L'utilizzo di proprietÓ denominate per voci della rubrica contatto si riferiscono ai messaggi di posta elettronica, indirizzi di posta elettronica e allegati di immagine in Outlook 2003

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 912237 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Questo articolo Ŕ stato archiviato. L?articolo, quindi, viene offerto ?cosý come Ŕ? e non verrÓ pi¨ aggiornato.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

INTRODUZIONE

La rubrica contatto Ŕ una funzionalitÓ in Office Outlook 2003 Service Pack 2 (SP2), solo come nelle precedenti versioni di Microsoft Outlook. In questo articolo viene descritto come utilizzare le proprietÓ denominate per correlare voci della Rubrica contatti per i messaggi di posta elettronica, indirizzi di posta elettronica e allegati di immagine in Outlook 2003 SP2.

Informazioni

Informazioni sulla rubrica contatto

Il provider di rubrica contratto incluso in Outlook 2003 SP2 Ŕ contab32.dll. Questo provider Visualizza informazioni da una cartella contatti sotto forma di una Rubrica contatti. Il provider esegue questo affinchÚ sia possibile utilizzare i contatti nella rubrica contatto indirizzare i messaggi di posta elettronica. Tutti i contatti che dispongono di un indirizzo di posta elettronica o un numero di fax sono rappresentati nella Rubrica contatti da un elenco separato per ciascun numero indirizzo o fax di posta elettronica. PoichÚ un contatto potrebbe essere fino a tre indirizzi di posta elettronica e tre i numeri di fax, il ogni contatto pertanto pu˛ essere rappresentato da fino a sei voci distinte nella Rubrica contatti.

Come correlare i movimenti rubrica contatto ai messaggi di posta elettronica

Le informazioni di una voce di Rubrica contatti sono un sottoinsieme di informazioni nel messaggio di posta elettronica sottostante per il contatto. Per determinare la voce di Rubrica contatti da cui deriva un messaggio sottostante Ŕ possibile utilizzare la seguente struttura CONTAB_ENTRYID.

definizione
#pragma pack(4)
typedef struct _contab_entryid
{
  BYTE misc1[4];
  MAPIUID misc2;
  ULONG misc3;
  ULONG misc4;
  ULONG misc5;
  // EntryID of contact in store.
  ULONG cbeid;
  BYTE abeid[1];
} CONTAB_ENTRYID, *LPCONTAB_ENTRYID;
#pragma pack()
CONTAB_ENTRYID la struttura definisce il formato degli oggetti di ID di IMailUser voce vengono utilizzati nella Rubrica contatti. ╚ possibile ottenere gli ID voce di questo tipo da una o entrambe delle seguenti origini:
  • La colonna PR_ENTRYID della tabella Contatto Rubrica contenuto
  • La proprietÓ PR_ENTRYID di un oggetto IMailUser che viene aperto dalla rubrica contatto
Per aprire il messaggio sottostante, typecast l'ID contatto Rubrica a questa struttura. Quindi, utilizzare i membri cbeid e abeid come ID di voce. ?s il contatto

esempio Microsoft fornisce esempi di programmazione a scopo puramente illustrativo, senza alcuna garanzia espressa o implicita. Questo include, ma non Ŕ limitato a, le garanzie implicite di commerciabilitÓ o idoneitÓ per uno scopo specifico. Questo articolo si presuppone che conosca il linguaggio di programmazione in questione e gli strumenti utilizzati per creare ed eseguire il debug di procedure. Tecnici del supporto Microsoft possono spiegare la funzionalitÓ di una particolare procedura, ma in nessun sono caso a modificare questi esempi per fornire funzionalitÓ aggiuntive o creare procedure per soddisfare specifiche esigenze.
HRESULT HrOpenContact(
  LPMAPISESSION lpSession,
  ULONG cbEntryID,
  LPENTRYID lpEntryID,  
  ULONG ulFlags,
  LPMESSAGE* lpContactMessage)
{
  ULONG ulObjType = NULL;
  if (sizeof(CONTAB_ENTRYID) > cbEntryID)
      return MAPI_E_INVALID_PARAMETER;
  LPCONTAB_ENTRYID lpContabEID = (LPCONTAB_ENTRYID) lpEntryID;
  HRESULT hRes = lpSession->OpenEntry(
      lpContabEID->cbeid,
      (LPENTRYID) lpContabEID->abeid,
      NULL,
      ulFlags,
      &ulObjType,
      (LPUNKNOWN*) lpContactMessage);
  return hRes;
}

Come correlare i movimenti contatto Rubrica a indirizzi di posta elettronica

L'unico modo per accedere agli indirizzi posta elettronica in un messaggio contatto Rubrica Ŕ tramite le proprietÓ denominate nel messaggio sottostante. Le proprietÓ che sono documentate sono proprietÓ di sola lettura. Outlook 2003 non supporta soluzioni che scrivere queste proprietÓ.

definizioni
DEFINE_OLEGUID(PSETID_Address, MAKELONG(0x2000+(0x04),0x0006),0,0);
#define dispidEmailAddrType 0x8082
#define dispidEmailEmailAddress 0x8083
#define dispidEmail2AddrType 0x8092
#define dispidEmail2EmailAddress 0x8093
#define dispidEmail3AddrType 0x80A2
#define dispidEmail3EmailAddress 0x80A3
DEFINE_OLEGUID(PSETID_Address, MAKELONG(0x2000+(0x04),0x0006),0,0); #define dispidEmailAddrType 0x8082 #define dispidEmailEmailAddress 0x8083 #define dispidEmail2AddrType 0x8092 #define dispidEmail2EmailAddress 0x8093 #define dispidEmail3AddrType 0x80A2 #define dispidEmail3EmailAddress... utilizzo

╚ possibile utilizzare le costanti seguenti per compilare la struttura MAPINAMEID. Queste costanti sono i vari campi della struttura.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
CostanteCampo
PSETID_AdresslpGuid
MNID_IDulKind
DISPIDCoperchio
Una volta compilato la struttura MAPINAMEID, Ŕ possibile utilizzare il metodo GetIDsFromNames per ottenere la proprietÓ ID corrente per queste proprietÓ. Queste proprietÓ sono tutte le proprietÓ di stringa.

esempio Microsoft fornisce esempi di programmazione a scopo puramente illustrativo, senza alcuna garanzia espressa o implicita. Questo include, ma non Ŕ limitato a, le garanzie implicite di commerciabilitÓ o idoneitÓ per uno scopo specifico. Questo articolo si presuppone che conosca il linguaggio di programmazione in questione e gli strumenti utilizzati per creare ed eseguire il debug di procedure. Tecnici del supporto Microsoft possono spiegare la funzionalitÓ di una particolare procedura, ma in nessun sono caso a modificare questi esempi per fornire funzionalitÓ aggiuntive o creare procedure per soddisfare specifiche esigenze.
HRESULT HrGetEmail1(LPMESSAGE lpContact)
{
  HRESULT hRes = S_OK;
  LPSPropTagArray lpNamedPropTags = NULL;
  MAPINAMEID NamedID = {0};
  LPMAPINAMEID lpNamedID = &NamedID;
  NamedID.lpguid = (LPGUID)&PSETID_Address;
  NamedID.ulKind = MNID_ID;
  NamedID.Kind.lID = dispidEmailEmailAddress;
  hRes = lpContact->GetIDsFromNames(
      1,
      &lpNamedID,
      NULL,
      &lpNamedPropTags);
  if (SUCCEEDED(hRes) && lpNamedPropTags)
  {
      SPropTagArray sPropTagArray;
      sPropTagArray.cValues = 1;
      sPropTagArray.aulPropTag[0] = CHANGE_PROP_TYPE(lpNamedPropTags->aulPropTag[0],PT_STRING8);
      LPSPropValue lpProps = NULL;
      ULONG cProps = 0;
      hRes = lpContact->GetProps(
        &sPropTagArray,
        NULL,
        &cProps,
        &lpProps);
    if (SUCCEEDED(hRes) &&
      1 == cProps &&
      lpProps &&
      PT_STRING8 == PROP_TYPE(lpProps[0].ulPropTag) &&
      lpProps[0].Value.lpszA)
      {
          printf("Email address 1 = \"%s\"\n",lpProps[0].Value.lpszA);
      }
    MAPIFreeBuffer(lpProps);
    MAPIFreeBuffer(lpNamedPropTags);
  }
  return hRes;
}

Correlare voci della rubrica contatto alle immagini

Outlook supporta una singola immagine per ogni contatto. L'immagine viene memorizzata come un allegato nel messaggio sottostante. Per determinare quale allegato contiene l'immagine, utilizzare la proprietÓ PR_ATTACHMENT_CONTACTPHOTO . La proprietÓ documentato di seguito Ŕ una proprietÓ di sola lettura. Outlook non supporta soluzioni che scrivere questa proprietÓ.

definizione

#define PR_ATTACHMENT_CONTACTPHOTO PROP_TAG( PT_BOOLEAN, 0x7FFF)
utilizzo

La proprietÓ PR_ATTACHMENT_CONTACTPHOTO accessibili come colonna nella tabella degli allegati Ŕ ottenuta tramite IMessage::GetAttachmentTable. La proprietÓ PR_ATTACHMENT_CONTACTPHOTO avviene come proprietÓ sull'oggetto IAttach. Se il valore della proprietÓ PR_ATTACHMENT_CONTACTPHOTO Ŕ true, l'allegato contiene l'immagine del contatto. L'immagine viene memorizzata come un file JPEG. Utilizzare i metodi MAPI tipici per estrarre questo allegato in un file.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni, visitare i seguenti siti Web Microsoft:
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/bb905282.aspx
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/bb820925.aspx
http://msdn2.microsoft.com/en-us/library/bb821181.aspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 912237 - Ultima modifica: mercoledý 29 gennaio 2014 - Revisione: 2.1
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Office Outlook 2003áalle seguenti piattaforme
    • Microsoft Office 2003 Service Pack 2
Chiavi:á
kbnosurvey kbarchive kbmt kbhowto KB912237 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 912237
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com