Gli attributi di Active Directory che fanno riferimento a un prefisso non possono essere archiviati nella copia locale di Active Directory in un computer che esegue Microsoft Windows Server 2003

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 913539 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sintomi

In un computer che esegue Microsoft Windows Server 2003, gli attributi di directory di servizio Active Directory che fanno riferimento a un prefisso non si possono archiviare nella copia locale di Active Directory. Quando si verifica ci˛, la relativa allocazione di memoria ID Ŕ bloccata. Si si pu˛ inoltre verificare uno o pi¨ seguenti sintomi.

Sintoma 1

Quando si installano i computer basato su Microsoft Windows 2000 Server o i computer Microsoft Windows Server 2003 come controller di dominio aggiuntivo, questi controller di dominio aggiuntivo si possono non riuscire a ottenere un pool di allocazione RID nei domini esistenti. Pu˛ inoltre non essere possibile creare le nuove identitÓ di protezione. Gli esempi di identitÓ di protezione includono gli account utente, gli account computer e i gruppi di protezione. Il seguente evento si pu˛ inoltre registrare nel registro di eventi di servizi di directory:

Event Type: Errore
Origine evento: SAM
Categoria di eventi: Nessun
ID evento: 16.650
Data: M/M/DD/YYYY
Volta: HH:MM:SS AM|PM
Utente: N/D
Computer: <domain controller name>
Descrizione: Impossibile inizializzarsi correttamente l'allocatore di identificatore di account. Il dato di record contiene il codice di errore NT che ha causato l'errore. ╚ possibile provare a ripetere l'inizializzazione Windows 2000 finchÚ esso riesce; fino quella volta, la creazione di account si negherÓ su questo controller di dominio. Cercare altri registri di eventi SAM che possono indicare il motivo esatto dell'errore.

Sintoma 2

Quando si aumenta la registrazione diagnostica per la voce Accesso alla directory di Registro di sistema a un valore di 4 o un valore che Ŕ maggiore di 4 nel controller di dominio newly-promoted, il seguente evento si pu˛ registrare nel registro di eventi di servizi di directory:

Event Type: Informazioni
Origine evento: NTDS generale
Categoria di eventi: Accesso alla directory
ID evento: 1175
Data: M/M/DD/YYYY
Volta: HH:MM:SS AM|PM
Utente: Tutto
Computer <il nome di controller di dominio>
Descrizione: Un'operazione privilegiata ( ) i diritti necessari = l'x 0 sull'oggetto <percorso per l'oggetto> non riuscito perchÚ un non-security ha messo l'errore nella relazione, si era verificato.

Nota: La registrazione Diagnostica si configura nella seguente sottochiave di Registro di sistema:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\NTDS\Diagnostics
Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
314980 Come configurare l'evento diagnostico di Active Directory che accede Windows Server

Cause

Questo problema si verifica poichÚ i computer Windows Server 2003 Service Pack 1-based aggiungono i prefissi hardcoded a Active Directory. Questi prefissi non sono l'outgoing-replicated in genere ai controller di dominio di partner.

I prefissi incoerenti tra i partner di replica non possono interferire con replica di Active Directory. I computer possono eseguire i sistemi operativi che sono anteriori di Windows Server 2003 Service Pack 1. Questi computer rifiutano il pool RID quando esse rilevano i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 nello stato di thread locale.

Per ulteriori informazioni a proposito di come ottenere un pool RID da un computer Windows Server 2003 Service Pack 1-based, vedere la sezione "Ulteriori informazioni".

Workaround

Per ovviare al problema, utilizzare uno dei metodi descritti di seguito

Metodo 1

Installare Microsoft Windows Server 2003 Service Pack 1 in un computer che esegue Windows Server 2003. Per ulteriori informazioni a proposito di come ottenere Windows Server 2003 Service Pack 1, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
889100 Come ottenere il service pack pi¨ recente per Windows Server 2003

Metodo 2

Aggiornare i controller di dominio che eseguono Windows 2000 Server fino a Windows Server 2003 Service Pack 1.

3

Se il controller di dominio esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1, apportare una modifica di schema secondario. Attenere a questa seguente procedura a eseguire l'operazione:
  1. Copiare il codice riportato di seguito in Blocco note e quindi salvare il file. Attenere a questa seguente procedura a eseguire l'operazione:
    1. Fa clic sul pulsante Start sceglie Esegui il tipo notepad , e quindi sceglie OK.
    2. Copiare il codice riportato di seguito e quindi incollarlo in Blocco note.
      dn: CN=Address,CN=Schema,CN=Configuration,DC=X
      changetype: modify
      replace: adminDescription
      adminDescription: address
      -
      
      dn:
      changetype: modify
      add: schemaUpdateNow
      schemaUpdateNow: 1
      -
      
    3. Salvare il documento utilizzando il nome di file Simplefix.ldf.
  2. Assegnare le operazioni operative di schema o il FSMO di master, anche flessibile al singolo master a un controller di dominio che esegue Windows Server 2003 Service Pack 1.
  3. Accedere alla console del master di operazioni di Schema come un membro del gruppo di protezione di schema Administrators.
  4. Digitare:
    Ldifde -I -f simpleFix.ldf -c DC=X domain DN
    Nota: Sostituire domain DN con il dominio effettivo DN.

4 Metodo

╚ possibile forzare un controller di dominio aggiuntivo da un controller specifico di dominio all'origine utilizzando un file di risposta dcpromo. Nei domini piccoli, Ŕ possibile anche arrestare il servizio Accesso rete sui controller di dominio che eseguono i sistemi operativi che sono anteriori di Windows Server 2003 Service Pack 1. Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
223757 La promozione e abbassamento automatici dei controller di dominio Windows 2000 e Windows Server 2003

5 Metodo

Trasferire il master RID nel dominio interessato a un controller di dominio che esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1. Il master RID deve restare su un controller di dominio che esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1. Il master di operazioni RID si deve restare in questo controller di dominio finchÚ dispongono di prefissi di Service Pack 1 nell'ingresso tutti i controller di dominio della foresta. Per assegnare i prefissi di Service Pack 1, Ŕ necessario utilizzare il metodo che si descrive nella sezione 4 Metodo.

Status

Microsoft ha confermato che ci˛ Ŕ un problema nei prodotti Microsoft elencati nella sezione da "Applicare a".

Informazioni

Una richiesta di pool di computer in cui non si installa Service Pack 1 RID si rifiuta quando questi computer rilevano i prefissi di Service Pack 1 che soddisfano i seguenti criteri:
  • Esse sono in uno stato di thread locale.
  • Questo stato di thread locale Ŕ stato ottenuto da Windows Server 2003 Service Pack 1 RID Masters.
  • Lo stato di thread Ŕ ottenuto da questi master RID utilizzando uno dei seguenti scenari.

Scenario 1

  1. Il master di operazioni RID si trova in un controller di dominio Windows Server 2003 Service Pack 1-based. Il master di operazioni RID risiede nell'alternativa su un controller di dominio basato su Windows 2000 o un controller di dominio basati su Windows Server 2003 che dispone di una partizione di schema. Questa partizione contiene i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 nella sua copia locale di Active Directory.
  2. Un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o un controller di dominio basati su Windows Server 2003 Ŕ installato come un controller di dominio aggiuntivo in un dominio esistente.
  3. Il controller di dominio aggiuntivo seleziona un controller di dominio che esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1 per generare lo schema, la configurazione e le partizioni di dominio. Se il domain si utilizza un controller Windows Server 2003 Service Pack 1, il i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 vengono incoming-replicated quando l'Installazione guidata di Active Directory (Dcpromo.exe) installa Active Directory.
  4. Il controller di dominio newly-promoted non pu˛ ottenere un pool locale RID dal master di operazioni RID. Pertanto a questo controller di dominio Ŕ impedito che crei i nuovi account utente, gli account computer e i gruppi di protezione.

Scenario 2

  1. Il master di operazioni RID si trova in un controller di dominio Windows Server 2003 Service Pack 1-based cui partizione di schema contiene i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 nella sua copia locale di Active Directory. Questo master di operazioni si trova nell'alternativa in un controller di dominio basato o basato su Windows Server 2003 su Windows 2000 cui partizione di schema contiene i prefissi Windows Server 2003 di Service Pack 1 nella sua copia locale di Active Directory.
  2. Un controller di dominio basato su Windows 2000 Server o un controller di dominio basati su Windows Server 2003 Ŕ installato come un Installa dalla promozione Media (IFM). Il backup derivato da un controller di dominio che esegue quello a un sistema operativo dello stato di sistema Ŕ inoltre anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1.
  3. Il controller di dominio aggiuntivo seleziona un controller di dominio che esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1. Il controller di dominio aggiuntivo esegue ci˛ per generare lo schema, la configurazione e le partizioni di dominio. Se il domain si utilizza un controller Windows Server 2003 Service Pack 1, i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 sono l'incoming-replicated durante l'installazione di Active Directory dal file Installazione guidata di Active Directory (Dcpromo.exe).
  4. Il controller di dominio non pu˛ ottenere un pool locale RID dal master di operazioni RID che impedisce esso creare i nuovi account utente, gli account computer e i gruppi di protezione.

Scenario 3

  1. Il master di operazioni RID si trova in un controller di dominio che dispone di prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 nella sua copia locale di Active Directory.
  2. Un backup dello stato di sistema si esegue su un controller di dominio che esegue un sistema operativo che Ŕ anteriore di Windows Server 2003 Service Pack 1. Questo controller di dominio non contiene i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 nella sua copia locale di Active Directory.
  3. Si ripristina il backup creato a passaggio 2 dello stato di sistema. Questo processo invalida il pool locale RID. Questo processo attiva inoltre la richiesta per un nuovo pool RID dal master di operazioni RID.
Attributi di schema e le classi vengono identificati da una stringa dei numeri conoscuti come un oggetto identificatore (anche un OID) nel modo univoco. Il codice di Active Directory utilizza un diverso paradigma. Questo paradigma fa riferimento agli attributi da un valore DWORD denominato "attId" Il mapping di questo riferimento di valore a e da riferimento identificatori all'oggetto si descrive in una tabella di prefisso.

╚ difficile di circa 30 prefissi codificato nella tabella di prefisso. Quando si visualizza un oggetto identificatore con un nuovo prefisso, il codice di controller di dominio aggiunge il nuovo prefisso alla tabella. La parte della tabella di prefisso non codificata rigida Ŕ memorizzata nell'attributo prefixMap sopra la testina di schema. Ogni controller di dominio gestisce la proprio sua tabella di prefisso. La tabella di prefisso non si replica come una parte di una replica di Active Directory tipica.

╚ possibile aggiungere i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1 ai controller esistenti di dominio basata su Windows Server dall'installazione di primo Service Pack 1 o dopo essersi installato il computer nel dominio. In questo modo, i prefissi si aggiungono dal file Ntdsa.dll che si contiene in Windows Server 2003 Service Pack 1. I controller di dominio basato su Windows 2000 Server e i controller di dominio basati su Windows Server 2003 che non possono installare Windows Server 2003 Service Pack 1 tuttavia possono ottenere i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1. ╚ possibile esse effettuare l'operazione modificando lo schema in un controller di dominio Windows Server 2003 Service Pack 1 che contiene il ruolo di master di operazioni per lo schema. I computer di un gruppo di lavoro basato su Windows 2000 e i computer di un gruppo di lavoro basato su Windows Server 2003 possono ottenere i prefissi Windows Server 2003 Service Pack 1. ╚ possibile esse effettuare l'operazione generando la loro copia iniziale di Active Directory da un controller di dominio di supporto Windows Server 2003 Service Pack 1 o qualsiasi uno dei seguenti controller di dominio:
  • Un controller di dominio basato su Windows 2000 Server ha generato quello direttamente o transitively la sua copia iniziale di Active Directory da un controller di dominio di supporto Windows Server 2003 Service Pack 1
  • Un controller basato su Windows Server 2003 di dominio ha generato quello direttamente o transitively la sua copia iniziale di Active Directory da un controller di dominio di supporto Windows Server 2003 Service Pack 1
Durante l'esecuzione dell'Installazione guidata di Active Directory, il nuovo controller di dominio replica completamente la partizione di schema. La tabella di prefisso pertanto si replica inoltre completamente dall'helper al nuovo controller di dominio. Per ulteriori informazioni, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo del Microsoft Knowledge Base:
314980 Come configurare l'evento diagnostico di Active Directory che accede Windows Server
Il mapping funziona quando si immette a esso un oggetto identificatore. Mantenere l'ultima parte dell'identificatore di oggetto. Memorizzare il prefisso nella tabella di prefisso. Utilizzare l'indice dell'elemento assieme all'ultima parte dell'identificatore di oggetto come il valore DWORD "attId"

Supporto tecnico le versioni 64-based di Windows

Il produttore di hardware fornisce l'assistenza di carattere tecnico e l'assistenza tecniche le versioni 64-based di Windows. Il produttore di hardware fornisce il supporto perchÚ una versione 64-based x di Windows era inclusa con l'hardware. Il produttore di hardware potrebbe avere personalizzato l'installazione di Windows con i componenti univoci. I componenti univoci potrebbero includere i driver di periferica specifica o potrebbero includere le impostazioni facoltative per ottimizzare la prestazione dell'hardware. Microsoft fornirÓ l'assistenza reasonable-effort se ha il bisogno di aiuto tecnico con la versione 64-based x di Windows. Si tuttavia pu˛ dovere contattare il produttore direttamente. Al produttore gli Ŕ qualificato che supporti il software che ha installato il produttore nell'hardware la meglio.

Per informazioni su Edition Microsoft Windows x XP Professional sul prodotto, visitare il seguente sito Web Microsoft:
http://www.microsoft.com/windowsxp/64bit/default.mspx
Per informazioni sul prodotto le versioni 64-based di Microsoft Windows Server 2003, visitare il seguente sito Web Microsoft a proposito di:
http://www.microsoft.com/windowsserver2003/64bit/x64/editions.mspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 913539 - Ultima modifica: giovedý 11 ottobre 2007 - Revisione: 2.6
Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003, Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003, Enterprise Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
Chiavi:á
kbtshoot kbprb KB913539 KbMtit kbmt
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica. Nel caso in cui si riscontrino degli errori e si desideri inviare dei suggerimenti, Ŕ possibile completare il questionario riportato alla fine del presente articolo.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 913539
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com