Modifiche alle proprietÓ personalizzate in Outlook

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 907985 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

per garantire la modalitÓ di coerente impiego le proprietÓ personalizzate, o campi, Office Outlook 2003 Service Pack 2 (SP2) e versioni successive di Outlook limite alcuni dei metodi che di archivi di dati di Outlook Ŕ possibile aggiungere proprietÓ personalizzate. Ad esempio, le proprietÓ personalizzate possono essere introdotta in modo specifico nel file delle cartelle personali (pst) di Outlook.

INTRODUZIONE

In questo articolo effettua le seguenti operazioni:
  • Viene fornita una panoramica delle proprietÓ personalizzate.
  • Viene illustrato come il comportamento delle proprietÓ personalizzate Ŕ stato modificato in Outlook 2003 SP2 e versioni successive di Outlook.
  • Vengono illustrate alcune procedure consigliate per creare nuove proprietÓ e alcuni metodi che non Ŕ consigliabile.

Informazioni

Sulle proprietÓ personalizzate

Le proprietÓ personalizzate vengono utilizzate da programmi di posta elettronica, quali Outlook, per aggiungere ulteriori informazioni a un messaggio. In genere, queste informazioni aggiuntive vengono utilizzate da un programma di posta elettronica per uno scopo specifico. Tuttavia, esistono altri modi che le proprietÓ personalizzate possono essere utilizzate. Ad esempio, Ŕ possibile aggiungere proprietÓ personalizzate per i messaggi o gli elementi se si utilizzano moduli personalizzati di Outlook e tali moduli contengono campi personalizzati. Le proprietÓ personalizzate vengono spesso utilizzate per aggiungere ulteriori informazioni per scopi di verifica. Le proprietÓ personalizzate vengono utilizzate anche per aggiungere dati che un utente non dispone di vedere. Una soluzione personalizzata inoltre possibile aggiungere proprietÓ personalizzate a elementi normali. Una soluzione personalizzata consente a livello di programmazione di aggiunge le proprietÓ personalizzate a un messaggio o un elemento senza un modulo personalizzato.

ProprietÓ personalizzate possono essere resi persistenti nel formato di file con estensione msg e il formato di file di oft in Outlook. Inoltre, le proprietÓ personalizzate possono essere mantenute alla posta elettronica i messaggi inviati tramite Internet se il mittente utilizza l'opzione Invia utilizza il formato RTF di Outlook . Questa opzione incapsula la sezione MAPI il messaggio in TNEF (Transport Neutral Encapsulation Format) e quindi il formato TNEF viene decodificato quando viene ricevuto il messaggio.

Un mittente Ŕ possibile inviare un messaggio di posta elettronica include proprietÓ personalizzate nei seguenti scenari:
  • Viene inviato un modulo personalizzato one-off. Nei moduli one-off, il modulo Ŕ incorporato nel messaggio. Il modulo non Ŕ pubblicato in un' posizione. Per ulteriori informazioni sui moduli one-off, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito riportato:
    290657Descrizione delle definizioni dei moduli e moduli one-off in Outlook 2002
  • Viene inviato un modulo personalizzato pubblicato. In questo caso, il modulo personalizzato non viene inviato perchÚ il modulo non Ŕ incorporato nel messaggio. Tuttavia, le proprietÓ personalizzate sono state utilizzate nel modulo sono ancora incluso nel messaggio.
Nota Esistono molti modi per fare riferimento a proprietÓ personalizzate, a seconda del contesto in cui vengono utilizzate le proprietÓ personalizzate. Nell'interfaccia utente di Outlook, ad esempio in Selezione campi di, le proprietÓ personalizzate sono definite come campi definiti dall'utente o come campi personalizzati. Nella libreria di oggetti di Outlook, le proprietÓ personalizzate possono fare riferimento a come le proprietÓ dell'utente o come proprietÓ definite dall'utente dopo l'insieme UserProperties . In MAPI, i campi personalizzati vengono definiti proprietÓ denominate. MAPI fornisce una funzionalitÓ per eseguire le operazioni seguenti:
  • Assegnare nomi alle proprietÓ
  • Mappare i nomi agli identificatori univoci
  • Rendere persistente il mapping
Per ulteriori informazioni su come proprietÓ denominate vengono implementate in MAPI, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/ms529055.aspx
Nota In un ambiente di Exchange, il termine "memorizzare" utilizzato in questo articolo si riferisce a una cassetta postale intera archiviare (database). Il termine non fa riferimento a archivio di cassette postali un singolo utente. In un'organizzazione possono essere presenti uno o pi¨ database delle cassette postali di Exchange.

Modifiche del comportamento in Outlook

L'implementazione di MAPI in Outlook Ŕ stato modificato controllo personalizzato come le proprietÓ possono essere create. Per garantire l'utilizzo coerente di proprietÓ personalizzate, le proprietÓ personalizzate devono giÓ essere utilizzate nell'organizzazione o nel client di Outlook. Non appena le proprietÓ personalizzate vengono utilizzate o sono registrate, le proprietÓ personalizzate possono essere liberamente trasmessi per altri client di Outlook o per i server che eseguono Exchange Server. Le proprietÓ personalizzate possono essere inviate anche su Internet.

I messaggi di posta elettronica vengono in genere inviati in formato MIME tramite Internet. Quando Outlook riceve un messaggio di posta elettronica Internet, il messaggio viene convertito in una rappresentazione in formato MAPI. Di seguito Ŕ riportati esempi di protocolli di posta elettronica Internet:
  • POP
  • IMAP
  • HTTP (Hotmail)
Per impostazione predefinita, Outlook attiva non Ŕ pi¨ posta Internet per creare nuove proprietÓ personalizzate. Per i messaggi di posta elettronica in arrivo vengono mantenute solo le proprietÓ che sono giÓ create nell'archivio di recapito di posta elettronica predefinito. Questa modifica avrÓ effetto principalmente sui messaggi inviati in formato TNEF incapsulato (Winmail.dat), in cui il mittente ha utilizzato l'opzione Invia utilizza il formato RTF di Outlook . Tuttavia, i messaggi di Internet che contengono proprietÓ dell'intestazione messaggio di X vengono anche influenzati.

Nota Messaggi che contengono proprietÓ personalizzate che vengono inviate in un'organizzazione di Exchange non sono interessati da queste modifiche.

ProprietÓ personalizzate possono essere salvate anche nei file con estensione msg e nei file con estensione oft. Se un utente apre un file con estensione msg con proprietÓ personalizzate, le proprietÓ personalizzate non vengono salvate per l'archivio predefinito quando viene salvato il messaggio inoltrato e cosý via. In genere, i file con estensione oft vengono utilizzati per eseguire il backup moduli personalizzati di Outlook. Con i file con estensione oft, il nuovo comportamento Ŕ applicata al tutti i tipi di elementi. Non verrÓ aperto il modulo personalizzato. VerrÓ invece visualizzato il messaggio nel modulo predefinito per tale tipo di elemento specifico.

In sintesi, questa modifica della struttura pu˛ provocare eseguite due operazioni:
  • Outlook ignora le proprietÓ personalizzate non esistente. Se una proprietÓ personalizzata non Ŕ presente nell'archivio di recapito, la proprietÓ non verrÓ creata e il valore andranno perso. Se la proprietÓ personalizzata esiste giÓ nell'archivio di recapito, il valore viene mantenuto. Questa modifica si applica al seguente:
    • Messaggi di posta elettronica Internet con TNEF e i relativi messaggi incorporati.
    • Messaggi S/MIME.
    • file con estensione msg quando si trascina il file con estensione msg in una finestra di elemento di Outlook per aggiungere il file a un altro elemento. Questa modifica si applica anche ai file di msg quando si trascina il file con estensione msg nella finestra principale di Outlook per aggiungere il file in una cartella o nella finestra di Microsoft Word quando si utilizza Word come editor di posta elettronica.
    • file msg un utente fa doppio clic o si fa clic con il pulsante destro del mouse per aprire.
  • Outlook ignora la definizione del modulo one-off. Se un modulo one-off specifica una proprietÓ personalizzata e che la proprietÓ personalizzata non esiste nell'archivio di recapito, non viene eseguito il rendering del form one-off. Al contrario, l'utente riceverÓ modulo predefinito per quel tipo di elemento specifico. Questa modifica si applica ai messaggi di posta elettronica Internet che contengono una definizione di modulo one-off viene incapsulata in TNEF. Questa modifica, inoltre, si applica ai file con estensione oft un utente fa doppio clic o si fa clic con il pulsante destro del mouse per aprire.

Procedure ottimali e altri modi per creare nuove proprietÓ

Esistono diversi modi che Ŕ possibile progettare e sviluppare soluzioni personalizzate. Alcuni di questi metodi sono considerate le procedure consigliate. Altri approcci potrebbero funzionare anche, ma non si consiglia di questi approcci per uno o pi¨ motivi.

Best practice: aggiungere campi personalizzati a livello di programmazione

Diverse API utilizzabile per aggiungere a livello di codice i campi personalizzati a elementi. Per effettuare questa operazione, utilizzare il metodo di UserProperties.Add nella libreria di oggetti di Outlook ("Outlook.Application"). Il codice riportato di seguito illustra questa pratica migliore.
Set myProp = myItem.UserProperties.Add("MyPropName", olText)
Ŕ anche possibile utilizzare la libreria di oggetti CDO ("MAPI.Session") per aggiungere campi personalizzati. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/ms527518.aspx
Per gli sviluppatori in c ++, Extended MAPI Ŕ utilizzato per aggiungere proprietÓ denominate. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito Web MSDN:
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/ms529684.aspx

Best practice: Usa pubblicato moduli personalizzati che contengono campi personalizzati

Outlook Ŕ in gran parte trust pubblicati i moduli personalizzati. Tuttavia, Outlook non considera attendibili non pubblicati moduli o moduli one-off. Include i file con estensione oft. Pertanto, quando si progetta una soluzione modulo personalizzato, Ŕ consigliabile pubblicare il modulo personalizzato. ╚ necessario progettare il modulo in modo che il modulo non Ŕ un modulo one-off. Fino a quando un modulo viene pubblicato, il modulo non essere interessato dalla modifica in Outlook.
Per ulteriori informazioni sui moduli one-off (moduli one-off come Ŕ possibile creare inavvertitamente, fare clic sul seguente numero per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
290657Descrizione delle definizioni dei moduli e moduli one-off in Outlook 2002

Quando si pubblica un file con estensione oft in un altro archivio, l'archivio predefinito consente di creare le proprietÓ nell'archivio. Inoltre quando si crea un modulo personalizzato con proprietÓ personalizzate e si pubblica nella libreria di moduli appropriato o la cartella, le proprietÓ personalizzate sono create nell'archivio interessato.

Best practice: distribuzione a livello di programmazione di moduli personalizzati

Se si sta sviluppando un modulo personalizzato di Outlook che verrÓ utilizzato da altri utenti, esistono in modo univoco diversi approcci che Ŕ possibile utilizzare. L'approccio che Ŕ possibile utilizzare dipende da diversi fattori. Questi fattori include il tipo di modulo, che utilizza il modulo, in cui verrÓ utilizzato il modulo, e cosý via. Se un modulo personalizzato verrÓ utilizzato da numerosi utenti, si consiglia in genere, di pubblicare il modulo nella libreria moduli organizzazione. Tuttavia, se ci˛ non Ŕ possibile, sarÓ necessario pubblicare il modulo in una cartella condivisa o nella libreria moduli personali di alcuni utenti. A livello di programmazione, Ŕ possibile installare un modulo personalizzato, mediante il metodo CreateItemFromTemplate nella libreria di oggetti di Outlook. Utilizzare il metodo CreateItemFromTemplate per aprire un file oft e quindi pubblicare il modulo utilizzando il metodo PublishForm . In questo caso, un file con estensione oft non Ŕ interessato dalle modifiche delle proprietÓ personalizzate.

Scelta non consigliata: distribuire o inviare agli utenti di aprire file con estensione oft

╚ possibile salvare moduli personalizzati di Outlook come file con estensione oft. Questi moduli possono contenere campi personalizzati, le modifiche dell'interfaccia utente e codice personalizzato di Microsoft Visual Basic, Scripting Edition (VBScript) per aggiungere funzionalitÓ del modulo. Anche se Outlook Ŕ giÓ contiene funzionalitÓ che il codice VBScript nei file con estensione oft impedire l'esecuzione, Outlook ora inoltre limitato l'utilizzo di file con estensione oft. Se un file con estensione oft contiene proprietÓ personalizzate e l'utente non ha utilizzato in precedenza le proprietÓ personalizzate, le proprietÓ personalizzate non sono nell'archivio predefinito dell'utente. Il rendering di Outlook non viene eseguito il modulo personalizzato quando l'utente fa doppio clic il file. Tuttavia, per aprire un modulo personalizzato viene memorizzato come un file con estensione oft di Outlook, fare clic su file , fare clic su Nuovo e scegliere Scegli modulo . ╚ possibile quindi modificare il percorso Modelli utente nel File System e quindi scegliere Sfoglia per aprire il file con estensione oft. VerrÓ aperto il modulo e le proprietÓ personalizzate Ŕ possibile salvare l'archivio predefinito.

Non consigliato: utilizzare la chiave del Registro di sistema di AllowNamedProps

Alcune organizzazioni potrebbero essere validi motivi per cui dispongono di alcune proprietÓ personalizzate disponibili in tutta l'organizzazione. Se vengono utilizzati pi¨ archivi, sarÓ necessario per assicurarsi che un insieme di proprietÓ personalizzate pu˛ essere aggiunti a tutti gli archivi. Di conseguenza, Outlook 2003 SP2 e versioni successive supportano chiavi di registro lato client che consente di specificare le proprietÓ personalizzate possono vengano create. Per specificare le proprietÓ personalizzate devono essere attivate, le proprietÓ personalizzate sono definite nella seguente chiave del Registro di sistema: \Outlook\AllowedNamedProps\
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\<version>\Outlook\AllowedNamedProps\


Nota In questa chiave del Registro di sistema <version > Ŕ un segnaposto per la versione di Outlook che si sta utilizzando. Per Outlook 2003, il numero di versione Ŕ 11.0. Per Outlook 2007, il numero di versione Ŕ 12.0. Il numero di versione aumenterÓ nelle versioni successive di Outlook.

La struttura di chiave del Registro di sistema globale per una voce nel Registro di sistema Ŕ:

<GUID>
<Property Name >
"Tipo" (dword)
"ID" (dword)
"Tipo" (dword)
Nella struttura di chiave del Registro di sistema vengono utilizzati i seguenti segnaposto:
  • <GUID >: contiene il GUID che specifica il set di proprietÓ. Campi personalizzati di Outlook o proprietÓ, che Ŕ possibile utilizzare in un modulo personalizzato Outlook tutti disporre il GUID {00020329-0000-0000-C000-000000000046}. In MAPI, il GUID viene definito come PS_PULIC_STRINGS. Tuttavia, programmi MAPI personalizzati potrebbero avere il proprio GUID per le proprietÓ personalizzate.
  • <Property Name >: Specifica il nome della proprietÓ. Se la proprietÓ Ŕ denominata da una stringa, il <Property Name > nome della proprietÓ stringa effettiva. Se la proprietÓ Ŕ denominata da un ID, il valore di questa chiave del Registro di sistema viene ignorato. Tuttavia, Ŕ necessario assegnare la proprietÓ un nome univoco in modo che la proprietÓ pu˛ essere memorizzata nel Registro di sistema. Se la chiave di tipo Ŕ impostata su 1 o Ŕ 0, il nome della chiave del Registro di sistema <> verrÓ determinare il nome della proprietÓ. Se la chiave di tipo non Ŕ uguale a 1, il nome della chiave del Registro di sistema verrÓ ignorato.
  • "Tipo" (dword): Specifica se la proprietÓ Ŕ denominata da un ID o da una stringa. Se il valore Ŕ 0, la proprietÓ verrÓ denominata da un ID. Il nome Ŕ un valore numerico specificato da un ID. Se il valore Ŕ 1, la proprietÓ verrÓ denominata da una stringa. Questa impostazione Ŕ l'impostazione predefinita quando ? tipo ? non Ŕ presente.
  • "ID" (dword): contiene il nome di ID di una proprietÓ denominata da un ID. Questa informazione Ŕ necessaria se la chiave di tipo Ŕ impostata su 0. Se la chiave di tipo Ŕ impostata su 1, queste informazioni viene ignorate.
  • "Tipo" (dword): Specifica il tipo di proprietÓ.
Questa chiave del Registro di sistema Ŕ necessaria, ma la chiave del Registro di sistema non Ŕ attualmente utilizzata. Nella tabella riportata di seguito sono elencati i possibili valori di questa chiave del Registro di sistema in base al tipo MAPI.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
Tipo MAPI Valore Descrizione
PT_UNSPECIFIED 0 Riservato per utilizzo di interfaccia, (tipo non Ŕ importante chiamante)
PT_NULL 1 Valore della proprietÓ NULL
PT_I2 2 Valore con segno a 16 bit
PT_LONG 3 Valore con segno a 32 bit
PT_R4 4 a virgola mobile a 4 byte
PT_DOUBLE 5 Doppia a virgola mobile
PT_CURRENCY 6 Signed int 64-bit (w/4 cifre decimali a destra del decimale pt)
PT_APPTIME 7 Fase dell'applicazione
PT_ERROR 10 valore di errore a 32 bit
PT_BOOLEAN 11 16-bit valore booleano (true diverso da zero)
PT_OBJECT 13 Oggetto incorporato in una proprietÓ
PT_I8 20 valore integer con segno a 8 byte
PT_STRING8 30 Stringa di 8 bit di terminazione null
PT_UNICODE 31 Stringa Unicode con terminazione null
PT_SYSTIME 64 Integer a 64 bit FILETIME con w/numero di periodi di 100ns dall'1 gennaio 1601
PT_CLSID 72 GUID DI OLE
PT_BINARY 258 Uninterpreted (matrice di conteggio byte)
PT_MV_UNSPECIFIED 4096
PT_MV_NULL 4097
PT_MV_I2 4098
PT_MV_LONG 4099
PT_MV_R4 4100
PT_MV_DOUBLE 4101
PT_MV_CURRENCY 4102
PT_MV_APPTIME 4103
PT_MV_ERROR 4106
PT_MV_BOOLEAN 4107
PT_MV_OBJECT 4109
PT_MV_I8 4116
PT_MV_STRING8 4126
PT_MV_UNICODE 4127
PT_MV_SYSTIME 4160
PT_MV_CLSID 4168
PT_MV_BINARY 4354
Di seguito Ŕ un esempio di come impostare una proprietÓ denominata stringa:
Nome: ? MyStringFieldName1 ?
Tipo: PT_LONG
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\11.0\Outlook\AllowedNamedProps\{00020329-0000-0000-C000-000000000046}\MyStringFieldName1] "Type"=dword:00000003
Di seguito Ŕ un esempio di come impostare una proprietÓ denominata ID:
ID: 0X0330
Tipo: PT_LONG
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\11.0\Outlook\AllowedNamedProps\{00020329-0000-0000-C000-000000000046}\MyMAPIProp1] "Kind"=dword:00000000 "ID"=dword:00000330 "Type"=dword:00000003

Per questi due esempi, il Registro di sistema Ŕ simile al seguente nell'editor del Registro di sistema:

{00020329-0000-0000-C000-000000000046}
MyStringFieldName1
Tipo = 3

MyStringFieldName2
Tipo = 3

{00020329-0000-0000-C000-000000000046}
MyMAPIProp1
Tipo = 0
ID = 330
Tipo = 3

MyMAPIProp2
Tipo = 0
ID = 331
Tipo = 3

Scelta non consigliata: riattivare la possibilitÓ di creare proprietÓ

Tre chiavi del Registro di sistema possono essere distribuite in computer client per disattivare il blocco delle proprietÓ personalizzate e ripristinare Outlook il comportamento precedente. Queste chiavi del Registro di sistema sono supportate da criteri di gruppo. Seguenti chiavi del Registro di sistema Ŕ possono ripristinare Outlook 2003 al comportamento precedente:

Nota Seguenti chiavi del Registro di sistema non ripristinare Outlook 2007 al comportamento precedente.
  • AllowTNEFtoCreateProps (
    HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\11.0\Outlook\Options\Mail] "AllowTNEFtoCreateProps"=dword:00000000
    ): se il valore Ŕ 0, TNEF/MIME Impossibile creare nuove proprietÓ personalizzate non Outlook. Questo valore Ŕ il valore predefinito. Il valore Ŕ 1, TNEF/MIME possibile creare nuove proprietÓ personalizzate non Outlook.
  • AllowMSGFilestoCreateProps : se il valore Ŕ 0, i file di msg e file con estensione oft Impossibile creare nuove proprietÓ personalizzate non Outlook. Questo valore Ŕ il valore predefinito. Se il valore Ŕ 1, i file con estensione msg e i file con estensione oft possono di creare il nuove proprietÓ personalizzate non Outlook.
  • DisallowTNEFPreservation : per facilitare la migrazione per questo nuovo comportamento, Outlook conservi il formato TNEF originale quando le proprietÓ personalizzate non vengono create. La codifica TNEF originale viene salvata in un flusso binario sull'elemento che viene salvato. Outlook utilizza il seguente tag di proprietÓ per salvare il flusso:
    PR_TNEF_UNPROCESSED_PROPS PROG_TAG (PT_BINARY 0X0E9C).
    Il
    HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\11.0\Outlook\Options\Mail] "DisallowTNEFPreservation "=dword:00000000
    impostazione controlli se viene creato la proprietÓ PR_TNEF_UNPROCESSED_PROPS del Registro di sistema.

    Nota La proprietÓ PR_TNEF_UNPROCESSED_PROPS verrÓ rimossa da un messaggio quando si incorpora un messaggio in un altro messaggio come allegato. La ProprietÓ PR_TNEF_UNPROCESSED_PROPS viene rimosso anche quando si inoltra un messaggio o una risposta a un messaggio.

ProprietÓ

Identificativo articolo: 907985 - Ultima modifica: giovedý 22 novembre 2007 - Revisione: 4.3
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Office Outlook 2007
  • Microsoft Office Outlook 2003
Chiavi:á
kbmt kbinfo KB907985 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 907985
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com