni, è necessario eseguire la procedura sp_vupgrade_replication archiviati. Esegue il sp_vupgrade_replication stored procedura garantisce che il isupgraded di metadati di replica. Se non si esegue sp_vupgrade_replication, i metadati della replica possono essere lasciati in un unpredictablestate.
  • Se si desidera ripristinare un database in SQL Server 2000 da abackup creato con SQL Server 7.0 rilasciare versione Service Pack 1 o Service Pack 2 e Service Pack 3 e si desidera mantenere replicationsettings, è necessario creare nuovamente il backup prima di installare service pack. È direttamente un database a SQL Server 2000 SP1 da un backup di ripristino di areplicated di database che è stato creato in SQL Server 7.0. Tuttavia, replicationsettings non vengono conservate.
Un nuovo parametro - MaxCmdsInTran per l'agente di lettura Log

In SQL Server 2000 SP1, un nuovo parametro della riga di comando denominato - MaxCmdsInTran è stato aggiunto per l'agente di lettura Log. Questo parametro consente di migliorare il parallelismo tra l'agente e l'agente di distribuzione. Pertanto, il parametro migliora la velocità effettiva di replica. Tuttavia, questi blocchi vengono salvate nel server di sottoscrizione come transazioni singole. Di conseguenza, la proprietà ACID di atomicità è interrotta. Questo risultato non è, un problema la maggior parte dei casi. Tuttavia, si consiglia di eseguire il test del risultato per assicurarsi che non è un problema.

Per le transazioni che interessano molti comandi, ad esempio l'aggiornamento di massa o eliminare le transazioni, l'agente di distribuzione deve attendere l'agente di lettura Log scrivere l'intera transazione nel database di distribuzione prima di propagare le transazioni nel server di sottoscrizione. Questo ritardo consente di bloccare l'agente di distribuzione. Riduce inoltre il parallelismo tra i due agenti.

Utilizzando il parametro - MaxCmdsInTran , l'agente di lettura Log interruzioni di transazioni di grandi dimensioni in sezioni più piccole. Ogni blocco contiene lo stesso o meno i comandi di input - MaxCmdsInTran . Pertanto, l'agente di distribuzione può elaborare blocchi precedenti di una transazione, mentre l'agente di lettura Log funziona tramite blocchi successive della stessa transazione.

Definizione del parametro ?MaxCmdsInTran

Specificare un numero intero positivo (1 o superiore) per il valore del parametro - MaxCmdsInTran . Un valore pari a 0 equivale a non utilizzare il parametro affatto. Poiché questo parametro migliora le prestazioni solo quando la transazione è di grandi dimensioni, un valore pari a 5000 o più grande per questo parametro è tipico. Ad esempio:
logread.exe -MaxCmdsInTran 10000.
Per utilizzare questo parametro, il server di pubblicazione deve essere in esecuzione SQL Server 2000 Service Pack 1. A questo service pack, è necessario aggiornare il database dell'agente di lettura Log e distribuzione. In caso contrario, il parametro - MaxCmdsInTran viene ignorato.

Miglioramenti di English Query

Microsoft ha rilasciato un miglioramento della protezione per applicazioni English Query. Questo miglioramento non è installato come parte di SQL Server 2000 SP1. È tuttavia consigliabile applicarlo se si utilizzano English Query. Per ulteriori informazioni sul miglioramento della English Query, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
297105 FIX: Possibile problema di protezione English Query

Proprietà

Identificativo articolo: 889553 - Ultima modifica: sabato 21 settembre 2013 - Revisione: 2.0
Chiavi: 
kbdatabase kbservicepack kbhowto kbinfo kbmt KB889553 KbMtit
Traduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l?obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 889553
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com