Descrizione dello snap-in di gestione di file system distribuito (DFS) in Windows Server 2003 R2

Traduzione articoli Traduzione articoli
Identificativo articolo: 915146 - Visualizza i prodotti a cui si riferisce l?articolo.
Espandi tutto | Chiudi tutto

In questa pagina

Sommario

in questo articolo viene descritto il file system distribuito (DFS) snap-in Gestione in Microsoft Windows Server 2003 R2.

INTRODUZIONE

Gestione DFS consente di gestire spazi dei nomi DFS e replica DFS in Microsoft Management Console (MMC). Quando si utilizza insieme spazio dei nomi DFS e replica DFS, queste due tecnologie offrono l'accesso semplificato e tolleranza d'errore per i file, condivisione del carico e rete (WAN)-replica descrittivo.

Informazioni

Per semplificare la comprendere i concetti dello spazio dei nomi, terminologia dello spazio dei nomi Ŕ stata semplificata in Gestione DFS. Nella tabella seguente vengono descritte le condizioni precedenti e aggiornate.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
Termine precedenteTermine aggiornatoDefinizione
CollegamentoCartellaQualsiasi cartella che viene visualizzato nello spazio dei nomi dopo \\ServerOrDomainName\RootName. Una cartella pu˛ avere le destinazioni cartella facoltativa.
Destinazione collegamentoDestinazione cartellaUn percorso UNC (Universal Naming CONVENTION) di una cartella condivisa o un altro spazio dei nomi associato a una cartella in uno spazio dei nomi.
DIRECTORY principale DFSSpazio dei nomi principaleLa cartella di primo livello nello spazio dei nomi. Ad esempio, \\ServerOrDomainName\RootName Ŕ la radice dello spazio dei nomi.
PrincipaleSpazio dei nomiStruttura di cartelle virtuale che inizia con \\ServerOrDomainName\RootName.
Server principaleSpazio dei nomi serverUn server che ospita uno spazio dei nomi

Nuove funzionalitÓ di spazi dei nomi DFS

File system distribuito Ŕ ora nota come spazi dei nomi DFS. Sebbene il servizio sottostante e di una funzionalitÓ di base siano invariati, alcune nuove impostazioni dello spazio dei nomi vengono esposte nelle Windows Server 2003 R2. Di seguito sono riportate queste impostazioni.

PrioritÓ destinazione

Quando un client accede a uno spazio dei nomi, il client riceve un riferimento che contiene un elenco di destinazioni associate con il principale dello spazio dei nomi o la cartella. Queste destinazioni sono elencate in base a un metodo di ordinamento corrente per lo spazio dei nomi o la cartella. Per ottimizzare particolare come destinazioni vengono ordinate, Ŕ possibile specificare se un server viene visualizzato in primo o l'ultimo in un riferimento. Si consiglia di assegnare prioritÓ di destinazione in molti scenari, ad esempio in scenari di "hot standby". Uno scenario "hot standby" si verifica quando un server viene considerato come server di ultima risorsa. In questo scenario specificare che il server di standby venga sempre visualizzata ultimo in riferimenti. I client non su questo server solo se tutti gli altri server esito negativo o diventato non disponibile a causa di interruzioni della rete.

Failback dei client

Client failover in spazi dei nomi DFS Ŕ il processo dal quale client tentano di accedere a un altro server in un riferimento di un errore della server o viene rimosso dallo spazio dei nomi. A meno che il failback dei client sia configurato, i client di continuano a utilizzare il server a cui eseguire il failover a meno che il client viene riavviato o viene cancellata la cache dei riferimenti del client. Quando Ŕ configurato il failback dei client e i client hanno installato l'aggiornamento rapido il failback di client appropriato, i client non a un server preferenziale, locale quando quest'ultimo viene ripristinato.

Delega migliore

╚ facilmente possibile delegare la possibilitÓ di creare spazi dei nomi basato su dominio e di gestire singoli spazi dei nomi autonomo e basato su dominio. Lo snap-in Gestione DFS imposta le autorizzazioni appropriate per entrambi gli spazi dei nomi DFS configurazione oggetti nel servizio directory Active Directory o nel Registro di sistema del server dello spazio dei nomi. Le autorizzazioni dipendono dal tipo dello spazio dei nomi.

PossibilitÓ di ristrutturare lo spazio dei nomi

Pu˛ essere facilmente rinominare o spostare cartelle nello spazio dei nomi quando si utilizza lo snap-in Gestione DFS. ╚ possibile ristrutturare lo spazio dei nomi per correggere gli errori o per regolare la gerarchia come modifica esigenze aziendali o come nuove cartelle vengono aggiunti lo spazio dei nomi. ╚ inoltre possibile spostare le cartelle dello spazio dei nomi utilizzando la versione aggiornata dello strumento della riga di comando dfscmd.exe.

FunzionalitÓ di console DFS e utilizzo

Nuova terminologia di spazi dei nomi DFS e funzionalitÓ di Windows Server 2003 R2

  • Terminologia di spazio dei nomi aggiornato
  • Nuove funzionalitÓ dello spazio dei nomi
Per ulteriori informazioni sulla nuova terminologia di spazi dei nomi DFS e funzionalitÓ di Windows Server 2003 R2, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/cb56e87b-b067-4ec2-a4ff-cbfb6210e8791033.mspx

Cenni preliminari su spazi dei nomi

  • Introduzione a spazi dei nomi
  • Tipi di spazi dei nomi
  • Cartelle di spazio dei nomi e le destinazioni cartella
  • Spazio dei nomi server
  • Limiti di spazio dei nomi
  • Spazio dei nomi client
  • Requisiti di protezione per creare e gestire spazi dei nomi
  • Considerazioni per l'hosting di spazi dei nomi in server che eseguono una combinazione di Windows Server 2003 e Windows 2000 Server
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/3d9b920e-4521-44bd-9f6b-3787e88b5bb51033.mspx

Guida introduttiva a spazi dei nomi

  • Distribuire uno spazio dei nomi per la pubblicazione del contenuto
  • Aumentare la disponibilitÓ di un spazi dei nomi
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/a168d1e3-a873-4eea-8f34-0ac51510c21f1033.mspx

Creazione e gestione degli spazi dei nomi

  1. Distribuzione di uno spazio dei nomi
    1. Creare uno spazio dei nomi
    2. Creare una cartella in uno spazio dei nomi
    3. Delegare la gestione delle autorizzazioni per uno spazio dei nomi esistente
    4. Delegare la capacitÓ per creare nuovi spazi dei nomi basato sul dominio
  2. Aumentare la disponibilitÓ di uno spazio dei nomi
    1. Aggiungere server dello spazio dei nomi uno spazio dei nomi basato sul dominio
    2. Aggiungere destinazioni cartella
    3. Replicare le destinazioni cartella utilizzando DFS replica
  3. Ottimizzazione di uno spazio dei nomi
    1. Rinominare o spostare una cartella
    2. Attivare o disattivare i riferimenti a una destinazione cartella
    3. Modificare il periodo di tempo che nella cache dei riferimenti dei client
    4. Impostare il metodo ordinamento per le destinazioni in riferimenti
    5. Impostare prioritÓ di destinazione per eseguire l'override ordine riferimento
    6. Abilitare il failback dei client
    7. Ottimizzare il polling dello spazio dei nomi
  4. Gestione di spazi dei nomi presenti in pi¨ sistemi operativi di server
    1. Aggiornare la tabella sito statico sui server di spazio dei nomi che eseguono Windows 2000 Server
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/b4da8b18-6457-496f-83e0-1356283165f71033.mspx

ProprietÓ Namespace

  • ProprietÓ di riferimento
  • ProprietÓ di polling
  • ProprietÓ di destinazione
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/ed496d9c-23df-4ca0-bf72-05d19e5b47951033.mspx

Cenni preliminari sulla replica DFS

  • Introduzione alla replica DFS
  • I gruppi di replica e cartelle replicate
  • Requisiti di protezione per impostare e gestire DFS replica
  • Requisiti di replica DFS
  • Limiti di replica DFS
  • Cosa aspettarsi durante la replica iniziale
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/ed496d9c-23df-4ca0-bf72-05d19e5b47951033.mspx

Introduzione a replica DFS

  • Pubblicare i dati utilizzando la replica DFS
  • Raccogliere i dati di backup utilizzando DFS replica
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/7326bd76-2904-4cd2-95cb-1fc0052095891033.mspx

Configurazione e gestione replica DFS

  1. Distribuzione di replica DFS
    1. Creare un gruppo di replica
    2. Aggiungere una cartella replicata in un gruppo di replica
    3. Aggiungere un membro a un gruppo di replica
    4. Creare una connessione
    5. Creare una topologia
    6. Delegare la capacitÓ per creare gruppi di replica
    7. Delegare la capacitÓ di gestire un gruppo di replica esistente
  2. Raccogliere i dati di backup utilizzando la replica DFS
    1. Modificare la pianificazione di gruppo di replica
    2. Creare o modificare una pianificazione personalizzata connessione
    3. Attivare o disattivare la replica per una connessione specifica
    4. Attivare o disattivare la replica di una cartella replicata in un membro specifico
    5. Attivare o disattivare la compressione differenziale remota (RDC) per una connessione specifica
    6. Attivare o disattivare la verifica della topologia
    7. Ripristinare una topologia disconnessa
    8. Modificare i filtri di replica per una cartella replicata
    9. Modificare la dimensioni quota della cartella di gestione temporanea e cartella dei file eliminati e con conflitti
    10. Condividere una cartella replicata
    11. Pubblicare una cartella replicata in uno spazio dei nomi esistente
    12. Creare un rapporto diagnostico per DFS replica
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/898add0b-fb3a-4e4b-becc-7eed3c7160831033.mspx

ProprietÓ di replica DFS

  • Le pianificazioni di replica e larghezza di banda
  • Topologie di replica
  • Le cartelle di gestione temporanea e le cartelle eliminati e con conflitti
  • Filtri di file e sottocartella
Per ulteriori informazioni, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/469a9269-0b9b-48cc-8679-c3d68a0a25fe1033.mspx

InteroperabilitÓ tra gli strumenti di gestione di DFS con Windows Server 2003 R2

Windows Server 2003 R2 include un nuovo snap-in di MMC DFS: in (Dfsmgmt.msc) che Ŕ dotato di un insieme pi¨ ricco di funzionalitÓ pi¨ lo snap-in DFS (Dfsgui.msc) meno recente. Tuttavia, Gestione DFS richiede almeno un server basato su Windows Server 2003 R2 per la gestione. Inoltre, Gestione DFS non supporta alcune funzionalitÓ dello spazio dei nomi fino a quando tutti i controller di dominio e server di spazio dei nomi eseguono Windows Server 2003 Service Pack 1 (SP1) o una versione pi¨ recente. Pertanto, si consiglia di utilizzare lo snap-in di spazi dei nomi DFS per gestire solo spazi dei nomi che Ŕ aggiornare a Windows Server 2003 SP1. Per gestire la precedente ? delle directory principali DFS,"utilizzare il file system distribuito snap-in cui Ŕ installato un server basato su Windows Server 2003 R2. Per installare lo snap-in Gestione DFS in Windows Server 2003 R2, Ŕ necessario installare o aggiornare il ruolo file server utilizzando la finestra Amministrazione Server. Windows Server 2003 R2 include Gestione DFS snap-in per la gestione di entrambe le implementazioni di DFS.
Riduci questa tabellaEspandi questa tabella
Implementazione di DFSSistema operativoSnap-in di gestione
File system distribuitoPrecedente a Windows Server 2003 R2File system distribuito (Dfsgui.msc)
Spazi dei nomi DFSWindows Server 2003 R2DFS Gestione (Dfsmgmt.msc)
Replica DFS non interagisce con la replica file (FRS). Per ulteriori informazioni sui requisiti di replica DFS, visitare il sito di Web di Microsoft:
http://technet2.microsoft.com/WindowsServer/en/Library/469a9269-0b9b-48cc-8679-c3d68a0a25fe1033.mspx

ProprietÓ

Identificativo articolo: 915146 - Ultima modifica: mercoledý 1 novembre 2006 - Revisione: 1.4
Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows Server 2003 R2 Standard x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003 R2 Enterprise x64 Edition
  • Microsoft Windows Server 2003 R2 Standard Edition (32-bit x86)
  • Microsoft Windows Server 2003 R2 Enterprise Edition (32-Bit x86)
Chiavi:á
kbmt kbhowto kbinfo KB915146 KbMtit
Traduzione automatica articoli
Il presente articolo Ŕ stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell?utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non Ŕ sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, pi¨ o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non Ŕ la sua. Microsoft non Ŕ responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell?utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell?articolo: 915146
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.

Invia suggerimenti

 

Contact us for more help

Contact us for more help
Connect with Answer Desk for expert help.
Get more support from smallbusiness.support.microsoft.com